Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

Google+ ed Hangouts si aggiornano con l'invio diretto di SMS ed altro

Written By komlim puldel on Rabu, 30 Oktober 2013 | 23.15

Google ha presentato alcune fra le novità del prossimo futuro in un evento organizzato per la stampa specializzata in San Francisco. Le nuove feature del social network proprietario Google+ interessano non solo la parte fotografica, espandendo i già presenti tool per la modifica manuale e automatica delle immagini inserite, ma anche quella più prettamente social.

La nuova funzionalità prevista per Hangouts fornisce adesso l'integrazione per la ricezione e l'invio di SMS diretti, che mira a ridurre la discontinuità fra i messaggi di testo tradizionali e le comunicazioni social tramite connessione dati. Gli utenti potranno inoltre usufruire dei nuovi strumenti per la creazione di immagini GIF e condividere la propria posizione con il servizio.

Per quanto riguarda il reparto fotografico saranno presenti strumenti che permetteranno di migliorare e modificare anche i video caricati sul social network, assieme alla possibilità di rimuovere oggetti in movimento su scatti multipli e isolare i soggetti dei ritratti. Inoltre è stato migliorato l'algoritmo per la selezione automatica dello scatto migliore e l'organizzazione delle fotografie.

Molti degli strumenti pensati per l'editing video mirano anche a semplificare i processi necessari per la modifica, con la realizzazione automatica, ad esempio, delle parti salienti prese da diverse clip e inserite in un unico contenuto. È possibile inoltre aggiungere rapidamente una traccia audio, e il sistema capirà autonomamente come tagliare il video e l'l'audio in modo da adattarsi alla lunghezza desiderata per il file multimediale completo.

Le nuove feature saranno presto disponibili sia nella versione per browser web desktop di Google+ che per le applicazioni mobile Android ed iOS.


23.15 | 0 komentar | Read More

Skype

scheda aggiornata 5 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 2 votazioni

Skype è un software che permette un semplice utilizzo delle tecnologie Voice Over IP.

Con la sempice installazione del client su due pc sarà infatti possibile realizzare una comunicazione audio di qualità soddisfacente.
Le funzioni avanzate permettono un logging delle conversazioni e la possibilità di conversare con un massimo in 4 interlocutori contemporaneamente.

Acquistando una scheda prepagata attraverso il sito ufficiale è possibile effettuare telefonate da pc a rete fissa a prezzi vantaggiosi, considerando le tariffe internazionali.


23.15 | 0 komentar | Read More

iPhone 5S: Apple conferma i difetti di fabbrica nelle batterie integrate

Il nuovo iPhone 5S dovrebbe avere un'autonomia significativamente superiore rispetto ai precedenti modelli, tuttavia in un numero non meglio precisato di unità del nuovo smartphone di Cupertino la batteria sembra esaurirsi rapidamente. Secondo il colosso americano, che ha confermato ed ammesso il problema, questo è dovuto a difetti di fabbrica di alcune fra le batterie integrate nei nuovi smartphone.

iPhone 5S, problemi batteria

"Abbiamo recentemente scoperto un problema di fabbricazione che ha coinvolto un numero molto limitato di dispositivi iPhone 5S che potrebbero causare tempi di ricarica più lunghi o ridotta autonomia operativa", sono le parole di Teresa Brewer, portavoce per Apple, che continua: "Stiamo contattando i nostri clienti con i telefoni affetti dal problema, a cui offriremo un modello sostitutivo."

Come riporta The Verge, Al momento risulta ignoto il numero delle unità di iPhone 5S difettose al lancio e sembra logico che Apple non voglia diffondere numeri più precisi, né che la situazione si diffonda partendo dagli stessi utenti. I nuovi iPhone hanno già visto alcuni problemi minori - e non solo - corretti fortunatamente con l'ultimo aggiornamento software e, vista l'incredibile diffusione nelle prime settimane, non è difficile che notizie negative sugli smartphone di Cupertino si diffondano a macchia d'olio con una rapidità estrema.

Non è la prima volta che Apple si vede affrontare un programma di sostituzione di batterie difettose. Nel 2006 alcuni MacBook videro dei problemi per via di alcune celle difettose prodotte da Sony, che avevano provocato addirittura delle esplosioni sulle unità con difetti di fabbricazione. Tuttavia, il nuovo caso che coinvolge i nuovi iPhone 5S non sembra così grave e la società si è mostrata più che incline a voler sostituire tutti i dispositivi in circolazione con difetti di fabbrica nelle batterie.

Al momento attuale sono più di 9 milioni gli iPhone venduti dal 20 settembre ad oggi su scala globale, cifra che Apple è riuscita a raggiungere dopo solamente un weekend di vendite su pochi paesi selezionati. È possibile fare una stima degli iPhone difettosi, che potrebbero essere poche migliaia di unità, una piccola percentuale rispetto al venduto complessivo in queste settimane.


23.15 | 0 komentar | Read More

Lo smartwatch Google Nexus è sempre più vicino

Google potrebbe rilasciare un nuovo smartwatch nei prossimi mesi. È quanto riportato da un nuovo articolo del WSJ, che sostiene che la società di Mountain View stia stabilendo con i fornitori cinesi le date per l'inizio della produzione di massa del nuovo prodotto.

Google Now smartwatch

Al momento si sta discutendo sulle tecnologie da adottare in modo da aggirare gli ostacoli che hanno riscontrato tutti gli altri produttori di smartwatch, che ne hanno reso difficile il lancio commerciale, non catturando se non in maniera blanda le attenzioni da parte del pubblico.

Samsung, Sony ed altre società hanno provato ad entrare nella nuova nicchia di mercato, e si parla anche di un ingresso da parte di Apple con un ipotetico iWatch. Tuttavia, secondo quanto riportato WSJ, il settore riceverà una forte ripresa solamente dopo l'ingresso di Google.

Lo smartwatch sarà basato essenzialmente su Google Now, l'assistente vocale tipico di Android e dovrebbe essere solamente distante di pochi mesi dal lancio commerciale. Sembra difficile che il nuovo prodotto di Mountain View possa supportare le nuove tecnologie di pannelli OLED flessibili. Come gli altri modelli, anche lo smartwatch di Google dovrà essere collegato ad uno smartphone o ad un altro dispositivo mobile per poter godere di tutte le funzionalità, ad esempio il supporto alla connettività di rete sarà prevista solamente tramite tethering via Bluetooth.

Il grosso dei lavori da parte di Google è stato compiuto soprattutto su nuove tecnologie di risparmio energetico dal momento che un orologio da polso deve necessariamente avere un'autonomia operativa superiore alla giornata intera, obiettivo non ancora raggiunto da altri produttori.


23.15 | 0 komentar | Read More

EIZO rilascia il primo monitor da gioco con refresh rate da 240Hz

EIZO Corporation ha annunciato oggi il nuovo FORIS FG2421, il primo monitor da gioco caratterizzato da un refresh rate di 240Hz. Destinato al videogiocatore hardcore, il nuovo FORIS dispone di un basso valore di input lag e modalità pensate specificatamente per i videogiochi più veloci, sviluppati assieme a gamer professionisti.

EIZO FORIS FG2421

Si tratta di una soluzione ideale per avere il miglior controllo possibile nelle fasi più frenetiche di sparatutto in prima persona, o giochi di corse o combattimento in cui è prevista azione adrenalinica, in cui sembra che i tradizionali 60Hz non bastino più. FORIS FG2421 è dotato di una nuova funzionalità chiamata Turbo 240 che converte i segnali da 120Hz trasformandoli a 240Hz gestendo in maniera innovativa la retroilluminazione a LED.

L'alta frequenza d'aggiornamento e il tempo di risposta inferiore al millisecondo permettono una riproduzione estremamente fluida dei contenuti di gioco, la migliore disponibile sul mercato a detta di EIZO, disponibile in un monitor per videogiocatori. Il nuovo monitor è il primo ad utilizzare un pannello LCD VA (vertical alignment), che garantisci ampi angoli di visuale (176°) e un rapporto di contrasto nativo di 5000:1.

EIZO ha progettato internamente il circuito integrato in modo che garantisse l'input lag inferiore possibile. Tutte le modalità software presenti, realizzate con in mente le diverse tipologie di videogiochi, sono compatibili con Windows Vista, 7 ed 8, mentre sul fronte connettività sono presenti porte HDMI, DisplayPort e DVI-D, in modo tale da poter essere utilizzato sia con PC che con le console più diffuse.

EIZO Turbo 240

Il nuovo FG2421 di EIZO supporta una risoluzione massima di 1920x1080 all'interno di una diagonale da 23.5". Disabilitando la modalità Turbo 240, il pannello utilizza un più tradizionale refresh rate di 120Hz, assieme ad una tecnologia ibrida per l'eliminazione di effetti di flicker a qualsiasi livello di luminosità.

EIZO FG2421 è venduto con una garanzia di cinque anni, al prezzo di 449€ nei mercati europei. Per conoscere ulteriori dettagli sul nuovo monitor gaming è possibile recarsi sul sito ufficiale della società.


23.15 | 0 komentar | Read More

TweakNow RegCleaner

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Utility che permette la pulizia del registro di Windows, eliminando ogni elemento non più utilizzato dal sistema e rendendo il pc più performante.

Il registro di Windows contiene una serie di informazioni relative ad impostazioni ed ai programmi installati.
Teoricamente disinstallando un'utility anche le relative chiavi di registro dovrebbero venire cancellate dal sistema, ma per varie ragioni ciò non sempre accade e richiede l'intervento di software simili a TweakNow RegCleaner.


23.15 | 0 komentar | Read More

29 milioni di copie vendute per GTA 5, ben al di là delle previsioni

Rockstar Games e Take-Two hanno annunciato che Grand Theft Auto V ha già distribuito 29 milioni di copie nelle sue prime sei settimane di presenza sul mercato.

Pur trattandosi delle copie vendute ai rivenditori e non delle unità complessive già acquistate dal pubblico, le cifre hanno già superato i numeri fatti registrare da Grand Theft Auto IV in cinque anni di presenza sul mercato.

Nome immagine

"Crediamo che Grand Theft Auto V sia il titolo che ha avuto più successo come rapidità delle vendite in tutta la storia dell'intrattenimento", hanno dichiarato i vertici di Take-Two, sottolineando anche gli 800 milioni di dollari realizzati durante le prime 24 ore di presenza nei negozi e il miliardo di dollari raggiunto dopo soli tre giorni.

"Durante il secondo trimestre dell'anno fiscale abbiamo ottenuti risultati record grazie al successo senza precedenti ottenuto da Grand Theft Auto V di Rockstar Games", ha commentato Strauss Zelnick, CEO di Take-Two.

"Il titolo ha ricevuto recensioni stellari, disintegrato i record dell'industria dell'intrattenimento e ha già distribuito circa 29 milioni di unità dal lancio. Lo straordinario successo di Grand Theft Auto V dimostra il momento positivo del nostro mercato e la costante passione dei consumatori per un intrattenimento digitale della miglior qualità possibile".

Nel trimestre che è terminato lo scorso 30 settembre, GTA V ha spinto i ricavi di Take-Two a 1.27 miliardi di dollari, rispetto ai 288 milioni di dollari nel medesimo periodo dello scorso anno. Zelnick ha evidenziato inoltre che lo straordinario successo del titolo di Rockstar è dovuto anche al suo lancio avvenuto nelle fasi conclusive dell'attuale generazione, quando la base installata di Xbox 360 e PS3 è ormai molto ampia.

Grand Theft Auto V è diventata anche la pubblicazione più rilevante di sempre su PlayStation Store, mentre su Xbox Live ha siglato nuovi record per quanto concerne i maggiori incassi al day one e nella prima settimana. La scorsa settimana Rockstar ha confermato che il primo DLC di GTA Online, intitolato "Beach Bum Pack", sarà scaricabile gratuitamente a novembre.

Per quanto riguarda gli altri prodotti di punta del publisher americano, Borderlands 2 ha venduto complessivamente 7.5 milioni di copie, cifra che è stata incrementata grazie alla pubblicazione della GOTY edition, avvenuta lo scorso 12 ottobre. Bioshock Infinite e Civilization V: Brave New World hanno invece catalizzato le vendite nel precedente trimestre.

Non sono mancate anche alcune indicazioni inerenti la nuova generazione ormai alle porte. "Attualmente abbiamo più di dieci titoli pianificati per la prossima generazione di console, incluse svariate release pianificate per l'anno fiscale 2015", ha concluso Zelnick.


23.15 | 0 komentar | Read More

Driver NVIDIA GeForce 331.58 WHQL

Written By komlim puldel on Rabu, 23 Oktober 2013 | 23.15

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Driver WHQL per schede video NVIDIA della famiglia GeForce ottimizzato specificamente per l'utilizzo con i giochi Batman: Arkham Origins e Battlefield 4. Di seguito le principali note fornite a corredo.

Release Summary

This Game Ready WHQL driver ensures you'll have the best possible gaming experience in Batman: Arkham Origins and Battlefield 4. GeForce Game Ready drivers also provide performance increases for a variety of different games.

New in GeForce R331 Drivers

  • Performance Boost – Increases performance by up to 13% for GeForce 400/500/600/700 series GPUs in several PC games vs. GeForce 327.23 WHQL-certified drivers. Results will vary depending on your GPU and system configuration. Here is one example of measured gains:

GeForce GTX 770/780/TITAN:

  • Up to 11% in Dirt: Showdown
  • Up to 9% in Metro: Last Light
  • Up to 8% in Sleeping Dogs
  • Up to 13% in Sniper Elite V2
  • SLI Technology
    • Batman: Arkham Origins – updated profile
    • Battlefield 4 – updated profile
    • Shadow Warrior – added DX9 profile
    • War of the Vikings – added DX11 profile
    • Dragon Sword - updated DX9 profile
    • GRID 2 - updated DX11 profile
    • Euro Truck Simulator 2 - updated profile
  • Gaming Technology
    • Civilization 5 – added HBAO+;
  • 4K Displays
    • Adds support for 4K Surround

Additional Details

  • Installs new PhysX System Software 9.13.0725.
  • Installs HD Audio v1.3.26.4
  • Installs GeForce Experience v8.3.23.1
  • Includes support for applications built using CUDA 5.5 or earlier version of the CUDA Toolkit.  More information at http://developer.nvidia.com/cuda-toolkit
  • Supports OpenGL 4.3 for GeForce 400-series and later GPUs.
  • Supports DisplayPort 1.2 for GeForce GTX 600 series GPUs.
  • Supports multiple languages and APIs for GPU computing: CUDA C, CUDA C++, CUDA Fortran, OpenCL, DirectCompute, and Microsoft C++ AMP.
  • Supports single GPU and NVIDIA SLI technology on DirectX 9, DirectX 10, DirectX 11, and OpenGL, including 3-way SLI, Quad SLI, and SLI support on SLI-certified Intel and AMD motherboards.

23.15 | 0 komentar | Read More

Nexus 5 in pre-order su eBay a 650$, ma attenti ai falsi

Come ampiamente prevedibile, a poche settimane dall'annuncio ufficiale del nuovo Nexus 5 sono apparsi i primi modelli in pre-ordine su eBay da alcuni rivenditori non autorizzati e non professionali. Da tempo ormai si susseguono le indiscrezioni sul nuovo modello Pure Google prodotto da LG, indiscrezioni lanciate quasi proprio da Google, con un easter egg particolarmente esplicito all'interno del video di presentazione di KitKat.

Nexus 5 su eBay

In Italia è stato lanciato da poco più un mese il Google Play Dispositivi, tramite il quale la stessa società di Mountain View propone i propri smartphone e tablet della serie Nexus a prezzi più che competitivi. Se in passato noi utenti italiani avremmo dovuto aspettare il rilascio tramite vie meno convenzionali, organizzare spedizioni oltre-oceano o da altri paesi europei o addirittura affidarsi a rivenditori eBay non autorizzati, come in questi casi, adesso la situazione è più rosea.

Nexus 5 sarà disponibile anche in Italia presso i canali ufficiali, e quindi non avremo bisogno di affidarci a seducenti offerte online a prezzi enormemente superiori a quelli richiesti originariamente da Google, pur di avere il nuovo Nexus anzitempo. I pre-ordini su eBay riescono a raggiungere anche quota 600$ per il modello da 16GB, mentre la variante da 32GB viene offerta a 50$ in più. Si tratta di prezzi ampiamente sopra la media rispetto a quanto riportano le prime indiscrezioni, che nella peggiore delle ipotesi rivendicano 399$ per il modello entry-level e 499 per la versione da 32GB.

All'interno delle pagine di prenotazione su eBay troviamo però anche qualche informazione più interessante. Le spedizioni dei primi modelli prenotati da alcuni rivenditori potrebbero essere avviate dal 7 al 20 novembre, che potrebbero rappresentare la data di lancio del nuovo Nexus 5, da accogliere come al solito con il massimo beneficio del dubbio.

Google non ha ancora annunciato un evento di lancio per il nuovo dispositivo e probabilmente vuole aspettare che si dissipi l'interesse dei consumatori verso i nuovi prodotti svelati da Apple nel corso dell'evento di ieri.


23.15 | 0 komentar | Read More

HWiNFO32

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 5 votazioni

HWiNFO32 è un tool diagnostico che supporta tutto l'hardware del proprio PC, permettendo di evidenziare in dettaglio quali ne siano i componenti utilizzati.

Di seguito le novità introdotte nella versione 4.22:

  • Added support of RTSS 5.3.2+ for OSD with up-to 4096 characters.
  • Added reporting of drive warning status based on SMART.
  • Added drive health status icon (OK/Warning/Failure) to summary window.
  • Improved enumeration of USB-ATA drives.
  • Enhanced sensor monitoring on ASUS A88X series.
  • Added reporting of GPU clock and improved support of Bay Trail.
  • Added nVidia Quadro K6000, GeForce GTX 760 Ti OEM.
  • Enhanced reporting of SATA features and current transfer rate.
  • Improved ICC support.
  • Enhanced sensor monitoring on ASUS A55M series.
  • Enhanced sensor monitoring on Intel DZ87 series.

23.15 | 0 komentar | Read More

Ecco il disco che può contenere dati senza corromperli per un milione di anni

I dischi magnetici hanno guidato il settore dello storage da più di 50 anni e se da una parte le tecnologie sono migliorate drasticamente per quanto riguarda la densità dei dati e l'efficienza energetica, dall'altra non è mai stato trovato un metodo che riuscisse a mantenere i dati senza corromperli in alcun modo per un periodo più lungo di una decina di anni, in media.

Disco storage resiste per un milione di anni

Ma sembra che grazie ad una nuova tecnologia sviluppata da alcuni ricercatori dell'Università di Twente in Olanda si è trovato un modo per riuscire a contenere i dati in un disco anche per tempistiche superiori al milione di anni. Per riuscire nell'encomiabile intento sono stati compiuti degli studi sui motivi per cui si deteriorano i dati nel tempo. Si è scoperto che per riuscire a fermare l'inevitabile corruzione dei file contenuti su un disco è necessario che ogni singolo bit che compone un determinato dato sia separato dall'altro.

"Il concetto è basato sull'idea che i dati debbano essere immagazzinati in modo tale da essere separati gli uni dagli altri da una barriera energetica. In questo modo, per corrompere i dati convertendo uno 0 in un 1, per esempio, è necessaria una forza energetica tale da superare questa barriera", si legge su Technology Review, che continua: "Alcuni semplici calcoli rivelano che per far sì che i dati rimangano invariati per un milione di anni, la barriera energetica richiesta è di 63KBT, che diventano 70 per arrivare ad un miliardo di anni."

"Si tratta di limiti perfettamente raggiungibili dalle tecnologie attuali", affermano gli esponenti del team olandese, che hanno di fatto prodotto un disco di storage con le caratteristiche sopra elencate. Il risultato è stato un sottile disco in tungsteno (metallo con un elevata temperatura di fusione e basso coefficiente di dilatazione termica) inciso, con finitura protettiva esterna in nitruro di silicio.

Secondo la Legge di Arrhenius, un disco in grado di sopravvivere per un milione di anni in condizioni ideali sarebbe sopravvissuto per circa 1 ora alla temperatura di 172°C. L'esperimento del team olandese si è spinto molto oltre, resistendo fino alla temperatura di 575° prima di perdere parte consistente dei dati contenuti al suo interno.

Una scoperta di questo tipo non è di certo pensata per il mercato consumer, né mai potrà vedere la luce in settori se non decisamente specifici. Un primo risultato potrebbe essere la capacità di conservare la mole di dati attuali all'interno di dischi da destinare alle civiltà future, tuttavia c'è da precisare che la nuova tecnologia può resistere nel corso degli anni in condizioni ottimali, e non sotto vessazioni estreme come ad esempio calamità naturali estremamente consistenti.


23.14 | 0 komentar | Read More

iWork e iLife gratis sui nuovi dispositivi iOS, aggiornata l'interfaccia delle app mobile

Nel corso della serata Apple ha svelato tutta una serie di novità per le nuove applicazioni delle suite iWork e iLife, rispettivamente incentrate su un utilizzo di tipo professionale e ricreativo. Tutte le app per dispositivi mobile sono state aggiornate con nuove icone e un'interfaccia grafica più coerente con iOS 7.

Apple iWork

Ogni applicazione presenta inoltre delle novità sostanziali dal punto di vista delle funzionalità integrate, come il supporto ad AirDrop per condividere foto o documenti con utenti che si trovano vicino a noi. Durante l'evento è stato mostrato come sia semplice produrre un documento con un dispositivo mobile, per continuarlo con un Macbook e poi finirlo con un iMac, il tutto grazie ad iCloud e senza la necessità di dover trasferire mano a mano i file.

Novità sostanziali per quanto riguarda i prezzi di tutte le applicazioni di iWork e iLife su iOS, queste saranno proposte gratuitamente per tutti coloro che acquisteranno un nuovo dispositivo iOS della società o che hanno acquistato almeno uno smartphone o un tablet dopo l'1 settembre 2013. Per disporre della versione gratuita è necessario aver installato iOS 7.

Garage Band, differentemente, diventa gratuita per tutti gli utenti ma per poter disporre del pacchetto contenente tutti gli strumenti musicali e gli effetti bisogna procedere tramite acquisto in-app del valore di 4,49€. Fra le altre applicazioni Apple, viene aggiornata anche Podcast, mentre altre aspettano ancora la piena compatibilità con la nuova interfaccia di iOS 7, come ad esempio Remote, per il controllo da remoto di iTunes.

Di seguito riportiamo i link per scaricare le applicazioni delle suite iWork e iLife, con i relativi prezzi se non si è un nuovo acquirente iOS. Tutte le applicazioni sono universali, ovvero funzionano sia su smartphone che su tablet, e anche su iPod touch:

iWork

iLife

È possibile trovare ulteriori informazioni all'interno del sito ufficiale di Apple.


23.14 | 0 komentar | Read More

Panasonic e Sony al lavoro su fotocamere pro con supporto video 4K

È relativamente poco che i video Full HD popolano in lungo e in largo il mercato delle fotocamere (reflex, mirrorless e compatte), ma già il prossimo passo evolutivo fa capolino nel mercato. UltraHD o 4K sono le parole d'ordine del momento in ambito video e le risoluzioni 4 volte maggiori del 1080p stanno cominciando a sconfinare dal settore delle videocamere professionali ai prodotti ibridi, come le fotocamere con spiccata vocazione video.

Canon EOS 1D-C è il prodotto che ha aperto la via allo sbarco dell'Ultra HD sulle reflex, ma la concorrenza non sta a guardare ed è pronta a mettere sul piatto le proprie proposte. In ambito video i due nomi che più hanno presentato proposte 4K nell'ultimo periodo sono i nipponici Sony e Panasonic ed entrambi i marchi orientali sono, stando alle indiscrezioni, al lavoro per reflex/mirrorless dotate di supporto video 4K.

Negli scorsi giorni, a margine della presentazione delle nuove mirrorless full frame Sony Alpha A7/A7r, Sony ha detto di avere altro in serbo, lasciando intendere che il prodotto andrà a posizionarsi al top della gamma. I bene informati sono riusciti a strappare qualche dettaglio in più e dicono che le nuove fotocamere saranno ben due: una simil-reflex dalla vocazione sportiva e una maggiormente specializzata in ambito video, proprio grazie al supporto 4K.

Il rumor di oggi, pubblicato da EOSHD, generalmente poco propenso a inseguire notizie poco fondate, parla invece di Panasonic Lumix GH4: non semplicemente l'erede di GH3, ma un prodotto che si posizionerà a quasi tremila dollari di listino ma che offrirà riprese 4K/24/25/30fps, sensore da 16 megapixel, campionamento 4:2:2 a 10bit (probabilmente con codec AVC Ultra), con opzioni 200Mbit MP4 ALL-I e 100Mbit IPB. Si tratta di un prodotto che punta a stuzzicare il pubblico professionale appassionato di Panasonic che in questo momento sta guardando con interesse una reflex come Canon EOS 1D-C.

Lumix GH3 vedrà poi la sua erede in GH5, con il consueto 'salto' del numero 4 che, per ragioni di scaramanzia, non viene utilizzato dai giapponesi di Panasonic. In questo caso però la tentazione, vista la sovrapposizione tra GH4 e 4K, deve essere stata troppo forte.


23.14 | 0 komentar | Read More

HWiNFO64

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

HWiNFO64 è un tool diagnostico che supporta tutto l'hardware del proprio PC, permettendo di evidenziare in dettaglio quali ne siano i componenti utilizzati. Compatibile con le versioni a 64bit dei sistemi operativi Microsoft Windows.

Di seguito le novità introdotte nella versione 4.22:

  • Added support of RTSS 5.3.2+ for OSD with up-to 4096 characters.
  • Added reporting of drive warning status based on SMART.
  • Added drive health status icon (OK/Warning/Failure) to summary window.
  • Improved enumeration of USB-ATA drives.
  • Enhanced sensor monitoring on ASUS A88X series.
  • Added reporting of GPU clock and improved support of Bay Trail.
  • Added nVidia Quadro K6000, GeForce GTX 760 Ti OEM.
  • Enhanced reporting of SATA features and current transfer rate.
  • Improved ICC support.
  • Enhanced sensor monitoring on ASUS A55M series.
  • Enhanced sensor monitoring on Intel DZ87 series.

23.14 | 0 komentar | Read More

HTC One Max, grosso anche nel prezzo

Written By komlim puldel on Rabu, 16 Oktober 2013 | 23.15

Presentato al pubblico due giorni fa, One Max è il phablet da 6 pollici di HTC che si pone in netta contrapposizione al Galaxy Note di Samsung e allo Xperia Z Ultra di Sony. La società taiwanese non ha ancora divulgato però ufficialmente la strategia di prezzi che vuole intraprendere con il nuovo prodotto, che secondo le prime indiscrezioni non sembra per tutti.

HTC One Max

Una fonte cinese avrebbe infatti rivelato l'informazione a GSM Insider, secondo cui il nuovo HTC One Max potrebbe costare fino a 899$, il taglio di prezzo più vicino ai 5.088 Yuan indicati per il mercato cinese, se acquistato senza la sottoscrizione di un contratto presso un operatore telefonico. Il prezzo, secondo la fonte, sarebbe giustificato anche dal bundle di accessori extra che la società taiwanese offrirà all'acquirente del grosso smartphone, che includerà un HTC Mini (di fatto una sorta di feature phone) ed un auricolare Bluetooth. Non è chiaro se il bundle sia previsto in tutto il mondo o solamente nel mercato cinese.

Tuttavia una speranza arriva dal rivenditore online inglese Handtec, tramite il quale è possibile accedere al pre-order di HTC One Max a 587,99£. In maniera abbastanza verosimile possiamo percepire quali saranno le strategie di mercato del produttore taiwanese, il quale potrebbe piazzare a 699€ il nuovo prodotto sul mercato europeo e quindi proporlo ad un prezzo simile anche nel mercato italiano.

Un po' di delusione c'è in effetti, dal momento che considerate le caratteristiche tecniche leggermente inferiori rispetto alla concorrenza diretta si poteva sperare in un prezzo d'accesso al pubblico più basso, in modo da aggredire un settore di mercato già occupato da tempo da nomi forti come Samsung e Sony. HTC inoltre ha un'ingente necessità di generare utili dai propri smartphone, soprattutto dopo la pubblicazione degli ultimi risultati trimestrali, in rosso per la prima volta nella storia della società.

HTC One Max è stato svelato pubblicamente il 14 ottobre 2013, per saperne di più sul phablet taiwanese da 6 pollici è possibile trovare ulteriori informazioni in questa pagina.


23.15 | 0 komentar | Read More

Intel Atom Z3770: la nuova piattaforma per tablet in test

E' stato in occasione del proprio Developer Forum, tenutosi a San Francisco lo scorso mese di Settembre, che Intel ha presentato la nuova generazione di piattaforme Atom per sistemi tablet basate su architettura nota con il nome in codice di Bay Trail. Queste soluzioni, tra le quali il modello Atom Z3770 rappresenta la proposta top di gamma, introducono per la prima volta architettura quad core nelle soluzioni della famiglia Atom abbandonando la tecnologia HyperThreading; alla base il processo produttivo a 22 nanometri, grazie al quale Intel è riuscita ad aumentare la complessità dell'architettura Atom mantenendo dimensioni del die e consumi su valori compatibili con la destinazione d'uso mobile di questi dispositivi.

Alla base della piattaforma Bay Trail troviamo le CPU Atom basate su architettura nota con il nome in codice di Silvermont, soluzione che verrà adattata da Intel per utilizzi di tipo differente passando dai tablet agli smartphone, sino ai sistemi di networking giungendo alle soluzioni desktop tradizionali. Nel corso dei prossimi anni Intel proporrà nuove evoluzioni dell'architettura Atom abbinate a processi produttivi sempre più sofisticati, andando a colmare il divario tecnologico in passato esistente nel confronto con le soluzioni della famiglia Core.

slide_6.jpg (46639 bytes)

Intel ha già indicato come la futura evoluzione dell'architettura Silvermont verrà proposta con tecnologia a 14 nanometri, prendendo il nome di Airmont. A seguire una nuova architettura, seguendo in questo l'approccio tick-tock reso popolare dalle soluzioni della famiglia Core, prodotta sempre con tecnologia produttiva a 14 nanometri ma per la quale non è stato ancora definito un nome in codice specifico.

La novità architetturale principale in Silvermont riguarda il design della componente CPU, che è di tipo Out of Order a sostituire quello In Order adottato in precedenza da Intel per tutte le CPU della famiglia Atom. La risultante è un notevole incremento delle prestazioni, soprattutto a livello di singolo core, ovviando ad una delle principali limitazioni delle soluzioni Atom del passato. Intel ha scelto di mantenere l'ampiezza dell'architettura sempre a 2 vie, così da non aumentare eccessivamente la complessità architetturale di queste CPU onde mantenere sotto controllo dimensioni e consumi, ma ciò nonostante il boost prestazionale rispetto alle soluzioni di precedente generazione rimane significativo.

Intel ha scelto di non integrare nelle soluzioni Silvermont la tecnologia HyperThreading, preferendo i soli core fisici; oltre a questo troviamo un set di istruzioni supportato più esteso che prevede ora compatibilità con SSE4.1, SSE4.2, POPCNT e AES-NI. Non manca a livello di architettura la compatibilità con codice a 64bit ma questa caratteristica verrà abilitata da Intel solo per le CPU basate su architettura Silvermont che possano realmente beneficiare, per il loro target di utilizzo di riferimento, di tale funzionalità.

slide_4.jpg (66406 bytes)

Silvermont è basato su un design a moduli: in questo modo Intel pone le basi per gli sviluppi futuri, con l'utilizzo di più di due moduli a creare CPU con un numero di core superiore a 4. Ogni modulo integra due core x86 e una cache L2 unificata, in quantitativo che può raggiungere 1 Mbyte come massimo: non cambiano le cache L1 abbinate a ciascun core, che rimangono pari a 32KB per i dati e a 24KB per le istruzioni come per l'attuale generazione di CPU Atom.

Anche in Silvermont troviamo tecnologia Turbo, indicata come Burst Technology 2.0. Attraverso l'utilizzo di una unità di controllo e gestione integrata nella CPU è ora possibile allocare dinamicamente del budget termico e di alimentazione a differenti componenti del processore, facendo in modo che la frequenza di clock possa raggiugere i valori stabiliti dalla tecnologia Turbo Boost nel momento in cui vi siano i margini adeguati tanto in termini di dissipazione termica come di alimentazione.

slide_5.jpg (72644 bytes)

La tecnologia Turbo Boost può inoltre operare, per periodi di tempo brevi, anche andando oltre il picco massimo predefinito nel momento in cui il margine termico a disposizione sia adeguato. L'implementazione in Silvermont permette inoltre di gestire anche il funzionamento della GPU integrata, bilanciandone le frequenze di clock Turbo con quelle della CPU in funzione del tipo di lavoro richiesto.

La componente GPU integrata all'interno delle CPU appartenenti alla famiglia Silvermont ha ricevuto notevoli migliorie rispetto a quanto adottato da Intel in precedenza. Abbiamo ora compatibilità con le APU DirectX 11, oltre che Open GL ES 3.0, capace di prestazioni velocistiche medie che vengono indicate da Intel essere superiori sino a 3 volte a quanto precedentemente a disposizione. Sono 4 le Execution Units integrate in questa GPU, capace di una frequenza di clock di picco che raggiunge i 667 MHz; tra le peculiarità di questa GPU segnaliamo l'integrazione di un encoder H.264 a basso consumo.


23.15 | 0 komentar | Read More

Trimestrale Yahoo!: in leggero calo fatturato e utili, ma cresce il traffico

Yahoo! ha rilasciato i risultati del terzo trimestre fiscale conclusosi il 30 settembre. La compagnia ha registrato un fatturato di 1,139 miliardi di dollari nel periodo in esame, che rappresentano una flessione del 5% rispetto al fatturato del terzo trimestre del 2012. Gli utili, esclusi i costi di acquisizione traffico, è stato di 1,081 miliardi di dollari, anche in questo caso con una flessione dll'1% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

Marissa Mayer, CEO di Yahoo!, ha commentato: "Sono molto soddisfatta di quanto abbiamo compiuto, specialmente per i continui investimenti e per il rafforzamento del nostro core business. Nel terzo trimestre abbiamo proposto nuove esperienze utente per molte delle nostre attività quotidiane digitali - Yahoo Screen, My Yahoo, Fantasy Sport e molto altro. Ora che più di 800 milioni di utenti al mese sono su Yahoo! - con una crescita del 20% sugli utlimi 15 mesi - stiamo raggiungendo risultati significativi nel loro coinvolgimento e nel traffico".

I Paid Click crescono del 21% rispetto al terzo trimestre del 2012, parallelamente ad una flessione del 4% circa nel Price-per-Click e di una contrazione del 7% nel Price-per-Ad complessivo. Nel trimestre la compagnia ha portato a termine ben otto acquisizioni strategiche per il rafforzamento della proposta commerciale, dell'offerta di contenuti e delle tecnologie e competenze: Bignoggins, Qwiki, Xobni, Admovate, Ztelic, Lexity, Rockmelt e IQ Engines.

"Durante il terzo trimestre abbiamo generato un flusso di cassa di 249 milioni di dollari e restituito 1,7 miliardi di dollari agli azionisti mediante azioni di buyback. Usciamo dal terzo trimestre soddisfatti della forza del nostro bilancio con circa 3,2 miliardi di dollari in liquidità e titoli" ha affermato Ken Goldman, CFO per Yahoo!.


23.15 | 0 komentar | Read More

VirtualBox

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 5 votazioni

VirtualBox è un sistema di virtualizzazione per sistemi con architettura x86. VirtualBox è inoltre uno strumento altamente flessibile e può essere utilizzato sia in ambienti server, sia in quelli desktop. Attualmente si tratta di una delle poche soluzioni per la virtualizzazione di livello professionale ad essere disponibile come software open source.

Ecco l'elenco delle novità di questa nuova release:

  • GUI: use the number of physical cores for the recommendation for the maximum number of virtual CPUs
  • GUI: fixed crash during medium enumeration
  • GUI: NLS updates
  • Linux hosts: fixed udev rule priority on certain Linux distributions
  • 3D: fixed hang on X11 hosts with 3D enabled
  • 3D: Google Earth fixes for Windows guests running the WDDM driver
  • 3D seamless fixes
  • 3D: fixed Aero 3D rendering for Vista guests, see here.
  • 3D: fixed 3D isNewKey warning for Fedora guests, see here.
  • EFI: several fixes
  • ExtPack installer doesn't like funny characters in installation path
  • IDE/SATA: fix for newer Linux kernels not detecting a hard disk as SSD when using the IDE or SATA controller
  • IDE/SATA: Store the passthrough flag for CD/DVD drives even if there is no medium attached
  • Guest Control: several fixes
  • Clipboard: fixed a potential segfault when working with UTF8 and UTF16 text content (Mac OS X hosts only)
  • Linux hosts: fix for GUI not starting without specifying a password
  • Mac OS X hosts: limited support for Mavericks (we are aware of the kext signing warning)
  • Mac OS X guests: several fixes
  • Windows hosts: try to fix the nasty Cannot rename this connection problem during installation
  • Windows Additions: fixed memory leak with certain Windows guests

23.15 | 0 komentar | Read More

Nexus 5 e Android 4.4 KitKat: Google rivela la data di lancio con un 'indovinello musicale'

Potrebbe essere proprio il 28 ottobre la data di lancio dei nuovi prodotti di Mountain View, gli attesi Android 4.4 KitKat, l'aggiornamento del sistema operativo mobile disponibile a breve su tutti i dispositivi della serie Nexus, e appunto il nuovo Nexus 5. Si tratta forse della data più logica, dal momento che il modello precedente era stato svelato il 29 ottobre del 2012.

Google annuncia implicitamente l'evento del 28 ottobre

La data è stata divulgata implicitamente dalla stessa Google nella pagina Twitter @KitKat, in cui sono stati pubblicati alcuni "post teaser" che riportano i titoli di alcune produzioni di stampo artistico e musicale, a distanza di un giorno l'uno dall'altro. La prima raffigurava la scritta "Everybody dance now!", riferimento esplicito alla canzone "Gonna Make You Sweat" della C+C Music Factory, il cui nome originale era in precedenza The 28th Street Crew.

In quel primo momento le indiscrezioni parlavano di una data di lancio del 18 ottobre, smentita ampiamente dall'immagine rilasciata proprio nel pomeriggio del 16 ottobre. Questa riporta la scritta "This is it", il nome di un film documentario basato sulla vita di Michael Jackson, pubblicato proprio il 28 ottobre. Entrambi i titoli segnalati hanno riferimenti impliciti per quanto riguarda la data del 28 ottobre e non sembra una coincidenza, soprattutto considerando le tempistiche adoperate da Google negli anni passati.

La nuova data inoltre coincide con alcune indiscrezioni riguardo ad accessori messi in prevendita da Spigen, che saranno resi disponibili solamente il 31 ottobre. Nel corso dell'evento, Google presenterà con buona probabilità Nexus 5 e Android 4.4 KitKat, mentre è in forse la presenza di uno smartwatch della serie Nexus, chiamato secondo le ultime indiscrezioni "Gem". L'annuncio ufficiale della data dell'evento sembra ormai imminente.


23.15 | 0 komentar | Read More

L' Irlanda contro l'elusione fiscale di Apple? Quasi

Il governo irlandese sta lavorando ad una proposta di legge per eliminare quella scappatoia che appositamente sfruttata permette a varie aziende estere di adottare pratiche di elusione fiscale, risultando di fatto senza alcun domicilio fiscale e sfuggendo quindi dalle giurisdizioni del paese ospitante (in questo caso la stessa Irlanda) e di quello d'origine.

Il nodo cruciale è una norma del diritto fiscale irlandese che dispone che una compagnia debba rispondere alla giurisdizione fiscale del Paese da cui è gestita o, per rientrare nella giurisdizione irlandese, deve essere gestita e controllata in loco. Ciò significa che la normale tassazione del 12,5% prevista dalle leggi irlandesi non si applica per quelle realtà dove l'eventuale sede sul territorio dell'Irlanda viene gestita direttamente dal quartier generale del paese di origine.

Una tra le più note realtà statunitensi che beneficia degli effetti di questa scappatoia è Apple: come è emerso durante l'estate nel contesto di un'interrogazione parlamentare USA, la Mela detiene gran parte dei suoi capitali proprio in Irlanda, dove tramite Apple Operations International che ha sede nella cittadina di Cork gestisce in realtà tutte le attività legate ai mercati EMEA ed Asia/Pacific. In altri termini: tutti i profitti che Apple genera da queste attività sono incanalati attraverso Apple Operations che resta, per i motivi di cui sopra, al di fuori della giurisdizione fiscale irlandese ma al contempo anche di quella statunitense.

Il ministro delle finanze irlandese, Michael Noonan, ha dichiarato: "Porterò avanti un cambiamento per assicurare che le compagnie che operano in Irlanda non possano non avere un domicilo fiscale. L'Irlanda vuole essere parte della soluzione a questo problema globale di tassazione, non parte del problema".

Secondo quanto dichiarato però da un portavoce del Ministero delle finanze irlandese, sembra però che la nuova norma non avrà in realtà conseguenze particolari: i pochi dettagli disponibili relativi alla misura proposta indicano infatti che l'azienda estera dovrà semplicemente dichiarare quale sia il proprio domicilio fiscale, lasciando quindi la possibilità di indicare qualsiasi altro paese con tassazione nulla.


23.15 | 0 komentar | Read More

SIW

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

SIW è un software in grado di fornire informazioni dettagliate in merito all'hardware e al software installato sul PC. A queste funzionalità di base si aggiungono alcuni tools utili per l'individuazione di malfunzionamenti e varie opzioni di reportistica. Nelle versioni commerciali del software sono disponibili alcune opzioni da riga di comando e la possibilità di creare ad hoc degli script da condividere con altre postazioni.


23.15 | 0 komentar | Read More

Apple nettamente primo produttore di smartphone in America, Android il SO più diffuso

Written By komlim puldel on Rabu, 09 Oktober 2013 | 23.15

Secondo quanto riportato dai dati trimestrali di comScore, Apple è in crescita sul mercato statunitense mentre i dispositivi Android in generale riportano una leggera flessione. Escluso Apple e Samsung, che crescono rispettivamente dell'1,5 e dell'1,3%, tutti gli altri produttori vedono una piccola perdita nelle quote di mercato, mentre Microsoft ed LG restano sostanzialmente stabili.

Sono 145 milioni gli utenti statunitensi che dispongono di uno smartphone durante il periodo trimestrale analizzato da comScore terminato nel mese di agosto: la crescita rispetto a maggio è del 3%.

Leggendo i dati per quanto riguarda i produttori di smartphone, Apple al primo posto occupa il 40,7$ del mercato, seguita da Samsung con il 24,3%. I due competitor in sostanza vendono il 65% di tutti gli smartphone distribuiti in America, lasciando solamente una minoranza alle società restanti. HTC, nello specifico, in flessione dell'1,3% ha solamente il 7,4% delle quote di mercato, seguita da Motorola ed LG, con rispettivamente il 6,9 e il 6,7%.

comScore analisi mercato smartphone agosto 2013

Per quanto riguarda invece la diffusione dei sistemi operativi è Android ad avere la leadership, grazie al numero nettamente superiore di modelli che occupano fasce di mercato diverse fra di loro. Tuttavia il risultato, come detto poco sopra, è leggermente in declino rispetto al trimestre precedente, di circa lo 0,8%.

Analisi mercato smartphone agosto 2013

iOS (40,7%) e Android (51,6%) occupano oltre il 90% del mercato, seguiti da BlackBerry OS e Windows Phone. Symbian, ancora presente nelle analisi di comScore e che il supporto verrà dismesso il prossimo 1 gennaio, detiene lo 0,3% delle quote di mercato americane, in leggerissimo declino rispetto a maggio 2013.


23.15 | 0 komentar | Read More

Thief: torna un classico della storia dei videogiochi

Uscito nel 1998, e sviluppato da Looking Glass, il primo Thief, con sottotitolo The Dark Project, era un gioco per hardcore gamer, ma non nell'accezione che il termine ha oggi, ma in quella che aveva allora. Insomma, era già un gioco per la nicchia, uno di quei titoli che se li dai a un ragazzino di oggi te li restituisce immediatamente, frustrato dopo pochi minuti di gioco. Ambientato in un affascinante contesto medievale, metteva i giocatori nei panni di un ladro provetto e li spingeva a sperimentare con tutta una serie di armi dell'epoca. Ogni passo doveva essere studiato a fondo, mentre l'interazione con gli scenari risultava fondamentale, così come stare sempre al buio. La morte era continuamente dietro l'angolo, così come il fallimento, ma questo rendeva d'altra parte estremamente gratificante portare a termine le missioni.

Thief ebbe altri due capitoli: The Metal Age (nel 2000) e Deadly Shadows (nel 2004), quest'ultimo sviluppato da Ion Storm. Furono due giochi altrettanto interessanti, ma probabilmente non riuscirono a evolvere Thief al punto da farlo amare anche dalle nuove generazioni. Per quanto la serie, per gli hardcore gamer, quelli con la H maiuscola, sia stata sempre interessante e coinvolgente.

Adesso è Eidos Montreal che tenta di portare Thief nella modernità. Si tratta del team di sviluppo dell'osannato Deus Ex Human Revolution, un titolo che riusciva a trasmettere quella sensazione di essere lasciati al proprio destino, senza troppi aiuti che ti guidano verso la strada giusta, che trasmettevano in maniera più intensa i giochi old-school. Eidos Montreal quindi da un lato vuole rendere Thief più compatibile con il pubblico d'oggi, ma d'altra parte non vuole perdere quel livello di difficoltà, e quella sensazione di gratificazione che si aveva nel momento in cui si portavano a termine i colpi. Per tutto questo, un giocatore di vecchia data deve essere contemporaneamente sia preoccupato, per le inevitabili semplificazioni, ma anche entusiasta del fatto che una serie talmente elitaria sopravviva fino a oggi.

Dopo queste prime due ore di hands-on siamo assolutamente soddisfatti del lavoro di Eidos Montreal, perché Thief è complesso e appagante come era una volta, e inoltre cita il gioco originale in diversi aspetti. Lo abbiamo provato su PC, benché il gioco sia previsto anche nei formati di nuova generazione (oltre che in quelli di attuale generazione). In questo momento, è infatti difficile vedere la versione next-gen, semplicemente perché ancora non sono arrivate le nuove console nelle sedi europee dei vari produttori di videogiochi (abbiamo fatto il nostro test nella sede di Halifax, che si occupa della parte PR e marketing di Square Enix).

Torna, ovviamente, Garrett, sebbene in una veste moderna più accattivante. Garrett è un master thief, come ben sappiamo dalla tradizione della serie, mentre il gioco è ambientato in una città conosciuta semplicemente come The City che mischia arte vittoriana ad elementi cyberpunk. Un'epidemia si è diffusa per la città e questo ha portato al malcontento della gente e alla conseguente ribellione.

La Golden Age è terminata, mentre nella città si nota una crescente presenza militare. Questi elementi rendono la City molto diversa rispetto alla tradizione della serie. Il giocatore deve muoversi per le strade sempre con grande circospezione, mentre ha a che fare con ambienti di gioco finemente dettagliati e realistici. L'ambientazione medievale resta sempre al cuore dell'esperienza di gioco, e non potrebbe essere altrimenti visto che parliamo sempre di Thief. Graficamente, inoltre, Eidos Montreal ha fatto un sontuoso lavoro, che permetterà anche a chi gioca su console, e che acquisterà Xbox One e PS4, di godersi un mondo di gioco attentamente dettagliato.

Le illuminazioni sono precise e fedeli, mentre effetti di riempimento poligonale rendono la pavimentazione e i muri densi e credibili. Sembra di giocare quasi all'interno di un film, anche perché gli ambienti di gioco sono sempre molto ristretti (ahimé tornare a giocare a qualcosa di "normale" in termini di grandezza degli scenari dopo Gta 5 è tristemente difficile), e questo ha consentito agli sviluppatori di mettere molto dettaglio in quasi ogni elemento e di riempire i locali chiusi con tantissimi oggetti, con i quali Garrett ovviamente puù interagire. Abbiamo, quindi, mondi aperti molto dettagliati con texture in alta risoluzione e una nebbia molto fitta che dà una forte caratterizzazione scenica.

Un punto cruciale per Eidos Montreal è quello di portare Thief alle nuove generazioni e renderlo adatto ai nuovi hardware. È per questo che ha dotato il gioco di una consistente componente cinematografica, che mette enfasi sul furto in un nuovo modo epico e spettacolare.


23.15 | 0 komentar | Read More

Hard Drive Inspector

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Programma che verifica le condizioni di utilizzo del proprio hard disk, effettuando una stima di quelli che potrebbero essere possibili errori di funzionamento e quindi conseguenti perdite dei dati. Versione Trial per 30 giorni di funzionamento.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuovi update Microsoft: risolta vulnerabilità in Internet Explorer

Nell'appuntamento mensile con gli aggiornamenti distribuiti da Microsoft per ottobre 2013 figura un'importate patch dedicata a Internet Explorer che permette di risolvere una vulnerabilità nota dal mese di settembre. Ci riferiamo più precisamente all'exploit denominato CVE-2013-3893 del quale abbiamo parlato in questa pagina.

Microsoft aveva in un primo tempo diffuso un "Fix It" corredato anche da alcune raccomandazioni utili a limitare i rischi potenziali, ma era comunque attesa una patch definitiva che solo in queste ore è stata distribuita.

Il problema di sicurezza permetteva a un potenziale malintenzionato di eseguire codice sul PC dell'utente da remoto; per portare a termine tale azione malevola era necessario che il browser accedesse a una pagina appositamente creata, inoltre il codice veniva eseguito con gli stessi privilegi utente in possesso del browser web.

Oltre all'aggiornamento dedicato a Internet Explorer Microsoft ha distribuito altri tre bollettini di sicurezza definiti critici e 4 importanti dedicati a Windows, Internet Explorer, SharePoint, .NET Framework, Office e Silverlight. Con questo update vengono risolte 26 vulnerabilità. Gli update sono in fase di distribuzione con i consueti strumenti di aggiornamento previsti dai sistemi operativi Microsoft.


23.15 | 0 komentar | Read More

Data di lancio e prezzi iPhone 5S e 5C in Italia finalmente annunciati

iPhone 5S e 5C sono stati annunciati ufficialmente il 10 settembre, mentre la commercializzazione è stata avviata solamente in alcuni paesi selezionati il 20 dello stesso mese. Nonostante l'assenza di molti paesi importanti i due smartphone hanno fatto registrare risultati record nelle vendite delle prime settimane.

iPhone 5S e 5C data di rilascio e prezzi in Italia

La società di Cupertino ha annunciato che iPhone 5S e 5C verranno commercializzati in Italia ed in altre 24 nazioni differenti il prossimo 25 ottobre. Di seguito menzioniamo tutte le nazioni coinvolte nel secondo roll-out: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Antille francesi, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macao, Malta, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Reunion, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan e Tailandia.

A queste seguiranno altri 16 paesi l'1 novembre, fra cui: Albania, Armenia, Bahrein, Colombia, El Salvador, Guam, Guatemala, India, Macedonia, Malesia, Messico, Moldavia, Montenegro, Arabia Saudita, Turchia ed Emirati Arabi Uniti.

Per quanto riguarda i prezzi in Italia, iPhone 5S costerà al consumatore finale le stesse cifre del predecessore: il modello entry-level da 16GB sarà proposto a 729€, mentre le varianti da 32 e 64GB rispettivamente 839 e 949€. Svelati i prezzi ufficiali anche del non proprio economico iPhone 5C: 629 e 729€ rispettivamente per le uniche proposte disponibili da 16 e 32GB.

Dei due smartphone ne abbiamo parlato diffusamente in precedenza. iPhone 5S è quello che viene definito un upgrade incrementale del precedente top di gamma di Cupertino: ad un design esteriore decisamente simile (proposto però in colori diversi) corrispondono numerose modifiche "sotto la scocca", fra cui l'introduzione del SoC A7, il primo a 64-bit nel mercato degli smartphone, e una nuova fotocamera con sensore di dimensioni maggiori rispetto al passato. Cambia il tasto Home che diventa in cristallo di zaffiro e supporta la tecnologia Touch ID, alla base delle nuove funzionalità di scansione biometrica delle impronte digitali.

iPhone 5C è la proposta della fascia di mercato immediatamente inferiore che va a sostituire di fatto iPhone 5. Da quest'ultimo modello prende in prestito l'architettura hardware, che viene proposta all'interno di una scocca in policarbonato rigida del tutto nuova rispetto al passato.


23.15 | 0 komentar | Read More

iPhone 5S e 5C: annunciati data di rilascio e prezzi in Italia

iPhone 5S e 5C sono stati annunciati ufficialmente il 10 settembre, mentre la commercializzazione è stata avviata solamente in alcuni paesi selezionati il 20 dello stesso mese. Nonostante l'assenza di molti paesi importanti i due smartphone hanno fatto registrare risultati record nelle vendite delle prime settimane.

iPhone 5S e 5C data di rilascio e prezzi in Italia

La società di Cupertino ha annunciato che iPhone 5S e 5C verranno commercializzati in Italia ed in altre 24 nazioni differenti il prossimo 25 ottobre. Di seguito menzioniamo tutte le nazioni coinvolte nel secondo roll-out: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Antille francesi, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macao, Malta, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Reunion, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan e Tailandia.

A queste seguiranno altri 16 paesi l'1 novembre, fra cui: Albania, Armenia, Bahrein, Colombia, El Salvador, Guam, Guatemala, India, Macedonia, Malesia, Messico, Moldavia, Montenegro, Arabia Saudita, Turchia ed Emirati Arabi Uniti.

Per quanto riguarda i prezzi in Italia, iPhone 5S costerà al consumatore finale le stesse cifre del predecessore: il modello entry-level da 16GB sarà proposto a 729€, mentre le varianti da 32 e 64GB rispettivamente 839 e 949€. Svelati i prezzi ufficiali anche del non proprio economico iPhone 5C: 629 e 729€ rispettivamente per le uniche proposte disponibili da 16 e 32GB.

Dei due smartphone ne abbiamo parlato diffusamente in precedenza. iPhone 5S è quello che viene definito un upgrade incrementale del precedente top di gamma di Cupertino: ad un design esteriore decisamente simile (proposto però in colori diversi) corrispondono numerose modifiche "sotto la scocca", fra cui l'introduzione del SoC A7, il primo a 64-bit nel mercato degli smartphone, e una nuova fotocamera con sensore di dimensioni maggiori rispetto al passato. Cambia il tasto Home che diventa in cristallo di zaffiro e supporta la tecnologia Touch ID, alla base delle nuove funzionalità di scansione biometrica delle impronte digitali.

iPhone 5C è la proposta della fascia di mercato immediatamente inferiore che va a sostituire di fatto iPhone 5. Da quest'ultimo modello prende in prestito l'architettura hardware, che viene proposta all'interno di una scocca in policarbonato rigida del tutto nuova rispetto al passato.


23.15 | 0 komentar | Read More

Glary Utilities

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Glary Utilities integra una serie di strumenti utili alla pulizia, manutenzione e ottimizzazione del proprio PC. Molte operazioni reso possibili da Glary Utilities possono essere compiute anche dagli strumenti standard messi a disposizione dal proprio sistema operativo, ma questo tool rende il tutto più semplice e a portata di mano.


23.15 | 0 komentar | Read More

Display 4K: il mercato guarda con interesse in attesa di un calo dei prezzi

Written By komlim puldel on Rabu, 02 Oktober 2013 | 23.15

Nel mondo della grafica 3D un argomento che è diventato recentemente di notevole interesse è quello legato ai display 4K, pannelli capaci di una risoluzione di 3.840x2.160 pixel e quindi quadrupla rispetto a quella dello standard Full HD (1.920x1.080 pixel).

I primi pannelli di questo tipo stanno giungendo sul mercato, sia destinati ad ambienti domestici nella forma di televisori tradizionali sia per sistemi PC. Nel primo caso la risoluzione 4K viene tipicamente accompagnata da una frequenza di refresh massima pari a 30 Hz alla risoluzione più elevata; le proposte per mondo PC sono invece con pannelli capaci di assicurare una frequenza di refresh di 60 Hz anche a 3.840x2.160 pixel.

In Italia i primi prodotti di questo tipo sono apparsi in commercio, benché a prezzi ancora molto elevati. In ambito PC Asus propone un display 4K da 31,5 pollici di diagonale al prezzo di circa 3.600€ IVA inclusa; per il mondo dell'intrattenimento domestico troviamo invece vari modelli dalla diagonale superiore, con prezzi che tuttavia sono ancora posizionati nel segmento di fascia più alta del mercato.

Alla luce delle più recenti analisi di mercato ci si attende però un sensibile incremento nella vendita di display 4K, con una progressiva diminuzione dei prezzi. Un segnale in questa direzione viene da Seiki Digital, azienda che ha presentato un pannello 4K da 65 pollici di diagonale proposto nel mercato nord americano al prezzo di circa 3.000 dollari. A questa cifra si ottiene un televisore di elevata diagonale ma capace di refresh di 30 Hz alla risoluzione massima.

Seiki Digital ha già a listino altri modelli di televisori 4K, con diagonali pari a 50 e 39 pollici e prezzi indicativi rispettivamente pari a 1.199 dollari e 699 dollari. Sono queste cifre ben più abbordabili e che possono contribuire ad una più rapida diffusione di questo standard, pur con i limiti di una frequenza di refresh del pannello pari a 30 Hz.

Rimane in ogni caso ancora da valutare quale media potranno sfruttare una risoluzione di questo tipo. Per le trasmissioni televisive siamo ancora ben lontani dalla disponibilità, lasciando quali opzioni video registrati con videocamere consumer compatibili con lo standard 4K, la visualizzazione di fotografie scattate con fotocamere di qualità adeguata o il renting di film in 4K attraverso streaming web.


23.15 | 0 komentar | Read More

Samsung altera i benchmark di Galaxy Note 3, Schiller indignato: 'Cialtroni'

Un articolo di ArsTechnica del nuovo Galaxy Note 3 riporta performance estremamente convincenti, sensibilmente superiori a quelle di altri smartphone con una simile architettura hardware all'interno. Tuttavia, si legge anche che i magnificenti risultati vengono ottenuti con un trucco non riproducibile in condizioni d'uso tradizionali. Si tratta di fatto di un'alterazione sensibile che mostra una condizione a cui l'utente non può assistere in alcun caso durante l'uso del dispositivo.

Senza alcun "cheat", Galaxy Note 3 fa registrare risultati essenzialmente in linea con quelli delle altre proposte con Snapdragon 800, come LG G2. I risultati sono simili anche a quelli fatti registrare da iPhone 5S quando abilitato il supporto alle istruzioni a 64-bit. Come sappiamo quest'ultimo non è ancora implementato via software su Android, e le architetture hardware dei vari produttori non ne prevedono il supporto.

Si tratta di una situazione che avevamo già visto con Galaxy S4 e che avevamo spiegato nel dettaglio in questa pagina. Sostanzialmente, all'esecuzione di determinati applicativi, il dispositivo entra in una modalità con frequenze sensibilmente superiori rispetto alle specifiche tecniche, soprattutto per quanto riguarda la GPU. Gli applicativi previsti però sono solamente suite di benchmark, proprio per evidenziare una supremazia a livello di performance che poi non si può verificare nell'uso di tutti i giorni.

Galaxy Note 3 benchmark alterato

Fonte: AppleInsider

Il trucco consente di avere risultati che variano dal 20 al 50% su Galaxy Note 3 rispetto agli altri smartphone top di gamma sul mercato, anche i modelli che condividono con il nuovo phablet sudcoreano la piattaforma hardware. In passato Samsung aveva evidenziato che si trattava di una feature che i propri dispositivi avrebbero attivato all'apertura di applicazioni pesanti dal punto di vista grafico e computazionale, affermazione non vera, come scoperto da ArsTechnica.

Non è tardata ad arrivare nemmeno la risposta di Phil Schiller, Senior Vice President of Worldwide Marketing di Apple, che non ha mai lesinato frecciatine nei confronti della concorrenza. Pochi mesi fa aveva preso di mira Android per le percentuali dei malware all'interno delle piattaforme mobile più diffuse, mentre adesso definisce quelle di Samsung "buffonate", come si legge nel tweet in risposta all'articolo di ArsTechnica. Ma non starà facendo il gioco dei concorrenti?


23.15 | 0 komentar | Read More

Da Razer un nuovo set di periferiche dedicate ai videogiocatori di Battlefield 4

Nella giornata di ieri DICE ed EA hanno dato il via alla Open Beta di Battlefield 4 dedicata ai possessori di Battlefield 3 Premium, pre-order di Battlefield 4 Digital Deluxe Edition su Origin o che hanno acquistato Medal of Honor Warfighter. In queste ore la compagnia americana Razer, produttrice di periferiche dedicate ai videogiocatori, ha aggiornato la sua gamma di prodotti personalizzati con lo shooter in prima persona realizzato da DICE.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Razer infatti ha reso disponibile Battlefield 4 Collector's Edition che consiste in un insieme di periferiche di propria produzione personalizzate con i colori di Battlefield 4.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Nel set troviamo Battlefield 4 Razer BlackWidow Ultimate, una tastiera con tasti meccanici da 50g e retroilluminati singolarmente, con il sistema di macro registrabili "al volo" senza dover ogni volta accedere al software.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Il secondo componente è ovviamente il mouse Battlefield 4 Razer Taipan, ergonomicamente pensato per ambidestri e adatto a un'ampia gamma di stili di gioco. Il prodotto ha in dote il doppio sensore laser ed ottico 4G da 8200 DPI. Compatibile col software Synapse 2.0, che permette di salvare in cloud le nostre impostazioni ed averle sempre disponibili ovunque giochiamo, il software scaricherà ed applicherà in automatico le nostre preferenze d'uso.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Non possono mancare le cuffie e Razer propone il modello Battlefield 4 Razer BlackShark. Prodotte sulla base delle cuffie per i veri piloti d'elicottero, forniscono un ottimo confort e isolamento acustico. Il microfono è rimovibile passando facilmente da un headset per videogiocatori a dispositivo audio per ascoltare la musica con i più noti device mobile.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

La superficie ideale per il mouse, secondo Razer, è Battlefield 4 Razer Destructor 2. Un mousepad costruito con minuscole particelle argentate inserite nella superficie che ne aumentano la qualità riflettente per una risposta più veloce del sensore del mouse.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Nella Battlefield 4 Collector's Edition di Razer troviamo anche due prodotti non direttamente rivolti al videogiocatore. La Tracolla Razer Battlefield 4 è creata in tessuto ripstop ed è impermeabile per proteggere il contenuto della borsa. Dotata di scompartimenti, indicata per laptop fino a 15", presenta rinforzi sulle cerniere e sulla cintura per supportare anche pesi consistenti.

Razer Battlefield 4 Collector's Edition

Il secondo prodotto prodotto fuori dall'ottica gaming è una custodia di protezione per iPhone 5. Costruita in silicone per una solida protezione, ha un design e finitura gommata.

Con uno qualsiasi di questi prodotti sarà presente un codice che permette di ottenere l'esclusiva Dog Tag Razer Snake utilizzabile in gioco. Il codice scade il 31/10/2014 ed è valido solo per la versione PC di Battlefield 4. </ br> Ricordiamo che il nuovo sparatutto ambientato nell'era moderna sviluppato da DICE verrà pubblicato il 29 ottobre.


23.15 | 0 komentar | Read More

Windows 7 cresce ancora più rapidamente di Windows 8

Le ultime analisi di mercato di NetMarketshare riportano risultati non troppo lusinghieri per Windows 8, che ancora oggi vanta purtroppo una crescita inferiore a quella della versione precedente, nonostante una forte riduzione nell'uso di Windows XP da parte degli utenti.

In questo contesto, le quote di Windows 8 sono cresciute dello 0,61% rispetto allo 0,8% di Windows 7, occupando rispettivamente l'8,02 ed il 46,3% dell'intero mercato dei PC. Windows XP, di contro ha visto una flessione del 2,25% e viene utilizzato all'interno del 31,4% dei personal computer. Per quanto riguarda Apple, invece, OS X 10.8 cresce dello 0,27% occupando solamente il 3,7% dei PC.

Windows 8 quote di mercato

Questi risultati giungono in un periodo in cui Intel, principale produttore di chip per il segmento dei personal computer, potrebbe riportare guadagni non in linea con le aspettative nella seconda metà dell'anno, come riporta Vijay Rakesh di Sterne Agee. L'analista ha già avvisato che le promozioni "Back to School" hanno visto la richiesta per il settore dei PC "virtualmente assente", in un periodo in cui solitamente le vendite vengono sensibilmente incrementate.

I risultati di NetMarketshare vengono generati dalle analisi di una base installata globale di circa 1,5 miliardi di personal computer. Un singolo punto percentuale, in quest'ottica, rappresenta milioni di dispositivi.

Per quanto riguarda invece i browser, Internet Explorer resta sempre il più utilizzato in assoluto. Le quote sono quasi equamente suddivise fra Internet Explorer 8 e Internet Explorer 10 che godono rispettivamente del 21,3% e del 19,5% delle quote di mercato. Al terzo posto troviamo Chrome 29 con il 12,8%, solamente dopo 5 settimane dal suo rilascio. Quarta e quinta posizione vengono occupate da Firefox 24 e 23, con rispettivamente il 2,2 e l'11,6% dello share globale.


23.15 | 0 komentar | Read More

CrystalDiskInfo

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 2 votazioni

Utility per il monitoraggio degli hard disk; riporta la temperatura di funzionamento, le caratteristiche base e monitora la funzionalità S.M.A.R.T.


23.15 | 0 komentar | Read More

iWatch con display OLED flessibile: Apple deposita il brevetto

Dal momento in cui lo scorso mese di febbraio il Wall Street Journal diede notizia del possibile interessamente di Apple per la realizzazione di uno smartwatch sono davvero molte le indiscrezioni che si sono susseguite a riguardo. Addirittura si pensava che l'orologio intelligente del colosso di Cupertino avrebbe fatto il proprio esordio insieme ad iPhone 5S; possibilità smentita solamente a seguito dell'evento stesso.

Oltre ai continui rumors giunge notizia anche di alcuni brevetti depositati dalla stessa Apple e chiaramente destinati ad un utilizzo in un possibile futuro iWatch. Tra questi spicca in queste ore quello riguardante dei display OLED flessibili di dimensioni che variano tra 1,3 e 1,5 pollici; misure effettivamente consone ad un orologio.

In accordo con Chosun Ilbo, inoltre, sembra che un prototipo di un orologio dotato di display flessibile da 1,5" sia già stato realizzato dalla stessa Apple e si potrebbe quindi essere più vicini del previsto alla data di annuncio.

Se questi rumors si rivelassero veritieri lo smartwatch di Apple potrebbe assomigliare per design al già noto Pebble, niente quindi che ricordi nemmeno vagamente l'alternativa Samsung Galaxy Gear. Ancora non è comunque nulla di certo e, come da tradizione Apple, fino al giorno del lancio ufficiale crediamo possa restare tutto solamente una ipotesi.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nexus 5 avrà una fotocamera MEMS, auto-focus istantaneo e funzionalità in stile Lytro

Attraverso la documentazione trapelata riguardo al Nexus 5 si è scoperto che lo smartphone adotterà una fotocamera dotata di sensore da 8 megapixel. Quello che non era stato segnalato era che la stessa utilizzerà un particolare tipo di modulo fotografico chiamato MEMS.

Attraverso la tecnologia utilizzata al suo interno, MEMS è in grado di mettere un soggetto a fuoco sette volte più velocemente rispetto a quanto possibile con gli altri smartphone al momento. Il nuovo modulo effettua una serie di scatti in successione ad alta velocità e li immagazzina in un unico file, mediante il quale è possibile scegliere il punto di messa a fuoco anche in un secondo momento, similarmente a quanto avviene con la fotocamera Lytro. Le migliorie sono sensibili in qualsiasi condizione di luminosità ambientale.

MEMS cam

Nexus 5 sarà il primo smartphone ad annoverare la tecnologia MEMS all'interno del modulo fotografico adoperato. Come riporta Myce, nei file di log trapelati del nuovo dispositivo "Pure Google", troviamo una menzione di un componente chiamato IMX179. Tramite una rapida ricerca si scopre che lo stesso riguarda proprio il modulo fotografico MEMS, prodotto da Digital Optics.

La fotocamera, quindi, avrà con molta probabilità un sensore da 8 megapixel non BSI grande 1/3,2", con obiettivo dotato di apertura di diaframma f/2.4. Caratteristiche tecniche non in linea con i top di gamma del momento, ma che potrebbero assumere un nuovo valore con l'uso della nuova tecnologia.

Alla base di MEMS abbiamo quella che viene definita "tecnologia microelettromeccanica" ed è un metodo sensibilmente diverso rispetto ai motori a bobina mobile (VCM) utilizzati dalle fotocamere tradizionali degli smartphone. È la stessa tecnologia che ha permesso a dispositivi di piccole dimensioni di avere al proprio interno microfoni, giroscopi e barometri.

MEMS specifiche

L'auto-focus con i VCM tradizionali viene effettuato inviando corrente attraverso una bobina che causa il movimento degli elementi della fotocamera verso la direzione di un magnete. Il movimento può essere impostato a distanze regolabili e ad ogni step la fotocamera valuta se la messa a fuoco è corretta o meno. Questo sistema non è sempre preciso (soprattutto in condizioni di luminosità non ottimali) e in alcuni casi risulta anche rumoroso, oltre ad impiegare anche fino ad un secondo prima di poter effettuare lo scatto.

La tecnologia alla base di MEMS, invece, utilizza una forza elettrostatica per attrarre le parti in movimento del modulo, che non si toccano mai fra di loro. In questo modo è possibile avere un solo elemento in movimento che permette di mettere a fuoco il soggetto in maniera istantanea ed anche di avere un'efficienza di centinaia di volte superiore rispetto ai moduli VCM.

Nexus 5 dovrebbe essere annunciato pubblicamente entro la fine del mese assieme ad Android 4.4 KitKat.


23.15 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger