Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

NetSetMan

Written By komlim puldel on Rabu, 30 April 2014 | 23.15

scheda aggiornata 1 ora fa

NetSetMan è un'utility che permette di gestire fino a sei profili predefiniti e potenzialmente corrispondenti a sei location in cui si è abituati ad utilizzare il proprio PC con sistema operativo Microsoft Windows. Per ogni profilo l'utente definisce i parametri relativi alla connessione (IP, DNS), il gruppo di lavoro, l'eventuale nome della rete Wi-Fi e associa tutti questi elementi a una delle schede di rete presenti sul PC. Oltre a queste semplici impostazioni sono disponibili anche funzionalità più evolute.


23.15 | 0 komentar | Read More

Anche Acer nel mondo dei wearable con Liquid Leap

Nel corso della conferenza stampa tenuta ieri da Acer, il colosso taiwanese ha sorpreso la platea in stile Apple con un inaspettato "one more thing". Oltre alla nuova gamma notebook, tablet e all-in-one, il produttore asiatico nella persona di ST Liew, presidente dello Smartphone Business Group ho mostrato in anteprima a tutti i presenti due nuovi dispositivi: uno smartphone di fascia media dalle caratteristiche e dal design interessante e il primo wearable di casa Acer.

Lo smartphone prenderà il nome di Acer Liquid Jade, proprio come la pietra preziosa da cui prenderà spunto il colore di una delle versioni che verranno commercializzate. Secondo quanto raccontatoci nell'intervista successiva all'evento dallo stesso ST Liew lo smartphone dovrebbe essere dotato di un display da 5 pollici verosimilmente a risoluzione HD, processore quad-core, ancora non meglio specificato, fotocamera posteriore da 13 megapixel e frontale da 2 megapixel.

Nel quarto trimestre è prevista una versione LTE del terminale che sarà invece reso disponibile alla fine del mese di luglio nella versione solo 3G. Il design è molto pulito, semplice e formato solo da linee curve. Niente spigoli, quindi, per lo smartphone da 5 pollici dalle dimensioni più contenute al mondo ( secondo quanto affermato da ST Liew).

Ad affiancare lo smartphone nel momento del lancio troviamo poi l'oggetto più interessante visto nel corso di questo evento, ovvero il primo dispositivo wearable del produttore taiwanese. Si tratta di una wrist band dal nome Liquid Leap. Il design è quello tipico di altri dispositivi come ad esempio Jawbone UP 24 ma, al contrario di quest'ultimo, Liquid Leap integra un piccolo display attraverso cui è possibile monitorare le notifiche relative alla nostra attività fisica giornaliera, oltre che, ovviamente, controllare l'ora.

Liquid Leap sarà sempre collegato al proprio smartphone tramite Bluetooth e sullo smarpthone stesso sarà disponibile una apposita applicazione per verificare i progressi e condividerli con gli amici. La wrist band potrà essere utilizzata anche separatamente ma non potremo ovviamente costruire lo storico delle nostre prestazioni.


23.15 | 0 komentar | Read More

Mt. Gox, tentativi di "riabilitazione" da parte di Sunlot Holdings

Mt. Gox, il servizio di cambio Bitcoin al centro di un vero e proprio terremoto nei mesi passati, potrebbe presto tornare ad operare nonostante le intenzioni di procedere alla liquidazione totale annunciate nelle scorse settimana.

Lo scorso lunedì infatti, gli attori di una causa collettiva sollevata negli scorsi mesi nei confronti del servizio di cambio hanno dichiarato di voler annullare il contenzioso e di voler invece provare ad entrare in possesso di una parte delle quote della società che ha operato Mt. Gox.

Si tratta degli esiti di un accordo stretto con Sunlot Holdings, una compagnia supportata dall'imprenditore Brock Pierce e dal venture capitalist William Quigley, la quale vuole acquisire ciò che resta di Mt. Gox. Gli attori coinvolti nella causa collettiva riceveranno il 16,5% della proprietà del servizio di cambio e si spartiranno i 200 mila Bitcoin che Mt. Gox ha "ritrovato" dopo la presunta violazione dei suoi sistemi.

Sunlot si è infatti fatta avanti di recente avanzando un piano per l'acquisizione del servizio di cambio offrendo un singolo Bitcoin, che corrisponde a meno di 500 dollari: se l'operazione dovesse andare in porto e considerate le quote che verranno trasferite ai sottoscrittori dell'azione legale collettiva, Sunlot entrerà in possesso del'83,5% di Mt. Gox.

Sul sito www.savegox.com, Sunlot spiega le sue intenzioni per risollevare le sordi ti Mt. Gox: lo scopo è quello di "riabilitare" il servizio di cambio evitando la liquidazione, che non permetterà ai clienti di Mt. Gox di rientrare in possesso dei propri investimenti e potrebbe recare un danno anche all'intera community Bitcoin. "Il nostro obiettivo? Provvedere al risarcimento dei clienti e ripristinare la fiducia nella valuta digitale. Se la Bitcoin community riesce a dimostrare di riprendersi autonomamente senza alcun salvataggio dei governi ne beneficierà l'intero ecosistema, compresi il nostro portafoglio di investimenti Bitcoin" si legge sul sito.

Prima, però, è necessario che la causa collettiva venga annullata: una procedura che richiede l'approvazione dell'accordo da parte di entrambi i tribunali di USA e Canada, a cui i consumatori si sono rivolti per portare avanti l'azione legale.


23.15 | 0 komentar | Read More

SnagIT

scheda aggiornata 2 ore fa

Utility particolarmente evoluta che consente una rapida e comoda gestione delle funzionalità di cattura schermo. Oltre alle consuete opzioni per realizzare screenshot del monitor intero o di una porzione di esso, sono disponibili altre utili opzioni, tra cui:
- cattura di filmati a video utilizzabile sia per catturare video visualizzati a display, sia per effettuare una video sequenza che illustra l'apertura di certe finestre o menù, in questo tipo di cattura il puntatore del mouse è attivo e quindi realizzare dei video-tutorial diventa immediato).
- cattura di testo a video è possibile catturare il solo testo contenuto in una finestra, conservandone la formattazione (anche se il risultato non sarà perfetto...)
- SnagIT come dispositivo di stampa per stampare ciò che compare a video o in una singola finestra e salvarlo in tiff. bmp ecc.
L'utilizzo di questa utility è veramente semplice. A corollario delle funzioni appena descritte, vi è anche un comodo ed utile browser, attraverso il quale visualizzare, archiviare e gestire le catture effettuate.
Nell'ultima release sono state inserite alcune funzionalità per semplificare l'utilizzo del software direttamente da Microsoft Office.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuovo trailer rivela la data di rilascio di DriveClub

Il nuovo trailer comunica che DriveClub uscirà l'8 ottobre in Europa. Shuhei Yoshida, direttore della divisione sviluppo di PlayStation, lo descrive come un "gioco di guida realmente innovativo e socialmente connesso".

"Il team ha lavorato senza sosta sul gioco e adesso ha catturato un nuovo video per mostrare quanto sia impressionante DriveClub allo stato attuale dello sviluppo. Personalmente mi è piaciuto molto questo trailer: quindi, per favore, guardatelo fino in fondo per scoprire la data", ha detto ancora Yoshida. Data che, però, vi abbiamo già detto noi!

Sony ha posticipato per la prima volta DriveClub nello scorso ottobre, a poche settimane dall'uscita, quando si pensava che il titolo di guida di Evolution Studios sarebbe stato un titolo di lancio di PS4. Aveva promesso il rilascio nella prima parte del 2014, per poi comunicare che sarebbe arrivato dopo febbraio. Adesso, la nuova data di uscita.

Ecco come spiega i ritardi sul blog ufficiale PlayStation: "Avevamo stabilito di lanciare il gioco all'inizio del 2014 e vogliamo mantenere la nostra ambiziosa promessa: creare un titolo di corse davvero innovativo e dalle ricche funzionalità sociali. Il problema dell'essere ambiziosi è che bisogna essere preparati ad accettare che ci saranno grandi sfide lungo il cammino. Le caratteristiche di DriveClub non sono mai state offerte in questa categoria di gioco e, per questo, il team aveva bisogno di più tempo per offrirvi un gioco all'altezza delle vostre aspettative".

Negli scorsi mesi Sony ed Evolution Studios hanno rivisto i piani per questo titolo, che è tornato nella fase di progettazione, quando Sony ha richiamato Paul Rustchynsky, direttore di MotorStorm RC, sul progetto DriveClub. "Con Rushy al volante, sappiamo che DriveClub renderà onore alla promessa fatta: diventare un titolo di corse di ultima generazione da aggiungere alla selezione per PS4", si legge ancora sul blog.

DriveClub sarà un gioco di guida ambientato in un mondo online persistente, in qualche modo simile a Test Drive Unlimited 2. Darà ai giocatori l'opportunità di gestire team automobilistici tramite PlayStation Network. Inoltre il team promette di sfruttare a dovere le capacità di elaborazione di PS4, offrendo una grafica a 60fps stabili.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nokia D&S in perdita nel Q1 2014: annunciato il nuovo CEO

I primi risultati trimestrali del 2014 portano alla luce ancora una volta una realtà poco solida per la divisione Devices & Services di Nokia, acquisita di recente da Microsoft. La transazione miliardaria (5,44 miliardi di euro, più 170 milioni richiesti in aggiunta in un secondo momento) è stata perfezionata lo scorso venerdì con tempistiche più rilassate del previsto.

Nokia fa registrare una perdita operativa di 326 milioni di euro su un fatturato di 1,929 miliardi, che si traduce con una perdita complessiva del 30% per quanto riguarda le vendite nette. I risultati non sorprendono di certo, visto il lungo periodo difficile attraversato dal colosso finlandese e la realtà transitoria che sta vivendo la società in questi ultimi mesi.

Nokia, inoltre, non ha aggiunto di recente smartphone significativi alla line-up di dispositivi Lumia, con le prime novità previste non prima di maggio. È interessante notare, tuttavia, come il declino nelle vendite sia stato pilotato soprattutto dai telefoni cellulari e riequilibrato solo in parte dagli "Smart Devices", ovvero dagli smartphone Windows Phone e dai recenti dispositivi Android della famiglia Nokia X.

A giocare un ruolo determinante nella perdita dei profitti, Nokia cita la guerra al ribasso dei prezzi, sia per quanto riguarda i telefoni cellulari che gli Smart Devices. Si tratta di un fattore che Microsoft deve considerare per il futuro della neo-acquisita Nokia (D&S), che potrebbe portarla a privilegiare i proventi garantiti dall'uso dei servizi proprietari sui dispositivi venduti, piuttosto che ricercare di registrare utili operativi esclusivamente dalla vendita degli stessi.

"Sia su base annuale che su base sequenziale, le vendite nette dei nostri telefoni cellulari sono state influenzate dalle dinamiche fortemente competitive dell'industria, inclusa l'intensa competizione nel settore degli smartphone con prezzi sempre più bassi e l'intensa competizione sulla fascia bassa del nostro novero di prodotti", scrive Nokia sul comunicato rilasciato. "Anche le vendite dei nostri Smart Devices sono state influenzate dalle dinamiche competitive dell'industria, inclusa la forte competizione delle varie piattaforme operative".

A differenza delle "discontinued operations", ovvero le divisioni cedute al colosso di Redmond, le tre divisioni (Networks, HERE e Technologies) definite "continuing operations" finiscono il primo trimestre del 2014 in positivo, con una redditività operativa pari a 304 milioni di euro, in aumento rispetto ai 254 milioni fatti registrare nello stesso periodo dell'anno scorso.

A commentare i risultati per Nokia è Risto Siilasmaa, Presidente, fondatore ed ex-CEO della società.

"Con la chiusura della transazione con Microsoft, Nokia inizia una nuova era. Siamo fiduciosi nel nostro futuro e la visione che abbiamo di Nokia è quella di un leader del settore tecnologico importante in un mondo collegato da miliardi di dispositivi intelligenti. Con la nuova impostazione della direzione strategica, i nostri team di talento possono concentrarsi completamente sulla realizzazione della nostra visione con lo sviluppo di tre business forti - Networks, HERE e Technologies."

"Abbiamo annunciato un programma di 5 miliardi di euro per ottimizzare la nostra struttura del capitale. Nel primo trimestre del 2014, le tre realtà hanno riportato solide performance. Sotto la guida di Rajeev Suri, Networks è diventato un leader nell'innovazione, con risultati finanziari tremendamente migliorati. Credo che Rajeev sia la persona giusta per l'evoluzione di Nokia, e che la sua passione possa aiutare Nokia a distribuire tecnologie che avranno un impatto positivo nelle vite della gente".

Nel corso della giornata, Nokia ha anche annunciato il nuovo CEO. Rajeev Suri prenderà il posto dell'ex-CEO ad interim Risto Siilasmaa, che rimarrà fra le file della società in qualità di Presidente.


23.15 | 0 komentar | Read More

Primo trimestre 2014 da record per LG con 12,3 milioni di smartphone distribuiti

LG è riuscita a distribuire sul mercato 12,3 milioni di smartphone nei primi tre mesi del 2014. Si tratta di una cifra record per il colosso sudcoreano, in aumento del 19% su base annuale, che rappresenta il 75% delle vendite di tutte le tipologie di telefoni cellulari da parte della società.

LG G2 Pro

LG ha distribuito 5 milioni di smartphone dotati di connettività LTE, ovvero il 41% delle vendite dei dispositivi della categoria con una crescita del 79% rispetto al primo trimestre 2013. In questo caso il vantaggio è dovuto più al trend del settore, e alla presenza di un'offerta enormemente più ampia rispetto all'anno precedente.

LG Electronics annuncia un profitto netto pari a 86,62 milioni di dollari, in aumento di oltre il 300% su base annua grazie alla divisione LG Home Entertainment Company, all'interno di un profitto operativo di 471,47 milioni di dollari. Sulle cifre incide considerevolmente la divisione LG Mobile, con ricavi pari a 3,19 miliardi di dollari, in aumento del 6% su base annua, e margini operativi in crescita su base trimestrale grazie al lancio di LG G Pro 2 e a spese sul marketing più oculate.

Sono numeri di certo non paragonabili rispetto a quelli annunciati dai due più grossi colossi del mercato, Apple e Samsung, ma che rappresentano uno dei risultati più floridi nel mercato della telefonia mobile. Del resto, LG ha compiuto grossi passi in avanti per quanto concerne la qualità dei dispositivi mobile prodotti, cambiamento che sembra aver ripagato in pieno gli sforzi del colosso sudcoreano, in attesa di un nuovo top di gamma per l'attuale generazione.


23.15 | 0 komentar | Read More

Wireless Wizard

Written By komlim puldel on Rabu, 23 April 2014 | 23.15

scheda aggiornata 2 ore fa

Wireless Wizard mette a disposizione un set di strumenti utili alla gestione di connessioni Wi-Fi, 3G o LTE. Oltre alla visualizzazione di molte informazioni relative all' ISP, alla rete a cui si è connessi e alla potenza del segnale radio sono disponibili alcuni tools di diagnostica per la risoluzione dei più comuni problemi.


23.15 | 0 komentar | Read More

500 milioni di utenti attivi su WhatsApp, ma 'è solo l'inizio'

WhatsApp ha oggi annunciato di aver raggiunto e superato un nuovo traguardo, quello dei 500 milioni di utenti attivi, con un aumento di 100 milioni di utenti rispetto allo scorso mese di dicembre. Ogni giorno, il servizio di messaggistica istantanea gestisce più di 700 milioni di foto e 100 milioni di video.

WhatsApp

Una crescita dovuta alla diffusione degli smartphone nei paesi emergenti e con una forte popolazione. Secondo Jan Koum, CEO di WhatsApp, molti dei nuovi utenti risiedono in Brasile, India, Messico e Russia. I numeri riflettono la portata del fenomeno WhatsApp, il primo ad imporsi anche nelle masse.

WhatsApp è ancora il re incontrastato dei servizi di messaggistica istantanea, nonostante alcune questioni sollevate negli ultimi mesi. Il servizio è andato down più volte, avvantaggiando rivali nel settore come Telegram e Line. Inoltre, l'acquisizione faraonica da parte di Facebook ha suscitato alcuni dissapori relativamente all'aspetto della privacy, che Koum e soci hanno provveduto immantinente a sedare.

Riguardo alla concorrenza, il CEO di WhatsApp si è già esposto con parole estremamente chiare, notando come gli utenti non siano facilmente condizionabili in questo settore da manovre di marketing estreme: "Non ci sono abbastanza soldi, né abbastanza celebrità nel mondo in grado di convincere la gente ad utilizzare prodotti non di qualità", sono state le parole di Koum. "La gente è saggia oggi, e vuole solamente una buona esperienza utente".

"Potremmo continuare, ma per adesso è importante tornare al lavoro, perché qui in WhatsApp abbiamo solamente cominciato", ha rivelato oggi la società citando i nuovi importanti traguardi raggiunti. Nel futuro del servizio di messaggistica troviamo un servizio di chiamate VoIP, che la società ha già annunciato negli scorsi mesi, previsto per la prossima estate.


23.15 | 0 komentar | Read More

Call of Duty 2014: rilasciato il primo screenshot ufficiale

Durante l'evento "Quest for Quality: Maximizing the Relationship Between Creative and Production" di Sledgehammer Games al Game Developers Conference 2014, veniva mostrata un'immagine raffigurante un modello poligonale di un personaggio del prossimo Call of Duty.

Call of Duty 2014, primo screenshot

Lo screenshot è stato pubblicato oggi, per la prima volta, da IGN, e mostra il volto di un soldato riprodotto in maniera esemplare. Il prossimo CoD rappresenta il primo episodio dall'introduzione da parte di Activision del nuovo ciclo di sviluppo triennale per la serie.

In precedenza, lo sviluppo dei capitoli era suddiviso fra Infinity Ward e Treyarch, che rilasciavano una nuova versione a cadenze regolari di due anni. A queste è stata aggiunta Sledgehammer Games, consentendo un anno di sviluppo in più ad ogni software house per garantire un apporto qualitativo superiore rispetto al passato.

Il 2014 rappresenterà pertanto un anno di svolta per la serie Call of Duty, ma non solo. Il CEO di Activision Eric Hirshberg ha annunciato che la software house ha dato priorità alle console di prossima generazione in fase di sviluppo, rendendo il prossimo capitolo della serie la prima proposta del mercato ad essere strutturata intorno alle nuove architetture hardware.

Le prime informazioni riguardo alla partecipazione di Sledgehammer Games nello sviluppo di Call of Duty risalgono al mese di giugno 2012. Il nuovo titolo della serie seguirà Call of Duty: Ghosts, capitolo del 2013 disponibile su PC, PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One.


23.15 | 0 komentar | Read More

Il futuro delle GPU AMD e NVIDIA tra 20 nanometri e imprevisti

Il mercato delle schede video, soprattutto con riferimento ai modelli top di gamma, è uno di quelli capaci di catturare l'attenzione degli utenti più appassionati. Non mancano mai vere e proprie, e a nostro avviso anche inutili, "guerre di religione" tra gli appassionati di una marca o dell'altra ma è evidente come alla base vi sia l'interesse verso prodotti che vantano un contenuto tecnologico che forse non ha eguali tra i moderni componenti informatici. L'evoluzione tecnologica nel campo delle GPU è incessante e i benefici, in termini di maggiori frames al secondo con i giochi più complessi, sono chiaramente visibili anche agli occhi di chi è meno a conoscenza delle caratteristiche tecniche delle varie schede in commercio.

Grazie proprio alla complessità delle architetture le GPU sono anche tra i componenti che risentono in misura più marcata dell'accessibilità o meno delle tecnologie produttive più sofisticate. Tanto AMD come NVIDIA, le due principali aziende nel settore delle schede video top di gamma, sono sprovviste di proprie fabbriche produttive pertanto devono dipendere da produttori terzi per vedere sul mercato proprie tecnologie.

Abbinare GPU di nuova generazione, costruite integrando un quantitativo sempre più elevato di transistor, servendosi di tecnologie produttive sempre più sofisticate sta portando tanto AMD come NVIDIA a incontrare problemi di notevole portata. Progettare e costruire GPU è operazione estremamente complessa, per giunta vincolata a tempistiche che tendono ad essere molto rigide così da poter essere sul mercato prima dei concorrenti con prodotti che sono complessivamente superiori. La conseguenza diretta è uno slittamento nei tempi di rilascio delle nuove architetture di GPU rispetto a quanto inizialmente previsto nel momento in cui anche solo uno degli aspetti della fase di produzione non vada secondo i piani.

geforce_gtx_780.jpg (60612 bytes)
NVIDIA GeForce GTX 780

Consideriamo l'attuale scenario di mercato che vede NVIDIA con le schede basate su architettura Kepler e AMD con prodotti basati su architettura Graphics Core Next. Per la prima abbiamo le schede della famiglia GeForce GTX 700, presentate con il primo modello GeForce GTX 780 nel corso del mese di Maggio 2013 e basate sulla stessa architettura introdotta con le soluzioni GeForce GTX 600 12 mesi prima. Per la seconda il debutto delle schede Radeon HD 7900 risale alla fine del mese di Dicembre 2011, con una importante evoluzione di fatto a parità di architettura introdotta con le GPU della famiglia Hawaii utilizzate nelle schede Radeon R9 290 e Radeon R9 290X rese disponibili sul mercato a Ottobre 2013.

Abbiamo quindi per le due aziende prodotti che si sono alternati sul mercato nel corso degli ultimi 2 anni, basati su architetture rispettivamente Kepler e Graphics Core Next che sono rimaste invariate quale base di partenza. Da questo la necessità, o per meglio dire la volontà di entrambe le aziende di proporre qualcosa di nuovo con il quale spingersi oltre tanto in termini di pure prestazioni come di livelli di consumi.

Per le GPU di nuova generazione si rende pressoché indispensabile il passaggio a tecnologia produttiva a 20 nanometri. Quella a 28 nanometri attualmente utilizzata non permette infatti di integrare un numero superiore di transistor, necessari per incrementare funzionalità e potenza di elaborazione, mantenendo entro certi limiti le dimensioni dei chip. Le GPU, infatti, non possono crescere a dismisura quanto a superficie in quanto non solo il costo di produzione di un singolo chip tenderebbe ad aumentare in modo rilevante ma questo porterebbe anche ad una drastica riduzione delle rese produttive per ogni singolo chip, con seri problemi di disponibilità di volumi adeguati di GPU per il mercato.

NVIDIA ha sino ad ora fatto un passo in avanti presentando le schede GeForce GTX 750Ti, modelli destinati al segmento di fascia entry level del mercato che sono basate sulla nuova architettura Maxwell. Queste soluzioni continuano ad utilizzare tecnologia produttiva a 28 nanometri e introducono innovazioni in termini di riduzione dei consumi più che di migliorie nelle pure prestazioni velocistiche.

Tanto NVIDIA come AMD si trovano quindi nella condizione di avere in programma il debutto di nuove architetture di GPU abbinate a tecnologia produttiva a 20 nanometri, con produzione delegata alla taiwanese TSMC. Mancano informazioni precise da parte delle due aziende su quale sia lo stato dei lavori per le proprie prossime generazioni di GPU ma il quadro non sembra far propendere per una disponibilità di nuove soluzioni prima della fine dell'anno.


23.15 | 0 komentar | Read More

The Bat! Professional Edition

scheda aggiornata 2 ore fa

Client di posta elettronica completo e dotato di funzioni molto interessanti. Consente la gestione di più account e la possibilità di impostare vari filtri. Il tutto è stato sviluppato con una grafica intuitiva e la maggior parte delle funzioni è disponibile in drag and drop.

Questo mail client è predisposto per integrare alcune funzionalità di scansione virus nelle email (inviate e ricevute), sfruttando le tecnologie di Kaspersky Antivirus.

In questa release sono state implementate nuove funzionalità "chat" per l'invio e la ricezione di messaggi email come normalmente si fa con un instant messenger, ma sfruttando la sicurezza di un mail server e dello scan antivirus. Nuove funzionalità per l'individuazione e la rimozione di spam; oltre a ciò integra nuove modalità per organizzare e gestire i propri account di posta.


23.15 | 0 komentar | Read More

Apple, beta testing di OS X ora aperto a tutti gli utenti

Apple ha deciso di aprire il processo di beta testing di OS X a tutti gli utenti Mac mediante il nuovo Beta Seed Program: si tratta di un cambiamento di spessore alle politiche operative della Mela, che fino ad oggi ha consentito la possibilità di effettuare la prova di versioni beta dei suoi software solamente agli sviluppatori registrati presso la Developer Community.

Il nuovo Beta Seed Program consente al pubblico di affiancarsi quindi agli sviluppatori nelle fasi di test pre-relase delle varie versioni di mantenimento del sistema operativo OS X, fornendo riscontri su usabilità e qualità.

Dopo la registrazione gli utenti possono installare l'ultima versione beta di OS X 10.9.3 Mavericks sul loro sistema Mac. La beta più recente, al momento in cui scriviamo, è contraddistinta dalla siglia 13D45a ed è stata rilasciata lo scorso lunedì.

Qualche segnale di questa possibilità era già stato intravisto nella build 13D38 di Mavericks, con l'attivazione dell'applicazione "Feedback Assistant" il cui scopo inizialmente non è stato ben chiaro, ma che ora dovrebbe essere parte integrante del Beta Seed Program.

E' comunque opportuno tenere in considerazione che, come nel caso di qualsiasi altro software beta o pre-release, le versioni beta di Mavericks potrebbero contenere bug non ancora noti o funzionalità limitate e per questo motivo da valutarne attentamente l'uso su sistemi critici.


23.15 | 0 komentar | Read More

Street View: un viaggio nel passato con la nuova funzionalità

Tre anni fa, un violento terremoto ha devastato parte della costa giapponese, spostando l'intera isola di più di una decina di centimetri e riportando variazioni anche sull'asse terrestre. Milioni di vite sono andate perdute, e miliardi di dollari spesi per ripristinare le aree urbane, commerciali e le infrastrutture.

Kyoto, Street View Time Machine

Fonte: The Verge

Le foto scattate nei periodi antecedenti da Google per Street View sono diventate, in quel caso, una sorta di macchina del tempo, che permetteva agli abitanti delle aree distrutte di visitare queste ultime virtualmente così com'erano pochi mesi prima. Con questo obiettivo la società di Mountain View aveva realizzato "Memories for the Future", un portale web che dava la possibilità di confrontare "il prima e il dopo" delle terre devastate dalla calamità naturale.

Partendo probabilmente da questa idea, Google ha iniziato a distribuire una nuova funzionalità per Street View, che permette agli utenti di visualizzare in prima persona tutte le versioni pubblicate in precedenza nel sistema di mappe in prima persona. In altre parole, Time Machine di Street View consentirà di vedere tutte le immagini appartenenti agli aggiornamenti passati delle varie località disponibili partendo dal 2006.

In molti casi, "sfogliando" le immagini dei vari periodi, sarà possibile notare la nascita di una nuova area urbana o, nel caso dell'evento in Giappone, una metropoli in via di sviluppo ridursi in un'area sostanzialmente desertica.

Soumaya, Street View Time Machine

La distribuzione della nuova funzionalità partirà da oggi all'interno della sola versione web di Google Maps. Non tutte le aree geografiche, tuttavia, saranno compatibili con la funzione: quando disponibile, infatti, apparirà un'icona raffigurante una clessidra e una barra nella parte superiore sinistra della schermata, in cui verranno mostrati il mese e l'anno dell'immagine riprodotta. Attraverso la barra sarà possibile selezionare le varie versioni aggiornate nel tempo in ordine cronologico.

Time Machine non vuole essere, tuttavia, solamente un metodo per notare gli effetti di una calamità naturale, o il procedere dei lavori su una struttura edilizia. Google spera che questa risulterà una funzionalità utile per pianificare, ad esempio, le vacanze. Fra le possibili destinazioni d'uso, gli utenti potranno scegliere la possibile meta verificando come questa apparirà in un determinato periodo dell'anno, o con altre finalità a discrezione dell'utente.

Inizialmente, la funzionalità non sarà disponibile per le immagini interne degli edifici, e resterà per molto tempo un'esclusiva per la web-app per sistemi desktop. Google non sembra essere al momento interessata a trasporre Time Machine anche all'interno delle app per dispositivi mobile, dal momento che una funzione del genere risulterebbe poco utile in mobilità.


23.15 | 0 komentar | Read More

Il nuovo documentario naturalistico di David Attenborough potrà essere vissuto con Oculus Rift

Written By komlim puldel on Rabu, 16 April 2014 | 23.15

Conquest of the Skies, il nuovo documentario di Sir David Attenborough (fratello del conosciutissimo attore, Richard Attenborough), viene girato proprio in questi giorni nel Borneo per l'emittente Sky 3D. Ma il 3D probabilmente non sarà l'unico formato per questo filmato, visto che la società che lo produce, Atlantic, sembra interessata a creare anche una versione per Oculus Rift.

Sir David Attenborough

"Stiamo girando anche per Oculus Rift", ha detto John Morris, direttore commerciale di Atlantic, a Realscreen. "Stiamo girando con un sistema a otto telecamere, in modo da ricostruire l'intera esperienza a 360 gradi".

Secondo Morris, Oculus Rift è una nuova piattaforma che "può aiutare a monetizzare" e prevede: "Oculus venderà milioni di unità". Su Reddit, però, un portavoce di Atlantic ha scritto che la compagnia avrà bisogno di un finanziamento su Kickstarter per rendere realtà la versione Oculus Rift di Conquest of the Skies. "Stiamo lavorando con Oculus e siamo molto soddisfatti della loro tecnologia", ha scritto. "Abbiamo due o tre cose in sviluppo attualmente. Sono tutti progetti potenzialmente fantastici, ma come sapete al momento è abbastanza difficile finanziare progetti come questi".

"Stiamo pensando di utilizzare Kickstarter per almeno uno di questi progetti, ma lo faremo solamente se ci renderemo conto che c'è interesse. Quindi, facciamo per alzata di mano: sareste interessati ad aiutarci su Kickstarter?"

Nel mese di marzo, Facebook ha acquisito Oculus VR per due miliardi di dollari.


23.15 | 0 komentar | Read More

Amazon Cloud Drive

scheda aggiornata 2 ore fa

Con Amazon Cloud Drive è possibile gestire lo spazio di cloud storage offerto da Amazon: avviando l'applicazione sarà sufficiente trascinare i contenuti da spostare sopra la finestra. Purtroppo Amazon Cloud Drive non offre una buona integrazione con il sistema operativo infatti non viene creata una cartella di sistema attraverso la quale trasferire i file in cloud. Per ogni utente registrato è prevista la disponibilità di 5GB di spazio gratuito.


23.15 | 0 komentar | Read More

Yahoo torna in leggera crescita, spiazzando analisti e mercato

Nel corso della giornata di ieri Yahoo! ha annunciato i risultati del primo trimestre fiscale 2014, conclusosi il 31 marzo scorso. L'azienda registra un fatturato di 1,13 miliardi di dollari per il trimestre in esame, con una flessione dell'1% rispetto allo stesso trimestre del 2013. I risultati ex-TAC (Traffic Acquisition Cost) annotano invece un fatturato di 1,08 milioni di dollari, che rappresenta una crescita dell'1% rispetto allo scorso anno.

L'utile netto per il primo trimestre 2014 è invece di 312 milioni di dollari (che include tra l'altro spese nette di ristrutturazione di 6 milioni di dollari), che fa segnare una contrazione del 20% rispetto ai 390 milioni di dollari registrati nel medesimo periodo dello scorso anno.

Dai risultati emerge in particolare un fatturato ex-TAC di 409 milioni di dollari per la Display Advertising, con una crescita del 2% rispetto a quanto registrato nello stesso trimestre di un anno fa. Cresce del 7% il volume delle pubblicità vendute, ma cala del 5% price-per-ad rispetto al primo trimestre 2013. Il fatturato Search cresce a 445 milioni di dollari rispetto ai 425 milioni di dollari dello stesso trimestre del 2013, mentre i paid click crescono del 6% in volume e dell'8% nel prezzo per click.

"Sono davvero lieta dei risultati del nostro primo trimestre, che segnano il nostro miglior fatturato ex-TAC Q1 dal 2010. Incoraggiati dal nostro nono trimestre consecutivo di crescita anno su anno nel fatturato Search e dalla crescita anno su anno nel primo trimestre del fatturato Display sin dal 2011, il primo trimestre è stato un anticipato ed importante segnale di crescita nel nostro core business. E con il mobile fondamentale per la nostra crescita futura, siamo entusiasti di vedere oltre 430 milioni di utenti mobile al mese che accedono ai nuovi prodotti di Yahoo" ha commentato il CEO Marissa Mayer.

Timidi segnali di crescita, quindi, ma che sembrano interrompere il trend negativo dei precedenti trimestri e che, soprattutto, sorprendono il mercato e gli analisti che avevano previsto un quadro a tinte più fosche per l'azienda di Sunnyvale. A seguito della presentazione dei risultati il titolo in borsa ha fatto segnare nelle contrattazioni after-hours una crescita di poco inferiore al 7% dopo un primo avvio al 10%.


23.15 | 0 komentar | Read More

Canon lancia EOS 100D in versione bianche anche in Italia

Canon lancia EOS 100D in versione bianche anche in Italia

"Dopo la distribuzione sul mercato giapponese, Canon decide di lanciare EOS 100D nella colorazione bianca anche in Italia"

Che il mercato dei prodotti fotografici negli ultimi anni sia andato verso una sempre più variegata diversificazione è sotto gli occhi di tutti. Ogni produttore cerca di occupare il maggior numero di segmenti possibile offrendo una quantità di prodotti sempre più ampia ed al limite della cannibalizzazione. Canon, che ricordiamo essere il primo produttore di fotocamere al mondo (in termini di volumi di vendite), negli ultimi anni non ha dimostrato troppa lungimiranza per quanto riguardo alcuni segmenti (Canon: "mirrorless inventate da chi non è riuscito a competere con le reflex", un anno dopo veniva presentata EOS M). Tuttavia il colosso nipponico non ha mai smesso di cercare prodotti nuovi per target nuovi.

È il caso ad esempio di EOS 100D: presentata nel Marzo 2013 la piccola EOS punta molto sulla riduzione del volume totale per attirare l'attenzione di tutti coloro che sono in qualche modo impauriti dall'imponenza delle classiche DSLR. Pensata come punto d'incontro tra il mondo delle senzaspecchio e quello delle reflex, EOS 100D è stata poi declinata in un'insolita versione bianca. Lanciata inizialmente solo sul mercato giapponese, ora EOS 100D White sbarca anche da noi in accoppiata con una versione altrettanto pallida del classico EF-S 18-55mm f/3.5-5.6 IS STM. La nuova declinazione di EOS 100D in kit con il 18-55mm bianco sarà disponibile nei negozi da fine Maggio al prezzo di listino di €705.


Commenti (3)


23.15 | 0 komentar | Read More

Bitcoin, Mt.Gox pensa alla liquidazione totale

Mt. Gox, il servizio di cambio Bitcoin caduto in disgrazia qualche settimana fa e che ha richiesto la protezione per bancarotta dopo aver perso oltre 850 mila Bitcoin dei clienti, pare che stia ora mutando le proprie intenzioni con l'avanzamento ad un tibunale di Tokyo della richiesta di avvio delle pratiche di liquidazione.

La notizia viene diffusa dal Wall Street Journal e riportata da The Verge: Mt. Gox sembra aver abbandonato qualsiasi velleità di ricostruzione della propria attività, sfruttando la protezione della bancarotta, per via di piani definiti "complessi e irrealistici".

Secondo fonti informate, pare che Mt. Gox stia ancora cercando possibili compratori, che potrebbero consentire ai creditori una parte degli eventuali futuri guadagni. La decisione del servizio di cambio di procedere per la liquidazione dopo aver pianificato una ricostruzione significa probabilmente che coloro i quali hanno effettuato consistenti investimenti rischiano di avere un ritorno inferiore del previsto.

Il tribunale deve ancora approvare la richiesta, che se dovesse essere avallata comporterà la nomina di un fiduciario che assumerà il controllo del patrimonio della società al posto del CEO Mark Karpeles.


23.15 | 0 komentar | Read More

Disponibile Office 365 Personal a 7 euro al mese

Microsoft lo scorso 13 marzo aveva promesso la disponibilità di Office 365 Personal entro la primavera, e tale promessa è stata mantenuta: da alcune ore le nuove licenze del servizio sono acquistabili da Office365.com. Office 365 Personal è un particolare prodotto declinato per le esigenze d'uso personali dell'utente: la sottoscrizione al servizio dà accesso a Word, PowerPoint, OneNote, Excel e Outlook da un PC e da un tablet. È possibile sfruttare il servizio anche da una postazione Mac OS e da un iPad.

Al momento attuale sono già disponibili i prezzi validi per l'Italia: la sottoscrizione mensile di Office 365 Personal costa 7 euro che salgono a 69.99 euro per un abbonamento annuale. Office 365 Personal si affianca a Office 365 Home che Microsoft propone per un utilizzo nell'ambito famigliare: questo pacchetto permette infatti l'installazione delle applicazioni Office su 5 differenti postazioni. Anche Office 365 Home può essere utilizzato su PC Windows o postazioni Mac OS. Qui di seguito una tabella comparativa dei servizi.

Nella colonna più a destra troviamo l'opzione gratuita Office Online che permette un accesso basic al servizio, non prevede l'installazione delle applicazioni in locale e non offre lo spazio di storage aggiuntivo di 20GB su OneDrive, opzione prevista invece dalle versioni a pagamento. Sottoscrivendo un abbonamento a Office 365 Personal o Home si ha la possibilità di mantere le proprie applicazioni sempre aggiornate all'ultima versione disponibile attraverso i costanti update forniti da Microsoft.


23.15 | 0 komentar | Read More

I primi 3 mesi del 2014 di Intel, tra soluzioni professionali e SoC per tablet

Intel ha annunciato i propri risultati finanziari per il primo trimestre 2014, periodo nel quale è stato totalizzato un fatturato di 12,8 miliardi di dollari con un utile lordo di 2,5 miliardi di dollari e un utile netto di 1,9 miliardi.

Nel confronto con i dati del quarto trimestre 2013 si registra un calo dell'8% nel fatturato, del 29% dell'utile operativo e del 26% dell'utile netto. Questi dati evidenziano un calo del margine operativo lordo, che nei primi 3 mesi del 2014 è stato pari al 59,7% contro il 62% degli ultimi 3 mesi dell'esercizio 2013.

Dove l'azienda ha operato con successo nel corso del trimestre è nel Data Center Group, quello dal quale dipendono le vendite di soluzioni professionali appartenenti alla famiglia Xeon. Il fatturato di questa divisione è stato pari a 3,1 miliardi di dollari, in crescita dell'11% rispetto al primo trimestre 2013. Per il PC Client Group il fatturato è stato pari a 7,9 miliardi di dollari, in calo dell'1% rispetto ai 12 mesi precedenti.

Da questo, nel confronto con i primi 3 mesi del 2013, emerge un risultato in termini di utile netto pari a 1,9 miliardi di dollari, in calo del 5% rispetto al risultato dello stesso periodo dell'anno precedente e come segnalato con una contrazione superiore prendendo quale riferimento l'ultimo trimestre 2013.

Brian Krzanich, CEO dell'azienda, ha evidenziato come nel periodo siano stati commercializzati circa 5 milioni di processori per tablet. Il target di Intel per il 2014 è quello di raggiungere la soglia di 40 milioni di tablet basati su architettura Intel, includendo in questo tante proposte basate su sistema operativo Windows come Android.

A questo proposito spicca il risultato negativo della divisione Mobile and Communications Group, capace di un fatturato di 156 milioni di dollari in calo del 52% su base sequenziale e del 61% rispetto al primo trimestre 2013. Intel è riuscita a vendere molti processori per sistemi tablet ma per ottenere questo risultato è stata costretta ad operare una politica di "contra revenues", cioè di fatto vendere ben sotto il prezzo di listino e in questo modo ottenendo il supporto dei produttori di tablet asiatici che hanno adottato tecnologia Intel nei propri prodotti.

E' questo un approccio che prevede nel breve di guadagnare quote di mercato di fatto operando sotto costo, ma che se portato avanti con successo permette di costruire una domanda futura di proprie soluzioni da parte del mercato con le quali tornare a vendere generando un margine. E' questa una politica ovviamente rischiosa per Intel, che nel breve periodo porta ad un impatto negativo sul fatturato ma che nelle speranze di Intel porterà ad una presenza forte dell'azienda anche in questo settore così strategico.


23.15 | 0 komentar | Read More

Supremo

Written By komlim puldel on Rabu, 09 April 2014 | 23.15

scheda aggiornata 4 ore fa

Supremo è un applicativo leggero e semplice da usare che consente la connessione e il controllo di un PC / server remoto in pochi secondi: è sufficiente scambiarsi l'identificativo a 9 cifre e una password per poter aprire una sessione.

Non necessita di configurazione del router o dei firewall e per tale ragione è una soluzione adatta per prestare assistenza a clienti in difficoltà, lo scenario d'uso per cui è stato progettato. Gratuito per uso personale, è necessario sottoscrivere un piano per l'impiego per finalità commerciali.


23.15 | 0 komentar | Read More

Apple iWatch atteso per il terzo trimestre del 2014

Lo smartwatch di Apple, conosciuto con il nome di iWatch, potrebbe debuttare entro la fine dell'anno. È quanto emerge dalle nuove voci provenienti dal Taiwan, che alimentano un rumor ormai vecchio di oltre un anno, ma mai consolidatosi in realtà.

Il prodotto che potrebbe dare una spinta all'intero settore potrebbe arrivare nel terzo trimestre del 2014, secondo quanto riportato dall'Economic Daily News taiwanese. Il rumor si basa su alcuni documenti relativi alle forniture della società di Cupertino, le cui fonti hanno annunciato i presunti risultati di vendita previsti dalla Mela.

Apple iWatch

Secondo i piani della società, infatti, iWatch potrebbe vendere fino a 65 milioni di unità entro la fine dell'anno, rappresentando quindi un grosso successo non solo per la società, ma per tutto il settore che stenta ad imporsi rispetto ai mercati mobile già consolidati nel corso degli anni.

Secondo le fonti, l'orologio sarà prodotto materialmente da Quanta Computer e della componentistica elettronica se ne occuperà Richtek Technology. Il vetro in cristallo in zaffiro, invece, sarà di TPK. Il processore, così come nella line-up di dispositivi mobile, sarà progettato dalla stessa Apple, ma prodotto ancora una volta da Samsung.

Molti produttori hanno cercato di imporsi sul mercato degli smartwatch, fra cui la stessa Samsung, o anche Sony. Google ha sviluppato un sistema operativo, Android Wear, che verrà utilizzato da HTC, LG, ed anche alcuni nomi noti agli amanti della moda. Tuttavia, gli orologi smart non hanno ancora convinto le masse, per via di prezzi forse troppo elevati in relazione alle funzionalità che riescono ad offrire.

I limiti fisici delle tecnologie attuali, inoltre, impongono tuttora seri compromessi dal punto di vista dell'usabilità. È difficile prevedere il successo di un prodotto come iWatch e, se le indiscrezioni si rivelassero esatte, sembra che Apple sia particolarmente confidente sulla nuova nicchia di mercato. Tuttavia, ricordiamo che questo è solo l'ultimo di una lunga serie di rumor sul prodotto e proprio per questo va valutato con le dovute cautele.


23.15 | 0 komentar | Read More

The Pre-Sequel, una mod professionale per Borderlands 2

2K e Gearbox Software hanno appena annunciato Borderlands The Pre-Sequel, un nuovo capitolo della serie Borderlands costruito sul motore grafico di Borderlands 2. Il gioco è in sviluppo presso Gearbox Software, con la collaborazione di 2K Australia, e uscirà nel prossimo autunno nei formati PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

Borderlands The Pre-Sequel

"Borderlands è uno dei primi franchise di 2K, Borderlands 2 è il titolo più venduto nella storia della compagnia", dice Christoph Hartmann, Presidente 2K. "I fan sono in subbuglio per una nuova esperienza di gioco tripla-A targata Borderlands, è quello che gli daremo con Borderlands: The Pre-Sequel".

Borderlands The Pre-Sequel è ambientato sulla Luna di Pandora, e coinvolge i giocatori in sparatorie antigravitazionali usando nuove armi per il franchise. Per la prima volta, i fan si troveranno a giocare con quattro nuovi personaggi dall'altro lato della barricata, contribuendo alla nascita della Hyperion. Combattendo al fianco di Jack il Bello, i giocatori assisteranno alla sua trasformazione in tiranno megalomane che i fan hanno imparato ad odiare in Borderlands 2.

In Borderlands The Pre-Sequel ci saranno nuovi effetti elementali e un nuovo indicatore dell'ossigeno residuo. I giocatori, infatti, dovranno assicurarsi di possedere le riserve di ossigeno necessarie, anche perché questo servirà ad alimentare i nuovi jetpack. E non mancheranno neanche i proiettili di ghiaccio.

Per quanto riguarda le quattro nuove classi giocabili saranno: Athena, the Gladiator; Wilhelm, the Enforcer; Claptrap, the Fragtrap; e Nisha, the Lawbringer. Apparsa nell'espansione The Secret Armory of General Knoxx del primo Borderlands, Athena è in grado di assorbire il danno arrecato dai nemici, di curare i compagni di squadra e di "tankare". Wilhelm, invece, era uno dei primi boss di Borderlands 2, ma che ovviamente adesso diventa un alleato. Il Claptrap è l'iconica figura del mondo di Borderlands, stavolta in veste di personaggio giocabile. Infine, Nisha ha già fatto la sua comparsa in Borderlands 2 nei panni di sceriffo di Lynchwood.

"Fin dalla creazione da parte di Gearbox Software del franchise Borderlands, non ci saremmo mai aspettati tutto l'amore ed il supporto dimostratoci dai fan", dichiara Randy Pitchford, presidente di Gearbox Software. "Siamo contenti che il talentuoso team di 2K Australia si sia unito a noi per Borderlands The Pre-Sequel per aiutarci a mantenere alti gli standard che i fan di Borderlands si aspettano da questo titolo".

Gearbox non ha curato tanto la grafica e non ha modificato l'interfaccia utente: piuttosto ha voluto plasmare un nuovo mondo di gioco con gli strumenti già esistenti in Borderlands 2. "Siamo stati attenti ad assicurarci di non inserire nessun elemento che i giocatori potrebbero aspettarsi da Borderlands 3", ha chiarito Pitchford.

Gli autori sono poi consapevoli di quanto sia folle il titolo del nuovo Borderlands, The Pre-Sequel appunto, il quale oltretutto si sposa perfettamente con l'impostazione generale della serie.

Il CEO di Gearbox ha anche spiegato perché il nuovo gioco non è previsto nei formati next-gen: "Sono state vendute meno Xbox One e PlayStation 4 che copie di Borderlands ", afferma Pitchford, rimarcando il successo commerciale del suo precedente shooter co-op. "C'è una domanda molto alta su Borderlands per quanto riguarda la precedente generazione, e non sappiamo se c'è altrettanta domanda tra i possessori delle nuove console. Probabilmente Borderlands arriverà sulla next-gen fra tre o quattro stagioni natalizie".

Pitchford poi rivela che Gearbox è al lavoro anche su altri progetti non ancora annunciati ufficialmente, lasciando comunque intuire che ci sarà anche un Borderlands 3. Per il momento, però, gustiamoci questo video di gameplay di The Pre-Sequel pubblicato da Cvg.


23.15 | 0 komentar | Read More

Gamification, tassello fondamentale per tutti i business digitali

Il fenomeno della gamification, ovvero l'uso di meccaniche proprie dell'ambiente videoludico (obiettivi da raggiungere, sfide) e portate al di fuori di esso, è divenuto una componente essenziale di qualsiasi strategia di business digitale come modo per motivare le persone e superare barriere di portata, tempo, distanza, connessione e costi. La società di analisi di mercato Gartner osserva come i responsabili di business digitali utilizzino la gamification per aggiunger valore all'offerta di prodotto, per incrementare il coinvolgimento degli impiegati e per spingere un'innovazione che parta dal basso. La gamification ha un enorme potenziale ma attualmente molte realtà non la stanno ancora sfruttando a dovere.

La strada per il successo della gamification è piena di insidie e molte compagnie non capiscono quanto sia critica per il successo la motivazione del giovatore. Nel libro "Gamify - How Gamification Motivates People to Do Extraordinary Things" di Brian Burke, vicepresidente research per Gartner, viene illustrato come progettare un'esperienza che stimoli le persone ad un livello emozionale e non transazionale e le motivi a raggiungere i propri obiettivi.

"Le organizzazioni dovrebbero usare la gamification per stimolare i loro clienti, impiegati e comunità a raggiungere i loro obiettivi. La gamification è spingere le persone a raggiungere i propri obiettivi, non quelli dell'organizzazione. La chiave di volta della gamification sono gli obiettivi comuni. Se un'attività può identificare gli obiettivi che condivide con il suo audience o fornisce al suo audience obiettivi che sono significativi per loro, può quindi fare leva sulla gamification per motivare questi giocatori a raggiungere questi obiettivi, e la compagnia raggiungerà risultati di business di conseguenza" ha commentato Burke.

I responsabili di business e i responsabili IT devono capire il significato della gamification ed amalgamarla nella loro strategia di business digitale. I responsabili di business devono comprendere le opportunità di fare leva sulla gamification per motivare digitalmente clienti, impiegati e comunità. I responsabili IT devono invece ripensare a come progettare soluzioni che siano coinvolgenti e non solo efficienti.

Una strategia di coinvolgimento digitale è una sfida per i responsabili di business ad andare oltre l'interazione e ad andare oltre le transazioni e richiede invece la progettazione e l'offerta di esperienze digitali. L'opportunità è impegnarsi a coinvolgere le persone ad un livello emozionale. Un modo di motivare le persone è di presentar loro sfide pratiche, incoraggiarle mentre procedono attraverso vari livelli e coinvolgerle emozionalmente per raggiungere il loro meglio. L'essenza della gamification è coinvolgere le persone ad un livello emozionale e motivarle a raggiungere i propri obiettivi.

La realtà ora è che molte organizzazioni si affidano prevalentemente a strategie di coinvolgimento transazionale nelle loro interazioni, ad esempio concentrandosi sulla preoccupazione degli impiegati di guadagnarsi da vivere e di rispondere alle aspettative minime del datore di lavoro. Le organizzazioni devono cambiare focus verso un coinvolgimento emozionale se vogliono realmente motivare le persone.

Quelle organizzazioni che sono più aggressive nella motivazione con la gamification, hanno già avviato soluzioni di gamification che supportano varie aree di business, si rivolgono a pubblici differenti e raggiungono una vasta gamma di obiettivi di business. Queste realtà stanno iniziando a sviluppare centri di eccellenza sulla gamification, per far leva sulle abilità specializzate richieste per questi progetti. Si tratta di realtà che stanno inoltre considerando come integrare soluzioni gamificate che si rivolgono allo stesso audience.

"Le meccaniche e la progettazione di gioco sono state usate per coinvolgere e motivare le persone a raggiungere i propri obiettivi tramite uno storico di cui tener traccia. La gamification è ripensare la motivazione in un mondo dove siamo più spesso connessi digitalmente che fisicamente. Si tratta di costruire motivazione in un mondo connesso digitalmente. E siamo appena all'inizio di questo viaggio. La gamification continuerà a svilupparsi per molti anni a venire" ha osservato Burke.


23.15 | 0 komentar | Read More

PowerArchiver 2013

scheda aggiornata 2 ore fa

Completa utility per la gestione di archivi di files. Gestisce tutti i formati maggiormente diffusi: ZIP, RAR, ACE, ARJ, LHA e BH SFX.

Al suo interno incorpora dei visualizzatori per le seguenti tipologie di files: TXT, RTF, BMP, WMF, EMF, JPG (JPEG), GIF e ICO.
L'interfaccia grafica è molto simile a quella utilizzata da windows 2000.

Dispone inoltre di una funzione che consente la conversione da una tipologia di archivio ad un'altra, ad esempio da archivio .ZIP a .CAB, o da CAB a LHA.

Qui di seguito le novità dell'ultima versione:
# Changes:
* Full OpenPGP support via Encryption Suite
* Encryption Suite
* PowerArchiver Cloud
* More Advanced Modern/Ribbon Interface
* RAR 5 format support
* Significantly Faster ZIP engine
* Power saving mode for ZIP engine 
* Special skin for Remote Desktop
* Improved handling of various formats
* Faster SFTP speeds
* Easier registration system with PowerArchiver Select
* Hundreds of other Improvements

23.14 | 0 komentar | Read More

Corte UE invalida la direttiva sulla conservazione dei dati su cellulare

La Corte di giustizia dell'Unione Europea ha annullato la direttiva 2006/24/CE attraverso la quale i fornitori di servizi di comunicazioni elettroniche (ad esempio gli operatori telefonici) erano tenuti a conservare alcuni dati degli utenti, come ad esempio l'orario delle singole telefonate ed i numeri telefonici coinvolti.

La direttiva per la conservazione dei dati era stata introdotta a seguito degli attentati terroristici a Londra e Madrid nel 2006, ed ha rappresentato fino ad oggi un utile strumento per le autorità per identificare i responsabili di crimini. Nello specifico, i fornitori potevano disporre dei dati raccolti per un periodo massimo di due anni.

Nonostante la distinzione fra dati personali e non, la Corte dell'UE ritiene che la direttiva, "imponendo la conservazione di tali dati e consentendovi l'accesso alle autorità nazionali competenti, ingerisca in modo particolarmente grave nei diritti fondamentali al rispetto della vita privata e alla protezione dei dati di carattere personale".

La direttiva della conservazione dei dati è stata posta all'attenzione della Corte di giustizia dell'Unione Europea in seguito alla richiesta della Corte costituzionale austriaca e dell'Alta Corte irlandese. Secondo le autorità citate, la direttiva violava i principi della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.

Mediante le normative eliminate ieri, ai fornitori veniva permessa la conservazione di alcuni dati delle telefonate dei clienti, ad esclusione dei contenuti, elemento quest'ultimo consentito solo in presenza di un mandato specifico da parte delle autorità giudiziarie. La Corte ha ritenuto che, se opportunamente incrociate, le informazioni conservate avrebbero potuto consentire facilmente l'identificazione degli utenti.

"Possono fornire indicazioni assai precise sulla vita privata dei soggetti i cui dati sono conservati, come le abitudini quotidiane, i luoghi di soggiorno permanente o temporaneo, gli spostamenti giornalieri o di diversa frequenza, le attività svolte, le relazioni sociali e gli ambienti sociali frequentati", riporta la nota della Corte dell'UE.

I documenti della sentenza possono essere trovati a questo indirizzo.


23.14 | 0 komentar | Read More

Problemi di mouse lag in Diablo III dopo la patch 2.0.4. Ecco come risolverli

A Blizzard sono arrivate tantissime segnalazioni riguardanti un problema di mouse lag con Diablo III che ha iniziato a presentarsi dopo il rilascio della patch 2.0.4 per il noto action rpg, adesso aggiornato con l'espansione Reaper of Souls.

Sostanzialmente il cursore all'interno del gioco risponde con scarsa reattività alle sollecitazioni dell'utente, rendendo praticamente impossibile il puntamento sia nei menu che durante il gameplay vero e proprio.

Sul forum ufficiale di Diablo III si possono leggere tantissimi reclami a proposito di questo difetto, e naturalmente si può superare l'inconveniente in tanti modi diversi, non avendo Blizzard ancora individuato l'origine del problema (perlomeno nel momento in cui scriviamo).

Sul nostro PC redazionale abbiamo fatto così: siamo andati nel pannello di controllo di Windows e poi abbiamo abilitato la visualizzazione delle icone grandi. Abbiamo successivamente schiacciato su Caratteri e poi su Modifica dimensioni tipo di carattere, e infine selezionato il tipo di carattere più piccolo (100%). Questo vale per Windows 8, mentre per Windows 7 invece che su Caratteri bisogna cliccare su Display.

Sul thread segnalato leggiamo che alcuni hanno risolto impostando una risoluzione del gioco più bassa, altri attivando la sincronia verticale, altri ancora impostando la grafica del gioco sul dettaglio visivo minimo.

Blizzard sta investigando sulle cause del problema e rilascerà presumibilmente un aggiornamento a breve.


23.14 | 0 komentar | Read More

K-Lite Codec Pack Update

Written By komlim puldel on Rabu, 02 April 2014 | 23.15

scheda aggiornata 2 ore fa

K-Lite è un bundle di software specificamente sviluppato per permettere di utilizzare la maggior parte dei Codec con il proprio sistema. Quello fornito è un pacchetto di aggiornamento cumulativo per la versione Mega di questo bundle.

Queste le novità introdotte:

Changelog:

  • Updated MPC-HC to version 1.7.3.147
  • Updated LAV Filters to version 0.61.1-3-g528effc
  • Updated madVR to version 0.87.7
  • Updated xy-VSFilter to version 3.0.0.284

23.15 | 0 komentar | Read More

Microsoft migliora l'esperienza TV su Xbox One

Microsoft ha rivelato nuove feature per Xbox One, riguardanti le funzionalità di Smartglass, l'applicazione che, sfruttando i dispositivi portatili, offre un secondo schermo rispetto all'esperienza originale da console.

Ben Smith del team Xbox TV, insieme a Larry Hryb, il noto Major Nelson, dicono nel video che alleghiamo a questa pagina: "La nostra missione è di continuare a migliorare l'esperienza TV su Xbox One".

Xbox One

Tra le novità troviamo la nuova funzione "Rent Once, Play Anywhere", che permette di suddividere la visione dei contenuti tra diversi dispositivi. Gli Xbox Video potranno essere visti su Xbox One, Xbox 360, Windows 8, Windows Phone 8 e sul web tramite il sito Xboxvideo.com. Grazie alla nuova funzione, il sistema terrà traccia del punto del film in cui si è abbandonata la visione, in modo da riprenderla su un altro dispositivo.

Tra le nuove funzionalità di Smartglass c'è anche la possibilità di vedere la lista completa degli achievement sbloccati senza dover passare da un dispositivo all'altro. Si potrà anche consultare la lista delle persone con le quali si è giocato di recente, inviando loro la richiesta per una sfida o una rivincita. Il Feed delle Attività aderirà visivamente a quello che si trova sulla console, e le notifiche sui messaggi ricevuti tramite Xbox One potranno essere inviate al dispositivo mobile. Inolte, tramite Smartglass si potrà lanciare un'app in modalità Affianca, la funzionalissima opzione che permette di guardare un contenuto TV o di navigare su internet mentre si continua a giocare.

Queste funzionalità saranno disponibili solo su invito, mentre diventeranno pubbliche dopo che il test sarà completato. Nuovi palinsesti televisivi, preferiti e app con i canali televisivi verranno inoltre aggiunti all'interfaccia centrale OneGuide di Xbox One, in modo da consentire agli utenti di controllare meglio la dotazione AV. Smartglass, infine, integrerà nuove funzioni DVR, compresa la capacità di programmare il sistema affinché registri i contenuti a certi orari e la riproduzione dei contenuti registrati.

"Vogliamo rendere SmartGlass il telecomando definitivo", conclude Smith.


23.15 | 0 komentar | Read More

Lenovo svela quattro tablet economici, appartenenti alla nuova famiglia A-Series

Nel corso della giornata di martedì Lenovo ha annunciato quattro tablet appartenenti ad una nuova famiglia di prodotti, chiamata A-Series. Fra questi troviamo due modelli da 7 pollici, uno da 8 pollici e la variante top di gamma da 10 pollici, che sembrano scontrarsi ad armi pari con la famiglia di prodotti Galaxy Tab4 presentati solo poche ore prima.

Lenovo A10-70 è il top di gamma della nuova serie ed anche il modello dalle dimensioni più sostenunte: adotta un display "wide HD" da 10,1 pollici, due altoparlanti stereo frontali con supporto ad audio Dolby ed un processore quad-core.

Il modello da 8 pollici è chiamato A8-50: viene proposto anch'esso con processore quad-core ed audio stereo Dolby, mentre sarà disponibile in una serie di colori differenti. Due le versioni da 7 pollici: A7-50 ed A7-30. Il primo annovera un display "wide-view HD", processore quad-core e due fotocamere da 2MP.

Risultano difficili da capire le differenze con A7-30, che probabilmente integra un display meno definito. Anche i modelli da 7 pollici utilizzano un processore quad-core e audio stereo Dolby. Il comunicato della società appare parecchio lacunoso e non riporta le specifiche tecniche esatte dei nuovi modelli.

Lenovo ha rilasciato i prezzi esclusivamente per il mercato britannico: si parte da 99£ per Lenovo A7-50 (l'esborso richiesto potrebbe essere addirittura inferiore per A7-30), 139£ per A8-50, mentre la versione da 10 pollici sarà proposta a 169£. I dispositivi saranno disponibili internazionalmente a partire da secondo trimestre del 2014.


23.15 | 0 komentar | Read More

WhatsApp annuncia il record di messaggi giornalieri, e nel pomeriggio va down

In mattinata WhatsApp ha annunciato un nuovo record: l'1 aprile sono stati gestiti dai server del più celebre servizio di instant messaging 64 miliardi di messaggi in sole ventiquattro ore. La società ha divulgato l'importante traguardo su Twitter, precedendo di poche ore un breve black-out dei server che ha reso non disponibile il servizio per alcune decine di minuti per parecchi utenti in tutto il mondo.

Il precedente record risale alla scorsa Vigilia di Capodanno: in quella data gli utenti di WhatsApp hanno inviato e ricevuto un totale di 54 miliardi di messaggi, cifra tre volte superiore a quanto fatto registrare l'anno precedente. Il nuovo record conta 20 miliardi di messaggi inviati e 44 miliardi ricevuti, per un totale di 64 miliardi gestiti dai server del celebre servizio di messaggistica istantanea. I messaggi ricevuti risultano in numero superiore perché la società conta i messaggi inviati in gruppo come ricevuti singolarmente da ogni utente.

L'annuncio si è tuttavia impreziosito di una casualità particolarmente curiosa. Solamente dopo poche ore, infatti, WhatsApp è andato down per molti utenti in tutto il mondo, causando un disservizio durato alcune decine di minuti, e diffuso su vasta scala. La società non ha ancora ufficializzato l'evento, ma utenti di molti paesi del mondo hanno pubblicato le proprie lamentele sui canali ufficiali. Al momento in cui scriviamo, tuttavia, la situazione sembra essersi ristabilita.

WhatsApp ha già annunciato i piani futuri per il servizio, ormai detenuto da Facebook: il client di messaggistica instantanea si espanderà ulteriormente con nuove funzionalità, fra cui la possibilità di effettuare chiamate VoIP all'interno dell'app. Le novità dovrebbero arrivare entro la fine della prossima estate.


23.15 | 0 komentar | Read More

Una campagna da Aesvi per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla creazione dei videogiochi

"Gli sviluppatori di videogiochi come 'pionieri moderni' che creano nuovi mondi e danno accesso a nuove dimensioni, nuove esperienze e nuovi immaginari", Aesvi descrive così la sua nuova campagna, volta ad accrescere la consapevolezza dell'opinione pubblica sul lavoro all'origine della creazione dei videogiochi.

Si tratta di un obiettivo di attualità, vista la crescente attenzione con cui si guarda alla nascita di nuove start up nei settori della creatività e dell'innovazione. Con #pioniere, Aesvi intende mettere al centro dell'iniziativa gli appassionati di videogiochi ai quali darà la possibilità di entrare in contatto con alcuni sviluppatori italiani, visitando gli studi dove lavorano e assistendo al processo di produzione del videogioco.

Per diventare #pioniere è necessario registrarsi sul sito Internet www.all4games.it e realizzare un contributo video che esprima al meglio la propria visione personale del concetto di "pioniere". Le candidature saranno raccolte dal 2 al 30 aprile 2014. In seguito AESVI selezionerà i 3 candidati che hanno dato l'interpretazione più originale del concetto di "pioniere" e offrirà loro l'opportunità di essere per un giorno ospiti speciali di 3 tra gli studi di sviluppo italiani emergenti: Bad Seed, Digital Tales e Studio Evil.

Bad Seed, che ha sedi a Milano e negli Stati Uniti, è famosa per il gioco Sheep Up! Digital Tales, invece, è uno studio di sviluppo con sedi a Roma, Milano e Miami che ha recentemente ottenuto successo con i giochi mobile Ducati Challenge e Battleloot Adventure. Il gioco di maggior successo di Studio Evil, infine, è Syder Arcade, uno shot 'em up a scorrimento orizzontale ispirato ai videogiochi anni '90 per Amiga e PC, disponibile su Steam, Desura e Mac App Store.


23.15 | 0 komentar | Read More

Watch Dogs: nuovo trailer mostra la versione PC

Ubisoft ha rilasciato un trailer dedicato alla versione PC di Watch Dogs, che si sofferma in particolar modo sulle condizioni climatiche e sugli effetti di illuminazione globale ottimizzati per questa piattaforma. La Chicago futuristica allestita da Ubisoft Montreal, infatti, cambia fisionomia in funzione del meteo e del momento della giornata, come mostra il video pubblicato da PCGameshardware.de.

Nelle ultime settimane si è parlato molto del presunto downgrade grafico di Watch Dogs. Il dibattito è nato dopo la pubblicazione di un video di confronto da parte dello Youtuber Jason Knothe che mostra side-by-side alcune sequenze di un vecchio gameplay trailer di Watch Dogs, rilasciato all'E3 2012, e sequenze invece provenienti da un recente gameplay trailer del gioco di Ubisoft Montreal, che in questa occasione girava su PS4.

Con gli ultimi trailer, invece, Ubisoft sembra allontanare la possibilità che ci sia stato effettivamente un ridimensionamento verso il basso della qualità grafica del suo free roaming.

Recentemente ha poi annunciato che Watch Dogs uscirà il prossimo 27 maggio, dopo che inizialmente il rilascio era stato fissato per novembre 2013.


23.15 | 0 komentar | Read More

Windows 7 cresce più rapidamente di Windows 8. Windows XP ancora su quasi il 30% dei PC

Marzo è stato il quinto mese dal rilascio di Windows 8.1. L'ultima versione del sistema operativo di Redmond continua a crescere costantemente, anche se a ritmi meno sostenuti di Windows 7. Completa il quadro Windows XP, che a meno di una settimana dalla fine del supporto ufficiale si trova sul 27% dei personal computer.

Le ultime analisi di mercato provengono da Net Applications e mostrano che Windows 8 e Windows 8.1 hanno guadagnato complessivamente lo 0,62% delle quote, portandosi all'11,30%. Nello specifico Windows 8 ha mostrato un incremento dello 0,03%, mentre Windows 8.1 dello 0,59%.


23.15 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger