Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

Internet Explorer 10 su Windows 8 e tablet

Written By komlim puldel on Rabu, 26 Desember 2012 | 23.14

Alcuni giorni fa abbiamo segnalato un'interessante lavoro svolto da NSS Labs in cui 4 tra i più diffusi browser venivano messi a confronto in un'ambito specifico: la capacità di reazione nei confronti di pagine o contenuti malevoli. Le tecnologie Smartscreen Filter di Internet Explorer 10 hanno permesso al browser di Microsoft di raggiungere risultati interessanti, mentre poco dietro si colloca Chrome di Google. L'approfondimento è disponibile a questo indirizzo.

Sul fronte della sicurezza Internet Explorer 10 sfrutta anche altre tecnologie messe a disposizione da Windows 8. Ci riferiamo ad esempio alla rinnovata logica dei livelli di integrità, alla disponibilità di ForceASLR e DEP. Questi argomenti sono stati affrontati in un articolo pubblicato poche settimane fa che può rappresentare un utile approfondimento.

Tutti questi aspetti sono però meno visibili, vengono considerati solo dai più esperti e spesso passano in secondo piano. Il browser web è uno strumento con cui per lavoro o meno ci si confronta anche per diverse ore al giorno, quindi semplicità d'uso e reattività sono elementi ben considerati dagli utenti; su questo fronte Internet Explorer 10 in modalità desktop non offre importanti novità, ma le cose cambiano radicalmente utilizzando il nuovo ambiente Windows 8. In questo breve video ne riassumiamo le principali caratteristiche.

L'interfaccia è ottimizzata per un utilizzo touch e alcune gesture permettono di controllare in modo semplice il browser. Come si vede nelle immagini, la più ampia superficie possibile è lasciata al contenuto e gli strumenti di controllo come anche la barra degli indirizzo compare solo nel momento in cui ciò è necessario e richiesto.


23.14 | 0 komentar | Read More

CCleaner

scheda aggiornata 4 giorni fa

Valutazione

Media Voti

         

su 6 votazioni

Software che permette di eliminare dal proprio sistema files inutili, come ad esempio file temporanei, informazioni legate alla history del browser, ai files recentemente aperti. Non mancano poi strumenti per agire sui programmi avviati allo startup o per disinstallare applicazioni; questi tools ovviamente vanno usati solo se le consuete modalità di disinstallazione non hanno garantito il risultato sperato. Queste le principali modifiche introdotte dall'ultima release:

What's New:

- Added Firefox 7.0 Beta support.
- Added Firefox 6.0 Final support.
- Added IE 9.0.2 support.
- Added Safari 5.1 binarycookies file cleaning and management.
- Added cleaning for MS Search, Cached Fonts, RegEditX,
SpeedBit DAP, Spyware Terminator, SUPERAntiSpyware,
Acrobat Distiller 10 and Foxit Reader 5.0.
- Improved cleaning for Internet Download Accelerator.
- Improved Opera 9 Last Download Location cleaning.
- Improved accuracy and reliability for free space and entire drive wiping.
- Improved Safari local storage cleaning.
- Improved Google Chrome "Saved Form Information" and "Saved Passwords" cleaning.
- Updated various translations.
- Minor optimization tweaks.

23.14 | 0 komentar | Read More

Risultati in rosso per RIM, ma meglio del previsto

Research In Motion ha pubblicato i propri risultati finanziari per il trimestre conclusosi lo scorso 1 Dicembre, evidenziando un risultato negativo ma in ogni caso migliore delle stime formulate dagli analisti finanziari.

Il dato parla di una perdita di 114 milioni di dollari USA su un fatturato complessivo di 2,7 miliardi di dollari. In termini di perdita per azione il dato è negativo per 22 centesimi di dollaro, valore inferiore alla stima di 35 centesimi attesa dal mercato.

Il dato del trimestre da poco concluso è migliore di quanto registrato dall'azienda canadese nel corso dei trimestri precedenti, conclusi con perdite rispettivamente pari a 235 milioni e 518 milioni di dollari. Una indicazione di questo tipo lascia intendere che gli sforzi interni incentrati verso la riduzione dei costi e l'incremento della efficienza opeerativa stiano premiando.

In termini di vendita RIM ha comunicato di aver venduto 6,9 milioni di terminali smartphone della famiglia BlackBerry, assieme a circa 255.000 tablet della famiglia PlayBook. Si tratta di dati che per le soluzioni smartphone rappresentano una frazione di quanto RIM era stata capace di vendere ogni trimestre negli scorsi anni, chiaro segnale della disaffezione dei clienti e del loro spostamento verso soluzioni alternative, principalmente basate sui sistemi operativi iOS e Android.

Questa tendenza è confermata anche dalla diminuzione nel numero di clienti che utilizzano i servizi RIM: se nel corso degli ultimi trimestri questo indicatore era continuato a crescere, segnale che i nuovi smartphone erano stati acquistati da chi in precedenza non possedeva un prodotto BlackBerry, negli ultimi 3 mesi in esame si è passati da 80 a 79 milioni di utenti attivi, segnale di come l'interesse dei consumatori si stia spostado lontano dalle proposte dell'azienda canadese.

Quali stime per il prossimo trimestre? Il debutto dei primi prodotti basati su sistema operativo BlackBerry 10 potrebbe portare alcuni clienti a posticipare l'acquisto di nuovi prodotti, con diretti impatti sul fatturato di breve periodo. Oltre a questo l'azienda si attende un incremento degli investimenti in marketing onde meglio supportare le iniziative di vendita della nuova generazione di smartphone. La conseguenza di tutto questo è ben chiara: una perdita anche per i 3 mesi in corso.


23.14 | 0 komentar | Read More

Tablet e smartphone rallentano l'upgrade dei sistemi PC

Il 25% dei possessori di PC non sembra essere intenzionato a sostituire il proprio sistema nel momento in cui questo dovesse diventare obsoleto o inutilizzabile. I dati elaborati da un sondaggio di Center for the Digital Future, ripreso da Yahoo, evidenzia una certa disaffezione da parte degli utenti di PC per questa tipologia di dispositivi.

Alla base di questa dinamica la diffusione di smartphone e tablet, dispositivi che vengono utilizzati da molti consumatori ogni giorno al posto dei propri PC per le applicazioni di utilizzo abituale. I dati sono riferiti al mercato nord americano ma per analogia possono essere estesi facilmente a numerose altre nazioni, soprattutto quelle nelle quali alle vendite di PC si affianca una massiccia diffusione dei nuovi sistemi mobile.

La diffusione massiccia dei tablet trova differenti giustificazioni: da un lato la facilità di trasporto lontani da casa e/o ufficio; dall'altro la flessibilità d'uso di questi dispositivi, tale da permettere di eseguire tutte le applicazioni e i compiti svolti con un PC con l'aggiunta di una maggiore facilità nell'interazione.

Riteniamo in ogni caso che il mercato dei PC continui ad avere uno spazio interessante di sviluppo per il futuro, benché non ai tassi di crescita propri dei dispositivi mobile. A dispetto dell'evoluzione tecnologica di tablet e dei sistemi operativi a questo abbinati continuano ad esistere scenari di utilizzo che non sono facilmente replicabili, soprattutto quando la produzione di contenuti da parte dell'utente inizia ad essere particolarmente elevata.


23.14 | 0 komentar | Read More

Auguri di buon Natale e felice 2013

La redazione di Hardware Upgrade augura un buon Natale e felice anno nuovo a tutti i lettori del network e alle rispettive famiglie, con la speranza che le feste possano essere occasione di felicità. E' tempo di vacanze anche per noi, anche se in queste feste verranno comunque pubblicati alcuni articoli, fra cui l'atteso Apple MacBook Pro 13 Retina e uno speciale sulle migliori fotografie del 2012.

Un ringraziamento a chi ci segue da tempo e continuerà a farlo; continueremo con gli aggiornamenti giornalieri nel periodo tra Natale e Capodanno e torneremo in piena attività a partire dal 2 di gennaio, quando mancheranno pochi giorni al CES 2013 di Las Vegas. Molte le novità quindi che ci attendono già nella prima settimana dell'anno nuovo, anche grazie alla copertura live delle novità più interessanti in arrivo dalla pazza Las Vegas.

Grazie ancora e tanti auguri

La Redazione


23.14 | 0 komentar | Read More

Vista Codec Package

scheda aggiornata 2 giorni fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Bundle di software specificamente sviluppato per permettere di utilizzare la maggior parte dei Codec con il proprio sistema. Supporta i sistemi operativi Windows XP, 2003, NT e Vista

Di seguito le note fornite a corredo:

With Vista Codec Package installed, you won't need to install any other codec or filter. Many user suggested default settings are implemented. It does not contain a media player. It does not associates filetypes. With this package installed you will be able to use any media player (limited only by the players capabilities) to play DVD's, movies and video clips of any format. Streaming video (real and quicktime) is supported in web browsers. Visit the homepage to get a 64bitAddon which enables xvid, divx and DVD playback in Vista's MediaCenter.


23.14 | 0 komentar | Read More

Chromium

scheda aggiornata 2 giorni fa

Valutazione

Media Voti

         

su 4 votazioni

Chromium è un browser web open source che punta a fornire uno strumento di accesso al web che sia più sicuro, stabile e veloce, basato sull'engine di Google Chrome. Mentre Google Chrome viene ufficialmente aggiornato una o due volte al mese, Chromium viene solitamente aggiornato diverse volte al giorno per rendere disponibili tutte le nuove funzionalità e gli ultimi fix disponibili.


23.14 | 0 komentar | Read More

RIM: 70.000 App al momento del lancio di BlackBerry OS 10

Written By komlim puldel on Rabu, 19 Desember 2012 | 23.15

BlackBerry OS 10 sarà il crocevia per RIM: a gennaio probabilmente avremo un'idea chiara se la strada imboccata dall'azienda canadese è quella verso la rinascita o se la discesa nel gradimento degli utenti continuerà inesorabile. Certamente BlackBerry pare aver imparato dai propri errori: l'esempio più lampante è il tablet Playbook, supportato da un sistema operativo di ottima progettazione (su base QNX), caratterizzato da un multitasking molto efficiente, ma arrivato nelle mani dei consumatori con un catalogo di applicazioni molto scarso.

Nel caso di Playbook l'apertura al porting facilitato delle applicazioni Android ha fatto fare inizialmente un salto al numero delle applicazioni disponibili App World, salvo poi vedere un netto rallentamento dei nuovi upload e, in generale, un livello qualitativo delle nuove app medio-basso.

Con BlackBerry OS 10 RIM vuole cambiare passo: abbiamo già visto come la casa canadese stia puntando molto sul supporto agli sviluppatori per arrivare all'appuntamento con il lancio di BlackBerry OS 10 con un ricco ecosistema di App, in modo da evitare il flop avuto con Playbook. Ora cominciano ad emergere i primi dati: stanto a quanto dichiarato dagli executive RIM, il 30 gennaio il nuovo sistema operativo sarà lanciato assieme a un marketplace di più di 70.000 App.

A contare però non è solo il numero, ma la qualità media dei contenuti e soprattutto la presenza (o meno) delle 'killer app' quelle che gli utenti ormai ritengono irrinunciabili e che possono spostare la preferenza dei consumatori da una piattaforma all'altra. Un fatto che Microsoft ha ben imparato con Windows Phone.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuovi processori Celeron per sistemi notebook, anche con TDP di 17 Watt

A partire dal primo trimestre 2013 Intel immetterà sul mercato le prime CPU della famiglia Celeron basate su architettura Ivy Bridge, specificamente sviluppate per l'utilizzo in sistemi notebook. Stando alle informazioni anticipate dal sito CPU World a questo indirizzo troveremo anche versioni caratterizzate da un TDP di 17 Watt, lo stesso delle proposte Core i5 e Core i7 destinate a sistemi Ultrabook.

Le caratteristiche tecniche delle 4 CPU Celeron attese al debutto sono riportate nella tabella seguente:

Modello

TDP Cores Threads Clock Cache L3 Clock GPU Clock GPU Turbo Memoria
Celeron 1000M 35W 2 2 1,8 GHz 2MB 650MHz 1GHz DDR3-1600
Celeron 1007U 17W 2 2 1,5 GHz 2MB 350MHz 1GHz DDR3-1333
Celeron 1020M 35W 2 2 2,1 GHz 2MB 650MHz 1GHz DDR3-1600
Celeron 1037U 17W 2 2 1,8 GHz 2MB 350MHz 1GHz DDR3-1333

Tutte queste nuove CPU integreranno architettura dual core, senza supporto alla tecnologia HyperThreading, in abbinamento a supporto al codice a 64bit e alla tecnologia VT-x per la virtualizzazione.

Le due tipologie di CPU Celeron mobile di nuova generazione si differenziano tra di loro principalmente per il livello di consumo. I modelli standard, con TDP di 35 Watt, hanno frequenze di clock più elevate tanto per la componente CPU come per quella GPU; il package con il quale saranno proposte sarà quello socket G2 rPGA.

Per le versioni a più basso consumo, caratterizzate come detto da un TDP di 17 Watt, troveremo frequenze di clock più contenute sia per la componente CPU come per quella GPU; per quest'ultima la frequenza di clock massima via tecnologia Turbo raggiungerà in ogni caso la soglia di 1 GHz toccata anche con le CPU standard. Per questi processori il package sarà di tipo BGA, quindi con CPU saldate direttamente sulla scheda madre così da contenere le dimensioni complessive.


23.15 | 0 komentar | Read More

Dropbox

scheda aggiornata 4 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Dropbox permette di memorizzare files online, accedendo da diverse locazioni e mantenendo sincronizzazione in modo automatico. Non solo: Dropbox permette di condividere automaticamente files tra utenti differenti mantenendo un'interfaccia utente estremamente semplice e intuitiva.


23.15 | 0 komentar | Read More

Samsung Galaxy Grand: a metà strada tra S III e Note II

Samsung Galaxy S III e Samsung Galaxy Note II sono due terminali entrati decisamente nelle liste dei desideri di diversi utenti e sono ormai molto ben conosciuti a livello globale. Samsung sta cercando di sfruttare il traino di questi due terminali (uno smartphone e un phablet) per fare da volano alle vendite di terminali con prestazioni inferiori ma aspetto che richiama quello dei top di gamma. È stata l'operazione che ha visto nascere Samsung Galaxy S III Mini e che ora vede la casa coreana presentare Samsung Galaxy Grand, caratterizzato da un display di diagonale media tra i due top di gamma.

Si tratta di un terminale che nell'estetica richiama i due best seller, ma che presenta una scheda tecnica (e molto probabilmente un prezzo) inferiore, in primis sul fronte del display, che pur avendo una diagonale di 5" offre risoluzione 800x480 pixel. Il cuore del sistema è un processore dual core a 1,2 GHz, accompagnato da 1GB di RAM e supportato da una batteria da 2.100mAh. La memoria di storage ammonta a 8GB, espandibile con schede microSD. Il comparto fotocamera offre un modulo da 8 megapixel con supporto 1080p per quanto riguarda quella posteriore e 2 megapixel e supporto HD 720p per quello che concerne la fotocamera frontale.

Le misure del terminale fermano il calibro a 143.5 x 76.9 x 9.6 mm, mentre la bilancia fa segnare 162 grammi di peso. In base alle informazioni in rete sarà disponibile, a seconda dei paesi, in versione a SIM singola o dual SIM. Mancano al momento informazioni ufficiali su prezzo e disponibilità.


23.15 | 0 komentar | Read More

Ad-Aware Free Antivirus

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Ad-Aware è un software di scansione e protezione del proprio sistema che previene infezioni da varie tipologie di rischi quali data mining, scumware, advertising particolarmente aggressivo, malware, hijacking del browser e tracking dei comportamenti d'uso del browser. La versione free è disponibile solo per utilizzo personale in ambiente domestico e non come utilizzo commerciale.


23.14 | 0 komentar | Read More

Nuovi dettagli su Sony Yuga: smartphone Full HD da 5

Il comparto degli smartphone con display da circa 5" sta sperimentando un successo su cui pochi all'inizio avrebbero scommesso e le proposte in questo settore continuano al moltiplicarsi. Anche Sony pare voler imboccare questa strada e sono emersi in rete nuovi dettagli del nuovo Sony Yuga, superphone con display Full-HD da 5".

Le nuove immagini permettono di farsi un'idea più chiara del terminale, che si baserà sul design abbastanza squadrato che caratterizza la line-up Xperia negli ultimi tempi. Arrivano conferme in merito alla piattaforma utilizzata: Sony Yuga C660 sarà basato CPU Qualcomm Snapdragon S4 APQ8064, assistita da GPU Adreno 320 e memory controller dual-channel.

Confermato anche il display da 5" con risoluzione Full HD 1920x1080, con una densità di pixel pari a 440ppi, pixel per pollice. Secondo le prime informazioni in rete la piattafroma Qualcomm fa spiccare il nuovo Yuga in mezzo alla massa degli smartphone, ma anche in quella dei tablet, con prestazioni tali da far preoccupare Nvidia e la sua proposta Tegra 3. Per vederlo all'opera nelle mani dei consumatori bisognerà però attendere almeno la primavera del 2013.


23.14 | 0 komentar | Read More

Opera@USB

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Versione portabile del browser Opera, release 12.10, che può essere utilizzato direttamente da chiavetta USB oppure copiato ed eseguito da hard disk.


23.14 | 0 komentar | Read More

Aggiornamento firmware per Leica S2: versione 1.0.4.2

Written By komlim puldel on Rabu, 12 Desember 2012 | 23.14

Aggiornamento firmware per Leica S2: versione 1.0.4.2

"Leica ha rilasciato un aggiornamento del firmware dedicato a Leica S2: supporto alle più recenti ottiche e bilanciamento del bianco tramite software Adobe migliorato"

Leica aveva sfruttato la fiera di Colonia del Photokina 2012 per mostrare più di qualche nuovo prodotto. Tra le novità presentate l'ultima generazione della medio formato dal bollino rosso, Leica S, aveva sicuramente attirato l'attenzione di molti.

Il produttore tedesco, conscio dell'importanza del supporto ai propri prodotti da fornire ai fotografi, ha ora rilasciato un aggiornamento del firmware dedicato a Leica S2, la generazione precedente quella presentata alla fiera di Colonia.

La versione 1.0.4.2 del firmware introduce il supporto alle più recenti ottiche della casa arrivate sul mercato, come il supergrandangolare Super-Elmar-S 1:3.5/24mm Asph. e lo zoom Vario-Elmar-S 1:3.5-5.6/30-90mm Asph.

L'aggiornamento del firmware promette inoltre miglioramenti nella comunicazione dei valori relativi al bilanciamento del bianco tra la fotocamera ed i software Adobe. L'aggiornamento è scaricabile direttamente dall'area clienti del sito della casa.


Commenti (2)


23.14 | 0 komentar | Read More

Microsoft Surface: novità per la distribuzione ma non in Italia

Microsoft è un progetto di Microsoft presentato contemporaneamente a Windows 8: le soluzioni Surface sono costituite da tablet sviluppati appositamente per il nuovo sistema operativo e vengono presentate sul mercato con il marchio della casa di Redmond. Da un punto di vista delle configurazioni hardware non presentano differenze significative rispetto alla concorrenza, mentre sul fronte dei particolari costruttivi e delle scelte fatte dai progettisti presentano sicuramente dettagli interessanti.

Con un comunicato ufficiale disponibile qui, Microsoft delinea la futura strategia del gruppo legata a Surface: l'obiettivo pare essere quello di aumentare la disponibilità del prodotto nella rete di distribuzione affiancando a quelli esistenti altri punti vendita presso i quali sarà possibile acquistare Surface. Le novità dovrebbero concretizzarsi a partire dal mese di gennaio 2013.

Microsoft ha scelto di commercializzare questi tablet utilizzando il proprio brand e la propria rete di Microsoft Store a cui ha affiancato altri ecomerce. Surface è stato da più parti apprezzato e criticato, ma purtroppo per il momento non abbiamo ancora avuto a disposizione un sample di prodotto, quindi non possiamo avere un nostro giudizio oggettivo sul prodotto. E purtroppo anche in futuro il mercato italiano pare rimanga escluso dalla commercializzazione di Surface.

L'Italia quindi per il momento rimane fuori dai giochi, e tutte le opportunità di vendita sono lasciate nelle mani dei partner Microsoft che ormai da tempo hanno a catalogo soluzioni basata su Windows 8 o su Windows RT, quindi con piattaforma ARM. Per quanto riguarda Surface c'è attesa anche per la disponibilitàdel modello basato su architettura x86 e dotato di Windows 8, infatti al momento in commercio è disponibile il solo modello con Windows RT.


23.14 | 0 komentar | Read More

Aperte le iscrizioni per il concorso internazionale Nikon Photo Contest 2012-13

Questa fine di anno è periodo molto interessante per chi desidera allargare i propri orizzonti fotografici partecipando a contest, anche internazionali. Abbiamo visto come manchi meno di un mese alla chiusura delle iscrizioni per la categoria Open dei Sony World Photography Awards 2013, ma nel mentre si aprono al pubblico altri concorsi.

Dal 1° dicembre 2012 si può partecipare al Nikon Photo Contest (NPC), il famoso concorso fotografico internazionale nato nel 1969 e giunto alla sua 34ª edizione. In occasione del nuovo lancio NPC propone alcuni importanti cambiamenti tra cui l'istituzione della nuova categoria relativa ai filmati. L'NPC accetta le iscrizioni in quattro categorie: fotografie singole (Categoria A), photo story (Categoria B, con portfolio da due a cinque fotografie), filmati fotografici (Categoria C, con filmati della durata massima di 45 secondi) e Istantanee in movimento o Motion Snapshot (Categoria D).

Quest'ultima categoria è tagliata su misura per stimolare alla partecipazione i possessori della mirrorless della casa giallonera Nikon 1, che ha introdotto al suo debutto il formato Motion Snapshot, che unisce le immagini fisse e i filmati creando un breve filmato al rallenty degli attimi che precedono e seguono l'istante dello scatto.

Le iscrizioni all'NPC, aperte a fotografi professionisti e amatoriali di qualsiasi livello di capacità, esperienza e paese, potranno avvenire dal 1º dicembre 2012 al 28 febbraio 2013. I giudici dell'NPC selezioneranno 64 lavori per il primo, secondo e terzo premio in ciascuna categoria e assegneranno un Premio speciale per l'opera considerata migliore. Un'ulteriore novità è il Premio dei partecipanti per l'opera più popolare, che verrà selezionata dagli iscritti al concorso.

L'annuncio delle opere vincenti avverrà nell'estate del 2013. Oltre all'inserimento in diverse mostre delle opere vincitrici del concorso, ai vincitori verranno conferiti premi in denaro da spendere in prodotti Nikon per un valore compreso tra i 970€ ed i 9.700€. Per ulteriori informazioni sull'NPC, modalità di iscrizione, regole del concorso ed elenco completo dei premi, consultare il sito web ufficiale: http://www.nikon-photocontest.com


23.14 | 0 komentar | Read More

Dropbox

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Dropbox permette di memorizzare files online, accedendo da diverse locazioni e mantenendo sincronizzazione in modo automatico. Non solo: Dropbox permette di condividere automaticamente files tra utenti differenti mantenendo un'interfaccia utente estremamente semplice e intuitiva.


23.14 | 0 komentar | Read More

Online le specifiche delle future CPU Core i7 e Core i5

Grazie al sito VR-Zone sono apparse online le principali specifiche tecniche dei processori Intel delle famiglie Core i7 e Core i5 basati su architettura Haswell. Si tratta di modelli attesi al debutto nel corso del 2013, evoluzione di quanto attualmente presente sul mercato.

Haswell è il nome scelto per indicare la prossima generazione di microarchitettura Intel che prenderà il posto di quella Ivy Bridge. Verrà mantenuto il processo produttivo a 22 nanometri mentre le evoluzioni saranno implementate attraverso significative evoluzioni tanto per la componente CPU quanto per quella GPU.

Nella tabella sono riassunte le caratteristiche tecniche previste per le CPU Core i7 e Core i5 basate su architettura Haswell:

Modello Clock Turbo Cache Core Threads Memoria Sbloccato GPU Clock GPU TDP VT-d TXT
Core i7-4770K 3,5 GHz 3,9 GHz 8MB 4 8 1600 si HD4600 1250 MHz 84W no no
Core i7-4770 3,4 GHz 3,9 GHz 8MB 4 8 1600 no HD4600 1200 MHz 84W si si
Core i5-4670K 3,4 GHz 3,8 GHz 6MB 4 4 1600 si HD4600 1200 MHz 84W no no
Core i5-4670 3,4 GHz 3,8 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1200 MHz 84W si si
Core i5-4570 3,2 GHz 3,6 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1150 MHz 84W si si
Core i5-4430 3 GHz 3,2 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1100 MHz 84W si no
Core i7-4770S 3,1 GHz 3,9 GHz 8MB 4 8 1600 no HD4600 1200 MHz 65W si si
Core i7-4770T 2,5 GHz 3,7 GHz 8MB 4 8 1600 no HD4600 1200 MHz 45W si si
Core i7-4765T 2 GHz 3 GHz 8MB 4 8 1600 no HD4600 1200 MHz 35W si si
Core i5-4670S 3,1 GHz 3,8 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1200 MHz 65W si si
Core i5-4670T 2,3 GHz 3,3 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1200 MHz 45W si si
Core i5-4570S 2,9 GHz 3,6 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1150 MHz 65W si si
Core i5-4570T 2,9 GHz 3,6 GHz 4MB 2 4 1600 no HD4600 1150 MHz 35W si si
Core i5-4430S 2,7 GHz 3,2 GHz 6MB 4 4 1600 no HD4600 1100 MHz 65W si si

I nuovi processori verranno abbinati a socket 1150 LGA di nuova generazione, non risultando quindi essere compatibili con le schede madri socket 1155 LGA attualmente presenti in commercio. Accanto al nuovo socket troveremo anche nuovi chipset della famiglia 8, noti anche con il nome in codice di Lynx Point.

Segnaliamo come le future CPU Core i7 e Core i5 riprendano le stesse caratteristiche tecniche dei modelli attualmente a listino: 8 threads per le versioni Core i7 e 4 per quelle Core i5, con tutte unificate dalla presenza di 4 core fisici fatta eccezione per il modello Core i5-4570T a basso consumo. Il TDP delle versioni standard passerà a 84 Watt contro i 77 Watt delle soluzioni Ivy Bridge, mentre i modelli con suffisso S saranno caratterizzati da un TDP di 65 Watt. Le versioni a più basso consumo della serie T avranno TDP variabile da 45 Watt sino a 35 Watt a seconda del modello.

Per tutte queste CPU Intel propone GPU integrata della serie HD 4600: non conosciamo al momento attuale le specifiche tecniche dettagliate di questa GPU mentre la frequenza di clock in modalità turbo di questo componente sarà variabile a seconda della versione di CPU.


23.14 | 0 komentar | Read More

Chromium

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 4 votazioni

Chromium è un browser web open source che punta a fornire uno strumento di accesso al web che sia più sicuro, stabile e veloce, basato sull'engine di Google Chrome. Mentre Google Chrome viene ufficialmente aggiornato una o due volte al mese, Chromium viene solitamente aggiornato diverse volte al giorno per rendere disponibili tutte le nuove funzionalità e gli ultimi fix disponibili.


23.14 | 0 komentar | Read More

Motorola Mobility cede le operazioni di produzione a Flextronics

Flextronics, uno dei principali produttori contrattisti di elettronica, e Motorola Mobility, dall'agosto 2011 di proprietà di Google, hanno annunciato di aver stretto un accordo definitivo secondo il quale Flextronics acquisirà le operazioni di produzione di Motorola a Tianjin, in Cina, ed assumerà la gestione e le attività operative della fabbrica di Jaguariuna, in Brasile.

"L'accordo con Flextronics è un importante passo avanti per la trasformazione della catena di approvvigionamento in un vantaggio competitivo per Motorola. Flextronics è stato nostro partner per molti anni, e la loro competenza ed esperienza nella produzione ci permetterà di concentrare le forze su altre aree della catena di approvvigionamento dove possiamo aggiungere la maggior parte del valore" ha commentato Mark Randall, senior vice president, supply-chain and operations per Motorola Mobility LLC.

Gli asset e gli impiegati di entrambe le sedi saranno traferiti a Flextronics dopo la conclusione dell'operazione. Nel nuovo corso è compreso inoltre un accordo di produzione e servizi per i dispositivi mobile. Le compagnie si aspettano di poter completare l'operazione per la prima metà del 2013, ovviamente a seguito dell'approvazione dei garanti del mercato. I dettagli economici e finanziari dell'operazione non sono stati resi noti.

Gli impiegati e gli asset di entrambe le location saranno trasferti a Flextronics dopo la conclusione dell'operazione. L'accordo include inoltre un accordo di produzione e service per i dispositivi mobile. Le compagnie si aspettano di completare l'operazione per la prima metà del 2013, ovviamente previa approvazione dei garanti del ercato. I dettagli finanziari non sono stati rivelati.

Mike McNamara, CEO di Flextronics, commenta: "Siamo molto lieti di annunciare questo accordo ed espandere il nostro rapporto di collaborazione di lungo corso con Motorola Mobility. Non vediamo l'ora di poter sfruttare le nostre competenze per poter portare valore a Motorola Mobility".


23.14 | 0 komentar | Read More

Globalfoundries, ampliamento delle operazioni a Singapore e taglio di personale

Written By komlim puldel on Rabu, 05 Desember 2012 | 23.15

Nonostante Globalfoundries abbia annunciato qualche giorno fa l'iniziativa "Vision 2015", volta ad espandere le capacità produttive degli stabilimenti di Singapore che operano con wafer a 300mm, la compagnia ha comunicando una riduzione della forza lavoro proprio a Singapore, citando un'attenuazione dell'attuale clima macroeconomico.

Secondo le informazioni disponibili si tratterà di un taglio pari al 4% circa della forza lavoro impiegata da GlobalFoundries a Singapore, ovvero circa 300 persone. I tagli saranno trasversali e riguarderanno tutte le figure professionali, dagli impiegati ai manager. Non è stata comunicata una finestra temporale per il completamento dell'operazione.

La strategia "Vision 2015" prevede invece l'incremento della capacità produttiva di wafer a 300mm di diametro dalle 600 mila unità annualo a circa 1 milione, allo scopo di poter posizionare Globalfoundries come partner idoneo per quelle realtà che necessitano della produzione di soluzioni analogiche, digitali, high-voltage ed RF assieme alle economie di scala possibili con la produzione a 300 millimetri.

Attualmente Globalfoundries non ha ancora reso noto il budget per il progetto. Il CEO della compagnia, Ajit Manocha, ha commentato: "Una volta che l'iniziativa sarà portata a compimento, Singapore potrà offrire la più vasta gamma di tecnologie e la miglior scelta per un'ampia base di clienti per semiconduttori e dispositivi integrati".


23.15 | 0 komentar | Read More

Sony World Photography Awards 2013: le foto della categoria Open

Sony World Photography Awards 2013: le foto della categoria Open

"La World Photography Organisation (WPO) per la chiusura dei Sony World Photography Awards 2013 ha pubblicato alcune delle foto degli utenti selezionati per la categoria Open: ci sono anche due italiani"

Mentre è da poco cominciato il conto alla rovescia della World Photography Organisation (WPO) per la chiusura dei Sony World Photography Awards 2013, uno dei concorsi fotografici più importanti del mondo, l'organizzazione ha pubblicato alcune delle foto degli utenti selezionati per la categoria Open, che permette agli amatori di sottomettere al giudizio della giuria una singola foto: tra esse anche quelle di due italiani. Al contrario nella competizione riservata ai soli professionisti, ad essere giudicato è un lavoro intero, composto da diversi scatti. La scadenza per l'invio delle iscrizioni alle dieci categorie Open dedicate ai fotografi non professionisti è il 4 gennaio 2013. Per il concorso dedicato ai Professionisti, che si sfideranno in 15 categorie, la scadenza è fissata al 9 gennaio 2013. È possibile iscriversi gratuitamente sul sito internet www.worldphoto.org.

Al vincitore della categoria professionisti spetterà l'ambito Iris d'Or/Fotografo dell'Anno Sony World Photography Awards 2013, oltre a un premio in denaro del valore di 25.000 dollari. I fotografi amatoriali concorrono invece per 5.000 dollari e per il titolo di Fotografo dell'anno 2013 concorso Open. Tutti i vincitori delle varie categorie riceveranno un set di apparecchi fotografici digitali di Sony di ultima generazione. Il concorso offrirà, a vincitori e finalisti delle numerose categorie, riconoscimento e a visibilità di portata internazionale. Trovate tutti i vincitori della passata edizione nell'articolo che abbiamo dedicato all'evento, dando particolare risalto ai fotografi italiani.

Tutti i fotografi vincitori e finalisti dell'edizione 2013 avranno l'opportunità di esporre le proprie opere da aprile a maggio 2013 presso la Somerset House di Londra, uno dei luoghi storici per eccellenza della capitale britannica. L'elenco dei finalisti sarà pubblicato il 5 febbraio 2013. La giuria d'onore, chiamata a valutare la categoria Professionisti per il 2013, è presieduta dalla direttrice di una nota agenzia americana e neo-eletta Magnum Foundation Director, Catherine Chermayeff. Accanto a lei, prestigiosi professionisti della World Photographic Academy, tra cui: il fotografo di viaggi Macduff Everton; l'editor di immagini del Guardian Fiona Shields; il fotografo dell'agenzia Magnum Chien-Chi Chang e la Direttrice del Museo Moscow House of Photography, Olga Sviblova.


Commenti (2)


23.14 | 0 komentar | Read More

Return to Castlerama in test su iPad Mini, il team riporta risultati sorprendenti

Return to Castlerama, il videogioco d'avventura sviluppato dall'italiana Codenrama sotto la direzione di Michele Böhm e destinato ai dispositivi portatili, è ancora in fase di sviluppo. Nonostante alcune difficoltà, riguardanti principalmente i meccanismi di intelligenza artificiale dei personaggi e la complessità dei livelli, Codenrama sta portando avanti i lavori e dà R2C in dirittura di arrivo. Dovrebbe, infatti, entrare in fase debug entro fine dicembre 2012. La durata del debug e la data di uscita ufficiale, però, non vengono ancora comunicate.

Return to Castlerama

"Purtroppo, una serie di problemi, tra i quali alcuni riguardanti i meccanismi di intelligenza artificiale dei personaggi di gioco, fortunatamente ormai risolti, hanno ritardato di parecchio lo sviluppo. Sui tempi del debug però, non ci sono dati precisi. Per cui una data di uscita certa non è ancora disponibile", ci dice Karim "Kim" Benaddi del team di sviluppo di R2C.

"Abbiamo compilato e testato venerdì scorso il gioco su IOS 6.01, in particolare sull'iPad Mini. I risultati in termini di prestazioni e giocabilità sono stati eccezionali, vista anche la particolare maneggevolezza del device", continua Kim. "L'esperienza di gioco è stata notevole".

Codenrama è molto soddisfatta di come gira il suo gioco su iPad Mini e ci dice che non c'è nessun tipo di limitazione rispetto all'utilizzo su iPad di seconda, terza e quarta generazione. Prosegue, parallalamente, lo sviluppo delle componenti che stanno alla base del mondo di gioco che, lo ricordiamo, nelle intenzioni è vasto e dinamico come quello di un gioco free roaming per sistema domestico. Secondo Codenrama, livelli, ambientazioni e personaggi risultano adesso ulteriormente arricchiti, con dinamiche di gioco potenziate e funzionalità estese.

Lo sviluppatore italiano, però, al momento non è soddisfatto della resa su iPhone 4, perché l'hardware del dispositivo non è all'altezza delle elaborazioni che occorrono per riprodurre il complesso mondo di gioco di Return to Castlerama. Pieno supporto è invece garantito da iPhone 4S in su, mentre RtC supporta già la nuova risoluzione e l'aspect ratio 16:9 di iPhone 5. Lo sviluppo della versione Android di R2C è al momento sospeso, ma verrà ripreso nel momento in cui sarà completata la versione iOS.

"Lo sviluppo Android divrebbe ricominciare una volta partita la distribuzione su iOS, così che l'intero team potrà dedicarsi a tempo pieno a tutte le problematiche del caso da affrontare. Al momento è la versione Android di R2C è in programma, ma nessun test ufficiale è stato ancora fatto. Anche perché si sono presentati un bel po' di interrogativi a cui porre risposta, legati principalmente all'Unreal Engine 3", spiega Kim.

Return to Castlerama è un videogioco per iOS basato su una tecnica innovativa per la gestione delle illuminazioni, costruita su Unreal Engine. Si contraddistingue per la sua atmosfera onirica e surreale, cupa e pesante, misteriosa e rivelatrice allo stesso tempo. Mette insieme risoluzione di enigmi, componente ruolistica e un'estesa fase di esplorazione all'interno di un enorme mondo di gioco.

È un progetto da supportare sia per il fatto che è interamente sviluppato in Italia sia perché intende consegnare su dispositivo mobile un tipo di profondità di gioco paragonabile a quella dei titoli free roaming per sistema domestico. Proprio le dimensioni e le ambizioni del progetto spiegano il ritardo nello sviluppo.

Tutti i dettagli su Return to Castlerama si trovano in questa anteprima.


23.14 | 0 komentar | Read More

K-Lite Codec Pack Update

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

K-Lite è un bundle di software specificamente sviluppato per permettere di utilizzare la maggior parte dei Codec con il proprio sistema. Quello fornito è un pacchetto di aggiornamento cumulativo per la versione Mega di questo bundle.

Queste le note fornite in dotazione:

  • Updated Media Player Classic Home Cinema to version 1.6.4.5978
  • Updated ffdshow to version 1.2.4483
  • Updated LAV Filters to version 0.51.3-46-g30547ce
  • Updated Codec Tweak Tool to version 5.4.6
  • Updated MediaInfo Lite to version 0.7.60
  • Updated Icaros to version 2.1.1

23.14 | 0 komentar | Read More

Micosoft Windows Server 2012 - Hyper-V

A inizio settembre Microsoft ha reso disponibile Windows Server 2012, , il sistema operativo server per aziende piccole e grandi che nel tempo dovrebbe sostituire Windows Server 2008 R2. Le novità di questa release sono parecchie e come di consueto alcune sono ben evidenti, altre nascoste nella moltitudine degli strumenti disponibili. Per la gestione del sistema operativo server Microsoft ha previsto anche un'interfaccia utente molto simile a quella disponibile sui sistemi desktop, soluzione forse non indispensabile ma di sicuro comoda.

Questa nuova modalità affianca ovviamente i più classici ambienti tipici delle soluzioni server, e nel caso specifico PowerShell. Tra i due estremi è prevista una variante ibrida denominata Minimal Server Interface con solo i componenti principali dell'interfaccia grafica. Inoltre, particolare non di poco conto, in Windows Server 2012 è possibile passare dalla modalità a sola riga di comando alla modalità classica con la GUI completa senza dover reinstallare il sistema operativo: all'utente è lasciata la facoltà di aggiungere o eliminare singole funzionalità, andando anche a risparmiare prezioso spazio disco.

Windows Server 2012 è stato rinnovato anche per quanto riguarda il Server Manager offre la possibilità di gestire da una console anche altri server remoti. Questo strumento è stato anche graficamente rivisto e ottimizzato per consentire di eseguire quante più operazioni possibili inclusa la rimozione e l'aggiunta di funzionalità, anche da remoto e anche su macchine ospitate su Windows Azure.

Per quanto riguarda le licenze con Windows Server 2012 Microsoft ha voluto semplificare la nuova proposta con i prodotti Datacenter e Standard, il primo dedicato a infrastrutture in cui la virtualizzazione è un elemento particolarmente spinto e critico, il secondo destinato a scenari più comuni. Un elemento di assoluta novità rispetto al passato è che, così come avviene con System Center 2012, entrambe le edizioni hanno dal punto di vista tecnico esattamente le stesse funzionalità: questo consentirà alle aziende di scegliere l'edizione più adatta in base al budget di spesa e alle caratteristiche della propria infrastruttura di rete, senza soffrire di limitazioni di specifiche "fittizie".

Oggi pubblichiamo questo primo approfondimento dedicato alla virtualizzazione e ad Hyper-V, componente fondamentale per il nuovo sistema operativo server di Microsoft. Per la casa di Virtualizzazione, cloud, private cloud sono elementi fondamentali per lo scenario attuale e per supportare in modo valido le possibili evoluzioni future Seguiranno altri approfondimenti dedicati alla gestione dello storage, dei terminal services e della componente web server, ma qualche altra interessante indicazione potrebbe anche venire dai commenti a questo articolo.


23.14 | 0 komentar | Read More

Microsoft Windows Server 2012 - Hyper-V

A inizio settembre Microsoft ha reso disponibile Windows Server 2012, , il sistema operativo server per aziende piccole e grandi che nel tempo dovrebbe sostituire Windows Server 2008 R2. Le novità di questa release sono parecchie e come di consueto alcune sono ben evidenti, altre nascoste nella moltitudine degli strumenti disponibili. Per la gestione del sistema operativo server Microsoft ha previsto anche un'interfaccia utente molto simile a quella disponibile sui sistemi desktop, soluzione forse non indispensabile ma di sicuro comoda.

Questa nuova modalità affianca ovviamente i più classici ambienti tipici delle soluzioni server, e nel caso specifico PowerShell. Tra i due estremi è prevista una variante ibrida denominata Minimal Server Interface con solo i componenti principali dell'interfaccia grafica. Inoltre, particolare non di poco conto, in Windows Server 2012 è possibile passare dalla modalità a sola riga di comando alla modalità classica con la GUI completa senza dover reinstallare il sistema operativo: all'utente è lasciata la facoltà di aggiungere o eliminare singole funzionalità, andando anche a risparmiare prezioso spazio disco.

Windows Server 2012 è stato rinnovato anche per quanto riguarda il Server Manager offre la possibilità di gestire da una console anche altri server remoti. Questo strumento è stato anche graficamente rivisto e ottimizzato per consentire di eseguire quante più operazioni possibili inclusa la rimozione e l'aggiunta di funzionalità, anche da remoto e anche su macchine ospitate su Windows Azure.

Per quanto riguarda le licenze con Windows Server 2012 Microsoft ha voluto semplificare la nuova proposta con i prodotti Datacenter e Standard, il primo dedicato a infrastrutture in cui la virtualizzazione è un elemento particolarmente spinto e critico, il secondo destinato a scenari più comuni. Un elemento di assoluta novità rispetto al passato è che, così come avviene con System Center 2012, entrambe le edizioni hanno dal punto di vista tecnico esattamente le stesse funzionalità: questo consentirà alle aziende di scegliere l'edizione più adatta in base al budget di spesa e alle caratteristiche della propria infrastruttura di rete, senza soffrire di limitazioni di specifiche "fittizie".

Oggi pubblichiamo questo primo approfondimento dedicato alla virtualizzazione e ad Hyper-V, componente fondamentale per il nuovo sistema operativo server di Microsoft. Per la casa di Virtualizzazione, cloud, private cloud sono elementi fondamentali per lo scenario attuale e per supportare in modo valido le possibili evoluzioni future Seguiranno altri approfondimenti dedicati alla gestione dello storage, dei terminal services e della componente web server, ma qualche altra interessante indicazione potrebbe anche venire dai commenti a questo articolo.


23.14 | 0 komentar | Read More

Canon EOS M: i prezzi di listino per l'Italia partono da 915 euro

Canon EOS M: i prezzi di listino per l'Italia partono da 915 euro

"Canon EOS M riceve i prezzi di listino per l'Italia: il kit con ottica zoom 18-55mm parte da 915 euro"

Canon Italia ha annunciato i prezzi di listino della sua prima mirrorless, Canon EOS M, annunciata quest'estate. La piccola a ottica intercambiabile di casa Canon sarà proposta nelle quattro livree nero, bianco, argento e rosso e con diversi kit che accoppiano le due ottiche presentate con la macchina e l'adattatore per l'utilizzo di tutta la gamma di obiettivi EOS EF. Canon EOS M monta un sensore APS-C da 18 megapixel.

Ecco i prezzi di listino di macchine e accessori

  • EOS M Black/Silver/White+ EF M 18-55mm IS STM + Flash Speedlite 90EX €915,06
  • EOS M Black + EF M 22mm STM + EF M 18-55 IS STM + Flash Speedlite 90EX 1.130,62
  • EOS M Black + EF M 22mm STM + Adattatore EF- EOS M + Flash Speedlite 90EX €1.055,18
  • Speedlite 90 EX €139,13
  • EF-M 18-55mm f/3.5-5.6 IS STM Compatibile solo con EOS M €340,03
  • EF-M 22mm f/2.0 STM Compatibile solo con EOS M €283,17
  • EF-EOS M Compatibile EOS M per montare ottiche EF-S e EF €146,70

Commenti (4)


23.14 | 0 komentar | Read More

Google Nexus 4, prevista per i prossimi giorni la ripresa delle vendite

Written By komlim puldel on Rabu, 28 November 2012 | 23.15

Annunciato lo scorso mese di ottobre un pò in sordina a causa dell'uragano che si è abbattuto su New York e che ha costretto Google ad annullarne l'evento di lancio, il nuovo Google Nexus 4 prodotto da LG non ha certamente avuto un primo mese di vita tale da potersi definire rose e fiori.

Molte sono state le critiche mosse verso il sistema di distribuzione del terminale stesso, per il momento non disponbile presso negozi fisici come anche online a causa di una penuria di terminali pronti al momento del lancio che ha permesso di soddisfare il desiderio di una piccolissima parte soltanto dei possibili acquirenti.

Se non fosse che si tratta sicuramente di una soluzione valida, sia dal punto di vista hardware che software e soprattutto dotata di un prezzo che definire concorrenziale è forse anche poco, molti avrebbero probabilmente desistito all'acquisto, dirottando il loro interesse su altri prodotti. Proprio a causa dei pregi del terminale, tuttavia, crediamo che siano ancora davvero molti ad attendere nuove disponibilità.

Per fortuna di questi utenti, in queste ultime ore Google sembra aver rifornito i propri store online e tra poco potrebbe ricominciare la vendita dei nuovi Nexus 4. Per evitare un esaurimento delle scorte rapido come lo è stato con le prime disponibilità, il colosso di Mountain View ha limitato a 2 il numero di smartphone acquistabili per persona, in modo da poter accontentare il maggior numero di utenti possibile.

Per il nostro paese la disponibilità nei negozi fisici ( in Italia non abbiamo Play Store) è ancora pari a zero e crediamo che, come già annunciato da tempo non potremo vedere a disposizione in nuovi Nexus 4 prima della fine del mese di dicembre. Una mossa sicuramente molto azzardata visto la perdita del periodo di acquisti natalizi ma certamente condizionata proprio dalla scarsa disponibilità del prodotto.


23.15 | 0 komentar | Read More

Le foto JPEG nel mirino di un Trojan

Le foto JPEG nel mirino di un Trojan

"Un nuovo Trojan mira a rubare foto da PC e smartphone all'insaputa degli utenti: il mercato delle immagini rubate è molto redditizio per i cybercriminali"

I cybercriminali sono sempre alla ricerca di metodi per violare PC e smartphone per lucrare sull'accesso alle risorse personali dei malcapitati utenti. Uno degli ultimi bersagli dei criminali informatici sono le fotografie, in particolare i JPEG. I file .jpeg .jpg .dmp sono infatti nel mirino del nuovo Trojan Win32/DataStealer.E.

Si tratta di un malware portato alla luce dai tecnici di ESET NOD32 e prende di mira non solo i computer, ma anche i sempre più diffusi smartphone. L'obiettivo dei cybercriminali è chiaro: utilizzare le immagini più spinte o senza veli per fini pornografici, per azioni di cyberbullismo o ancora per pratiche di sexting, cioè l'invio di foto o messaggi sessualmente espliciti tramite cellulari e social media.

La scoperta di questo nuovo trojan porta alla ribalta il tema della gestione, a volte troppo sbarazzina, delle proprie immagini e più in generale della propria privacy in rapporto alle opportunità messe a disposizione dai social network. Recentemente una ricerca dell'inglese Internet Watch Foundation aveva già rilevato che l'88% delle foto pubblicate dai giovani sui Social Network appaiono in seguito su siti porno 'parassiti': gli effetti sulle ignare vittime, come potete immaginare, possono essere devastanti.

I diversi casi di adolescenti che hanno tentato il suicidio in seguito alla diffusione online delle proprie foto senza veli, scattate per fini privati, sono un monito a un utilizzo più consapevole dei social e delle proprie immagini, con il consiglio di non fidarsi troppo di chi dice 'Questa foto la vedremo solo noi'. Proprio su questa problematica si innesta il nuovo malware, che prova a prendere di mira anche quegli utenti che in realtà fanno un uso accorto delle proprie immagini. I cybercriminali stanno sviluppando nuovi malware in grado di prelevare il materiale direttamente da PC e cellulari, senza aspettare la pubblicazione incauta delle foto sui social network.

Per evitare agli utenti di cadere vittime di questi attacchi, i ricercatori ESET hanno messo a punto una serie di consigli pratici che possono aiutare gli internauti a salvaguardare privacy e reputazione online, fermo restando che la prudenza non è mai troppa in questi casi.

  1. Pensare due (meglio tre) volte prima di condividere foto esplicite sui social media, via mail o MMS, poiché una volta entrate in Rete non tornano più indietro. Se le immagini vengono condivise, se ne perde il controllo e risulterà praticamente impossibile cancellarle del tutto.
  2. Ricordare che ciò che transita sul cellulare non sempre resta sul cellulare. Molti smartphone sono sincronizzati ai computer e archiviano i file nel Cloud. Inoltre sia gli smartphone che i computer possono essere smarriti, rubati o compromessi dagli hacker: è necessario ricordare che i dispositivi digitali possono essere attaccati dai malware, persino senza che ci sia connessione a internet. 
  3. Riflettere sull'opportunità di scattare una foto sessualmente esplicita con una fotocamera digitale, che è molto differente da una foto tradizionale, perché può essere copiata e trasmessa nel giro di pochi secondi, senza peraltro il filtro che prevedeva una volta lo sviluppo in laboratorio.
  4. Vigilare e difendersi a molteplici livelli: password sicure e diversificate per i tanti account e dispositivi, nonché un buon programma antivirus aggiornato con regolarità. I consigli che valgono per mail e social netwrok non vanno mai dimenticati
  5. Ricordare che i rischi delle foto digitali non riguardano solo le immagini osé: foto di password, assegni, ambienti domestici, nuovi acquisti corrono tutte lo stesso rischio.

Commenti (7)


23.15 | 0 komentar | Read More

Microsoft, a dicembre aggiornamento per risolvere i problemi di riavvio di Windows Phone 8

Come avevamo avuto modo di segnalare la scorsa settimana, stando alle lamentele di alcuni utenti e a quanto noi stesso abbiamo potuto riscontrare, alcuni dei nuovi terminali equipaggiati con sistema operativo Windows Phone 8 soffrono di randomici e inspiegabili riavvii anche durante l'utilizzo.

Inizialmente non era noto se il problema fosse legato alle stesse soluzioni o proprio al nuovo sistema operativo mobile di Microsoft. Le recenti dichiarazioni del colosso di Redmond, tuttavia, sciolgono ogni dubbio a riguardo, confermando che si tratta proprio di un problema dovuto al nuovo software in generale e non in particolare per alcune soluzioni.

La compagnia americana ha tuttavia già dichiarato anche che avrebbe identificato la natura del problema e che distribuirà un fix via OTA (over the air, senza bisogno di attaccare il telefono al pc) nel corso del prossimo mese di dicembre.

"Abbiamo investigato riguardo alle segnalazioni di problemi legati al riavvio di alcuni terminali e insieme ai nostri partner ne abbiamo indentificato le cause." Qeste le parole di Microsoft rilasciate nella giornata di martedì. "Siamo al lavoro per distribuire un aggiornamento over-the-air in dicembre". Nonostante la presunta scoperta delle cause dei riavvii, Microsoft non ha voluto rilasciare dichiarazioni che indicassero precisamente quali fossero le stesse cause.


23.15 | 0 komentar | Read More

Win7codecs

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Pacchetto che comprende codec audio e video specifici per l'utilizzo con sistemi operativi Windows 7. Queste le novità implementate nell'ultima versione:

Changelog:
- update LAV filters .51.3+
- update Gabests filters 5753
- update IntelQuickSync .38
- update FFDshow 4477

23.15 | 0 komentar | Read More

Corsair Dominator Platinum: memorie DDR3 a 2666 MHz

Il settore dei PC è attraversato da una crisi che porterà le vendite di questi sistemi su numeri sempre più contenuti, soppiantati in parte dalle proposte notebook e in buona misura dalle soluzioni mobile alternative emerse nel corso degli ultimi anni? Si potrebbe pensare che le difficoltà del settore dei PC desktop siano così elevate che uno scenario come quello qui prospettato possa concretizzarsi a breve, ma alcune considerazioni pratiche portano a frenare un approccio così catastrofico.

I sistemi desktop sono quelli che permettono di ottenere di gran lunga le migliori prestazioni velocistiche complessive, non dovendo gestire i limiti in termini di consumi massimi che caratterizzano le soluzioni mobile. Per questo motivo le proposte desktop sono anche quelle nelle quali le evoluzioni tecnologiche si manifestano per prime, non eccessivamente vincolate da requisiti stringenti in termini di consumi complessivi.

Il settore delle memorie per sistemi desktop è stato caratterizzato, nel corso degli ultimi 10 anni, da dinamiche di sviluppo molto interessanti. Numerose aziende, in particolar modo taiwanesi e nord americane, hanno presentato varie proposte sviluppate specificamente per far fronte alle necessità degli utenti appassionati di tweaking e overclock, cioè di coloro che cercano di ottenere dal proprio sistema il massimo delle prestazioni velocistiche possibili.

Alla base di queste soluzioni troviamo delle specifiche di funzionamento delle memorie, principalmente in termini di frequenza di funzionamento, superiori rispetto a quanto indicato dalle specifiche JEDEC, l'organizzazione responsabile della standardizzazione delle memorie DRAM nel settore PC. A fronte di linee guida per lo standard memoria DDR3 che giungono sino alla frequenza di 1.833 MHz in modo ufficiale, i produttori di kit memoria di fascia più alta si spingono sino a frequenze molto più elevate. Per ottenere questo risultato vengono sfruttati due elementi:

  • la possibilità, con i più recenti processori Intel e AMD, di abilitare moltiplicatori di frequenza della memoria DDR3 che siano ben più elevati di quelli standard senza per questo dover spingere i restanti componenti del sistema a operare fuori specifica;
  • la disponibilità di un elevato numero di chip memoria con i quali poter eseguire una procedura di screening avanzato, alla ricerca dei moduli che siano maggiormente tolleranti al funzionamento a frequenze molto elevate.

Accanto ai numerosi moduli DDR3 per utenti appassionati di overclock troviamo sul mercato un gran numero di memorie con specifiche standard, o che si discostano in misura marginale da quelle che sono le indicazioni del JEDEC. Queste memorie vantano, a parità di quantitativo, specifiche tecniche più conservative rispetto ai kit per overclocking ma sono proposte a listini ben più contenuti. I kit per overclocking sono infatti sempre di tipo "premium": la possibilità di spingersi a frequenze molto elevate incide direttamente sul prezzo d'acquisto che è tutt'altro che contenuto in assoluto, soprattutto pensando a quanto poco costi la memoria DRAM al momento attuale.

dominator_platinum.jpg (37330 bytes)

Tra le aziende impegnate nel settore delle memorie a più elevate prestazioni l'americana Corsair è uno dei brand storici, di fatto presente da quando il settore delle memorie DDR ad elevate prestazioni è nato. La più recente gamma di memorie enthusiast di Corsair prende il nome di Dominator Platinum: si tratta di kit proposti con differenti opzioni di frequenze di funzionamento, timings e capacità complessiva.

part number frequenza timings tensione capacità numero moduli
CMD64GX3M8A2133C9 2.133 MHz 9-11-11-31 1.5V 64GB 8
CMD32GX3M4A2133C9 2.133 MHz 9-11-11-31 1.5V 32GB 4
CMD32GX3M2A1600C9 1.600 MHz 9-9-9-24 1.5V 32GB 4
CMD32GX3M2A1600C10 1.600 MHz 10-10-10-27 1.5V 32GB 4
CMD16GX3M4A2800C12 2.800 MHz 12-14-14-36 1.65V 16GB 4
CMD16GX3M4A2800C11 2.800 MHz 11-14-14-35 1.65V 16GB 4
CMD16GX3M4A2666C11 2.666 MHz 11-13-13-35 1.65V 16GB 4
CMD16GX3M4A2666C10 2.666 MHz 10-12-12-31 1.65V 16GB 4
CMD16GX3M4A2400C9 2.400 MHz 9-11-11-31 1.65V 16GB 4
CMD16GX3M4A2133C9 2.133 MHz 9-11-10-30 1.5V 16GB 4
CMD16GX3M4B2133C9 2.133 MHz 9-11-10-30 1.5V 16GB 4
CMD16GX3M4A1866C9 1.866 MHz 9-10-9-27 1.5V 16GB 4
CMD16GX3M4A2400C10 2.400 MHz 10-12-12-31 1.65V 16GB 2
CMD16GX3M2A1866C10 1.866 MHz 10-11-10-30 1.5V 16GB 2
CMD16GX3M2A1866C9 1.866 MHz 9-10-9-27 1.5V 16GB 2
CMD16GX3M2A1600C9 1.600 MHz 9-9-9-24 1.5V 16GB 2
CMD8GX3M2A2800C12 2.800 MHz 12-14-14-36 1.5V 16GB 2
CMD8GX3M2A2800C12 2.800 MHz 12-14-14-36 1.65V 8GB 2
CMD8GX3M4A2666C11 2.666 MHz 11-13-13-35 1.65V 8GB 2
CMD8GX3M2A2133C9 2.133 MHz 9-11-10-30 1.5V 8GB 2
CMD8GX3M2A1866C9 1.866 MHz 9-10-9-27 1.5V 8GB 2
CMD8GX3M2A1600C8 1.600 MHz 8-8-8-24 1.5V 8GB 2
CMD8GX3M2A1600C9 1.600 MHz 9-9-9-24 1.5V 8GB 2

I kit della famiglia Dominator sono proposti in versioni da 4 oppure 8 Gbytes di capacità per modulo memoria; da questo ne derivano capienze complessive dei kit che passano da un minimo di 8 Gbytes (2 moduli da 4 Gbytes ciascuno) sino a 64 Gbytes, ottenuti con 8 moduli da 8 Gbytes ciascuno. La maggior parte dei sistemi desktop in commercio è dotata di 4 slot per moduli memoria DDR3: la compatibilità è quindi assicurata con tutti i kit Dominator Plus, con l'unica eccezione rappresentata dal modello CMD64GX3M8A2133C9 a 8 moduli che è destinato ai sistemi basati su chipset Intel X79 abbinati a socket 2011 LGA.


23.15 | 0 komentar | Read More

Windows 8 Codecs

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Pacchetto che comprende codec audio e video specifici per l'utilizzo con sistemi operativi Windows 8. Queste le novità implementate nell'ultima versione:

changelog:
- update LAV filters .51.3+
- improve extender support
- update IntelQuickSync .38

23.15 | 0 komentar | Read More

Google Chrome 24

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Google Chrome è un browser web sviluppato da Google con tecnologia WebKit e basato su una nuova Java script Virtual machine denominata V8. Una delle caratteristiche principali del prodotto è la gestione delle singole schede aperte in processi separati: in caso di crash di un singolo tab non sarà necessario riavviare l'intera applicazione


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuove versioni per Firefox e Thunderbird. Novità anche per il mobile

Written By komlim puldel on Rabu, 21 November 2012 | 23.15

Mozilla ha reso disponibile una nuova versione di Firefox giunto ormai alla release 17. Il nuovo browser web è già stato rilasciato nelle versioni per Linux, Mac e Windows. Da questa release in poi con l'implementazione della Social API sarà possibile per gli sviluppatori offrire una miglior integrazione tra Firefox e i servizi messi a disposizione dal social network; il primo passo in questa direzione riguarda il supporto a Facebook Messenger.

Uno dei problemi che da sempre riguarda la sicurezza dei browser è l'aggiornamento dei plug-in. Il problema interessa molteplici aspetti: gli sviluppatori devono rendere disponibili componenti aggiornati in tempi brevi per far fronte alle vulnerabilità, le versioni aggiornate devono essere distribuite e gli utenti debitamente informati, e infine l'utente deve essere consapevole dell'importanza di mantenere aggiornati alcuni plug-in.

Microsoft e Google nei rispettivi browser hanno scelto di integrare alcuni plug-in, occupandosi in modo autonomo dell'aggiornamento e della distribuzione degli stessi. Mozilla con Firefox 17 sceglie una soluzione differente: con Click-to-play viene effettuato un controllo sui plug-in prima del loro avvio e qualora fosse necessario viene notificata la necessità di effettuare l'aggiornamento. Sarà quindi l'utente in modo consapevole a scegliere di avviare il plug-in.

Si tratta di una soluzione interessante anche se per gli utenti meno esperti potrebbe rivelarsi inefficace: una soluzione simile è valida se l'utente ha ben chiara l'importanza dell'aggiornamento. Con la nuova release di Firefox anche la Awesome Bar viene aggiornata introducendo novità grafiche. Nelle note di rilascio viene anche indicata l'introduzione di oltre 20 miglioramenti sul piano prestazionale e la sospensione del supporto per Mac OS X 10.5.

Inoltre, Mozilla rende disponibile anche il nuovo Firefox per Android per il quale viene indicato il supporto anche a telefoni che utilizzano ARMv6, il processore presente in cellulari come HTC Status, Samsung Galaxy Ace, e altri. L'obiettivo è quello di portare Firefox anche su dispositivi non nuovissimi ma comunque molto diffusi.

Ci sono novità anche per Thunderbird rilasciato in versione 17 solo poche ore fa. Il client email di Mozilla offre alcune novità nell'interfaccia grafica e nella gestione delle tab; a parte queste indicazioni le note di rilascio indicano il fix di un problema nel controllo ortografico e nelle gestione dei feed RSS. Con Thunderbird 17 viene sospeso il supporto a Mac OS X 10.5.

Qui di seguito i link per il download dei file di installazione:


23.15 | 0 komentar | Read More

Vista Codec Package

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Bundle di software specificamente sviluppato per permettere di utilizzare la maggior parte dei Codec con il proprio sistema. Supporta i sistemi operativi Windows XP, 2003, NT e Vista

Di seguito le note fornite a corredo:

With Vista Codec Package installed, you won't need to install any other codec or filter. Many user suggested default settings are implemented. It does not contain a media player. It does not associates filetypes. With this package installed you will be able to use any media player (limited only by the players capabilities) to play DVD's, movies and video clips of any format. Streaming video (real and quicktime) is supported in web browsers. Visit the homepage to get a 64bitAddon which enables xvid, divx and DVD playback in Vista's MediaCenter.


23.14 | 0 komentar | Read More

Galaxy Nexus, al via il roll-out dell'aggiornamento ad Android 4.2 anche in Italia

Galaxy Nexus, al via il roll-out dell'aggiornamento ad Android 4.2 anche in Italia Davide Fasola 21 Novembre 2012, alle 14:24 Telefonia

"Nel corso delle ultime ore sono comparse online le prime segnalazioni di alcuni utenti possessori di Samsung Galaxy Nexus che avrebbero iniziato a ricevere le notifiche di aggiornamento del proprio terminale all'ultima versione dell'OS mobile del robottino verde"


Non che sia una novità ma, proprio in queste ore, Galaxy Nexus si sta rivelando ancora una volta la scelta migliore per tutti coloro che, acquistando un terminale Android non vogliono perdersi nemmeno un aggiornamento del sistema operativo del robottino verde.

Contro ogni aspettativa, infatti, anche i possessori italiani del penultimo Googlefonino hanno già iniziato a ricevere, nel corso della giornata di ieri, il messaggio che notifica la possibilita di aggiornare il proprio terminale alla versione 4.2 di Android che, pur trattandosi di una minor release porta alcuni miglioramenti interessanti sia per quanto riguarda le funzionalità software che per le prestazioni.

Migliorata anche la durata della batteria, grazie all'ottimizzazione sempre più avanzata del software. Ancora non sono stati risolti i bug riscontrati dai primi utenti, tra cui la mancanza del mese di dicembre nel calendario, particolari che, tuttavia verranno presto aggiustati grazie ad un fix promesso, ovviamente, prima del mese di dicembre.

Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 4 di: Arnoldforever pubblicato il 21 Novembre 2012, 14:48

Originariamente inviato da: Taz83
aggiornato questa mattina via ota.

io ho dicembre nel calendario e ho gli eventi correttamente caricati.. è li tra novembre e gennaio.. dove sarebbe il bug?

nell'app contatti... prova aggiungere la data del compleanno ad un contatto

Commento # 8 di: melpycar pubblicato il 21 Novembre 2012, 16:13

chi ha fatto l'aggiornamento via ota ha lo takju vero? il mio yakju non trova nulla

edit

trovato riavviando il servizio framework

Totale commenti: 9
« Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Consiglia Hardware Upgrade su Google

Fujifilm X-E1: unboxing in redazione

Hitman Absolution: videoarticolo

GPU nei supercomputer, Nokia Here e un rimpasto in casa Microsoft in TGtech

Anteprima LG Nexus 4, il nuovo Googlefonino

Anteprima LG Optimus G, il prossimo top di gamma del colosso coreano

Fujifilm XF1: qualità nelle finiture e nel sensore


23.14 | 0 komentar | Read More

Nikon rivela quali software intende rendere compatibili con Windows 8

Nikon rivela quali software intende rendere compatibili con Windows 8

"Nikon ha annunciato di avere intenzione di rendere compatibili con il nuovo sistema operativo Microsoft Windows 8 solamente alcuni dei propri sofware di gestione ed elaborazione immagini"

Quando si decide di cambiare sistema operativo, una delle questioni più delicate è quella relativa alla compatibilità dei sotware che si è soliti utilizzare con il nuovo OS. Windows 8 è sul mercato da quasi un mese ed ora Nikon rivela i suoi piani riguardo la compatibilità dei propri software con il nuovo sistema operativo di casa Microsoft.

Nikon ha diffuso un comunicato stampa nel quale spiega di voler testare la compatibilità di una serie di applicativi tra i quali, oltre ai due software maggiormente noti della casa giallonera, View NX 2 e Capture NX 2, troviamo:

  • Camera Control Pro 2
  • Short Movie Creator
  • Nikon Message Center 2
  • Wireless Transmitter Utility
  • Thumbnail Selector
  • NEF codec
  • NRW codec
  • PC-PJ Transfer
  • nik Color Efex Pro 3.0
  • IPTC Preset Manager
  • GP-N100 Utility

Il produttore nipponico invece non intende testare l'eventuale compatibilità e quindi il supporto con Windows 8 con:

  • Capture NX Ver. 1.x
  • Camera Control Pro Ver. 1.x
  • Nikon Capture series
  • ViewNX Ver. 1.x
  • Nikon Transfer Ver. 1.x
  • PictureProject
  • Nikon View series
  • Nikon Scan series
  • PictureProject COOLPIX Remote Control
  • WT-3 Setup Utility
  • Wireless Camera Setup Utility
  • Wireless Connecting Utility
  • nik Color Efex Pro 2.0
  • my Picturetown Utility
  • USB driver for GP-1
  • Image Authentication Software

Nel comunicato Nikon dichiara che annuncierà i propri piani relativi ad una piena compatibilità dei propri software con Windows 8 dopo aver effettuato tutti i test sugli applicativi sopraelencati; Nikon ha aggiunto inoltre di non voler lavorare sulla compatibilità con software e prodotti che utilizzino una connessione SCSI o seriale.


Commenti (3)


23.14 | 0 komentar | Read More

Western Digital, ecco i dischi desktop serie Black da 4TB

Western Digital, ecco i dischi desktop serie Black da 4TB Alessandro Bordin 21 Novembre 2012, alle 16:01 Storage

"Rinnovo nella gamma di unità disco desktop in casa Western Digital, con la presentazione delle nuove unità Black con capienza di 4TB e doppio attuatore"


Western Digital porta la sua serie WD Black a quota 4TB, a distanza di tre anni dalla presentazione delle unità da 2TB della stessa famiglia. Una presentazione attesa, dunque, per un'unità che ricordiamo essere destinata all'utenza desktop più esigente, nonché caratterizzata da un form factor di 3,5 pollici e interfaccia SATA 6Gbps.

Western Digital

Essendo una unità consumer enthusiast, il regime di rotazione è di 7200 giri al minuto, mentre il quantitativo di cache è di 64MB. In termini di trasfer rate, l'unità da 4TB viene accreditata di 154MB al secondo in lettura e scrittura, almeno secondo quanto riportato nel documento in PDF, in italiano, consultabile a questo indirizzo.

A caratterizzare l'unità troviamo un doppio attuatore, al fine di rendere più preciso il posizionamento della testina di lettura e scrittura. Capienze così elevate, in abbinamento a un regime di rotazione di 7200 giri, richiedono infatti un'estrema precisione, ed ecco spiegato l'utilizzo dell'anomala soluzione.

Pur non dichiarandolo, WD utilizza 5 piatti all'interno del nuovo WD Black. Queste unità, infatti, condividono molte caratteristiche con le unità WD RE 4TB presentate in settembre, le quali utilizzavano proprio 5 piatti. In base al comunicato stampa l'unità costerà circa 340 Dollari USA, mentre la garanzia sarà di 5 anni.

Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Bluknigth pubblicato il 21 Novembre 2012, 16:13

Onestamente inutile....

Per carità un disco con buone performance, ma a quel prezzo pendi un SSD + un disco da 4 TB per lo storage e hai prestazioni migliori....

Se poi ci devi fare un raid non ne parliamo...

Commento # 7 di: rollo82 pubblicato il 21 Novembre 2012, 17:06

5 piatti quindi 10 testine, 2 attuatori, 1kg di sale e olio extra vergine di oliva. pepe secondo gusto...

ma dai! e li consideriamo affidabili??? disco fisso=inaffidabilità totale=necessito di backup.

secondo me gli usi dove possa servire un 7200rpm di quella capacità sono pochi, per la maggior parte dei casi meglio avere un ssd+ un raid1(mirror) di 2 dischi di archiviazione+backup ...

Totale commenti: 8
« Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Consiglia Hardware Upgrade su Google

Fujifilm X-E1: unboxing in redazione

Hitman Absolution: videoarticolo

GPU nei supercomputer, Nokia Here e un rimpasto in casa Microsoft in TGtech

Anteprima LG Nexus 4, il nuovo Googlefonino

Anteprima LG Optimus G, il prossimo top di gamma del colosso coreano

Fujifilm XF1: qualità nelle finiture e nel sensore


23.14 | 0 komentar | Read More

Trillian Astra

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Trillian è un software estremamente pratico che permette, utizando un'unica interfaccia, di gestire utenze ICQ, Skype, MSN e Yahoo, nonché collegarsi a server IRC. Risulta essere, pertanto, una praticissima risorsa per tutte quelle persone che fanno uso massiccio di software per chattare e comunicare on line


23.14 | 0 komentar | Read More

Fujifilm X-E1: unboxing in redazione

Fujifilm X-E1: unboxing in redazione

"Abbiamo ricevuto il kit Fujifilm X-E1 e ottica Fujinon 18-55mm: ecco l'unboxing in video in redazione"

Uno dei prodotti più interessanti dell'autunno caldo della fotografia, vissuto tra IFA e Photokina, è certamente la mirrorless Fujifilm X-E1. Sorella in molti aspetti di X-Pro1 ne condivide il sensore X-Trans CMOS da 16 megapixel, ma ha caratteristiche più mainstream: un prezzo più accessibile e dimensioni più compatte, anche per l'uso di un mirino elettronico OLED al posto del costoso e ingombrante mirino ibrido ottico/elettronico che caratterizza X-Pro1 e X100.

Ecco l'unboxing dell'esemplare che è appena giunto in redazione con l'ottica zoom Fujinon 18-55mm e che potremo stressare per pochissimi giorni:

La famiglia Fujifilm X comprende non solo prodotti APS-C come X100, X-Pro1 e questa X-E1, ma anche tre compatte con l'interessante sensore CMOS EXR in formato 2/3" che abbiamo appena recensito:


Commenti


23.14 | 0 komentar | Read More

MacBook Pro 15 Retina, calo di prestazioni dopo aggiornamento EFI

Written By komlim puldel on Rabu, 14 November 2012 | 23.15

MacBook Pro 15 Retina, calo di prestazioni dopo aggiornamento EFI Andrea Bai 14 Novembre 2012, alle 14:01 Apple

"L'aggiornamento EFI per MacBook Pro Retina rilasciato a settembre sta causando qualche problema nella gestione delle frequenze di CPU e GPU, con ricadute negative sulle prestazioni del sistema"


A seguito di un recente aggiornamento EFI rilasciato nel corso del mese di settembre, alcuni utenti di MacBook Pro 15 Retina display hanno osservato la comparsa di alcuni problemi prestazionali sia sul fronte GPU, sia sul fronte CPU, durante l'impiego di programmi particolarmente esosi dal punto di vista grafico.

Secondo quanto affermato dagli utenti in vari interventi aperti presso la pagina di supporto Apple, pare che l'aggiornamento abbia compromesso il modo in cui il sistema gestisce i carichi di lavoro. Secondo le esperienze degli utenti pare che il problema si manifesti in maniera più accentuata quando viene riattivato il sistema dalla fase di sleep, quando si fa uso di videogiochi piuttosto pesanti per quanto riguarda il comparto grafico ed, infine, utilizzando Windows sotto Bootcamp.

Le frequenze di GPU e CPU verrebbero tagliate, dal momento che le temperature dei core raggiungono e superano le temperature di soglia. Il sito web Appleinsider riporta l'esperienza di un lettore che ha visto la frequenza operativa della GPU passare dagli 850MHz nominali a 700MHz dopo che la temperatura ha superato i 65 gradi. La frequenza della GPU viene ulteriormente ridotta, secondo l'esperienza del lettore, quando la temperatura della CPU raggiunge gli 80 gradi.

Varie potrebbero essere, a questo punto, le cause: una comunicazione errata tra firmware e sensori termici, temperature di soglia troppo basse o qualche genere di errore con i moduli che si occupano di gestire questi aspetti del sistema. Alcuni utenti hanno osservato che il reset del System Management Control ed il flash della PRAM riesce a risolvere il problema ma solo temporaneamente e che tutto quanto riscontrato si ripete dopo che il sistema viene riattivato dallo sleep.

Si attende una posizione ufficiale di Apple in merito ed un fix o un nuovo aggiornamento EFI che risolva il problema.

Commenti (34)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 5 di: xzonex pubblicato il 14 Novembre 2012, 15:09

Purtroppo i mpbR non sono ancora pronti per essere considerati maturi.

immage retention, HD solo SSD non aggiornabili e ancora a prezzi spropositati, RAM non aumentabile. Stuttering durante lo scrolling.

Retina è il futuro ma la prima generazione non sarà mai perfetta.

chi spende tutti questi soldi per un retina DEVE essere pronto a dei problemi, non è ancora un prodotto maturo! Quando ci sarà Haswell sotto la scocca allora ne vedremo delle belle, se avranno nel frattempo sistemato il resto

Commento # 7 di: recoil pubblicato il 14 Novembre 2012, 15:18

Originariamente inviato da: xzonex
Purtroppo i mpbR non sono ancora pronti per essere considerati maturi.

immage retention, HD solo SSD non aggiornabili e ancora a prezzi spropositati, RAM non aumentabile. Stuttering durante lo scrolling.

Retina è il futuro ma la prima generazione non sarà mai perfetta.

chi spende tutti questi soldi per un retina DEVE essere pronto a dei problemi, non è ancora un prodotto maturo! Quando ci sarà Haswell sotto la scocca allora ne vedremo delle belle, se avranno nel frattempo sistemato il resto

non sono d'accordo su quel DEVE
ma scusa uno spende tutti quei soldi e secondo te DEVE aspettarsi dei problemi? proprio per niente

semmai uno che è attento e aggiornato può aspettarsi che ci siano delle grane, quindi è meglio che lasci perdere
io ho evitato le prime generazioni degli Air, ora ho l'Air che è arrivato a maturazione ed è un grande prodotto
ho evitato il primo iPad e ora con il retina c'è un prodotto fantastico
ho evitato i primi iPhone e ho aspettato che ne uscisse uno giusto

però dopo che spendi quelle cifre ti aspetti non la perfezione ma quasi

Commento # 8 di: Jones D. Daemon pubblicato il 14 Novembre 2012, 15:24

Originariamente inviato da: xzonex
Purtroppo i mpbR non sono ancora pronti per essere considerati maturi.

immage retention, HD solo SSD non aggiornabili e ancora a prezzi spropositati, RAM non aumentabile. Stuttering durante lo scrolling.

Retina è il futuro ma la prima generazione non sarà mai perfetta.

chi spende tutti questi soldi per un retina DEVE essere pronto a dei problemi, non è ancora un prodotto maturo! Quando ci sarà Haswell sotto la scocca allora ne vedremo delle belle, se avranno nel frattempo sistemato il resto

Permettimi di dissentire, chi spende i SUOI soldi per un qualsiasi bene deve ottenere quello per cui ha pagato. Ti piacerebbe comprare una ferrari ma dato che il motore scalda troppo dopo 2 mesi ti tagliano 100 cavalli? Se Apple continua su questa linea la vedo dura in futuro, sinceramente di veramente PRO nei mbp non vedo più nulla di nulla, tutti sottili, tutti attenti al design, poi se usi 15 minuti la gpu sfruttandola a dovere va in throttling. Se veramente Apple ha diminuito le frequenze di lavoro dei componenti secondo me chi ha acquistato quel modello dovrebbe riportalo indietro in quanto non ha più quello per cui ha pagato.

Mi chiedo sempre se gli altri produttori sono scemi che integrano sistemi di dissipazione mostruosi sui portatili che sicuramente verranno sfruttati al massimo (vedi Alienware che ha delle componenti di raffreddamento terrificanti) o alla Apple le leggi della termodinamica e dell'elettronica assumono altri significati...


Consiglia Hardware Upgrade su Google

Anteprima LG Nexus 4, il nuovo Googlefonino

Anteprima LG Optimus G, il prossimo top di gamma del colosso coreano

Fujifilm XF1: qualità nelle finiture e nel sensore

Apple: passaggio a ARM dekstop e portatili? TGtech 9 novembre

Recupero dati, operazione da "camera bianca"

Medal of Honor Warfighter: videoarticolo


23.15 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger