Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

AnyDVD HD

Written By komlim puldel on Rabu, 24 Desember 2014 | 23.15

scheda aggiornata 4 ore fa

AnyDVD è un driver che elimina la protezione CSS automaticamente dai DVD in background. I DVD appaiono senza protezioni e senza codice regionale a qualsiasi programma come al sistema operativo.


23.15 | 0 komentar | Read More

PeaZip

scheda aggiornata 8 ore fa

PeaZip è un software di compressione open source che supporta numerosi formati di archiviazione (tra cui, ma non solo, 7z, zip, tar in scrittura e Ace, Cab, Iso e Rar in lettura). Dispone di feature aggiuntive come cancellazione sicura di file, calcolo di vari checksum e hash, split / merge dei file, creazione di password e keyfile casuali.


23.15 | 0 komentar | Read More

AIDA64 Extreme Edition

scheda aggiornata 6 ore fa

Utility di benchmarking dell'intero sistema, basata sul core engine del popolare tool Everest del quale rappresenta a tutti gli effetti l'evoluzione. Le note di rilascio di questa versione indicano tra le novità più significative la presenza di un nuovo benchmark multi-threaded OpenCL GPGPU aggiuntivo.

La nuova versione di AIDA64 integra anche il supporto al più recente hardware introdotto sul mercato. Qui di seguito elenchiamo tutte le novità:

New features & improvements

  • RemoteSensor smartphone and tablet LCD integration
  • Logitech Arx Control smartphone and tablet LCD integration
  • System certificates information
  • Support for Gravitech, LCD Smartie Hardware, Leo Bodnar LCD devices
  • Microsoft Windows 10 Technical Preview Build 9888 support
  • Improved support for Intel "Skylake" CPU
  • Preliminary support for Intel "Braswell" SoC
  • Aquaero and Aquaduct sensor devices support
  • Improved support for Crucial SSDs

What's new since AIDA64 v4.00

  • Microsoft Windows 10 Technical Preview and Windows Server 2015 Technical Preview support
  • Microsoft Windows 8.1 Update 1 and Windows Server 2012 R2 Update 1 support
  • OpenCL GPGPU Benchmark Suite
  • AMD Mantle graphics accelerator diagnostics
  • Multi-threaded memory stress test with SSE, SSE2, AVX, AVX2, FMA, BMI and BMI2 acceleration
  • Optimized 64-bit benchmarks for AMD "Kaveri", "Bald Eagle", "Mullins", "Beema" APUs
  • Optimized 64-bit benchmarks for Intel Atom C2000 "Avoton" and "Rangeley" SoC
  • Optimized 64-bit benchmarks for Intel "Bay Trail" desktop, mobile and tablet SoC
  • Full support for the Intel "Haswell Refresh" platform with Intel "Wildcat Point" PCH
  • Support for 47 new LCD and VFD devices
  • Improved support for Intel "Broadwell" CPU
  • Preliminary support for AMD "Carrizo" and "Toronto" APUs
  • Preliminary support for Intel Quark X1000 "Clanton" SoC
  • Preliminary support for Intel "Skylake", "Cherry Trail", "Denverton" CPUs
  • Improved support for Intel "Haswell-E" CPU and DDR4 memory modules
  • Support for DDR4 XMP 2.0 memory profiles
  • Intel H97 and Z97 chipset based motherboards support
  • LGA2011-v3 motherboards support
  • Socket AM1 motherboards support
  • SMTP SSL support
  • Improved handling of XSL files
  • Revamped Direct3D Compute Shader devices enumeration
  • CUDA 6.5, OpenGL 4.5, OpenGL ES 3.1 support
  • Improved support for OpenCL 2.0
  • Support for VirtualBox v4.3 and VMware Workstation v10
  • AData SP610, AData SP910, A-Data SP920, Corsair Force LX, Corsair Neutron, Corsair Neutron GTX, Crucial M550, Intel 730, OCZ Arc 100, OCZ Vector 150, OCZ Vertex 460, Plextor M6M, Plextor M6S, Samsung 845DC Evo, Samsung 850 Pro, Samsung XP941, SanDisk Extreme Pro, SanDisk X300s, Seagate 600 SSD support
  • GPU details for AMD Radeon R5, R7, R9 Series
  • GPU details for nVIDIA GeForce 700, 800, 900 Series

23.15 | 0 komentar | Read More

Un progetto in crowfunding di un case italiano: partecipa anche tu!

C'è un progetto completamente italiano che cerca, attraverso il crowfunding via Indiegogo, un finanziamento dalla community degli appassionati di PC per poter portare sul mercato un nuovo prodotto che punta a proporre qualcosa di differente nel mercato dei case per sistemi desktop.

dimastech_amc_2.jpg (62042 bytes)

L'azienda è Dimastech, marchio ben noto agli appassionati di PC in quanto legato alla progettazione, sviluppo e produzione dei banchetti per sistemi di test. Proprio in virtù dell'esperienza maturata con questi prodotti l'azienda ha deciso di sviluppare una nuova linea, con marchio DimasTech Cooling, che si dedicherà come primo progetto ad un innovativo case indicato con il nome di AMC, Advance Modular Case.

dimastech_amc_1.jpg (62042 bytes)

Il concetto prevede una costruzione completamente modulare, con 64 differenti possibili combinazioni di dimensioni esterne e interne dello chassis e 10 opzioni per il colore, tanto per l'esterno come per l'interno. L'installazione non richiede l'utilizzo di attrezzi e lascia spazio, come tradizione dell'azienda, sia all'utilizzo di sistemi di raffreddamento a liquido particolarmente avanzati sia alla possibilità di intervenire con modding.

Il fine è quindi quello di offrire un prodotto dove la costruzione di qualità, basata sull'utilizzo di alluminio, possa abbinarsi ad una flessibilità di configurazione che non è attualmente raggiunta da altri modelli in commercio ma seguendo nel design le richieste e le esigenze degli utenti più appassionati. Nell'ottica dell'azienda quindi un prodotto di elevata qualità ma che nasce, quale concetto, dalla base degli appassionati di PC e di overclocking cercando di fornire loro una soluzione che sia la più completa possibile.


23.15 | 0 komentar | Read More

The Bat! Home Edition

scheda aggiornata 7 ore fa

Client di posta elettronica completo e dotato di funzioni molto interessanti. Consente la gestione di più account e la possibilità di impostare vari filtri. Il tutto è stato sviluppato con una grafica intuitiva e la maggior parte delle funzioni è disponibile in drag and drop.

Questo mail client è predisposto per integrare alcune funzionalità di scansione virus nelle email (inviate e ricevute), sfruttando le tecnologie di Kaspersky Antivirus.

Novità di questa release:

 New filter action – "Clear all tags"
* Added profiles for re-filtering a folder
* Filter action to add/delete addresses to/from address book can now extract target addresses from message body with template
* It is now possible to quick-search folders in the folder selection dialogue
* Nickname/Handle from Address Book can be used in TO parameter of /MAIL switch in command line
* Nickname/Handle from Address Book is automatically expanded when used in address macros (TO, CC, ...) in templates
* Added folder set tabs in the folder selection dialogue
* Option to wrap text in "Plain text (Windows)" editor
# Improvements
* "Paste as plain text" option added to popup in the Edit Mail Message Form
* System folders (Inbox, Outbox, Trash, etc.) can have their own settings for templates, deletion etc.
* Now if files are dropped onto an Address History item, the editor uses the corresponding e-mail address as the destination
* Some visual fixes in "View Mode Setup"
* Empty lines are now correctly displayed in POP.log and SMTP.log
* Double clicking on a list column separator expands column to fit its contents
* When an account is created by selecting folder in MAIL folder, the account name and home directory are automatically filled
* Image content is used to determine real image type (for example, name has PNG extension but there is GIF image inside)
# Fixes
* View Mode option "Expand All Threads" cannot be ignored during changing threading or switching between View Modes anymore
* Temporary files are now deleted after auto-save in the message editor
* Deletion of common folders could sometimes give an Access Violation error
* Large folders are not opened slowly on Windows XP anymore
* Message create/receive time is correctly displayed without degrading folder loading performance
* Fixed a bug when only the first message was used for checking against filter condition when a filter was applied to several selected messages using Hotkey
* Text settings like Date/Time separator are now retrieved correctly from the system's registry if the text is one character long
* Message list cannot lose changes made by incoming filters anymore (setting color group in IMAP folder for incoming messages wasn't visible before refreshing folder)
* Fixed stack overflow when trying to parse malicious or malformed HTML with too many nesting tags
* Fixed problem with wrong timezone offset in new message header if "(GMT) Greenwich Mean Time: Dublin, Edinburgh, Lisbon, London" timezone is used in daylight saving time
* "Resend" message action now uses "Delivery type" option in "Account Properties" to send message immediately or put it in Outbox
* Fixed "-ERR Invalid command" response from POP3 server when opening message in Dispatcher
* Fixed an AV when trying to save attachment by drag-and-dropping it from message stored on HDD (anti-virus check enabled)
* Application does not freeze when doing mass mailing of big messages anymore
* Solved the problem that appeared when copying/moving several messages between folders of the same Gmail account
* File selection dialog does not hide current window – message editor or address book – anymore
* Fixed memory corruption if Message Finder was closed when searching was in progress
* Solved the problem when System Hotkey "Open MailTicker messages" did not bring opened message to front on Windows XP
* Fixed possible deadlock when updating counters for IMAP folder
* Fixed the problem with certain graphics that could not be accessed in tabs
* Solved possible access violations related to logging subsystem
* Fixed reported errors on some received S/MIME messages that were encrypted by weak keys


23.15 | 0 komentar | Read More

Il migliore selfie del 2014? Il nostro voto va a questo

Il migliore selfie del 2014? Il nostro voto va a questo

"6 ore di lavoro (a partire dalle tre del mattino) per mettere insieme questo selfie: se stesso seduto su tutti e 100 i sedili di un aereo"

Il 2014 potrebbe essere etichettato da qualcuno come l'anno ufficiale del selfie: ci sono stati quelli da Oscar e quelli letali e, in mezzo, tutta una serie completa, compresi quelli teoricamente privati (e nudi...), ma divenuti pubblici dopo il massiccio attacco ai server che ospitano iCloud. Il migliore selfie dell'anno? Per idea, tempo dedicato, ma non certamente per riuscita estetica (il soggetto non è certamente un campione di bellezza) noi diamo il nostro voto a questo.

Timothy LaBranche è un impiegato per la compagnia aerea JetBluee ha meditato lungamente sulla sua idea prima di trovare l'occasione per metterla in pratica. Un giorno dello scorso ottobre si è presentato al lavoro un'ora prima del previsto (alle 3 del mattino) e ha colto l'occasione di un Embraer E-190 fermo per la notte per mettere in atto il suo piano. Con una Canon 6D, un'ottica 17-40mm f/4 L e l'app EOS remote sul suo cellulare collegata in Wi-Fi alla fotocamera - usata come telecomando per i diversi scatti - ha cominciato a sedersi in ogni posto disponibile scattando un selfie.

Ci sono poi volute altre 5 ore di lavoro di post produzione, lavorando di fino anche al 500% di ingrandimento, per mettere insieme lo scatto finale. Soddisfatto del risultato finale? Sì, ma non troppo: "Avrei desiderato avere a disposizione diversi vestiti, ma il tempo non era dalla mia parte" - ha dichiarato Timothy


Commenti (10)


23.15 | 0 komentar | Read More

Driver NVIDIA GeForce 347.09 WHQL

Driver per schede video GeForce versione 347.09 WHQL. Si tratta di una release ottimizzata per il funzionamento dei giochi Metal Gear Solid V: Ground Zeroes e Elite: Dangerous. Di seguito le principali note fornite da NVIDIA con i driver:

New in GeForce Game Ready Drivers
The latest GeForce Game Ready driver, release 347.09 WHQL, ensures you'll have the best possible gaming experience for Metal Gear Solid V: Ground Zeroes and Elite: Dangerous

Game Ready
Best gaming experience for Metal Gear Solid V: Ground Zeroes and Elite: Dangerous

Di seguito la lista delle schede video compatibili con questi driver:

GeForce 900 Series:

GeForce GTX 980, GeForce GTX 970

GeForce 700 Series:

GeForce GTX TITAN Z, GeForce GTX TITAN Black, GeForce GTX TITAN, GeForce GTX 780 Ti, GeForce GTX 780, GeForce GTX 770, GeForce GTX 760, GeForce GTX 760 Ti (OEM), GeForce GTX 750 Ti, GeForce GTX 750, GeForce GTX 745, GeForce GT 740, GeForce GT 730, GeForce GT 720

GeForce 600 Series:

GeForce GTX 690, GeForce GTX 680, GeForce GTX 670, GeForce GTX 660 Ti, GeForce GTX 660, GeForce GTX 650 Ti BOOST, GeForce GTX 650 Ti, GeForce GTX 650, GeForce GTX 645, GeForce GT 645, GeForce GT 640, GeForce GT 630, GeForce GT 620, GeForce GT 610, GeForce 605

GeForce 500 Series:

GeForce GTX 590, GeForce GTX 580, GeForce GTX 570, GeForce GTX 560 Ti, GeForce GTX 560 SE, GeForce GTX 560, GeForce GTX 555, GeForce GTX 550 Ti, GeForce GT 545, GeForce GT 530, GeForce GT 520, GeForce 510

GeForce 400 Series:

GeForce GTX 480, GeForce GTX 470, GeForce GTX 465, GeForce GTX 460 SE v2, GeForce GTX 460 SE, GeForce GTX 460, GeForce GTS 450, GeForce GT 440, GeForce GT 430, GeForce GT 420


23.15 | 0 komentar | Read More

Robin Williams, iPhone 6 e i Mondiali di Calcio fra i più ricercati su Google nel 2014

Written By komlim puldel on Rabu, 17 Desember 2014 | 23.15

È tempo di fare un resoconto conclusivo del 2014 per le aziende, e non sfuggono a questa regola i grandi colossi del settore tecnologico. Sono già stati pubblicati i video con i trending topic e i contenuti virali che hanno contrassegnato gli scorsi dodici mesi, e Google completa la rassegna con una nuova pagina in cui racchiude le informazioni sulle ricerche top del 2014.


23.15 | 0 komentar | Read More

GeForce Experience

scheda aggiornata 3 ore fa

GeForce Experience è un tool specificamente sviluppato per i sistemi dotati di GPU NVIDIA GeForce, grazie al quale è possibile impostare in modo automatico la migliore impostazione qualitativa per il proprio sistema con una ricca serie di titoli 3D.

Questo software permette quindi di andare oltre quelle che sono le impostazioni predefinite dal gioco nel momento in cui si lascia che sia quest'ultimo a selezionare in automatico le migliori opzioni. La risultante è una esperienza qualitativamente migliore, con frames al secondo più elevati e una migliore qualità video.

Di seguito le note fornite con la versione più recente:

  • New option to join the GeForce Experience beta program
    • We'll be frequently releasing beta builds of GeForce Experience ahead of public release
    • To join the program, enable the option under Preferences –> General –> Beta
  • Bug fixes and performance improvements

23.15 | 0 komentar | Read More

World of Warcraft si avvicina a League of Legends come titolo PC più giocato su Raptr

Il rilascio della quinta espansione, Warlords of Draenor, nel mese di novembre ha aiutato World of Warcraft a riconquistare posizioni nella classifica di Raptr, fino a posizionarsi proprio a ridosso di League of Legends, il MOBA free-to-play di Riot Games che diventa sempre più fenomeno globale.

Raptr

La classifica è basata sulle abitudini videoludiche dei circa 23 milioni di utenti di Raptr, residenti in più di 100 nazioni. Anche se non riesce ancora a insidiare League of Legends, World of Warcraft sale dall'8,53% di tempo speso dagli utenti di Raptr del mese di ottobre al 15,61% di novembre.

Naturalmente, è molto probabile che si tratti di un fenomeno effimero, visto che l'effetto di Draenor è destinato a eclissarsi nel giro di poco tempo. Ma è comunque notevole la vitalità del MMORPG Blizzard, che ricordiamo essere uscito più di 10 anni fa. Subito dopo il lancio di Draenor, infatti, il numero di abbonati a WoW è tornato sui 10 milioni.

A parte WoW, abbiamo solo due novità rispetto alla classifica di ottobre: Dragon Age Inquisition, che si piazza al decimo posto; e Call of Duty Advanced Warfare, in diciassettesima posizione. Da segnalare anche il terzo posto di DOTA 2, con il MOBA di Valve che ancora ha da recuperare rispetto al rivale League of Legends, con una percentuale di tempo dedicato dagli utenti di Raptr pari a 5,25%, inferiore di circa 4 volte rispetto a quella di LoL.

Raptr è un software atto all'ottimizzazione dei giochi e delle componenti del PC e alla registrazione di filmati di gioco, all'interno di un contesto social. Trovate altri dettagli al link precedente, mentre per la recensione di Warlords of Draenor cliccate qui.


23.15 | 0 komentar | Read More

Region lock per i giochi di Steam dopo crollo rublo

Il dramma che si sta vivendo in Russia in queste ore viene sottolineato anche da decisioni come quella che riportiamo in questa news. Valve, infatti, ha deciso di ricorrere al region lock, ovvero non sarà possibile accedere in altre nazioni ai giochi comprati in Russia.

Naturalmente Valve vuole accertarsi che gli utenti di Steam non sfruttino l'occasione per accedere a certi giochi a prezzi troppo a buon mercato, visto che il rublo ha toccato in queste ore il suo minimo storico. E l'iniziativa riguarda altre nazioni oltre la Russia, come Brasile e Indonesia.

La notizia si apprende da Neogaf, dove alcuni utenti segnalano che appunto i giochi comprati in Russia risultano adesso "region locked". Se così non fosse sarebbe possibile acquistare per pochi euro giochi che normalmente hanno prezzi di diverse decine di euro. Ricordiamo, infatti, che il rublo figura tra le valute supportate ufficialmente da Steam.

Nella giornata di ieri, Apple ha annunciato di aver sospeso le vendite online in Russia dopo il crollo del rublo che continua a perdere colpi nei confronti di euro e dollaro.


23.15 | 0 komentar | Read More

Valore del rublo troppo basso: Apple chiude il suo store online

Apple ha deciso di sospendere le vendite online dei propri prodotti sul mercato russo per via delle estreme fluttuazioni del rublo. Nel corso degli ultimi dodici mesi il valore del rublo è calato più del 50% contro il dollaro, destabilizzando l'economia della Russia.

La decisione di sospendere le vendite è stata presa dopo che per qualche giorno la Mela ha praticato un rialzo sui propri listini, per cercare di restare di pari passo con il calo del valore della moneta. Un tentativo insufficiente: il prezzo di un iPhone 6 16GB è passato in pochi giorni da un controvalore di 847 dollari a 585 dollari.

La mossa di Apple (una compagnia estera che decide di non accettare una moneta che ha visto il suo valore diminure rapidamente con il passare delle settimane), potrebbe essere significativa di una situazione destinata a volgere al peggio laddove i cittadini russi hanno già difficoltà ad acquistare beni di importazione.

Ci sono tre cause che hanno contribuito al collasso dell'economia russa, con la conseguenza di trascinare verso il basso il valore del rublo. Il calo del prezzo del petrolio è stato il primo macigno, dal momento che il settore energetico è il primo grande veicolo di capitali esteri nel Paese. Le sanzioni applicate dall'Occidente in risposta all'invasione della Crimea e alla contesa sulla parte orientale dell'Ucraina hanno anch'esse avuto ricadute significative. Infine molti cittadini russi, specialmente quelli con consistenti possibilità di spesa, hanno perso fiducia nel futuro del paese: alcune stime indicano che nell'intero 2014 siano stati portati verso l'estero circa 100 miliardi di dollari di capitali.

Nelle ultime settimane il presidente russo Vladimir Putin ha adottato misure drastiche per cercare di dare una sterzata al corso dell'economia, immettendo nelle banche moneta tratta da fondi sovrani allo scopo di aiutarle ad evitare il default sui prestiti che, con il collasso del rublo, sarebbero divenuti eccessivamente onerosi da ripagare. La scorsa notte la Russia ha inoltre deciso una drastica crescita del tasso di interesse, in un ultimo tentativo che sembra aver fatto poco per risollevare la moneta.

La decisione di Apple, un brand internazionale di altissimo profilo, spargerà ulteriore benzina sul fuoco. Senza contare che altre importanti realtà multinazionali del settore automobilistico - Jaguar, Bentley e Volkswagen - hanno anch'esse da poco deciso di congelare le consegne di automobili verso il Paese.

Il mercato Russo è stato una delle prospettive più interessanti per la Mela, configurandosi come un mercato emergente con una fascia di cittadini particolarmente abbienti. Ora come ora, però, il rublo è diventato troppo volatile da potervi riporre fiducia.


23.15 | 0 komentar | Read More

RemoveIT Pro

scheda aggiornata 1 ora fa

RemoveIT Pro individua e rimuove file pericolosi, spyware, malware, virus, worm, trojan e adware che altri popolari software antivirus non riescono ad eliminare.


23.15 | 0 komentar | Read More

Driver NVIDIA GeForce 347.09 beta

Driver per schede video GeForce versione 347.09 beta. Si tratta di una release ottimizzata per il funzionamento dei giochi Metal Gear Solid V: Ground Zeroes e Elite: Dangerous. Di seguito le principali note fornite da NVIDIA con i driver:

New in GeForce Game Ready Drivers
The latest GeForce Game Ready driver, release 347.09 Beta, ensures you'll have the best possible gaming experience for Metal Gear Solid V: Ground Zeroes and Elite: Dangerous

Game Ready
Best gaming experience for Metal Gear Solid V: Ground Zeroes and Elite: Dangerous

Di seguito la lista delle schede video compatibili con questi driver:

GeForce 900 Series:

GeForce GTX 980, GeForce GTX 970

GeForce 700 Series:

GeForce GTX TITAN Z, GeForce GTX TITAN Black, GeForce GTX TITAN, GeForce GTX 780 Ti, GeForce GTX 780, GeForce GTX 770, GeForce GTX 760, GeForce GTX 760 Ti (OEM), GeForce GTX 750 Ti, GeForce GTX 750, GeForce GTX 745, GeForce GT 740, GeForce GT 730, GeForce GT 720

GeForce 600 Series:

GeForce GTX 690, GeForce GTX 680, GeForce GTX 670, GeForce GTX 660 Ti, GeForce GTX 660, GeForce GTX 650 Ti BOOST, GeForce GTX 650 Ti, GeForce GTX 650, GeForce GTX 645, GeForce GT 645, GeForce GT 640, GeForce GT 630, GeForce GT 620, GeForce GT 610, GeForce 605

GeForce 500 Series:

GeForce GTX 590, GeForce GTX 580, GeForce GTX 570, GeForce GTX 560 Ti, GeForce GTX 560 SE, GeForce GTX 560, GeForce GTX 555, GeForce GTX 550 Ti, GeForce GT 545, GeForce GT 530, GeForce GT 520, GeForce 510

GeForce 400 Series:

GeForce GTX 480, GeForce GTX 470, GeForce GTX 465, GeForce GTX 460 SE v2, GeForce GTX 460 SE, GeForce GTX 460, GeForce GTS 450, GeForce GT 440, GeForce GT 430, GeForce GT 420


23.15 | 0 komentar | Read More

Apple e IBM annunciano le prime app di IBM MobileFirst for iOS

Written By komlim puldel on Rabu, 10 Desember 2014 | 23.15

Dopo quasi cinque mesi dall'annuncio della partnership strategica tra Apple ed IBM, che ha dato i natali alle soluzioni IBM MobileFirst for iOS, le due aziende presentano oggi i primi frutti concreti dell'accordo con le prime app dedicate all'utenza business ed enterprise nei settori bancario, retail, delle assicurazioni, dei servizi finanziari, delle telecomunicazioni, delle amministrazioni pubbliche e delle compagnie aerre. Tra i clienti IBM ad annunciare il supporto alle soluzioni IBM MobileFirst for iOS vi sono Citi, Air Canada, Sprint e Banorte.

Bridget van Kralingen, Senior Vice President, IBM Global Business Services, commenta: "Quello che stiamo offrendo risponde direttamente alla nuova necessità del business: tecnologie intelligenti in grado di creare nuovo valore proprio nel punto d'incontro fra big data e coinvolgimento individuale. La nostra collaborazione unisce l'esperienza nel settore e la posizione di primo piano di IBM nell'enterprise computing alla leggendaria esperienza utente ed eccellenza nel design dei prodotti di Apple, per dare una marcia in più alle performance di una nuova generazione di professionisti aziendali."

Le app IBM MobileFirst for iOS sono sviluppate esclusivamente per iPhone e iPad, vengono distribuite in ambiente sicuro e integrano capacità di analitica per essere connesse strettamente ai processi aziendali chiave. Le app possono comunque essere personalizzate per qualsiasi organizzazione ed è possibile appoggiarsi ai servizi cloud di IBM dedicati ai dispositivi iOS per distribuirle, gestirle ed aggiornarle.

Queste le prime applicazioni:

-Plan Flight (viaggi e trasporti) affronta la spesa principale di tutte le compagnie aeree, il carburante, consentendo ai piloti di consultare in anticipo i programmi e i piani di volo e le liste dell'equipaggio, di riferire al personale di terra eventuali problemi in volo e di prendere decisioni più informate in merito al carburante facoltativo.
-Passenger+ (viaggi e trasporti) consente all'equipaggio di volo di offrire ai passeggeri un livello senza precedenti di servizi personalizzati direttamente in volo, come per esempio offerte speciali, cambi di prenotazione e informazioni sui bagagli.
-Advise & Grow (banking e finanza) consente alle banche di stringere rapporti più stretti con le piccole imprese loro clienti, con l'autorizzazione sicura per l'accesso ai profili cliente e ad analisi competitive, l'elaborazione di informazioni derivate dagli analytics di supporto alla formulazione di suggerimenti personalizzati, e transazioni sicure e protette.
-Trusted Advice (banking e finanza) permette ai consulenti di accedere e gestire il portafoglio clienti, avere una maggiore comprensione tramite efficaci analytics di tipo previsionale - il tutto stando a casa del cliente o in un bar piuttosto che nel proprio ufficio - mantenendo la totale capacità di verificare con sofisticati strumenti di modeling la validità dei consigli dati al cliente fino alla conclusione di transazioni sicure.
-Retention (assicurazioni) consente agli agenti di accedere ai profili e allo storico dei clienti, incluso il punteggio di ritenzione del rischio basato sugli analytics, di ricevere anche avvisi smart, promemoria e raccomandazioni sui migliori passi successivi da intraprendere, e la possibilità di condurre in modo più agevole le transazioni chiave, come la raccolta di firme elettroniche e la riscossione dei premi.
-Case Advice (Amministrazione Pubblica) affronta la problematica del carico di lavoro e del supporto per gli assistenti sociali che devono prendere decisioni critiche, valutando una singola famiglia o situazione alla volta, quando operano fuori sede. La soluzione definisce le priorità dei casi sulla base di dati e informazioni basati su analytics in tempo reale, e valuta i rischi basandosi sull'analisi previsionale.
-Incident Aware (Amministrazione Pubblica) trasforma l'iPhone in uno strumento essenziale per la prevenzione della criminalità, offrendo ai funzionari incaricati dell'applicazione della legge l'accesso in tempo reale a mappe e feed video dei luoghi dove si sono verificati gli eventi, e informazioni sullo stato delle vittime, sul rischio di aggravamento e sullo storico del crimine; offre inoltre una migliorata capacità di chiamare rinforzi e servizi di supporto.
-Sales Assist (retail) consente ai venditori di accedere ai profili cliente, proporre suggerimenti basati sui precedenti acquisti e sulle scelte attuali, verificare l'inventario, individuare la posizione degli articoli in negozio e spedire fuori gli articoli.
-Pick & Pack (retail) unisce tecnologia basata sulla proximity e sistemi di inventario back-end per un'evasione degli ordini innovativa.
-Expert Tech (telecomunicazioni) sfrutta le funzioni native di iOS come FaceTime per offrire un facile accesso alle competenze e ai servizi di localizzazione per l'ottimizzazione dei tragitti, al fine di offrire un servizio on-site superiore, una risoluzione dei problemi più efficace, una produttività maggiore e una migliore soddisfazione dei clienti.

La collaborazione fra Apple e IBM offre inoltre ai clienti business ulteriori livelli di funzionalità integrate nell'ambito dell'enterprise mobility, come ad esempio una piattaforma mobile e di integrazione enterprise che sfrutta le competenze nei servizi di consulenza di IBM, la progettazione dell'esperienza client e l'integrazione di sistemi enterprise, dagli analytics, flussi di lavoro e archiviazione cloud, alla gestione, sicurezza e integrazione su larga scala dei dispositivi includendo un catalogo privato di app, servizi per la sicurezza dei dati e delle transazioni, e una suite per la produttività per tutte le soluzioni IBM MobileFirst for iOS In aggiunta alle soluzioni software interna, tutti questi servizi saranno disponibili su Bluemix, la piattaforma di sviluppo IBM su IBM Cloud Marketplace.

Sono inoltri disponibili servizi di fornitura, attivazione e gestione per semplificare le operazioni end-to-end di approvvigionamento, distribuzione e ciclo di vita, in base alle dimensioni dell'organizzazione, accanto a soluzioni cloud per la sicurezza enterprise, la gestione dei dispositivi e l'integrazione di dati e processi. Le opzioni e i servizi di leasing di IBM Global Financing consentono inoltre alle aziende di mantenere il passo con i dispositivi più recenti. Infine il servizio AppleCare for Enterprise mette a disposizione dei reparti IT e degli utenti finali un'assistenza 24/7 sui propri dispositivi, gestita dal gruppo di supporto clienti Apple, con un servizio on-site fornito da IBM.

Philip Schiller, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple, ha commentato: "È un grande passo per iPhone e iPad nel settore enterprise, e non vediamo l'ora di vedere in quali modi innovativi le aziende sapranno sfruttare i dispositivi iOS sul lavoro. Il mondo aziendale è diventato mobile: Apple e IBM uniscono la migliore tecnologia al mondo e le soluzioni più intelligenti in ambito big data e analytics per aiutare le aziende a ridefinire il modo in cui lavorano".

Maggiori informazioni sulle soluzioni e i servizi nati dalla collaborazione tra Apple e IBM sono disponibili alle pagine www.ibm.com/mobilefirst/us/en/mobilefirst-for-ios.html e www.apple.com/business/mobile-enterprise-apps/.


23.15 | 0 komentar | Read More

Da PrimeSense ad Apple il brevetto per il tracciamento del movimento

Lo scorso autunno Apple ha acquisito PrimeSense (ne abbiamo dato notizia qui), la compagnia che ha originariamente concesso in licenza a Microsoft la tecnologia utilizzata per lo sviluppo di Kinect. Da allora non si è saputo molto di più, se non che proprio in queste ultime ore uno dei brevetti di PrimeSense è stato trasferito ad Apple.

Nello specifico si tratta del brevetto che riguarda le tecnologie di proiezione ottica che rendono possibile il tracciamento del movimento. Il brevetto copre la tecnologia che supporta il sistema "lens array projector" di PrimeSense che permette di suddividere la fonte originale della luce infrarossa in un campo omogeneo di punti di luce. Le variazioni del campo di luce dovute all'eventuale perturbazione ad opera di un corpo solido consentono di tracciare accuratamente il movimento nello spazio del corpo.

E' ormai fatto noto che Apple registri e acquisisca di quando in quando brevetti che apparentemente non trovano concretizzazione nei prodotti commerciali della compagnia, ma in questo frangente è facile ipotizzare e immaginare come questa tecnologia specifica possa un domani essere incorporata su varie piattaforme. In primis un sistema di interfaccia basata su gesture e sul tracciamento del movimento potrebbe trovare posto in una nuova versione di Apple TV, con la possibilità di una qualche incarnazione anche negli altri dispositivi della Mela, tra portatili, smartphone e tablet.

Sebbene Microsoft abbia incontrato qualche problema nel rendere accattivante Kinect tra i consumatori (ricordiamo infatti che l'azienda di Redmond ha inizialmente commercializzato la console Xbox One con Kinect in bundle, per poi proporre una versione senza il sensore di movimento), la tecnologia che equipaggia il dispositivo è piuttosto apprezzata da quegli sviluppatori che cercano di spingersi oltre i limiti dell'interazione.

Su questi presupposti è pertanto facile immaginare come Apple, in virtù della sua particolare attenzione nella concezione, progettazione e sviluppo di interfacce grafiche, voglia sperimentare le potenzialità della tecnologia, divenuta ora di sua proprietà. Nel corso dei mesi passati, inoltre, Apple era alla ricerca di figure professionali che suggerivano l'intenzione della Mela di includere una videocamera o comunque un sistema di tracciamento ottico nelle future versioni di Apple TV.


23.15 | 0 komentar | Read More

Media Player Classic Home Cinema

scheda aggiornata 4 ore fa

Media Player Classic Home Cinema è un software open source che permette di riprodurre con il proprio sistema i più svariati formati video, beneficiando della DirectX Video Acceleration (DXVA) così da utilizzare la GPU presente nel proprio sistema accanto alla CPU per tutte le operazioni legate alla decodifica dei flussi video.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuovi strumenti per la verifica del copyright in YouTube

YouTube introduce novità che potrebbero fare maggior chiarezza in merito all'utilizzo di contenuti audio coperti da copyright all'interno dei video pubblicati dagli utenti. È infatti disponibile da poche ore una nuova funzionalità all'interno di Audio Library: questo strumento intende fornire precise informazioni in merito alla possibilità o meno di utilizzare un contenuto audio all'interno di un video.

Audio Library mostra un elenco di contenuti musicali definiti Free Music affiancati da un secondo gruppo chiamato Ad-supported Music e in quest'ultimo gruppo di brani vengono date ulteriori indicazioni. Alcuni brani ad esempio non potranno essere utilizzati in video per i quali l'utente ha previsto strumenti pubblicitari utili a monetizzare, mentre in altre situazioni utilizzando un determinato contenuto si accettano anche le condizioni scelte dal produttore come ad esempio la possibilità di inserire un messaggio pubblicitario in pre-roll.

Con questa novità si dovrebbero quindi evitare quelle situazioni piuttosto diffuse nelle quali l'inserimento di un contenuto audio protetto presente in Audio Library all'interno di un proprio video comporta l'eliminazione del video stesso. Certo, questa condizione potrà ancora accadere ad esempio nel momento in cui il creatore di un brano presente in Audio Library decida di cambiare in modo arbitrario le impostazioni relative alla condivisione, ma si tratta di sicuro di un ristretto numero di casi.


23.15 | 0 komentar | Read More

LG G Watch R2: lo smartwatch 'più bello' in arrivo anche in versione 4G

Stando ai nuovi report non ufficiali provenienti dalla Corea del Sud, LG si starebbe preparando al lancio di una variante 4G del suo smartwatch circolare. LG G Watch R2 potrebbe essere svelato già durante il prossimo Mobile World Congress di Barcellona, evento a cui naturalmente parteciperemo come ogni anno.

LG G Watch R
LG G Watch R

L'attuale G Watch R è famoso soprattutto per la sua forma perfettamente circolare, caratteristica esclusiva sul fronte dei wearable. Aveva tentato di riuscire nell'impresa Motorola prima dei coreani, con la forma circolare del display inframezzata da un'appendice plastica. In più, il modello di LG vanta un'autonomia operativa sensibilmente superiore nei confronti dello smartwatch americano.

L'introduzione di un modulo 4G non si traduce tuttavia con il supporto alle chiamate vocali, ma solo a quello relativo al trasferimento dati tramite reti mobile. L'unico smartwatch sul mercato a vantare tale supporto è Samsung Gear S, che consente il pairing con un dispositivo esterno e al tempo stesso dispone della compatibilità agli standard di rete tradizionali tramite scheda SIM per effettuare chiamate, inviare messaggi o navigare su internet.

In base a quanto noto sino ad oggi, tuttavia, G Watch R2 potrebbe essere il primo smartwatch compatibile con le reti 4G LTE. Del dispositivo non sono noti ulteriori dettagli, mentre potrebbe rimanere invariato il bel design esteriore, forse un po' troppo basato su gusti puramente maschili. Maggiori informazioni arriveranno certamente durante l'evento in Barcellona, anche se la commercializzazione potrebbe essere prevista solamente nei mesi successivi.

Abbiamo attualmente a disposizione LG G Watch R per le consuete analisi sul prodotto. Nei prossimi giorni pubblicheremo una piccola recensione con le nostre impressioni d'uso e un giudizio sul primo smartwatch circolare.


23.15 | 0 komentar | Read More

FurMark

scheda aggiornata 1 ora fa

FurMark è un benchmark in OpenGL focalizzato sul rendering delle pellicce, che permette sia di valutare le prestazioni velocistiche della propria GPU che metterla sotto stress.

Queste le modifiche inserite in questa ultima versione:

  • added 4k resolutions: 3840x2160, 7680x2160 and 11520x2160.
  • fixed the display of benchmark percent in the progress bar.
  • updated Radeon HD 7850 / R7 265 GPU database entry.

23.15 | 0 komentar | Read More

Internet of Things: Intel presenta la nuova piattaforma IoT

Intel non ha bisogno di presentazioni, essendo un'azienda in primissima linea nel campo della tecnologia. Nella storia dell'azienda vi sono innumerevoli successi e ben poche macchie (anche se importanti, come quella di aver perso il primo treno nel settore mobile nel senso di smartphone e tablet) ma "the show must go on" e, guardando a un futuro che appoggia già i piedi nel presente, è fuori di dubbio che la prossima, grande rivoluzione nelle nostre vite prende il nome di Internet of Things, internet delle cose, intendendo con questo tutto quell'universo di oggetti di uso più o meno comune che saranno dotati di connettività, ampliandone enormemente il potenziale.

Seguendo una formula consolidata che ha saputo regalare molti successi, Intel presenta una nuova piattaforma chiamata IoT (evidente acronimo di Internet of Things), progettata per unificare e semplificare la connettività e la sicurezza per tutto il potenziale universo Internet of Things. Parlando di piattaforma intendiamo in questo caso non solo prodotti hardware ma anche software, al fine di mettere basi solide ad un ecosistema già pronto e funzionante quando il mercato prenderà vigore.

Intel

Oggi esistono già molti prototipi e sistemi funzionanti che si basano sul concetto di Internet of Things, ma la piattaforma IoT nasce per semplificare notevolmente ai fornitori di soluzioni il passaggio da semplice prototipo a prodotto commerciale vero e proprio, con elementi di base personalizzabili e replicabili. Intel cita l'esempio di Rudin Management, società immobiliare di New York, che ha prodotto una soluzione software chiamata DiBoss, in grado di gestire in maniera intelligente il consumo energetico dei propri edifici, e arrivando a risparmiare, in un solo edificio in un anno, più di 1 milione di dollari (sì, l'edificio deve essere davvero grande).

Con IoT, Intel mira a introdurre le innovazioni sul mercato più velocemente (di fatto creando uno standard chiaro), riducendo la complessità delle soluzioni e consentendo di estrarre più rapidamente informazioni strategiche per prendere decisioni, tramite l'offerta di una base definita e riproducibile che regola il modo in cui i dispositivi si connettono e inviano dati sicuri nel cloud. "Grazie a questa piattaforma abbiamo continuato a espandere la nostra famiglia di prodotti IoT oltre il silicio, con miglioramenti alle nostre soluzioni pre-integrate che rendono Internet delle Cose più accessibile ai fornitori di soluzioni", ha affermato Doug Davis, Vice President e General Manager dell'Internet of Things Group di Intel. "Il mercato IoT è in rapida crescita, ma deve affrontare ostacoli relativi alla scalabilità. Semplificando il processo di sviluppo e facilitando l'implementazione di nuove soluzioni che rispondono alle esigenze del mercato, possiamo favorire l'accelerazione dell'innovazione".

Quando parliamo di basi solide con cui partire, possiamo citare alcuni esempi di collaborazioni fra Intel e Accenture, Booz Allen Hamilton, Capgemini, Dell, HCL, NTT DATA, SAP, Tata Consultancy, Wipro e molte altre altre società, di fatto un consorzio che intende sviluppare e implementare soluzioni utilizzando gli elementi di base della piattaforma Intel IoT.

In questa ottica, Intel offre una roadmap di prodotti hardware e software integrati a supporto della piattaforma Intel IoT. Dai dispositivi periferici fino al cloud, la roadmap comprende software di gestione delle API e per la creazione di servizi, connettività e analisi edge-to-cloud, gateway intelligenti e una linea completa di processori IA scalabili. La sicurezza svolge un ruolo fondamentale nella roadmap, con prodotti dedicati e funzionalità integrate nelle soluzioni hardware e software.

Wind River Edge Management System fornisce connettività cloud per semplificare la configurazione dei dispositivi, i trasferimenti dei file, la cattura dei dati, l'analisi dei dati basata su regole e la risposta alle informazioni ottenute. Questo insieme di tecnologie pre-integrate consente ai clienti di realizzare rapidamente soluzioni IoT per specifici settori e integrare sistemi aziendali IT, utilizzando la gestione delle API.

I gateway Intel IoT sono attualmente disponibili presso sette ODM (Original Devices Manufacturer, di fatto i produttori di hardware), e ulteriori 13 rilasceranno sistemi a inizio 2015. McAfee, parte di Intel Security, ha annunciato Enhanced Security for Intel IoT Gateway a supporto della piattaforma Intel IoT.

Intel Security ha inoltre reso noto che la propria tecnologia Enhanced Privacy Identity (EPID) verrà estesa ad altri fornitori di silicio. EPID offre caratteristiche di utilizo anonimo, oltre a integrità rafforzata tramite software, ed è inclusa negli standard ISO e TCG.

Insomma, Intel sembra aver fatto tesoro della scoppola smartphone e tablet e sembra ben indirizzata per mettere le basi ad una Internet of Things by Intel convincente, almeno sulla carta. Sarà poi  il mercato a decidere, come spesso accade.


23.15 | 0 komentar | Read More

Ecco il design della seconda versione dei Google Glass

Written By komlim puldel on Rabu, 03 Desember 2014 | 23.15

In accordo con alcuni report diffusi in questi giorni pare che l'interesse nei confronti dei Google Glass stia pian piano diminuendo. Secondo quanto riportato molti dei primi utilizzatori, i cosìdetti Explorers, avrebbero cercato, a lungo andare, di guadagnare qualche soldo vendendo i propri Glass a terzi, mentre soltanto una piccola parte starebbero effettivamente utilizzando i propri occhiali per sviluppare software con essi compatibili.

Nonostante ciò pare che Google abbia comunque intenzione di rilasciare una nuova versione dei propri Glass che sembra essere molto più vicina all'annuncio ufficiale di quanto ci si possa aspettare. Abbiamo già sentito parlare di quelle che potrebbero essere le nuove caratteristiche tecniche e, in particolare, del fatto che all'interno dei nuovi smartglasses potrebbe esserci un processore realizzato da Intel.

Nel corso di queste ultime ore abbiamo però avuto alcune interessanti indicazioni anche riguardo a quello che potrebbe essere l'aspetto esteriore dei Google Glass 2. Sono infatti comparse online alcune immagini relative ai brevetti depositati dal colosso di Mountain View, che mostrano un dispositivo sensibilmente differente rispetto al primo prototipo.

Dai disegni diffusi online il design dei nuovi Glass appare molto più semplice e pulito rispetto ai precedenti, con tutta la struttura che regge il prisma e contiente l'hardware decisamente più piccola rispetto ai primi occhiali intelligenti della grande G.

Ovviamente nessuno è ancora in grado di confermare il nuovo design ma siamo comunque curiosi di scoprire, nel caso lo stesso venisse confermato, quale sarà il livello di comfort raggiunto con questa nuova versione.


23.15 | 0 komentar | Read More

Hamachi

scheda aggiornata 1 ora fa

Hamachi è un virtual private networking system basato sul protocollo UDP. I suoi nodi utilizzano l'aiuto portato da un terzo nodo chiamato mediation server per localizzare ogni altro nodo e per inizializzare la connessione tra essi. La connessione stabilita è diretta tra i nodi della VPN


23.15 | 0 komentar | Read More

NVIDIA annuncia due nuovi titoli compatibili con il servizio di game streaming GRID

NVIDIA ha annunciato l'introduzione di due nuovi giochi sul servizio di game streaming GRID. Batman: Arkham Origins e LEGO Batman: The Video Game possono adesso essere giocati sul proprio Shield Tablet con la stessa grafica e definizione permesse dal proprio PC desktop senza alcuna latenza.

NVIDIA Game Streaming GRID

Grazie a GRID, infatti, verranno inviate le immagini dal PC al tablet in live streaming via connessione Wi-Fi, con un limite massimo di 30fps. La funzionalità è garantita solo sui titoli che hanno la compatibilità, tuttavia in fase di recensione abbiamo trovato giocabile anche Tomb Raider.

NVIDIA Grid è stato lanciato con il supporto di Batman: Arkham Asylum e Batman: Arkham City, e sono altri due giochi dell'eroe mascherato, uno più casual, l'altro tripla A, a rimpolpare la line-up di titoli pienamente supportati da NVIDA e abilitati all'interessante feature.

GRID non permette solo di godere di effetti grafici di ultima generazione e tipici dei sistemi desktop quali HBAO+, PCSS, PhysX, TXAA, ma anche di giocare da remoto con il proprio dispositivo mobile, a patto che sia connesso via Wi-Fi al PC abbinato.


23.15 | 0 komentar | Read More

AdwCleaner

scheda aggiornata 2 ore fa

AdwCleaner è un comodo tool da utilizzare per la pulizia del proprio PC: è in grado di individuare Adware, Toolbar, PUP (Potentially Unwanted Programs), Hijackers e problemi simili. Può funzionare come semplice strumento per la ricerca oppure è anche in grado di effettuare la rimozione del componente indesiderato


23.15 | 0 komentar | Read More

Telecom Italia e HP unite per il cloud a grandi aziende e enti governativi

Importante accordo quello sottoscritto tra HP e Telecom Italia, annunciato quest'oggi in occasione di Discover 2014 a Barcellona. Al centro la volontà delle due aziende di fornire soluzioni integrate cloud ai clienti italiani, con le quali aiutare sia le grandi aziende sia il settore governativo a spostare le proprie attività IT nel cloud così da abbracciare quello che viene indicato come "new Style of IT".

HP metterà a disposizione le proprie infrastrutture hardware, con al centro le soluzioni della famiglia Helion, assieme alla propria capacità di sviluppare e proporre soluzioni cloud che si adattino alle esigenze specifiche dei clienti di fascia enterprise. Il fine ultimo è quello di completare con successo la migrazione dell'infrastruttura IT delle aziende clienti all'interno di un ambiente di tipo virtual private cloud.

Stefano Venturi, amministratore delegato di HP Italia, ha sottolineato come l'accordo con Telecom Italia sia orientato all'approccio open, basato su Open Stack e Open Standard, sul quale HP incentra la propria strategia legata alle soluzioni cloud. Per Venturi questo annuncio pone le basi per portare, nel corso dei prossimi anni, le grandi aziende italiane verso un maggior utilizzo delle soluzioni cloud sia pure come ibride.

Per Telecom Italia la partnership interessa i 7 principali datacenter nazionali che rientrano nell'infrastruttura Nuvola Italiana proposta dall'azienda ai propri clienti. In questo scenario Telecom Italia mette sul piatto la propria esperienza nella gestione dei servizi tipici dei data center e nel loro management. Simone Battiferri, Direttore Business di Telecom Italia, ha rimarcato come il cloud sia un fattore decisivo per abilitare i processi di digitalizzazione necessari per la crescita e lo sviluppo del Sistema Paese. Da questo l'attenzione verso la grande azienda, indicativamente le top 1.000 presenti in Italia, e la pubblica amministrazione verso le quali i due partner si rivolgono.

L'annuncio odierno assume particolare importanza con riferimento al target dell'iniziativa, cioè le grandi aziende e la struttura governativa. Un guadagno di efficienza spostandosi nella direzione di un approccio cloud di tipo ibrido ha sulla carta un impatto molto forte in vare tipologie di servizi, soprattutto riferendosi all'ambito governativo e più in generale della pubblica amministrazione. Il passaggio alle varie forme di soluzioni cloud richiederà anche un progressivo adattamento della componente software: migrare su hardware nuovo, come è quello delle proposte cloud, richiede in prospettiva anche un adattamento della parte software così che possa essere più efficiente quando eseguita in ambiente cloud.

Come queste due aziende intendano all'atto pratico operare con questi nuovi clienti resta ancora da verificare. E' evidente come entrambe possano mettere sul piatto l'esperienza maturata negli ultimi anni gestendo con varie differenti tipologie di clienti i processi di migrazione verso una infrastruttura cloud. Più grande è l'azienda maggiori sono le difficoltà, spesso nella forma di attriti interni, verso una migrazione ad una infrastruttura di tipo cloud: questo spiega per quale motivo a livello globale meno del 10% dei servizi che potenzialmente possono venir migrati in ambiente cloud hanno sostenuto questo passaggio. La sfida, per Telecom Italia e per HP come più in generale per tutti gli operatori di settore, è quella di facilitare questa trasformazione in quegli ambiti nei quali il cloud porta vantaggi chiari e tangibili rispetto ad utilizzare una infrastruttura IT completamente interna all'azienda.


23.15 | 0 komentar | Read More

WinRAR

scheda aggiornata 2 ore fa

Utility per la compressione e decompressione di archivi di files. Consente il salvataggio in formato ZIP o RAR.
Le impostazioni disponibili sono veramente avanzate e l'interfaccia grafica è estremamente intuitiva.


23.15 | 0 komentar | Read More

Thecus N2560, NAS due unità per l'utenza domestica

Al giorno d'oggi siamo circondati da dispositivi in grado di creare contenuti digitali con una facilità estrema, offrendoci la comodità di avere tutto ciò che serve in tasca (nel caso degli smartphone), oppure optare per dispositivi mirati come le macchine fotografiche reflex o videocamere. Non solo: anche i documenti "classici" sono ora disponibili in grandi quantità anche in formato digitale, con la conseguenza che i nostri hard disk vengono saturati molto facilmente con video, foto e in generale con documentazione spesso avida di GB.

L'esigenza di avere un dispositivo in grado di accentrare tutti i contenuti è sempre più sentita anche in ambito casalingo, motivo per cui i NAS (Network Access Srorage) stanno diventando sempre più comuni anche fra le mura domestiche. Thecus, per venire incontro a questa esigenza, ha presentato una gamma di prodotti completa, fra cui segnaliamo il modello N2560.

Questo modello fa parte della nuova generazione di NAS, quella equipaggiata con una piattaforma hardware ben più potente rispetto a quelle comuni nei NAS di qualche tempo fa. Il motivo è presto detto: un NAS moderno non è solo un box per hard disk, ma mette a disposizione una serie di servizi e funzionalità come la gestione remota, app dedicate alla sicurezza e alla videosorveglianza e via dicendo. Ecco perché all'interno di un NAS casalingo troviamo una piattaforma hardware di tutto rispetto, realizzata intorno al SoC Intel Atom CE5335 dual core da 1,6GHz coadiuvato da un quantitativo di memoria di ben 2GB.

Thecus N2560 è un NAS a due unità dalle dimensioni molto contenute, proposto in colorazione bianca e chassis in materiale plastico. Visto il numero di hard disk installabili le catene RAID configurabili sono 2, se si esclude quella JBOD che tratta i dischi singolarmente. RAID 0 permette di configurare i dischi in striping, sommando prestazioni e capienze dei due dischi installati, mentre la sicuramente più utilizzata e adatta per lo scopo è sicuramente la configurazione RAID 1, che permette di avere due dischi con gli stessi dati. In caso di guasto ad un disco, i nostri dati saranno comunque al sicuro (cosa che non succede nel caso della configurazione RAID 0).

Lo sportello frontale, che si apre facendo pressione (lo vedete nel video), offre l'accesso al vano dischi. L'installazione dei dischi è rapida e avviene senza l'utilizzo di cacciaviti o utensili particolari: affiancando due staffe per ogni disco (fornite in dotazione), è possibile montare semplicemente gli hard disk all'interno dello chassis. Sul fronte connettività troviamo una porta ethernet RJ-45 10/100/1000 Base TX WOL, mentre non mancano tre porte USB, una delle quali USB 3.0 sul frontale.

Il pannello di gestione offerto dal sistema operativo proprietario Linux based ThecusOS 6 è intuitivo e ricorda in tutto e per tutto quello a cui siamo abituati a vedere sui nostri PC,con icone e descrizioni chiare.

Numerose le possibilità offerte dal sistema per quanto riguarda permission e accessi alle cartelle da parte degli utenti, così come è ampia la gamma si servizi di rete a disposizione degli utenti. Troviamo inoltre diverse applicazioni per utilizzi multimediali, al fine di rendere disponibili in rete, via streaming, tutti i contenuti presenti nel NAS.

Da segnalare in modo particolare sono due app, ovvero T-OnTheGo e XBMC. T-OnTheGo di Thecus è una app per il mondo Android e permette di fruire dei contenuti in streaming presenti sul NAS anche se non siamo a casa, direttamente dal nostro smartphone o tablet (Android). che permette lo streaming di musica e film direttamente da un NAS. XBMC è di fatto Kodi (Kodi Entertainment Center), noto qualche tempo fa come Xbox Media Center (XBMC); siamo di fronte ad una app integrata che trasforma il NAS in un vero e proprio media center, con elevata compatibilità di formati audio e video, nonché interfaccia semplice e intuitiva.

Thecus N2560 si trova in commercio a 260,00 Euro, una cifra allineata a NAS di pari caratteristiche. Si trovano modelli a meno, anche in casa Thecus, ma è bene tenere d'occhio le caratteristiche tecniche: qui siamo di fronte a un modello con piattaforma Intel e 2GB di RAM, mentre soluzioni più economiche di solito sono equipaggiate con memoria di 512MB o 1GB e SoC di rango inferiore, che potrebbe mostrare i limiti sfruttando il NAS in tutte le sue potenzialità.


23.15 | 0 komentar | Read More

Arrestato anche l'ultimo dei fondatori di The Pirate Bay a piede libero

Written By komlim puldel on Rabu, 05 November 2014 | 23.14

Tutti i fondatori di The Pirate Bay sono in prigione. L'ultimo ad essere arrestato è stato Fredrik Neij, scoperto al confine fra la Thailandia e il Laos dopo cinque anni dall'arresto in Svezia per la complicità nella condivisione di materiali protetti da diritti d'autore. I quattro fondatori avevano deciso di separarsi in seguito alla sentenza del tribunale: Peter Sunde si nascondeva in Svezia quando è stato trovato lo scorso giugno, mentre Gottfrid Svartholm in Cambogia.

Fredrik Neij arrestato
Fonte: TorrentFreak

Neij si era stabilito nel Laos dopo essersi sposato con la moglie con una cerimonia locale. Il Laos è uno stato particolarmente problematico: gestito da un regime comunista, è uno fra i paesi più poveri dell'Asia, con scarse infrastrutture sia per la comunicazione che per il settore salutistico. Proprio questo aspetto ha costretto Neij e la sua famiglia a valicare decine di volte (27, secondo quanto specificato dalle autorità) il confine con la Thailandia, prima di essere riconosciuto e catturato dalla polizia per l'immigrazione.

The Pirate Bay e i suoi fondatori erano stati condannati nel 2009 ad un anno di reclusione e al pagamento di un risarcimento di 30 milioni di corone svedesi, pari a circa 2,7 milioni di euro. Sunde aveva specificato che il processo di fatto non era altro che un palcoscenico per i media, una sorta di messaggio inviato a tutti coloro che avrebbero voluto lanciare servizi simili al suo. Ricordiamo che The Pirate Bay non ospita fisicamente il materiale protetto da copyright, ma è una sorta di motore di ricerca, una piattaforma su cui trovare link .torrent per materiale pirata.

Cinque anni fa Sunde aveva dichiarato che, nonostante il processo, il servizio sarebbe rimasto tale e quale ed in effetti non aveva tutti i torti: Pirate Bay è ancora perfettamente funzionante, nonostante siano stati molti i provvedimenti per ostacolarne le attività anche su base locale. Neij verrà portato all'ufficio per l'immigrazione di Bangkok per prepararsi all'estradizione in Svezia, in cui dovrà scontare la pena. Alcuni report locali sostengono che fossero sulle tracce di Neij alcune compagnie cinematografiche americane, per mezzo di uno studio legale assoldato appositamente per le operazioni di ricerca.


23.14 | 0 komentar | Read More

Due nuovi indossabili da Jawbone a partire da 49€: UP3 e UP Move

Jawbone ha oggi lanciato due dispositivi indossabili, UP3 e UP Move, rivolti agli amanti del fitness e della cura del proprio corpo. Si tratta, rispettivamente, di un braccialetto multisensore per rilevare il battito cardiaco, i dettagli sul sonno e il movimento fisico, e di un activity tracker di fascia economica, in grado di monitorare le attività base con la tecnologia proprietaria Motion X. Vediamoli nel dettaglio, iniziando proprio da UP Move.

Jawbone UP Move

UP Move è un contapassi da 49€ che permette, inoltre, di gestire gli esercizi fisici e monitorare le calorie bruciate, oltre ad analizzare i periodi di veglia e la qualità del sonno. Composto in alluminio anodizzato durevole simile al nylon, UP Move è disponibile in cinque colori con le rispettive clip in modo da poterlo fissare comodamente in qualsiasi punto del vestiario, e può essere indossato al polso con il relativo cinturino.

L'indossabile è dotato di una batteria sostituibile (le stesse degli orologi) che, stando ai dati della società, offre un'autonomia di sei mesi. Up Move utilizza un accelerometro per contare i passi e per rilevare la qualità del sonno (se indossato), mentre sincronizza i dati raccolti con UP App di Jawbone (l'app per smartphone) attraverso Bluetooth Smart. L'indossabile sarà disponibile dalla fine del mese di novembre ed è già possibile il pre-ordine sul sito ufficiale. I cinturini slim e standard saranno venduti anche singolarmente a 14,99€ (confezioni da tre a 29,99€).

Jawbone UP3

Passiamo a Jawbone UP3, il tracker multi-sensore della società. Il dispositivo si basa su un accelerometro a tre assi, e su sensori per la bioimpedenza e per la rilevazione della temperatura della pelle e ambientale. Utilizzando le tecnologie, UP3 è in grado di rilevare il battito cardiaco a riposo, le fasi del sonno, identificare gli esercizi svolti e classificare le attività dell'utente, come corsa, allenamento o la partecipazione ad uno sport. La società ha specificato in fase di presentazione che i nuovi sensori potranno essere utilizzati in futuro con nuove finalità, con funzioni che verranno introdotte attraverso aggiornamenti software.

UP3 è un dispositivo "elegante, sottile e di basso profilo", che può essere abbinato ai gioielli o agli orologi da polso che si indossano quotidianamente. Realizzato in alluminio anodizzato, può essere indossato anche 24 ore al giorno, ed integra una batteria che consente un'autonomia operativa di sei giorni su singola carica. Non manca, naturalmente, la compatibilità con l'applicazione proprietaria UP App, con la quale sarà possibile sincronizzare e visualizzare su schermo tutti i dati raccolti dal braccialetto.


Specifiche tecniche line-up Jawbone - Clicca per ingrandire

UP App riconoscerà molte attività comuni come per esempio: corsa, allenamento incrociato, esercizi cardio, tennis, scalata e altre attività quali danza e Zumba. Il sistema apprende dal comportamento dell'utente nel corso del tempo per classificare automaticamente molte altre attività difficili da riconoscere come per esempio: nuotare, andare in bici, sollevare pesi o lo yoga. La funzione Smart Coach di UP App utilizza le informazioni ottenute da UP3 per fornire dei consigli personalizzati e delle sfide che siano fatte su misura proprio per l'utilizzatore. Si può così scoprire cosa è possibile fare per migliorare la propria attività, sonno, dieta e battito cardiaco, in modo da poter raggiungere gli obiettivi velocemente e avere un forte impatto sulla salute e il benessere.

Jawbone UP3 sarà disponibile a partire da questo inverno in due colori (Black Diamond e Silver Cross) al prezzo di 179,99€.


23.14 | 0 komentar | Read More

Elite Dangerous: un simulatore spaziale puro

Se la Beta 1 si era concentrata sui commerci intergalattici e la Beta 2 sulle quest e sui combattimenti, la nuova Beta 3, disponibile dal 28 ottobre, prende a riferimento il "mining", ovvero il rinvenimento e l'estrazione delle risorse. Ma sin dalle prime battute di gioco risulta evidente quanto il simulatore di volo di Frontier sia rigoroso e come offra un modello di volo molto interessante, difficile da padroneggiare nelle sue sfumature e basato su complesse procedure da imparare e saper applicare. Il tutto all'interno dell'impostazione da gestionale tipica di questo genere di giochi, nel quale rientrano Star Citizen, del quale abbiamo già parlato, e la serie X di Egosoft.

Elite Dangerous si è evoluto considerevolmente da una fase della beta all'altra e si è contraddistinto per una curva di apprendimento piuttosto ripida. All'inizio della sua esperienza il giocatore viene semplicemente catapultato nel cockpit della sua navicella spaziale e deve ingegnarsi, praticamente senza nessun aiuto, nella lunga, e forse infinita secondo i piani del team di sviluppo, fase di apprendimento. Anzi nella Beta 1 non c'era neanche un vero e proprio tutorial, poi implementato ed evoluto con le successive versioni del gioco.

È stato molto interessante seguire lo sviluppo di Elite Dangerous e toccare con mano tutti i miglioramenti nel momento stesso in cui venivano implementati dagli sviluppatori. Naturalmente partecipare a questa fase della creazione del gioco può essere snervante, per via dei tanti bug, e può rivelare componenti del gioco che sarebbe meglio scorprire quando definitivamente rifinite, ma è comunque interessante proprio per verificare come si evolve un software complicato come questo. C'è stato, ad esempio, un momento molto critico al passaggio da Beta 1 a Beta 2, quando Frontier è stata costretta a rilasciare nuove versioni di Elite Dangerous a cadenza serrata per rimediare ai bug dipendenti dall'introduzione della Beta 2 che hanno reso Elite Dangerous ingiocabile per qualche giorno.

E pensare che tutto è nato da un ammasso di pixel, quelli alla base dell'ormai storico primo Elite scritto e sviluppato da David Braben insieme a Ian Bell (da non confondere con l'omonimo veterano della creazione di simulazioni di guida e responsabile principale, tra gli altri, del nuovo Project Cars). Uscito nel 1984 per effetto della distribuzione di Acornsoft, quel gioco era incredibilmente avveniristico per l'era con un modello open-ended, un motore grafico avanzato e grafica tridimensionale basata su wire-frame (uno dei primi videogiochi in assoluto a poter vantare un sistema grafico del genere).

Già a quei tempi Elite riusciva a dare la possibilità ai giocatori di gestire dei complicati commerci spaziali, il tutto all'interno della struttura free roaming che poi avrebbe fatto la fortuna, chiaramente in forma evoluta, di serie come Grand Theft Auto. Ma restando nell'ambito dei simulatori spaziali, Elite avrebbe anche dato il là al successo di giochi come Wing Commander, Eve Online, Freelancer e la già citata serie X.

Elite ebbe però anche due seguiti ufficiali, Frontier: Elite II nel 1993 e Frontier: First Encounters nel 1995. Questi introducevano la fisica newtoniana, sistemi stellari conformati in maniera realistica e la possibilità di atterrare sui pianeti senza restrizioni. Il quarto elite è invece proprio Elite Dangerous, la cui produzione in crowdfunding è iniziata nel 2012 e il cui lancio si fa sempre più vicino.

Nel corso degli anni diversi produttori hanno realizzato dei clone di Elite, non autorizzati da Acorn. Tra questi si annoverano Firebird, Imagineer e Hybrid. Successivamente Frontier Developments ha rivendicato il suo gioco come "Game by Frontier" e tutti i diritti sono diventati di proprietà di David Braben.


23.14 | 0 komentar | Read More

Bungie è già al lavoro sul seguito di Destiny

Eric Hirshberg, CEO di Activision, ha detto durante l'incontro con gli investitori che Bungie ha già iniziato a lavorare sulla prossima release completa per l'IP di Destiny. Allo stesso tempo continua lo sviluppo del primo Destiny, con il team impegnato a completare ulteriori contenuti di espansione.

Destiny

Destiny è l'imponente progetto della software house che ha creato Halo capace di far segnare il nuovo record di incassi per il debutto di un nuovo videogioco, visto che sono state vendute al day one copie del gioco per un valore di 500 milioni di dollari. Nel mese di settembre, inoltre, Destiny ha contribuito a innalzare sensibilmente le vendite sul PS Store, consentendo anche a questo servizio di segnare il record in quel mese.

Activision ha poi recentemente annunciato che i giocatori registrati di Destiny adesso sono 9,5 milioni. È già stato programmato il piano di rilasci per quanto riguarda i contenuti di espansione: The Dark Below sarà disponibile dal 9 dicembre, mentre dopo sarà la volta di House of Wolves.


23.14 | 0 komentar | Read More

Hamachi

scheda aggiornata 2 ore fa

Hamachi è un virtual private networking system basato sul protocollo UDP. I suoi nodi utilizzano l'aiuto portato da un terzo nodo chiamato mediation server per localizzare ogni altro nodo e per inizializzare la connessione tra essi. La connessione stabilita è diretta tra i nodi della VPN


23.14 | 0 komentar | Read More

Google ed LG, accordo di cross-licensing per 10 anni

Con una mossa a dimostrazione del rafforzamento dell'alleanza tra Google ed LG nel contesto Android, le due compagnie hanno annunciato un accordo di licenza reciproco di lungo termine che copre prodotti e tecnologie esistenti e futuri.

L'azienda coreana conferma che l'accordo coprirà "un'ampia gamma di prodotti e tecnologie" e verrà applicato a tutti i brevetti esistenti così come a quelli depositati nel corso dei prossimi 10 anni, una finestra temporale piuttosto consistente se la si considera dal punto di vista del rilascio di nuovi prodotti.

JH Lee, vicepresidente esecutivo di LG e responsabile della proprietà intellettuale di LG Electronics, ha affermato che questo accordo si basa su un'alleanza di lungo corso tra le due compagnie. "LG considera di valore il proprio rapporto con Google e questo accordo sottolinea l'impegno di entrambe le compagnie allo sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie che migliorano la vita dei consumatori" ha commentato Lee.

Sulla stessa linea i commenti di Google, per bocca del rappresentante legale Allen Lo: "Siamo lieti di stringere questo accordo con una compagnia come LG. Lavorando assieme su un cross-licensing come questo, le compagnie si possono concentrare sull'offrire ai consumatori grandi prodotti e servizi".

Non si tratta del primo accordo di questo tipo per Google, che a gennaio ha firmato un accordo simile con Samsung della durata di 10 anni, la quale aveva osservato "c'è molto più da guadagnare dalla cooperazione che dal combattere in inutili contenziosi legali su brevetti".

L'accordo è indubbiamente positivo per LG, non solo in termini di rafforzamento dei legami con la compagnia che fornisce il sistema operativo dei suoi smartphone, ma anche in termini di una posizione maggiormente competitiva nei confronti del compatriota rivale Samsung.

Per quanto riguarda Google, si tratta di stringere ulteriormente i rapporti con un partner chiave, che non solo utilizza Android su una vasta gamma di dispositivi ma che ha anche collaborato in passato con il colosso di Mountain View allo sviluppo del Nexus 5.


23.14 | 0 komentar | Read More

Process Lasso

scheda aggiornata 1 ora fa

Process Lasso ottimizza l'esecuzione dei processi in corso intervenendo sui parametri di affinità e di priorità. Questo software può essere utile per rendere più fluido e reattivo il sistema, inoltre gli utenti più evoluti potranno accedere a personalizzazione e ottimizzazioni aggiuntive.


23.14 | 0 komentar | Read More

Bloodborne, un nuovo trailer pieno di nemici

Written By komlim puldel on Rabu, 29 Oktober 2014 | 23.15

Sony ha rilasciato un trailer nuovo di zecca per Bloodborne, il suo imminente titolo in esclusiva per PS4, sviluppato da From Software, già autori di Demon's Souls e Dark Souls.

Il trailer mostra alcune sequenze in-game notevoli dal punto di vista visivo, che sicuramente sembreranno familiari ai fan dei precedenti titoli di From Software, e ci preannuncia che dovremo affrontare nemici micidiali. E conoscendo le caratteristiche dei titoli già menzionati, c'è da scommettere che saranno tutti difficili da sconfiggere, non importa quanto grandi o piccoli essi siano.

Bloodborne è previsto in esclusiva su PS4 per il 6 febbraio 2015.


23.15 | 0 komentar | Read More

Apple, nel 2014 è cresciuta la spesa per acquisizioni e ricerca

Apple ha consegnato alla Securities and Exchange Commission il rapporto 10-K, ovvero quello che riassume le attività e l'andamento finanziario della compagnia per l'anno fiscale 2014. All'interno della documentazione spiccano tra le molte informazioni disponibili alcuni dettagli relativi alle acquisizioni e alle attività di ricerca dell'azienda di Cupertino.

Nel corso dell'anno fiscale 2014 la compagnia ha incrementato le spese per le acquisizioni, anche escludendo il faraonico esborso di 3 miliardi di dollari per Beats, acquisita lo scorso mese di maggio: Apple indica infatti una spesa per acquisizioni di 957 milioni di dollari per il 2014, in netta crescita rispetto ai 496 milioni di dollari spesi nel corso dell'anno fiscale 2013.

Molto interessante è inoltre l'andamento della spesa per le attività di ricerca e sviluppo negli ultimi 3 anni: Apple ha infatti stanziato sempre più risorse per questa parte delle proprie attività passando dai 3,4 miliardi del 2012 ai 4,5 miliardi del 2013 fino ai 6 miliardi di dollari spesi nell'anno fiscale 2014.

Cresce anche la forza lavoro di Apple, che passa dagli 80,3 mila dipendenti "full-time equivalent" dello scorso anno a 92,6 mila del 2014. 42 mila impiegati sono al lavoro nella divisione retail, con oltre la metà della forza lavoro totale che opera nella divisione corporate. La Mela dispone inoltre di altri 4400 tra contrattisti ed impiegati temporanei "full-time equivalent".

Apple dispone ora di una liquidità di oltre 155 miliardi di dollari, una parte dei quali continuerà ad essere usata per il pagamento dei dividendi futuri e per il prosieguo del programma di riacquisto delle azioni che sarà completato entro la fine del mese di dicembre 2015.


23.15 | 0 komentar | Read More

Xiaomi è il terzo produttore di smartphone al mondo

Xiaomi punta Apple nella sua rincorsa nel mercato degli smartphone. Il produttore cinese era conosciuto nel 2010 esclusivamente in qualità di sviluppatore di MIUI, uno dei firmware divenuti più popolari per i dispositivi Android. L'anno successivo, Xiaomi entrava nel mercato hardware degli smartphone, e sono stati necessari solo tre anni per raggiungere il podio fra i nomi più influenti a livello globale.

Stando alle stime di mercato di HIS iSuppli, Xiaomi ha venduto 19 milioni di smartphone nel terzo trimestre 2014, raggiungendo la terza posizione ai danni di Huawei (16,8 milioni nel Q3 2014). Dietro a Xiaomi troviamo anche Lenovo ed LG, anch'essi in crescita, ma comunque ancora dietro rispetto a Xiaomi. Su base annuale quest'ultima ha mostrato una crescita impressionante nel corso del tempo.

Xiaomi riusciva a vendere 5,7 milioni di smartphone nell'intero 2012, mentre nel 2013 la cifra saliva a 18,7 milioni. Un numero che la società è riuscita a superare negli scorsi mesi in un solo trimestre, con una crescita evidente anche su base trimestrale. Nel Q1 del 2014 Xiaomi è riuscita a vendere 11 milioni di smartphone, nel secondo trimestre 15,1 milioni.

Parte del merito della crescita è relativo al raggiungimento di nuovi mercati, come quello di Hong Kong, Singapore ed India, tuttavia nel secondo trimestre 2014 ben 14,6 milioni di unità sono state vendute in Cina, una parte ben consistente delle vendite complessive in tutto il mondo (15,1 milioni). Il grosso del successo di Xiaomi è ottenuto ancora oggi in madrepatria, elemento che determina un potenziale di crescita ancora enorme per il produttore cinese.


23.15 | 0 komentar | Read More

WinZip

scheda aggiornata 1 ora fa

Famosissima utility la cui funzione principale è quella di comprimere il più possibile un file o un insieme di essi (creando un cosidetto "archivio"). L'utilizzo di un software di compressione è estremamente consigliabile per ottimizzare lo spazio su disco e per ridurre i tempi di trasmissione via internet. Oltre a queste funzioni base, winzip è in grado di gestire alcune opzioni avanzate, quali ad esempio: password, crittografia, diversi formati di compressione.

Questa release introduce la funzione ZipSend per l'invio di file di grandi dimensioni attraverso un servizio web-based.

23.15 | 0 komentar | Read More

Con Windows 10 nuove modalità di migrazione per le aziende

Con Windows 10 Microsoft preannuncia nuove modalità di aggiornamento e di upgrade sfruttabili da chi già dispone di un PC con sistema operativo Windows 7 o Windows 8. L'obiettivo di Microsoft per queste specifiche funzionalità è rivolto alle aziende e a quelle realtà che vedono la migrazione da un sistema operativo all'altro come un grosso ostacolo.

La novità consiste in un nuovo modo di gestire la migrazione basato su un processo gestito dal PC stesso, nel quali dati e applicazioni vengono migrati in modo automatico sul nuovo sistema operativo. Rispetto alle soluzioni attuali basate sulla distribuzione di immagini di installazione preconfezionate ci dovrebbe essere una maggior flessibilità e possibilità di personalizzazione.

Oltre alla migrazione dei dati e delle applicazioni il nuovo processo che Microsoft sta sviluppando prevede anche il ripristino delle configurazioni di sistema relative a Wi-Fi, VPN e profili email.

Per Microsoft una grossa sfida è ovviamente rappresentata dal dover garantire compatibilità tra il nuovo sistema operativo e la moltitudine di applicazioni disponibili sul mercato. Sul fronte invece dei requisiti hardware la situazione è più semplice, infatti, è ormai noto che Windows 10 possa essere utilizzato su sistemi che precedentemente avevano Windows 7 quale sistema operativo.

I nuovi strumenti di migrazione rappresentano un'alternativa rispetto alle soluzioni attuali. Microsoft su questo punto è stata chiara confermando anche per il futuro il supporto a System Center Configuration, Assessment and Deployment Kit (ADK) e Microsoft Deployment Toolkit (MDT).


23.15 | 0 komentar | Read More

Sandboxie

Written By komlim puldel on Rabu, 15 Oktober 2014 | 23.14

scheda aggiornata 1 ora fa

Sandboxie è un'utility che permette di eseguire applicazioni sul proprio PC all'interno di un'area sicura: eventuali file scaricati e modificati durante l'esecuzione di questa utility non andranno a influire sul sistema. L'utente avrà poi la facoltà di decidere se utilizzare eventuali file scaricati e modificati e solo in quel caso i dati verranno trasferiti in un'area comunemente raggiungibile del disco.


23.14 | 0 komentar | Read More

Rilasciato Unreal Engine 4.5

La versione 4.5 di Unreal Engine include funzionalità attese come animation retargeting, reload automatico in C++, generazione di mappe luce UV e video texture in streaming. Ma le novità più significative sono le soft shadow di tipo real-time ray traced e lo screen-space subsurface scattering, insieme alle occlusioni speculari. Il nuovo effetto di subsurface scattering, in particolare, consente di avere superfici dei materiali più realistiche.

Ray traced soft shadows

Quanto alle nuove soft shadow, si tratta di un nuovo metodo di gestione delle ombre dinamiche che funziona tracciando un raggio dalle mesh fino alla fonte di illuminazione. Questo permette di avere delle aree con soft shadow con zone di contatto tra di loro morbide. Rispetto alle tradizionali Cascaded shadow maps (CSM) le ombre ray-traced possono essere calcolate su distanze maggiori. Unreal Engine 4.5 consente anche di gestire le ombre vicine al punto di osservazione con CSM e quelle lontane con il sistema ray-traced in modo da coniungare i vantaggi di entrambi gli approcci. Le seconde infatti vengono generate dalla GPU più velocemente del 20/30%.

Sullo stesso principio è basato anche il nuovo effetto di occlusione speculare, con miglioramenti evidenti nelle seguenti immagini.

Originale

Con Occlusione Speculare

Epic promette un supporto ancora migliore alle console e ai dispositivi portatili, con centinaia di miglioramenti che agevoleranno per i giochi online il passaggio dei test di certificazione delle console. Inoltre, Unreal Motion Graphics consentirà agli sviluppatori di creare con più facilità le interfacce utente dei giochi.

A sinistra senza Subsurface Scattering, a destra con Screen-space Subsurface Scattering

Questa versione contiene anche un gran numero di miglioramenti all'usabilità e renderà più semplice l'apprendimento grazie a un nuovo sistema di tutorial e a nuovi modelli di comportamento per i veicoli e per gli sparatutto. "La nostra appassionata community di sviluppatori troverà in questa versione più di 40 nuove caratteristiche", dice Epic.

Di seguito potete vedere nel dettaglio le novità dell'Unreal Engine 4.5 con i filmati presenti in questa pagina, mentre per la documentazione completa recatevi a questo indirizzo.


23.14 | 0 komentar | Read More

L'1% dei mobile gamer è responsabile del 29% della spesa complessiva

Everyplay è una divisione di Unity Technologies, la famosa software house responsabile dell'omonimo motore grafico. Ha appena annunciato i risultati di una sua indagine che ha coinvolto circa 3 mila giocatori residenti negli Stati Uniti e che spesso usano terminali Android e iOS.

Secondo l'indagine Everyplay coloro che spendono di più sono anche coloro che entrano in contatto con le novità tramite passaparola o video promozionali. Ha inoltre rilevato che questi giocatori sono più propensi alla condivisione sociale dell'esperienza videoludica.

Il rapporto dice che in media i mobile gamer giocano più di due titoli al mese e spendono 4 dollari ogni 30 giorni. Ma c'è un gruppo più piccolo che arriva a spendere fra 20 e 50 dollari al mese. Si tratta di giocatori che sono motivati dalla competitività promossa dai giochi.

"La condivisione di video tramite dispositivo mobile rappresenta una grande opportunità per gli sviluppatori di videogiochi per aumentare la discovery dei propri titoli, e anche per attirare i giocatori che spendono di più e che sono più propensi a condividere la propria esperienza videoludica. Crediamo che il video sharing continuerà a crescere. I risultati del nostro rapporto aiuteranno gli sviluppatori a dare priorità a quelle feature che incentivano la viralità e la ritenzione attraverso i canali di social media già esistenti", ha dichiarato Jussi Laakkonen, vice-presidente esecutivo di Everyplay.

Circa il 10% dei giocatori spende oltre 10 dollari al mese, e questo gruppo incide per circa i due terzi delle entrate che si hanno nel settore dei mobile game. Chi supera le 10 ore di gioco settimanali, inoltre, spende più di tre volte rispetto alla media. Gli utenti di iOS, poi, tendono a spendere di più rispetto ai "colleghi" dotati di terminale Android.

I giocatori di età compresa fra 35 e 44 anni spendono in media $6.07, mentre coloro che hanno tra 18 e 24 spendono $3.73. Gli uomini contribuiscono per $5.63 mensili e le donne per $3.49.

Naturalmente si tratta di un'indagine mirata, perché Everyplay è la divisione di Unity che si occupa di tecnologie di mobile sharing.

Secondo le ultime indagini AppLift e Newzoo, il mobile gaming è destinato a raddoppiare le sue vendite dagli attuali 17,5 miliardi di dollari ai 35,4 miliardi di dollari del 2017.

Everyplay


23.14 | 0 komentar | Read More

Primi prezzi di Nexus 6 e 9 indicano che l'era dei Nexus economici è finita

Google dovrebbe togliere i veli dai nuovi Nexus in serata. I due dispositivi, decisamente attesi dagli affezionati dei Pure Google, dovrebbero coprire due fasce di prodotto e di mercato ancora inesplorate dal colosso di Mountain View. Negli scorsi minuti sono apparsi online i listini di un rivenditore tedesco, che mostrano il prezzo di Nexus 6 e quello di Nexus 9.

Si tratta di indiscrezioni che lascerebbero un po' con l'amaro in bocca se venissero confermate. In base ai nuovi listini si potrebbe dire, infatti, che l'epoca dei Nexus come terminali economici è finita. Motorola Nexus 6 potrebbe costare 569€, in versione base da 32GB, per arrivare a 649€ in versione top di gamma da 64GB di storage integrato.

Motorola Nexus 6, prezzo

Si tratta di cifre enormemente superiori rispetto a quelle di Nexus 5 al giorno del lancio, che veniva proposto dallo stesso rivenditore tedesco a 399€ in versione base, 50 in più del listino di Google Play Dispositivi. I nuovi Nexus 6 avrebbero un prezzo di listino inferiore rispetto ai top di gamma dei produttori più blasonati, è vero, ma siamo abituati a ben altro da Google.

La novità potrebbe confermare alcune voci che circolano da giorni, per cui Nexus 5 continuerà ad essere proposto ufficialmente sullo store di Mountain View, e non verrà cassato per il nuovo modello. In questo modo è possibile attendersi due esiti: Nexus 5 verrà rimpolpato con caratteristiche tecniche più moderne (fra cui una richiestissima fotocamera posteriore aggiornata), oppure verrà venduto lo stesso modello dell'anno scorso, con la promessa di un supporto software prolungato per più di diciotto mesi.

Il leak mostra anche i prezzi del nuovo tablet di Google, Nexus 9. Si parte da 399€ per la versione da 16GB senza modulo per la connettività cellulare, per arrivare a 569€ per la variante da 32GB con LTE. In mezzo, una versione da 489€, da 32GB e solo Wi-Fi. Lo smartphone e il tablet saranno proposti inizialmente sia in bianco che in nero.

HTC Nexus 9, prezzo

Ricordiamo che i prezzi espressi nella pagina rappresentano al momento solamente una speculazione e non sono stati ufficializzati da nessuna delle società coinvolte. Restiamo nella speranza di ricevere informazioni differenti in serata, o quando i dispositivi saranno finalmente pubblici.

Potete trovare ulteriori informazioni su Motorola Nexus 6 in questa pagina, mentre qui abbiamo mostrato alcune immagini e render del dispositivo. A questo indirizzo, invece, trovate dettagli e foto di HTC Nexus 9.


23.14 | 0 komentar | Read More

Nuovo record trimestrale di Intel dà speranza al mercato PC

Una leggera ripresa del mercato PC si palesa nei risultati finanziari di Intel, di tutto rispetto nel terzo trimestre 2014. Il produttore di Santa Clara ha fatto registrare un fatturato di 14,6 miliardi di dollari, in aumento dell'8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, con una crescita quantificabile in 1,1 miliardi di dollari.

Per la prima volta nella storia, inoltre, Intel ha distribuito più di 100 milioni di microprocessori nell'arco di un solo trimestre. Nel report finanziario della società si leggono buone notizie per la divisione PC Client, che da sola ha generato 9,2 miliardi di dollari di fatturato (in aumento del 9% rispetto all'anno scorso), mentre paradossalmente Intel non riesce a sfruttare il crescente interesse maturato dall'utenza nei confronti delle tecnologie mobile.

La divisione Mobile and Communications ha di fatto realizzato una perdita di più di 1 miliardo di dollari nello stesso trimestre. I numeri sono comunque decisamente positivi nel complesso: Intel è riuscita ad avere utili per 3,3 miliardi di dollari, con un guadagno di 0,66 dollari per azione. Il produttore di Santa Clara ha generato circa 5,7 miliardi di dollari in liquidità dalle proprie operazioni, ha pagato dividendi per un valore di 1,1 miliardi di dollari e ha impiegato 4,2 miliardi di dollari per riacquistare 122 milioni delle proprie azioni.

"Siamo soddisfatti dei progressi realizzati dalla nostra azienda", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. "Abbiamo ottenuto il nostro miglior fatturato e solidi profitti nel terzo trimestre. Continueremo ad impegnarci al massimo, ma i risultati raggiunti ci danno la certezza che stiamo mettendo in pratica con successo la strategia di estendere i nostri prodotti ad una vasta gamma di nuovi ed interessanti mercati".

I numeri parlano chiaro: Intel riesce a sfruttare egregiamente i mercati in cui ha consolidato la propria presenza nel corso degli anni, tuttavia fatica maggiormente ad imporsi in quei mercati in cui la concorrenza è più forte e radicata. La divisione mobile, responsabile anche della vendita e della distribuzione di microchip per smartphone e tablet, è in forte perdita, anche se in proporzioni leggermente inferiori rispetto al trimestre precedente.

Si tratta di risultati in linea con le aspettative, che Intel aveva già preventivato prima del rilascio del rapporto finanziario. In paragone allo stesso periodo dello scorso anno fiscale, il fatturato della società è in crescita di 600 milioni di dollari, mentre gli utili vantano un aumento del 19%, in larga parte per via degli ottimi risultati fatti registrare dalla divisione PC.


23.14 | 0 komentar | Read More

Synology DS415+: NAS a 4 dischi per la piccola e media impresa

Le necessità di archiviazione dei dati e di backup di rete in una piccola e media azienda possono spesso venir gestite dall'integrazione, nella infrastruttura di rete, di un NAS dotato di un adeguato numero di hard disk. Grazie alla disponibilità di modelli da 6 Terabytes di capacità non è difficile raggiungere capienze massime molto elevate anche servendosi di NAS con 4 cassettini, riducendo l'ingombro e diminuendo il numero di dischi potenzialmente oggetto di guasti rispetto a modelli a 6 oppure 8 bay.

Synology DS415+ è un prodotto destinato proprio all'utilizzo all'interno dell'infrastruttura di rete di una piccola-media azienda, una delle tante presenti nel nostro circuito produttivo nazionale, forte del supporto alle tecniche di crittografia dei dati con le quali si rende ancor più sicuro il loro salvataggio e la protezione da accessi non autorizzati. Grazie all'engine di crittografia AES-NI la protezione addizionale dei dati avviene senza evidenti impatti sulle prestazioni velocistiche: Synology dichiara dati di 228 MB/s e 233 MB/s per lettura e scrittura sequenziali, valori che scendono a 232 MB/s e 206 MB/s quando viene abilitato il trasferimento crittografato dei file.

La crittografia AES 256-bit opera a livello di condivisione dei file, onde evitare tentativi di accesso non autorizzato ai files. Una cartella condivisa che sia stata crittografata non può venir utilizzata da utenti che siano sprovvisti della chiave di crittografia anche nel momento in cui la cartella venga spostata dal NAS ad un proprio dispositivo. E' inoltre possibile abilitare una verifica a due passaggi, che abilita l'invio su dispositivo mobile di una seconda chiave di accesso a 6 cifre utilizzabile una sola volta così da aumentare ulteriormente la sicurezza di quanto viene crittografato.

Il target della piccola e media impresa è in DS415+ rimarcato dalla certificazione per vari ambienti di virtualizzazione, come VMware, Citrix e Microsoft Hyper-V. Le tradizionali operazioni di backup dei dati contenuti nei vari PC presenti nella rete possono venir gestite con il servizio di backup in ambiente Windows o con Time Machine servendosi di sistemi Apple Mac. Accanto a queste forme tradizionali è possibile eseguire backup dei dati e delle applicazioni da DS415+ ad altra DiskStation Synology, a un server rsync, a una unità esterna collegata via USB o eSATA oppure ancora servendosi di un servizio di storage cloud. La tecnologia Synology High Availability permette inoltre di collegare in rete due NAD DS415+ identici in modo che uno operi come master, lasciando al secondo la funzione di replica che interviene a operare nel momento in cui il NAS principale dovesse avere un malfunzionamento di qualche tipo.

Le caratteristiche tecniche di DS415+ prevedono 4 cassettini per hard disk da 3 pollici e 1/2, compatibili anche con meccaniche da 2 pollici e 1/2 e ovviamente con SSD di identico form factor, per una capacità massima raw di 24 Terabytes ottenuta utilizzando 4 hard disk da 6 TB ciascuno senza alcun tipo di configurazione Raid. Synology, a questo indirizzo, fornisce una guida agli hard disk compatibili con i propri NAS a seconda del numero di bay; per DS 415+ i modelli da 6 TB certificati sono al momento quelli Western Digital WD60EFRX - 68MYMN1 e Seagate ST6000NM0024 - 1HT17Z.

Le modalità Raid a disposizione sono quelle 0, 1,5, 6 e 10 a seconda delle preferenze tra spazio di archiviazione, prestazioni velocistiche e ridondanza dei dati scelga l'utente. Non manca ovviamente la possibilità di utilizzare configurazioni JBOD (just a bunch of disks) e il Synology Hybrid Raid, un sistema di gestione dei dischi proprietario di Synology che permette di bilanciare capacità a ridondanza dei dati e che viene dall'azienda consigliato a quegli utenti che non conoscono, o non vogliono approfondire, le differenti modalità di configurazione di uan catena Raid. Il principio di funzionamento di Synology Hybrid Raid permette inoltre di gestire al meglio tutta la capienza a disposizione quando sono installati nel NAS dischi di capacità differente, mentre in una catena Raid lo spazio su un hard disk che eccede la dimensione dell'hard disk più piccolo nella catena rimane inutilizzato.

Cuore di questo NAS è un processore Intel Atom con architettura quad core, caratterizzato da una frequenza di clock di 2,4 GHz e memoria di sisytema di 2 Gbytes di tipo DDR3. Le due schede di rete Gigabit presenti nel pannello posteriore, di tipo failover e dotate di supporto a link aggregation per operare in parallelo, si affiancano a due connessioni USB 3.0 e una USB 2.0 (quest'ultima nel pannello frontale), mentre per il collegamento di un hard disk esterno è presente quale opzione anche un connettore eSATA.

La costruzione ricalca quella di altri NAS Synology di simile posizionamento sul mercato: i cassettini sono coperti da un guscio plastico inserito a pressione, tali da non richiedere alcun tipo di utensile per venir estratti dallo chassis. La parte posteriore vede accanto alle porte le due ventole di estrazione dell'aria calda, dal diametro di 92 millimetri ciascuna e caratterizzate da una buona silenziosità nel funzionamento.

Un design di questo tipo semplifica la procedura di installazione e configurazione, ma non fornisce alcun tipo di protezione dall'estrazione di uno dei dischi da personale non autorizzato. Se in ambiente domestico questo non rappresenta in genere un problema diverso è il discorso in ambito aziendale, dove un prodotto di questo tipo è meglio custodito all'interno di un armadio rack da parete.

Il sistema operativo Synology Disk Station è il cuore operativo di DS415+, al pari del resto di quanto proposto dagli altri NAS dell'azienda taiwanese. Oltre alle tradizionali funzionalità di gestione tipiche di un dispositivo NAS Disk Station permette di scaricare una serie di App, con le quali fornire a DS415+ una serie di funzionalità specifiche. Questo tipo di approccio è comune alle varie aziende impegnate nel settore dei NAS, per quanto le singole App siano compatibili solo tra dispositivi dello stesso produttoree sistema operativo, ed è una via molto pratica per arricchire le funzionalità del proprio NAS oltre a quelle tradizionali di backup.

Un prodotto senza fronzoli che bada alla sostanza, in grado grazie ai 4 cassettini di far fronte alle esigenze di archiviazione della maggior parte delle piccole e medie aziende e che grazie al ricco corredo di App accessorie si può adattare con flessibilità a scenari di uso che vadano oltre il backup e la condivisione dei files.


23.14 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger