Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

Unity: collaborazione con Facebook per migliore esperienza di gioco sul social network

Written By komlim puldel on Rabu, 27 Maret 2013 | 23.15

Con oltre 200 milioni di installazioni nel mondo, Unity Web Player è una delle soluzioni più valide per la distribuzione di videogiochi con grafica Tripla A sul web. Questa piattaforma, fa sapere Unity, rende la collaborazione con Facebook un qualcosa di naturale, permettendo a quest'ultimo di veicolare videogiochi ancora più validi e dalla migliore grafica.

David Helgason

Le nuove API per social network contenute nella piattaforma Unity Web Player consentono a Facebook di migliorare le esperienze di gioco a pieno schermo, semplificando il lavoro degli sviluppatori nel momento in cui devono integrare l'esperienza di gioco all'interno della struttura grafica del social network.

Oltre 75 milioni di utenti attivi di Facebook hanno installato Unity Web Player per giocare alcuni dei titoli Unity più popolari come Offensive Combat, Robot Rising, Wizard of Oz, Uberstrike, Kings Bounty e I AM Playr. Le nuove integrazioni annunciate da Unity e Facebook al Gdc miglioreranno le esperienze di gioco esistenti e porranno le basi per l'espansione nell'adozione di Unity Web Player e per l'introduzione di nuove funzionalità.

Facebook è stata storicamente una piattaforma molto efficace per la veicolazione di videogiochi bidimensionali per pubblico occasionale, ma ci sono sempre state difficoltà con i giochi tridimensionali con grafica dettagliata. La partnership con Unity, nei piani delle due compagnie, faciliterà la creazione di giochi hardcore attraverso Unity Web Player.

Entrambe le società stanno lavorando su caratteristiche che permettono ai giocatori di utilizzare funzioni sociali come la condivisione senza uscire fuori dall'esperienza di gioco principale. In casi normali, in situazioni del genere, Facebook genera una finestra di pop-up che porta i giocatori al di fuori dell'esperienza di gioco. Unity e Facebook stanno poi lavorando su un più affinato processo di installazione dei giochi Unity-based per Facebook.

Inoltre, i nuovi strumenti di sviluppo permetteranno di creare con maggiore semplicità titoli cross-platform. Un gioco basato su Unity potrà essere eseguito con facilità sul web, su Android, su iOS, e adesso anche su Facebook.

Si tratta del terzo grande annuncio in pochi giorni proveniente da Unity. È stato appena rivelato, infatti, che il motore Unity sarà su PlayStation 4, mentre è stato raggiunto un accordo anche con Qualcomm per il supporto ai suoi processori per dispositivi mobile Snapdragon.

"Tutti vogliono lavorare con noi", ha commentato David Helgason, CEO di Unity Technologies (nella foto). Il motivo che sta alla base di questa diffusa adozione riguarda il fatto che molti sviluppatori vogliono ripetere il successo di giochi come Clash of Clans , costruiti da piccoli team di sviluppo e capaci di portare alti introiti e in periodi di tempo prolungati.

Al Gdc, Helgason ha mostrato la demo del gioco di guida su scenario fantascientifico The Chase, evidenziando come la grafica dei giochi per Facebook sta per fare un ulteriore passo in avanti. Si può giocare in ambienti di grandi dimensioni, con effetti atmosferici dinamici e altre tecniche avanzate di rendering 3D.

"Gli sviluppatori che usano la nostra tecnologia stanno facendo un lavoro incredibile", aggiunge il CEO di Unity Technologies. "I dispositivi mobile stanno diventando molto potenti, e personalmente non ho mai visto di meglio su questi dispositivi rispetto ai giochi Unity. C'è voluto un po' per ottenere questi risultati, visto che lavoriamo su questa tecnologia da 10 anni". Unity Technologies conta oggi oltre 250 dipendenti, dei quali più della metà sono ingegneri.

"Unity Web Player è un'incredibile piattaforma web-based per core games", aggiunge Sean Ryan, direttore delle partnership con Facebook. "La gente su Facebook cerca quel tipo di coinvolgimento videoludico che esiste da tempo su PC e console. Questa collaborazione spingerà tutti gli utenti di Facebook a conoscere Unity Web Player, porterà a una migliore integrazione su Facebook per i giochi Unity, migliorerà l'esperienza a schermo intero e semplificherà la vita degli sviluppatori che vogliono creare delle esperienze cross-platform".

Al Gdc, Ryan ha detto che i giochi core e mid-core sono adesso la priorità su Facebook. Sostiene inoltre che la quota di mercato dei giochi su Facebook è di circa 3 miliardi di dollari, mentre tutto il mercato videoludico fa muovere un volume complessivo di 15 miliardi di dollari. Il resto del mercato è costituito da giocatori hardcore, che Unity potrebbe aiutare a catturare e portare su Facebook.

1,5 milioni di sviluppatori utilizzano gli strumenti di sviluppo di Unity. Si tratta di strumenti che entrano in competizione con i rivali CryEngine di Crytek, Frostbite Engine di DICE o Unreal Engine di Epic, per quanto riguarda il mondo desktop, e Game Salad o Corona per il mobile.


23.15 | 0 komentar | Read More

Asus PadFone 2, smartphone, tablet o tutti e due?

Come già affermato nel corso della recensione del Samsung Galaxy Note 10.1 uno dei settori in maggiore sviluppo per quanto riguarda l'universo mobile è, senza ombra di dubbio, quello legato al mondo dei tablet. Se, infatti, almeno inizialmente questa tipologia di terminali aveva faticato a prendere piede, con il passare del tempo ci accorgiamo che sono sempre di più gli utenti che ne possiedono uno. Emblema della categoria, e sicuramente la soluzione che gode della reputazione migliore è iPad di Apple, il cui predominio, al contrario di quanto accade per gli smartphone, è qui ancora evidente.

Tra i maggiori concorrenti del colosso di Cupertino troviamo proprio la compagnia coreana Samsung e il produttore taiwanese Asus. Entrambi dotati di una gamma di soluzioni molto ampia, i due colossi della teconologia hanno studiato nel corso di questi ultimi anni delle soluzioni alternative per quanto riguarda form-factor e metodo d'utilizzo, ovviamente per cercare di attrarre sempre più pubblico verso di sé.

Per quanto riguarda Asus la soluzione di riferimento parlando di differenziazione non può che essere PadFone. Annunciato per la prima volta all'inizio del 2012, lo smartphone che si trasforma in Tablet è giunto sul finire dello scorso anno alla sua seconda edizione, di cui abbiamo avuto occasione di testare un sample in queste settimane. Non cambia il modello d'uso rispetto alla prima generazione di PadFone presentata lo scorso mese di Febbraio: troviamo quindi uno smartphone Android con display da 4,7 pollici di diagonale che può venir innestato su un tablet appositamente sviluppato, dotato di display da 10,1 pollici.

Il cuore della piattaforma rimane ovviamente lo smartphone, che condivide con la componente tablet CPU e GPU. La componente tablet, indicata con il nome di PadFone 2 Station, è di fatto composta dal pannello con interfaccia touch e da una batteria, necessaria per l'alimentazione del display oltre che per alimentare in modo supplementare lo smartphone nel momento in cui questo viene innestato nella dock posteriore.

Si tratta nel complesso di uno smartphone dalle caratteristiche tecniche decisamente interessanti e che, al momento del lancio, rappresentavano quanto di meglio era in grado di offrire il mercato hardware nel mondo mobile. Allo stato attuale, nonostante la rapidissima evoluzione in qualsiasi settore, possiamo ancora considerare PadFone 2 uno smartphone di fascia alta, certo non al livello degli ultimi top di gamma annunciati di recente, ma comunque in grado di soddisfare a pieno le esigenze di qualsiasi utente.

Di seguito riportiamo una tabella nella quale sono riassunte le principali caratteristiche tecniche della soluzione.

Specifiche

Asus Padfone 2

Dimensioni e peso 137.9 x 68.9 x 9 mm
135 grammi
Batteria Rimovibile Lithium Ion (Li-Ion) 2140 mAh
Sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean
Reti

Tri-band HSPA+: 850, 900, 2100, 1900
HSDPA (42 Mbps)
HSUPA (5.76 Mbps)
Quad-band GSM: 850, 900, 1800, 1900
Wi-Fi 802.11 a/b/g/n
Bluetooth 4.0
LTE
NFC

Display Supe IPS+
4,7 pollici di diagonale
Risoluzione 1280x720 pixel
Processore Samsung Exinos 5 Octa, architettura ARM Big.LITTLE (1,6/1,2 GHz)
Qualcomm SnapDragon quad core (1,9 GHz)
Memoria RAM 2GB
ROM 16/32/64 GB +50 GB Asus Webstorage gratis 2 anni
Fotocamera Fotocamera 13
Flash LED singolo
Scatto continuo fino a 100 frame
Autofocus
GPS Si
Sensori Accelerometri
Sensore di prossimità
Giroscopio
Barometro
Bussola digitale
Sensore luce ambientale
Connessioni Jack audio stereo da 3.5 mm
Connettore proprietario con supporto Micro-USB

In abbinamento allo smartphone troviamo ovviamente la cosiddetta PadFone Station, ovvero una sorta di tablet nella cui parte posteriore troviamo l'alloggiamento per lo smartphone che, come detto in precedenza, costituisce il vero motore della soluzione. La dock pesa 514 grammi, è dotata di tutte le connessioni necessarie e offre al suo interno una batteria aggiuntiva da circa 5000 mAh, in grado di garantire un discreto apporto energetico supplementare alla soluzione.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuove schede Intel Xeon Phi al debutto nei prossimi mesi

Nel corso del 2013 Intel prevede di rendere disponibili sul mercato alcune nuove schede video della famiglia Xeon Phi, nome che identifica gli acceleratori per sistemi server che sfruttano l'architettura di GPU derivata da quello che in passato è stato indicato con il nome di Larrabee.

Nei giorni scorsi una roadmap aggiornata dei processori Intel è stata pubblicata online, poco dopo rimossa ma salvata in una copia disponibile nella cache di Google. Tra le numerose informazioni riportate si segnala il debutto delle schede Xeon Phi 5120D, 3120A, 3120P, 7120P e 7120X tra i mesi di Maggio e Luglio 2013. Tutte queste schede sono basate su architettura nota con il nome di Knights Corner, la prima della famiglia Intel MIC (Many Integrated Cores) a debuttare sul mercato.

Di queste schede si conoscono in parte solo le specifiche tecniche del modello Xeon Phi 3100, soluzione capace di una potenza di elaborazione superiore a 1 TeraFLOPS con calcoli in double precision abbinata ad una dotazione di memoria video di 6 Gbytes, capace di 240 Gbytes al secondo di bandwidth complessiva. Questa scheda verrà proposta a meno di 2.000 dollari di prezzo, con u TDP che è indicato essere entro i 300 Watt di picco.

intel_xeon_phi_card.jpg (47418 bytes)

La scheda Xeon Phi 5110P è al momento attuale disponibile sul mercato al prezzo di 2.649 dollari USA. Questo modello è capace di una potenza di calcolo di 1 TeraFLOPS in double precision dotato di GPU con 60 cores al prorpio interno, 8 Gbytes di memoria video con bandwidth massima pari a 320 Gbytes al secondo, cache L2 da 30 Mbytes e TDP che raggiunge i 225 Watt.

Ricordiamo come queste schede video non siano adatte ad un utilizzo di tipo grafico, essendo sprovviste del tutto di connessioni per display, ma da utilizzare in ambiente server per contesti di GPU Computing in modo simile a quanto avviene con le soluzioni NVIDIA della famiglia Tesla o a quelle AMD FirePro.


23.15 | 0 komentar | Read More

Da Microsoft una conferma ufficiale sull'esistenza di Blue

Microsoft conferma ufficialmente l'esistenza di Blue, nome che identifica la prossima evoluzione del sistema operativo dell'azienda americana atteso al debutto ufficiale sul mercato presumibilmente entro la fine dell'anno in corso. Frank X. Shaw, corporate vice president of corporate communications di Microsoft, ha infatti menzionato questo nome in codice all'interno di un proprio post del blog pubblico di Microsoft.

"With a remarkable foundation of products in market and a clear view of how we will evolve the company, product leaders across Microsoft are working together on plans to advance our devices and services, a set of plans referred to internally as 'Blue'. Questo quanto scritto da Shaw, specificando comunque come non sia ipotizzabile che questo diventi il nome finale del prodotto.

E' interessante segnalare come Blue venga identificato non solo con uno specifico sistema operativo, ma come una serie di progetti. In effetti Blue identifica sia un aggiornamento del sistema operativo Windows 8, che potrebbe assumere un nuovo nome oppure no, sia una serie di novità che verranno introdotte da Microsoft anche all'interno delle proprie piattaforme mobile e nei propri prodotti.

Con questo termine, quindi, Microsoft sembra più voler indicare un pacchetto di innovazioni che verranno progressivamente introdotte nelle proprie soluzioni, sistemi operativi in testa ma non solo, così da portare ad una periodicità di aggiornamento che segua il più possibile una cadenza annuale a posto di quanto adottato sino ad oggi.

Possiamo ipotizzare che maggiori informazioni su quello che Blue rappresenti in Microsoft, e le implicazioni di questa iniziativa sui vari progetti e prodotti dell'azienda americana, verranno rese disponibili in occasione della conferenza Build, organizzata a San Francisco dal 26 al 28 Giugno 2013.


23.15 | 0 komentar | Read More

Fujifilm aumenta nuovamente il prezzo delle pellicole

Fujifilm aumenta nuovamente il prezzo delle pellicole

"Fuijfilm ha dichiarato che per continuare a sostenere i costi di produzione dovrà aumentare nuovamente i prezzi delle pellicole"

Con l'avvento delle tecnologie digitali il mondo della fotografia è stato travolto da un cambiamento radicale nel workflow delle differenti produzioni. Il mercato della pellicola, seppur ancora non estinto, è in costante decrescita e questo costringe inevitabilmente i produttori a rivedere la catena di produzione di determinati prodotti, ed ovviamente a mettere mano al listino prezzi. Fujifilm, uno dei nomi maggiori di questo mercato sempre più esiguo, ha infatti appena annunciato un ulteriore rincaro del prezzo delle pellicole.

Il brand giapponese, che dopo aver aumentato i prezzi delle pellicole cinematografiche già qualche mese fa, ed in seguito annunciato di essere intenzionata ad interrompere la produzione di questi prodotti, ha ora annunciato di essere costretta ad applicare un rincaro dei prezzi delle pellicole fotografiche per poter continuare la produzione. Ricordiamo tra l'altro che anche questo segmento (come quello cinematografico) aveva già subito un rincaro nel corso del 2012.

L'aumento riguarderà sostanzialmente tutte le pellicole e della casa e non dovrebbe essere lievissimo stando alle parole dello stesso produttore: "The price increases are substantial and it would be an increase of at least double digit, but will vary depending on products, markets and regions."


Commenti (5)


23.14 | 0 komentar | Read More

ASTRA - Advanced Sysinfo Tool

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

ASTRA, Advanced Sysinfo Tool and Reporting Assistant, è una utility eseguita in ambiente DOS che permette di eseguire delle verifiche diagnostiche sulla configurazione del proprio PC. Fornisce informazioni dirette su quali siano i differenti componenti installati nel sistema, creando dei report in formato testo, INI, HTML, XML e CSV.


23.14 | 0 komentar | Read More

AMD Radeon Sky, una nuova famiglia per il cloud gaming

Altra importante novità proveniente dal Game Developer Conference 2013 di San Francisco è quella che vede il debutto delle schede video AMD Radeon Sky Series. Si tratta di soluzioni proposte dall'azienda americana per l'utilizzo in sistemi di cloud gaming, cioè in quelle installazioni per le quali giochi di una certa potenza e complessità vengono forniti via infrastruttura cloud ad utenti che accedono con dispositivi molto diversi tra di loro.

amd_radeon_sky.jpg (78059 bytes)

Le schede Sky Series presentate da AMD sono al momento attuale 3. Il modello Radeon Sky 900 è dotato di due GPU della famiglia Tahiti, per un totale di 3.584 stream processors, montate su singolo PCB al pari di quanto adottato per la scheda Radeon HD 7990 anticipata al GDC. La dotazione di memoria video è pari a 6 Gbytes, divisi in due blocchi da 3 Gbytes ciascuno per ogni GPU con frequenza di clock effettiva pari a 5 GHz.

Il modello Radeon Sky 700 integra 1792 stream processors ed è quindi basato su GPU Tahiti,  nella medesima declinazione utilizzata per il modello Radeon Sky 900 oltre che nella scheda Radeon HD 7950. In questo caso troviamo 6 Gbytes di memoria video GDDR5 alla frequenza di clock di 5,5 GHz effettivi. A chiudere la famiglia la scheda Radeon Sky 500, con GPU della famiglia Pitcairn dotata di 1280 stream processors in abbinamento a 4 Gbytes di memoria GDDR5 con frequenza di clock effettiva pari a 4.800 MHz.

Queste schede sono tutte dotate di sistema di raffreddamento passivo, in quanto sono pensate per un utilizzo all'interno di un server rack per impieghi di cloud gaming. AMD propone la famiglia Radeon Sky quale alternativa alle proposte NVIDIA Grid, disponibili con modelli che ricalcano le caratteristiche tecniche delle soluzioni qui proposte da AMD con modelli a singola GPU oppure con due GPU sullo stesso PCB.


23.14 | 0 komentar | Read More

Trapela la prima immagine della nuova EOS-b: la riduzione delle dimensioni è evidente

Written By komlim puldel on Rabu, 20 Maret 2013 | 23.15

Trapela la prima immagine della nuova EOS-b: la riduzione delle dimensioni è evidente

"Canon punta dritta a fare concorrenza alle mirrorless con la sua nuova reflex, che verrà svelata venerdì: ecco le prime immagini, che testimoniano una intensa cura dimagrante per EOS-b"

Questa volta Canon si sta lasciando scappare più di un dettaglio nei giorni che precedono il lancio della sua nuova reflex: dopo il 'leak' di informazioni da addebitare da Best Buy, che ha svelato tutti i dettagli tecnici della nuova reflex entry level della casa biancorossa, ora è la volta delle prime immagini.

Immagini molto attese, soprattutto per capire in termini più 'tangibili' il lavoro sul contenimento delle dimensioni fatto da Canon e indirizzato nella direzione di mettere sul mercato una reflex in grado di fare concorrenza alle mirrorless anche sul fronte di peso e ingombri.

Petapixel riprende l'immagine che, prendendo a riferimento la dimensione del bocchettone, mette a confronto la nascitura con una delle attuali entry level, Canon EOS 550D. A fronte di dimensioni pari di bocchettone e specchio il risparmio in termini di volume totale della fotocamera è evidente. La nuova piccola Canon si presenterà quindi nelle forme di una mirrorless come Panasonic GH3, fatta salva però la profondità, che deve comunque e sempre fare i conti con il tiraggio del sistema reflex, quasi il doppio di quello di un sistema mirrorless come il Micro Quattro Terzi.


Commenti (10)


23.15 | 0 komentar | Read More

Opera 12

HWfiles.it è un canale di Hardware Upgrade, testata giornalistica con registrazione tribunale di Varese, n. 879 del 30/07/2005. Iscrizione ROC n° 13366 - Ulteriori informazioni.

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo redazione@hwupgrade.it

© 1997 - 2013 - Hardware Upgrade S.r.l. P.iva: 02560740124


23.15 | 0 komentar | Read More

Nuovi rumor Xbox next-gen: Always online, Kinect e installazioni obbligatorie

Una delle fonti più affidabili su tutto ciò che riguarda la prossima generazione di console, VGLeaks, ha pubblicato informazioni fresche sul kit di sviluppo della Xbox next-gen. Secondo questa documentazione, i kit di sviluppo Durango sono basati su un design "Always online", per cui la console necessita di rimanere costantemente collegata a internet per l'esecuzione dei giochi e delle altre funzionalità.

Xbox next-gen

Microsoft sostiene nella documentazione che questa caratteristica è studiata per consentire l'accesso veloce e il più semplice possibile alle esperienze di intrattenimento online, evitando che ci sia la necessità di riavviare il sistema per l'installazione degli update. D'altronde, pare che questa caratteristica, se confermata nella versione definitiva della console, possa essere sfruttata anche per limitare il mercato dell'usato.

Se Microsoft confermasse delle caratteristiche volte a contrastare il mercato dell'usato si metterebbe in una posizione critica nei confronti del rivale Sony, che ha già confermato che i giochi PS4 funzioneranno anche offline.

Secondo la documentazione in possesso di VGLeaks, inoltre, la prossima Xbox richiederà obbligatoriamente l'installazione dei giochi. Una volta avviata la procedura d'installazione, però, sarà possibile sin da subito iniziare a giocare, mentre la copia dei file procederà in background.

Ogni unità della nuova Xbox, inoltre, conterrà un disco rigido di dimensione sufficientemente grande per accogliere un alto numero di giochi. Non sarà più possibile giocare da supporto ottico, come accade attualmente con Xbox 360.

I supporti ottici, di tipo Blu-ray secondo la documentazione, continueranno ad essere usati per motivi di distribuzione, anche se non continueranno a essere letti durante il gameplay. Questo sistema sarebbe stato pensato proprio per evitare lunghe attese ai giocatori, che quindi potranno iniziare a giocare non appena inizierà la procedura di installazione.

VGLeaks conferma altre precedenti indiscrezioni a proposito dell'obbligatorietà di Kinect. Il sensore di movimento sarà incluso nella confezione della nuova console e sarà indispensabile per il funzionamento di base del sistema.

Nella documentazione si parla anche di controller: secondo Microsoft supererà l'attuale controller per Xbox 360 in termini di reattività e di ergonomia. Le interazioni con il sistema attraverso il controller verranno, inoltre, semplificate, per rendere l'esperienza più immediata per i giocatori noncore.

Xbox di prossima generazione dovrebbe essere definitivamente svelata nella parte conclusiva del mese di aprile. Secondo altri rumor, disporrà di processore AMD 8 core x64 1.6GHz, di una soluzione video D3D11.x 800MHz e di 8GB di RAM DDR3.

Nelle ultime ore, inoltre, Microsoft ha confermato che un certo numero di account Xbox Live di suoi impiegati senior sono stati presi di mira dagli hacker. "Siamo a conoscenza che un gruppo di hacker usa delle tecniche di ingegneria sociale per compromettere gli account di alcuni dipendenti di alto profilo di Microsoft", si legge in un comunicato ufficiale.

"Stiamo lavorando con le forze dell'ordine e le altre società colpite dall'attacco per rendere inefficiente questo tipo di attacco. La sicurezza è di vitale importanza per noi e lavoriamo quotidianamente per aggiungere nuove forme di tutela per i nostri membri".

La notizia segue i report dei giorni scorsi che facevano riferimento a un altro problema di sicurezza per Xbox Live. Microsoft ha infatti recentemente lanciato il nuovo programma Xbox Entertainment Awards, mentre pare che alcune informazioni sensibili dei votanti siano state a loro volta compromesse. Le votazioni sono state sospese e il programma messo offline per manutenzione.


23.14 | 0 komentar | Read More

Intel aumenta l'organico per prepararsi al lancio di un servizio di smart TV

L'agenzia stampa Reuters afferma, sulla base di un colloquio con il portavoce di Intel, Jon Carvill, che la compagnia di Santa Clara si sta preparando per allargare considerevolmente l'organico della divisione Intel Media, in preparazione al lancio di un servizio di smart TV nel corso dell'anno.

Attualmente lo staff di Intel Media conta oltre 300 persone, Intel sta cercando 60 nuove figure da integrare con l'obiettivo di arrivare a circa 400 impiegati nel corso dei prossimi mesi. Con questa operazione Intel va di fatto a quadruplicare la forza lavoro della divisione che circa un anno fa contava meno di 100 persone. Ingegneri con competenze nel mondo del cloud computing delle interfacce utente e della sicurezza sono le figure ricercate dall'azienda di Santa Clara.

Secondo le informazioni disponibili la base del servizio di smart TV sviluppato da Intel sarà un set-top-box equipaggiato con un SoC Intel progettato appositamente allo scopo. Il dispositivo sarà provvisto di una fotocamera con la capacità di riconoscere l'utente e proporre così una serie di programmi e servizi sulla base delle preferenze associate al suo profilo. Il dispositivo offrirà sia le normali trasmissioni televisive in tempo reale, sia una serie di programmi e registrazioni trasmessi nel passato, accanto ad un servizio di noleggio di contenuti e via discorrendo. Il set-top-box, a quanto pare, non verrà in alcun modo associato al brand Intel.

Una delle caratteristiche più interessanti del servizio di smart TV a cui sta lavorando Intel è la compatibilità con i dispositivi mobile, sebbene attualmente siano poche le informazioni ed i dettagli disponibili in tal senso. "Credo assolutamente nel mondo multipiattaforma. Il pubblico si aspetta questo. Faremo un servizio disponibile su altri dispositivi, ma per arrivare da nessuno a 650 dispositivi la BBC ha impiegato 4 anni. Questo non accade da un giorno all'altro, ma fa comunque parte della strategia" ha affermato Erik Huggers, vicepresidente e general manager di Intel Media, che ha in passato lavorato proprio per la


23.14 | 0 komentar | Read More

PassMark PerformanceTest

Written By komlim puldel on Rabu, 13 Maret 2013 | 23.14

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Questo programma misura le prestazioni velocistiche del proprio sistema, soffermandosi sui vari componenti (processore, scheda video, hard disk). I risultati vengono forniti con interfaccia grafica e possono essere confrontati con altri precedentemente memorizzati.


23.14 | 0 komentar | Read More

La prima fiction italiana girata interamente con i sistemi Cinema EOS? Un medico in famiglia

La prima fiction italiana girata interamente con i sistemi Cinema EOS? Un medico in famiglia

"RAI ha scelto di adottare il sistema Cinema EOS di Canon per girare l'ultima serie della popolare fiction Un Medico in Famiglia"

Canon è un marchio che ha puntato molto sull'unione tra il mondo della fotografia e quello del video e sotto questo aspetto è innegabile che prodotti come EOS 5D Mark II abbiano segnato un punto di svolta nel mondo della fotografia introducendo funzionalità video avanzate in una "semplice" fotocamera reflex. Da allora molto è cambiato, molti fotografi "puri" si sono avvicinati al mondo delle immagini in movimento e diversi videomakers oggi utilizzano reflex anziché videocamere per molti lavori.

Nel frattempo la concorrenza non è rimasta alla finestra e tutti i prodotti fotografici presenti sul mercato oggi offrono la possibilità di girare video. Il passo successivo di Canon è stato quello di produrre un'intera serie di articoli dedicati alla produzione video ma differente dalle videocamere tradizionali della casa. Se sistemi di questo genere –e non necessariamente Canon- vengono utilizzati in diverse produzioni nel mondo, specialmente negli Stati Uniti; la notizia del giorno però è che per la prima volta in Italia una produzione istituzionale e con un budget importante abbia scelto di adottare questo tipo di prodotto.

RAI radio Televisione Italiana ha infatti adottato cinque EOS C 300 per la produzione dell'ottava stagione della popolare serie Un Medico in Famiglia. Le tredici puntate della stagione sono infatti state girate interamente con EOS C300, primo ed unico caso del genere per ora in Italia. La notizia, che potrebbe sembrare ininfluente se non per i tecnici della produzione RAI e per il reparto marketing Canon, rappresenta invece il sintomo di un cambiamento non solo dei prodotti utilizzati ma conseguentemente anche delle modalità (e quindi dei risultati) con le quali oggi è possibile creare contenuti.


Commenti (7)


23.14 | 0 komentar | Read More

Steam Box: Xi3 ribadisce il coinvolgimento di Valve nel progetto Piston

Dopo che Valve ha negato nella giornata di ieri qualsiasi tipo di coinvolgimento nel progetto Piston, al di là di un "intento esplorativo", oggi Xi3 è tornata a ribadire che il suo nuovo sistema è realizzato in collaborazione con Valve, che invece sarebbe coinvolta direttamente nei lavori, anche con un supporto di natura finanziaria.

Piston

"Ribadiamo il fatto che abbiamo ricevuto un investimento da Valve Corporation (come abbiamo precedentemente rivelato durante il CES 2013) e che abbiamo portato avanti il progetto grazie a un permesso scritto di Valve", si legge una dichiarazione fornita a Kotaku dal CEO di Xi3, Jason A. Sullivan.

"In secondo luogo, ci è stato chiesto di realizzare un prodotto specifico per Valve, ed entrambe le società hanno mostrato la console Piston nei loro stand al CES".

Sullivan non può rivelare altro perché Xi3 ha firmato un accordo di non divulgazione con Valve a proposito di Steam Box. Appare chiaro, comunque, che Piston non è la Steam Box ufficiale, che invece arriverà direttamente da Valve.

Il CEO di Xi3 poi chiarisce alcune differenze tra Piston e la Steam Box ufficiale. Mentre quest'ultima sarà basata su sistema operativo Linux e sarà completamente incentrata su Steam, Piston utilizza Windows e, benché sia compatibile con Steam, è in grado di eseguire altri tipi di applicazioni.

Per finire, Sullivan si rivolge direttamente a Gabe Newell: "Cosa vorrete fare con la Steam Box è affar vostro. Adesso tocca a voi, la palla è nel vostro campo". Le dichiarazioni seguono quanto affermato ieri da Doug Lombardi di Valve, che diceva che la sua società "non ha nessun coinvolgimento diretto nei prodotti Xi3".

Piston è attualmente disponibile per il pre-order con prezzi che partono da US$1,000. La versione di base dispone di SSD interno da 128 GB, mentre le altre due versioni previste, che costano rispettivamente $1.340 e $1.750, sono dotate di SSD da 256 e 512 GB. Piston, in tutte e tre le varianti, è un sistema modulare upgradabile che propone un processore Quad Core (R464) da 3,2 Ghz e 8 GB di RAM.

Già in passato, è stato confemato che Valve venderà una Steam Box proprietaria.


23.14 | 0 komentar | Read More

HWiNFO32

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 5 votazioni

HWiNFO32 è un tool diagnostico che supporta tutto l'hardware del proprio PC, permettendo di evidenziare in dettaglio quali ne siano i componenti utilizzati.

Di seguito le novità introdotte nella versione 4.14:

  • Added reporting of Max CPU/Thread Usage.
  • Added monitoring of FPS via FRAPS (must be started before opening sensors window).
  • Fixed reporting of CPU usage on systems with multiple CPU groups.
  • Added nVidia GeForce GT 625 OEM, Tesla K20Xm, K20c, K20s, K20m and GeForce GTX Titan.
  • Enhanced sensor monitoring on MSI MS-7699.
  • Added GPU temperature monitoring for AMD Trinity, Kabini and Kaveri.
  • Added GPU utilization monitoring for AMD Trinity.
  • Fixed crash when closing program on certain UEFI-only systems.
  • Added GPU I2C support via ADL.
  • Improved GPU I2C scan in Debug Mode on nVidia GPUs.
  • Added support of SMSC EMC21xx sensor on GPU.
  • Added support of uPI uP1637 and CHL8318 on GPU.
  • Improved GPU I2C scan on AMD GPUs.

23.14 | 0 komentar | Read More

Video e foto del nuovo Motorola X-Phone? Poco probabile

Ultimamente è il Vietnam uno dei luoghi da cui frequentemente arrivano video e immagini leaked dei più interessanti terminali mobile in via di sviluppo. Secondo la fonte del video questa volta sotto i riflettori è finito il tanto atteso Google X-Phone by Motorola, con un tempismo che sembra quasi voler spezzare il grande hype che si sta sviluppando attorno alla presentazione di Samsung Galaxy S IV in programma domani a New York.

Dopo angoli bui, foto sfocate e rendering ecco dal vivo quello che dovrebbe essere secondo lo speaker il nuovo GooglePhone, probabilmente lo smartphone scelto per portare al mondo Android 5.0 Key Lime Pie. In realtà dal video emerge qualche dubbio sulla veridicità dell'assegnazione: in un periodo in cui la parola Full HD sembra essere quasi d'obbligo per i top di gamma il display che si vede nel video non sembra degno di posizionarsi in cima alle classifiche. Questa è l'opinione anche di Engadget, che mette in dubbio che Motorola voglia sfidare apertamente Samsung con un terminale da 4,65" pollici di diagonale e risoluzione 720p.

Per il resto delle caratteristiche si parla di una piattaforma Snapdragon S4 Pro con GPU Adreno 320, 2GB di RAM e batteria da 2200mAh, una base tecnica quindi di tutto rispetto. Il ragazzo nel video dichiara che il nome in codice del terminale è XT912A, il che potrebbe indicare una stretta parentela con Droid RAZR, denominato infatti XT912. Particolare, per essere un prodotto Motorola, il design curvo della cover posteriore, per dare una sensazine di grande sottigliezza ai bordi.

Si tratta quindi di un leak programmato di un terminale Motorola non X-Phone per smuovere le acque e distogliere l'attenzione dal nuovo Samsung Galaxy, si tratta di un prototipo con alcune caratteristiche di base dell'X-Phone, ma con un display più 'povero' o il googlefonino di Motorola arriverà con caratteristiche tali da aggredire la concorrenza con un posizionamento di prezzo alla portata di tutti. Al momento bisogna ancora attendere per scoprire quale delle tre è l'ipotesi vincente.


23.14 | 0 komentar | Read More

Samsung Galaxy Note 10.1, S-Pen è l'arma in più

A partire dal loro esordio, risalente a circa 4 anni fa, i tablet sono sempre stati considerati una categoria di prodotti abbastanza anomala, la cui vera destinazione è tuttora indefinibile. Ci troviamo infatti di fronte a dispositivi a metà strada tra degli smartphone e dei PC, che offrono sì una maneggevolezza e una portabilità maggiore rispetto ad un classico notebook ma che, allo stesso tempo, non sono certamente in grado di offrire la medesima versatilità e completezza nel caso di un utilizzo intenso in campo lavorativo.

Potremmo quindi definire i tablet principalmente degli oggetti destinati al puro svago. Definizione confermata anche dai risultati emersi da alcuni sondaggi effettuati in questi anni, nei quali la maggior parte degli utenti ha affermato di utilizzare il tablet principalmente come strumento di intrattenimento, affiancato da smartphone e notebook, decisamente più portati e comodi per svolgere il proprio compito rispetto ad un dispositivo "adattato" come potrebbe essere proprio il tablet.

Con il passare del tempo, tuttavia, nonostante questa identità ancora incerta, le tavolette multimediali hanno sempre più preso piede, fino a raggiungere numeri abbastanza interessanti anche per quanto riguarda le vendite. Leader indiscusso del mercato tablet è, almeno per il momento, Apple che con il proprio iPad monopolizza il settore sin dal momento del lancio dello stesso.

Apple ovviamente incalzata come nel caso degli smartphone dai produttori di soluzioni Android. Su tutti Asus e Samsung, le uniche realtà in grado di mettere in questo momento una, se pur lieve, pressione alla compagnia di Cupertino. Se infatti ormai nel mondo smartphone il gap tra la mela morsicata e i top di gamma Android è stato colmato, nel settore tablet, il dominio del colosso californiano è ancora abbastanza netto.

Per tentare l'assalto allo scettro del migliore, le compagni produttrici di tablet Android hanno giocato anche la carta della differenziazione. Testimonianza di questa strategia sono, ad esempio, le soluzioni Transformer di Asus, dotate di docking station con tastiera, o anche la soluzione di cui vi parleremo per il resto dell'articolo, ovvero Samsung Galaxy Note 10.1 che raccoglie l'eredita del fratello minore appartenente alla categoria dei phablet e porta in dote un pennino in grado di interagire alla perfezione con la tavoletta, di cui di seguito riportiamo le principali caratteristiche tecniche.

 

Samsung Galaxy Note 10.1

Piattaforma

Exinos 4412

Memoria RAM

2GB

Storage

16GB espandibile tramite microSD

Schermo

10.1"

Risoluzione

1280x800 pixel

Dimensioni

18 x 26,2 x 0,89 cm

Peso

600 grammi

Connessioni

Wi-Fi 802.11 e 3G

USB

Sì con connettore proprietario

Bluetooth

Batteria

7000 mAh

Sistema operativo

Android 4.1.2


23.14 | 0 komentar | Read More

HWiNFO64

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

HWiNFO64 è un tool diagnostico che supporta tutto l'hardware del proprio PC, permettendo di evidenziare in dettaglio quali ne siano i componenti utilizzati. Compatibile con le versioni a 64bit dei sistemi operativi Microsoft Windows.

Di seguito le novità introdotte nella versione 4.14:

  • Added reporting of Max CPU/Thread Usage.
  • Added monitoring of FPS via FRAPS (must be started before opening sensors window).
  • Fixed reporting of CPU usage on systems with multiple CPU groups.
  • Added nVidia GeForce GT 625 OEM, Tesla K20Xm, K20c, K20s, K20m and GeForce GTX Titan.
  • Enhanced sensor monitoring on MSI MS-7699.
  • Added GPU temperature monitoring for AMD Trinity, Kabini and Kaveri.
  • Added GPU utilization monitoring for AMD Trinity.
  • Fixed crash when closing program on certain UEFI-only systems.
  • Added GPU I2C support via ADL.
  • Improved GPU I2C scan in Debug Mode on nVidia GPUs.
  • Added support of SMSC EMC21xx sensor on GPU.
  • Added support of uPI uP1637 and CHL8318 on GPU.
  • Improved GPU I2C scan on AMD GPUs.

23.14 | 0 komentar | Read More

Più smartphone che telefoni cellulari venduti nel 2013

Written By komlim puldel on Rabu, 06 Maret 2013 | 23.15

Più smartphone che telefoni cellulari tradizionali: è questo il risultato di vendita che ci si attende per l'anno 2013, stando alle stime fornite da IDC con la propria più recente stima del mercato della telefonia mobile.

La diffusione di questi dispositivi continuerà pertanto ad un tasso sempre più elevato anche nel corso del 2013, giungendo ad un totale di poco meno di 919 milioni di pezzi venditi nel corso dei 12 mesi del 2013 per un totale del 50,1% del mercato.

Le stime del resto identificano l'anno 2017 come quello nel quale le vendite di smartphone raggiungeranno quota 1,5 miliardi di pezzi a livello globale, rappresentando circa 2/3 del totale complessivo di telefoni cellulari che saranno venduti in quell'anno.

L'aumento nelle vendite di smartphone sarà più evidente nelle regioni in via di sviluppo, dinamica del resto attesa dagli operatori. Nazioni come la Cina, il   Brasile e l'India saranno quindi quelle a maggiore diffusione per questa tipologia di prodotti, grazie anche alla costante diffusione di modelli destinati a segmenti di mercato accessibili alla maggior parte dei consumatori.

Non solo prezzi in calo a decretare il successo commerciale degli smartphone. La diffusione di connessioni di quarta generazione (4G) in modo capillare fungerà da traino alle vendite di smartphone in molte aree, grazie alla sempre crescente complessità delle operazioni e delle gestioni di dati che i nuovi network renderanno accessibili con dispositivi facilmente trasportabili.


23.15 | 0 komentar | Read More

Google Chrome 25

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Google Chrome è un browser web sviluppato da Google con tecnologia WebKit e basato su una nuova Java script Virtual machine denominata V8. Una delle caratteristiche principali del prodotto è la gestione delle singole schede aperte in processi separati: in caso di crash di un singolo tab non sarà necessario riavviare l'intera applicazione


23.15 | 0 komentar | Read More

DICE interessata a integrare il supporto a Oculus Rift in Frostbite Engine

DICE interessata a integrare il supporto a Oculus Rift in Frostbite Engine

"Frank Vitz, direttore creativo di DICE, ha espresso entusiasmo sulla nuova soluzione di realtà virtuale."

Entusiasmo in DICE verso la nuova soluzione di realtà virtuale, ma ancora nessuna promessa concreta ai giocatori. "Sono davvero ansioso di vedere come si comporterà Oculus Rift insieme al Frostbite Engine", scrive Frank Vitz, sul forum Mtbs3d. "I giochi con questo motore sarebbero impressionanti con il Rift".

Battlefield 3

Secondo Vitz non servirebbe neanche un supporto ampio da parte di Electronic Arts, visto che ogni sviluppatore di videogiochi potrebbe agire in maniera individuale per ottimizzare i propri giochi per la realtà virtuale.

Tra i prossimi giochi EA che useranno la piattaforma tecnologica Frostbite 2.0 troviamo Battlefield 4 e Dragon Age 3.

Quanto a Oculus Rift, si tratta di un headset per la realtà virtuale dotato di schermo 3D con campo visivo da 110 gradi sulla diagonale e 90 gradi sull'orizzontale. Tra i giochi che lo supportano già troviamo Hawken e il già citato DooM 3 BFG. Gli sviluppatori che hanno aderito al programma di testing, infine, riceveranno i primi SDK del Rift entro la fine del mese di marzo, come abbiamo visto qui.


23.15 | 0 komentar | Read More

Crysis 3 e CryEngine 3: fotorealismo raggiunto?

Crytek è stata da sempre accusata di puntare più alla grafica che alla sostanza. Il suo primo gioco, Far Cry, di fatto nacque come un benchmark tecnologico. Offriva sì interessanti spazi aperti, tanta libertà al giocatore, che veniva lasciato a sé stesso, ma al contempo non era interessante sul piano del gameplay e dell'interazione, trascurando le novità che stavano già emergendo in questi campi. Con il primo Crysis le cose migliorarono, ma neanche quel titolo viene di certo ricordato per la sua creatività.

Crysis venne rilasciato nel novembre del 2007 e introdusse il nuovo motore grafico CryEngine 2. Quella tecnologia fu in grado di produrre un avanzamento tecnologico consistente nel mondo dei videogiochi. Alcuni lo considerano come l'ultimo motore grafico completamente ottimizzato per la piattaforma PC: secondo questa prospettiva, inoltre, il primo Crysis è ancora il gioco con la grafica più dettagliata, nonostante sia uscito sei anni fa. Ciò dipende proprio dal fatto che gli sviluppatori hanno abbandonato il PC come piattaforma di riferimento, adottando le console come cardine dell'industria dei videogiochi.

Anche CryEngine 3 è costruito secondo questa logica. Adotta il metodo del deferred rendering, che consente di ottimizzare la procedura di rendering, processando per prime le parti più importanti e favorendo un livello di dettaglio visivo sostenuto sui piccoli spazi, piuttosto che su grandi spazi aperti. Limiti di memoria delle console e carenza nella velocità di elaborazione, infatti, hanno portato a giochi più limitati, strutturati intorno all'immediato che sul lungo periodo.

Crysis 3, pertanto, prosegue sulla strada tracciata dal precedente capitolo della serie: enorme dettaglio visivo, ma rinuncia pressoché totale agli spazi aperti e, conseguentemente, al free roaming. Se il primo Crysis, inoltre, meravigliava per la possibilità di percorrere l'intero mondo di gioco a bordo di veicoli, adesso ciò non è possibile, se non all'interno di percorsi prestabiliti. Mentre nel gioco originale della serie, inoltre, si poteva interagire grandemente con il mondo di gioco e con la fisica dinamica, adesso tutto ciò è molto limitato, pochi oggetti rispondono alle leggi della fisica e praticamente non c'è distruzione, né nel single player né nel multiplayer.

Nonostante quanto detto, però, concentrare gli "sforzi" dell'hardware su piccoli ambienti di gioco permette di incrementare inverosimilmente il dettaglio di questi ultimi. Ci occuperemo nello specifico del comparto tecnico di Crysis 3 tra qualche pagina, ma possiamo già anticipare che alcune aggiunte, come la pioggia e il rendering dell'erba filo per filo, finiscono per rendere le immagini di gioco del nuovo titolo Crytek incredibilmente realistiche, al limite del fotorealismo. In alcuni punti, insomma, sembra di giocare in un film, anche se chiaramente questa sensazione non perdura nel tempo, perché prima o poi ci si imbatte in uno dei limiti di cui abbiamo riferito.

Crysis 3 non stravolge di certo il gameplay del secondo capitolo della serie, e non riesce a risolvere alcuni punti di criticità come lo sbilanciamento negli equilibri di gioco e le difficoltà dell'intelligenza artificiale. Ci sono alcune novità importanti, che riguardano l'introduzione dell'arco futuristico e un'amplificazione della componente ruolistica, con un maggior numero di moduli per la Nanotuta. Ma l'esperienza principale rimane ancorata sui medesimi capisaldi, che analizzeremo nel dettaglio nel corso dell'articolo.


23.14 | 0 komentar | Read More

Avira Free Antivirus

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 8 votazioni

Antivir è forse il software antivirus freeware più conosciuto e nominato nel web. Le funzionalità sono estremamente interessanti e l'approccio è molto simile a quello dei sw commerciali. Unica lacuna è la mancanza di un controllo sulle email inviate e ricevute.
Il menù per le impostazioni personalizzate è poco intuitivo. Con questa versione del prodotto Avira decide di rinunciare al brand Antivir utilizzato per i propri prodotti a partire dal 1988.


23.14 | 0 komentar | Read More

Multa da 561 milioni di euro per Microsoft dalla Commissione Europea

La vicenda risale al 2009: la Commissione Europea aveva obbligato Microsoft a introdurre il noto 'ballot screen' per la scelta del browser all'interno dei suoi sistemi operativi Windows, in modo da favorire la scelta più libera del programma per navigare in internet ed evitare che il binomio Windows/IE continuasse a perpetuare la posizione dominante di Microsoft e di Internet Explorer nei confronti degli altri browser. L'accordo prevedeva l'integrazione della schermata di scelta nei sistemi Windows per i successivi 5 anni, fino al 2014 dunque.

Microsoft ha incluso il ballot screen nei suoi sistemi, ma da maggio 2011 fino a luglio 2012 questa schermata non è stata visualizzata dagli utenti di Windows 7 Service Pack 1, per cui 15 milioni di utenti sul territorio europeo non hanno avuto la libertà di scelta imposta dalla Commissione Europea, con il colosso di Redmond a conoscenza della situazione di mancata visualizzazione.

Per questo motivo la commissione ha fatto scattare una multa da 561 milioni di euro: la cifra è stata calcolata sulla base della gravità dell'infrazione, del fatto che si sia protratta per un lungo periodo di tempo, dell'effetto deterrente che si voleva ottenere, ma anche dell'effetto mitigante della collaborazione offerta da Microsoft alle indagini della Commissione.


23.14 | 0 komentar | Read More

Più benessere emotivo per gli anziani che dedicano tempo ai videogiochi

I ricercatori hanno chiesto a 140 persone di 63 anni e oltre quanto tempo dedicano ai videogiochi. Successivamente, coloro che hanno partecipato alla ricerca hanno preso parte a una serie di test per valutare il loro livello di benessere emotivo. Il 61% dei partecipanti ha dichiarato di giocare occasionalmente, mentre il 35% gioca almeno una volta alla settimana.

Lo studio ha individuato che gli anziani che dedicano tempo ai videogiochi, e anche coloro che lo fanno in maniera occasionale, manifestano con più facilità segnali di benessere emotivo. Chi non gioca, invece, riferisce più frequentemente di emozioni negative con una tendenza alla depressione maggiormente pronunciata.

"La ricerca pubblicata suggerisce che c'è un legame tra gioco e migliore benessere emotivo", ha detto il Dott. Jason Allaire, principale referente dello studio e professore associato di psicologia presso l'Università della North Carolina.

"Abbiamo programmato ulteriori studi per determinare se i giochi virtuali siano effettivamente in grado di migliorare la salute mentale degli anziani", conclude Allaire.


23.14 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger