Diberdayakan oleh Blogger.

Popular Posts Today

AMD aggiorna la famiglia di CPU FX con il modello FX-4130

Written By komlim puldel on Rabu, 30 Januari 2013 | 23.15

AMD ha annunciato un aggiornamento nella propria famiglia di processori della serie FX, proposte sviluppate per l'utilizzo con schede madri socket AM3+ per sistemi desktop. Debutta il modello FX-4130 nella fascia più bassa del mercato, con un listino ufficiale pari a 101 dollari USA tasse escluse (109,00€ IVA inclusa in Italia).

Questo processore opera ad una frequenza di clock di default pari a 3,8 GHz, valore che può aumentare sino a 3,9 GHz grazie alla tecnologia Turbo. L'architettura è di topo quad core, mentre la cache complessivamente integrata è pari a 8 Mbytes tra L2 e L3.

Questa CPU prende il posto del modello FX-4100 precedentemente a listino, proposta di identica architettura caratterizzata da una frequenza di clock di default pari a 3,6 GHz e una frequenza di clock massima via modalità Turbo pari a 3,8 GHz. La superiore frequenza di clock del modello FX-4130 viene compensata da un aumento del TDP, che passa dai 95 Watt del modello FX-4100 agli attuali 125 Watt.

La particolarità di questo annuncio riguarda l'architettura di questa CPU, che non è quella Bulldozer come il nome lascia immaginare ma quella Piledriver al pari della altre soluzioni della serie FX in commercio. Nella tabella seguente riassumiamo le caratteristiche tecniche delle CPU AMD della famiglia FX attualmente presenti in commercio:

Modello FX-8350 FX-8320 FX-6300 FX-4300 FX-4130
tipo Core Piledriver Piledriver Piledriver Piledriver Piledriver
Core 8 8 6 4 4
Clock 4 GHz 3,5 GHz 3,5 GHz 3,8 GHz 3,8 GHz
Clock Turbo 4,2 GHz 4 GHz 4,1 GHz 4 GHz 3,9 GHz
TDP 125W 125W 95W 95W 125W
Cache L2 8 MB 8 MB 6 MB 4 MB 4 MB
Cache L3 8 MB 8 MB 8 MB 4 MB 4 MB
prezzo ufficiale 195$ 169$ 132$ 122$ 101$

Tutte le CPU attualmente a disposizione, in versione da 4 sino a 8 core, sono quindi basate sulla nuova architettura Piledriver; solo le altre versioni di processore con numero 1 nella sigla identificativa sono basate su architettura Bulldozer.


23.15 | 0 komentar | Read More

Zeschuk: Bioware ha dovuto essere forte per resistere alle pressioni di EA

Greg Zeshuk, co-fondatore di BioWare, ha recentemente discusso della relazione intrapresa dalla compagnia con Electronic Arts, in seguito all'acquisizione avvenuta nel 2007. All'epoca lo studio venne inglobato per una cifra complessiva di 860 milioni di dollari, insieme ai creatori di Mercenaries, Pandemic Studios.

Sotto l'etichetta del publisher americano sono stati sviluppati il secondo e il terzo capitolo di Mass Effect, oltre ai due episodi di Dragon Age e al MMO Star Wars: The Old Republic.

Secondo Zeshuk - che nel frattempo ha abbandonato la sua creatura, insieme all'altro co-fondatore Ray Muzyka - BioWare ha saputo essere sufficientemente solida da saper tenere testa alle pressioni esercitate da EA.

"Penso che una delle ragioni per cui siamo sopravvissuti e abbiamo avuto successo all'interno di EA è stata rappresentata dal fatto che la nostra compagnia era sufficientemente matura e c'erano persone sufficientemente competenti per gestire le pressioni di EA - una componente che è ben delineata ma vigorosa", ha commentato durante un'intervista a Polygon.

"Dovevamo essere forti per sopravvivere a tutto questo, credo che sia quanto abbiamo fatto e che ci sia anche stata un'evoluzione".

Se BioWare è rimasta al centro dei piani di EA non si può dire lo stesso di Pandemic, che chiuse i battenti alla fine del 2009, a soli due anni di distanza dall'acquisizione.


23.15 | 0 komentar | Read More

Opera 12

HWfiles.it è un canale di Hardware Upgrade, testata giornalistica con registrazione tribunale di Varese, n. 879 del 30/07/2005. Iscrizione ROC n° 13366 - Ulteriori informazioni.

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo redazione@hwupgrade.it

© 1997 - 2013 - Hardware Upgrade S.r.l. P.iva: 02560740124


23.15 | 0 komentar | Read More

HTC pronta ad annunciare M7 il prossimo 19 febbraio

La scorsa settimana erano comparse online le prime indiscrezioni riguardo un nuovo possibile terminale HTC di fascia alta che potrebbe prendere il nome M7 e che, secondo quanto diffuso in queste ultimo ore dovrebbe essere ufficialmente annunciato pochi giorni prima del prossimo Mobile World Congress di Barcellona, più precisamente martedì 19 febbraio.

A conferma delle supposizioni diffuse nei giorni scorsi, la compagnia taiwanese ha diffuso ieri gli inviti per un evento in programma proprio il prossimo 19 febbraio in quel di New York. Ovviamente HTC non ha specificato quali saranno o quale sarà la soluzione annunciata nel corso dell'evento ma visto il susseguirsi sempre più intenso di indiscrezioni riguardanti il nuovo possibile M7 crediamo che possa essere proprio quello il terminale che vedrà la luce nella grande mela.

Da quanto diffuso fino ad ora non si hanno ancora informazioni certe riguardo la scheda tecnica dello smartphone che per ora è stata solamente ipotizzata. HTC M7 potrebbe quindi essere equipaggiato con un processore quad-core di produzione Qualcomm e display da 4,7 pollici, leggermente più piccolo di quello di Droid DNA o J Butterfly, ma sempre a risoluzione FullHD.

Il sistema operativo in dote allo smartphone in questione sarà ovviamente Android Jelly Bean nell'ultima versione 4.2 personalizzato con la nota interfaccia Sense di cui la stessa HTC è proprietaria. Nessuna informazione è stata ancora diffusa riguardo al prezzo e alla disponibilità ma siamo certi che potremo sapere qualcosa di più il 19 febbraio o poco dopo nel corso del Mobile World Congress.


23.15 | 0 komentar | Read More

Internet Download Manager

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Utilty che permette di gestire al meglio le operazioni di download parallelo di vari files dal web, ottimizzando la banda a disposizione e gestendo dinamicamente eventuali disconnessioni da lato server così da non dover riprendere da capo il download.


23.15 | 0 komentar | Read More

Nintendo rivede le previsioni di vendita di Wii U

Dal 18 novembre, giorno del lancio di Wii U nel Nord America, alla fine di dicembre, Nintendo ha venduto 3 milioni di unità di Wii U. Troppo poche per concretizzare le stime di vendita della nuova console. Si passa, dunque, da una stima di 5,5 milioni di unità vendute entro la fine dell'anno fiscale, 31 marzo, alla stima di 4 milioni di unità.

Nintendo Wii U

Nel lasso di tempo preso in esame sono stati venduti anche 11,7 milioni di pezzi di software. Anche in questo caso la cifra è inferiore alle previsioni, e questo induce Nintendo a rivedere anche le stime sui profitti. Mentre per l'anno fiscale in corso prima si aspettava utili per 20 miliardi di yen (160 milioni di euro circa), adesso prevede di perdere 20 miliardi di yen prima della fine dell'esercizio fiscale.

La società ha inoltre tagliato il suo fatturato annuo previsto del 17,3%. C'è una modifica sulle previsioni di vendita della console portatile 3DS, con un ridimensionamento da 17,5 a 15 milioni di unità vendute entro la fine dell'anno fiscale.

Cambiano anche i target per il volume di software venduto: nel caso di Wii U si passa da 24 milioni di copie a 16, mentre nell'anno fiscale in corso Nintendo si aspetta di vendere 50 milioni di copie di giochi per 3DS.

Ma non sono risultati finanziari completamente negativi per Nintendo: negli ultimi nove mesi, infatti, registra utili per 14,545 miliardi di yen (117 milioni di euro), mentre nello stesso periodo dello scorso anno fiscale registrava perdite per 48,351 miliardi di yen (390 milioni di euro). Il fatturato per il periodo fiscale in esame è di 4,4 milioni di euro, di poco inferiore rispetto a quello dello scorso anno (4,5 milioni di euro). Le perdite operative sono più contenute quest'anno rispetto allo scorso: 47 contro 133 milioni di euro.


23.14 | 0 komentar | Read More

iPad 5 e Nexus 7 1080p: i più attesi del 2013?

È stato un anno ricco di novità quello del 2012 per il mercato dei tablet. Nuovi prodotti delle diverse compagnie hanno infatti visto il loro primo debutto nel mercato, riscontrando in alcuni casi un importante successo. Si ricordano i modelli Asus, tra cui spiccano Nexus 7 e Asus Transformer Pad Infinity, e Microsoft Surface RT, con cui Windows 8 sbarca sulla piattaforma ARM. Infine non sono da dimenticare i prodotti Apple, con iPad 3 e il tanto richiesto iPad mini.

DigiTimes, una delle fonti più attendibili alle catene di produzione nel settore, ha recentemente pubblicato un articolo dove lanciava la sfida per il 2013: l'obiettivo sarà di tenere testa al passo di innovazione registrato nel 2012. Per il nuovo anno sono infatti previste nuove generazioni per i diversi modelli tablet. A partire dalla compagnia taiwanese Asus che promette di portare sul mercato il successore al modello appena debuttato, Nexus 7, portando la risoluzione da 1280x800 a quella Full HD 1080p: Asus ha infatti come obbiettivo quello di portare entro l'anno la vendita di tablet a 12 milioni di unità. Sia Google che Asus cercheranno di offrire per i nuovi prodotti con nuove funzionalità software e con hardware rinnovato, cercando di offrire gli stessi prezzi dei modelli precedenti, che nel 2012 sono stati molto concorrenziali: il modello di Nexus 7 èofferto a due prezzi differenti, $199 a $ 249, a secondo del taglio di memoria che si preferisce adottare.

Per i modelli Apple invece, dopo la recente uscita del modello iPad 4 di 128 GB, è previsto per il nuovo anno iPad 5. Il nuovo modello, di cui foto 'rubate' della cover posteriore sono già disponibili nel web, dovrebbe avvicinarsi nei canoni stilistici al recente iPad Mini, con la differenza di ospitare sul retro l'apposito 'taglio' nella cover per ospitare le antenne per le connessioni mobile, compresa quella 4G.


23.14 | 0 komentar | Read More

Ruzzle: in arrivo su Windows Phone e correzioni al dizionario italiano

Written By komlim puldel on Rabu, 23 Januari 2013 | 23.15

"Stiamo ultimando la versione Windows. Aggiorneremo i giocatori su Facebook e Twitter quando la data di rilascio di questa versione si approssimerà", ci ha detto Daniel Hasselberg nell'intervista esclusiva che il co-fondatore di Mag Interactive ha concesso a Gamemag. Conferma, dunque, che la versione Windows Phone del paroliere che ha conquistato gli italiani, e non solo, è in fase di sviluppo, e arriverà presto.

Ruzzle

Ma abbiamo parlato con Daniel anche dei problemi di Ruzzle, visto che il dizionario italiano presenta tante imprecisioni, che finiscono per compromettere molte partite. È infatti possibile vincere "disegnando" sulla griglia parole che effettivamente non esistono nel nostro dizionario.

"Siamo consapevoli di questi problemi. Provvederemo ad aggiornare i dizionari per migliorare la situazione", ci ha detto Hasselberg a tal proposito.

Ma il successo del paroliere è decisamente dilagante, con oltre 20 milioni di giocatori in tutto il mondo. Ruzzle sembra particolarmente gradito anche in Italia, al punto che Mediaset ha già contattato Mag Interactive per costruire una trasmissione a tema, che sarà condotta da Gerry Scotti.

In Ruzzle, così come in altri giochi simili come Scramble With Friends di Zynga o Wordament di Microsoft, i giocatori si sfidano in piccoli match da due minuti con l'obiettivo di rinvenire più parole possibili all'interno di un quadrato di lettere. Le parole possono essere formate unendo le lettere attigue. Se si uniscono le lettere contrassegnate dai simboli, inoltre, si ottengono più punti.


23.15 | 0 komentar | Read More

Google Chrome 24

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Google Chrome è un browser web sviluppato da Google con tecnologia WebKit e basato su una nuova Java script Virtual machine denominata V8. Una delle caratteristiche principali del prodotto è la gestione delle singole schede aperte in processi separati: in caso di crash di un singolo tab non sarà necessario riavviare l'intera applicazione


23.15 | 0 komentar | Read More

BitFenix Prodigy, case per un desktop trasportabile

Dimensioni contenute e prestazioni elevate: un connubio che nel mondo PC è sempre difficile da inseguire e che spesso comporta il dover scendere a compromessi, su un fronte o sull'altro. Nel caso l'esigenza primaria sia rappresentata dal contenimento dell'ingombro complessivo dovremo essere disposti a concedere qualcosa sul piano delle prestazioni e, viceversa, qualora sia la potenza elaborativa la nostra priorità, ci troveremo nella situazione di dover chiudere un occhio sulle dimensioni del sistema.

Riuscire a trovare il miglior bilanciamento possibile tra portabilità e prestazioni di un sistema PC desktop è in particolare il cruccio di tutti i videogiocatori appassionati di lan party, che necessitano di un sistema adeguatamente potente da essere in grado di gestire senza incertezze tutti i più recenti titoli 3D e abbastanza compatto da poter semplificare le operazioni di trasporto e spostamento nelle occasioni dei raduni e dei ritrovi.

Una possibile risposta alle esigenze di questa tipologia di utenti giunge dalla taiwanese BitFenix, una realtà abbastanza giovane, nata dall'idea imprenditoriale di alcuni professionisti del settore che hanno alle spalle un trascorso in altre realtà del mondo dell'accessoristica per PC. Di BitFenix abbiamo già avuto modo di analizzare altri prodotti, come nel caso di Colossus e Shinobi, apprezzando alcune interessanti soluzioni costruttive.

BitFenix propone quindi lo chassis Prodigy, contraddistinto dal form factor mini-ITX e da una interessante disposizione della componentistica interna, che meglio osserveremo nel corso dell'articolo. Tra gli elementi peculiari di questo chassis vi è un'estetica che prende pesantemente ispirazione dalle soluzioni MacPro di Apple, con una struttura superiore in plastica che funge da doppia maniglia per il trasporto e, specularmente sulla base, da elemento di supporto.


23.15 | 0 komentar | Read More

Ultrabook, ecco le specifiche dei modelli che vedremo fra qualche mese

Intel è da tempo convinta che il mercato dei PC portatili debba essere rivitalizzato, andando ad offrire prodotti che risultino molto più attraenti rispetto ai modelli "classici" che hanno affollato gli scaffali per anni. L'ascesa del fenomeno tablet, oltre ad una generale saturazione del prodotto notebook nelle case degli utenti, ha cristallizzato quello che un tempo era il settore più trainante dell'intero scenario IT.

Nelle intenzioni di Intel lo slancio deve venire da modelli con specifiche ben precise, che siano accattivanti dal profilo estetico senza per questo rinunciare alle prestazioni. Ovviamente questi non sono parametri chiari per tutti: il gusto del bello per un coreano può essere molto diverso da quello di un francese o un messicano, per intenderci. Ecco quindi che la via della standardizzazione rigida diventa vincolante per la creazione di questi nuovi prodotti, che Intel ha chiamato Ultrabook, con un marchio registrato a tutti gli effetti.

In passato abbiamo già parlato di Ultrabook indicando le specifiche ma ad ogni generazione la lista dei parametri da rispettare, per fregiarsi di questo marchio, si allunga. La prima e la seconda generazione di Ultrabook hanno imposto ai produttori spessori e pesi ridotti, oltre all'adozione di particolari processori a basso consumo uniti a storage ibrido o SSD.

La prossima generazione di piattaforme portatili Intel, in generale e non solo Ultrabook, prendo il nome in codice di Shark Bay e saranno basate sulla nuova generazione di processori Haswell, con presentazione sul mercato verso la metà dell'anno. A caratterizzare gli Ultrabook saranno alcuni parametri base che adranno ad aggiungersi a quelli già esistenti. Il primo, importantissimo, sarà l'adozione di pannelli touchscreen. Non sarà quindi opzionale, ma obbligata per fregiarsi del titolo di Ultrabook. I processori saranno della serie U con TDP compresi fra 15 e 25W, mentre la durata della batteria dovrà essere di 9 ore e 7 giorni in stand-by.

Il dubbio rimane sulla natura "convertibile" del design. Alcune fonti la danno per certa, altre meno. Fudzilla inoltre ci informa sul prezzo di base della configurazione Ultrabook che vedremo: 699,00 Dollari USA, ovvero non più bassi di quello a cui siamo abituati oggi. Sembra quindi fallito anche questa volta il tentativo di appassare ulteriormente il prezzo dei modelli base di Ultrabook. Salendo con le cifre sarà poi possibile contare su altre caratteristiche, come i controlli vocali, lo storage basato esclusivamente su SSD, WWAN, riconoscimento facciale e sensori di vario genere, oltre alla tecnologia vPro per i modelli corporate.


23.14 | 0 komentar | Read More

FurMark

scheda aggiornata 2 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

FurMark è un benchmark in OpenGL focalizzato sul rendering delle pellicce, che permette sia di valutare le prestazioni velocistiche della propria GPU che metterla sotto stress.

Queste le modifiche inserite in questa ultima versione:

  • Maintenance release.
  • Update: added support of recent AMD Radeon and NVIDIA GeForce graphics cards.
  • Update: GPU-Z 0.5.1 and GPU Shark 0.5.1
  • Change: added a workaround for a bug in AMD Catalyst GLSL compiler (GL2 for() loop –old bug now present in a beta version of Cat 11.2 and / or Cat 11.3).
    This bug led to a wrong lightning of the furry donut.

23.14 | 0 komentar | Read More

Audacity

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Audacity è un software open source per registrare ed editare file audio. Dotato di un'interfaccia molto semplice, consente di registrare tracce audio in tempo reale attraverso un microfono o un mixer collegato al computer. Con alcune schede audio consente anche di catturare l'audio in streaming. I file editati possono essere esportati in diversi formati molto comuni.


23.14 | 0 komentar | Read More

Crysis 3: open beta multiplayer imminente

Electronic Arts e Crytek annunciano che il beta test multiplayer di Crysis 3, aperto a tutti, inizierà il 29 gennaio sui formati per cui è prevista la versione definitiva del gioco, ovvero PC, PlayStation 3 e Xbox 360. La beta multiplayer di Crysis 3 sarà disponibile per due settimane e darà ai giocatori la possibilità di ricevere un aiuto nella competizione prima del lancio previsto per il 21 febbraio in Europa.

Crysis 3

La beta multiplayer di Crysis 3 avrà inizio il 29 gennaio, si concluderà il 12 febbraio e consentirà di provare due delle otto modalità che saranno poi presenti nella versione definitiva del gioco, ovvero Crash Site e Hunter.

Nella modalità Crash Site, i giocatori dovranno conquistare e difendere determinati punti della mappa, guadagnando punti a seconda dei nemici uccisi e dell'abilità nel proteggere il luogo designato. Hunter, invece, è una modalità completamente nuova per Crysis. Due Hunter, che dispongono delle potenzialità concesse dalla Nanotuta, devono affrontare un intero team di soldati Cell, precisamente 14. I due cacciatori dispongono dell'arco futuristico di Crysis 3 e sono sempre invisibili ai soldati del team Cell. Per ogni cattura, gli Hunter sono in grado di portare una delle prede nella propria squadra. Per queste ultime, quindi, lo scopo del match è di sopravvivere il più a lungo possibile, coordinandosi ed evitando di cadere nelle imboscate dei cacciatori.

Incluso nella beta multiplayer di Crysis 3 vi è anche il New York Feed, un aggiornamento social in-game che mostrerà i risultati dei giocatori e dei loro amici e proporrà sfide da completare. Sarà possibile anche provare alcune feature secondarie del nuovo shooter come Rip & Throw, che dà ai giocatori la possibilità di interagire con gli elementi dell'ambiente circostante per utilizzarli come armi o scudi e la possibilità di controllare il Pinger, un'arma da guerra aliena treppiede dagli effetti devastanti.


23.14 | 0 komentar | Read More

Apple ha bisogno di un iPhone low cost, secondo John Sculley

Written By komlim puldel on Rabu, 16 Januari 2013 | 23.15

In un'intervista con Bloomberg Television avvenuta nella serata di martedì l'ex-CEO di Apple John Sculley, che ha guidato la compagnia per dieci anni a partire dal 1983, ha espresso alcune considerazioni sul mercato degli smartphone ed in particolare sulle azioni che Apple dovrà intraprendere per adattarsi ad un settore che sta mutando faccia in maniera molto rapida.

Sculley, il cui trascorso in Apple non è stato particolarmente encomiabile, sostiene che la Mela vorrà continuare a crescere si troverà nella necessità di concentrarsi sulla realizzazione di una versione di iPhone destinata in maniera specifica ai mercati emergenti, dal momento che i mercati sviluppati stanno ormai raggiungendo il punto di saturazione.

"Il passaggio da smartphone che vengono venduti da 500 dollari a prodotti che vengono venduti ad 100 dollari se non meno, obbliga a ripensare completamente la catena di approvvigionamento ed il modo in cui si realizzano i prodotti, in maniera che siano profittevoli" ha commentato l'ex-CEO di Apple. Sculley osserva inoltre come si sia assottigliato il gap tra i prodotti Apple e le soluzioni dei concorrenti in termini di innovazione: "Samsung è un concorrente straordinario. La differenza tra Samsung Galaxy ed iPhone 5 non è così grande come siamo stati abituati a vedere".

Sculley ha speso parole positive per Tim Cook, l'attuale CEO della Mela succeduto a Steve Jobs: "E' la miglior persona che possa guidare oggi l'azienda", in riferimento alla sua grande esperienza maturata nella precedente posizione di Chief Operating Officer nella gestione della logistica della catena di approvvigionamento.


23.15 | 0 komentar | Read More

CloneDVD

scheda aggiornata 1 ora fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

CloneDVD 2 copia Film su DVD a una qualità impareggiabile. Che sia un DVD completo o solo il filmato principale - CloneDVD riesce a comprimere anche i film più lunghi mantenendo la massima qualità e impiegando pochissimo tempo.

Utilizzando una speciale tecnologia di transcodifica puoi, una volta scelto come comprimere le varie parti dei DVD e quale lingua mantenere, ottenere automaticamente la diminzione finale. Utilizzando il Film Strip verrai aiutato nell'impostare tutti i settaggi.

Utilizzando l'anteprima puoi scegliere cosa mantenere e cosa eliminare, potrai anche tagliare singoli capitoli. Le barre della qualità mostrano il peso delle singole parti e tracce audio sulla qualità della copia. CloneDVD è così semplice che può essere utilizzato da chiunque.

Di seguito le novità introdotte in questa versione:

  • New: Added support for 64-bit Windows XP.
  • Change: ElbyCDIO rewritten from scratch to have unified drivers for 32 and 64 bit Windows Compatibility with third party IDE drivers should be improved.
  • Fix: CloneDVD did not have "Windows XP look" on Windows Server 2003 and Windows XP64.
  • Some minor changes and improvements.
  • Updated languages.

23.14 | 0 komentar | Read More

Infinity: il nuovo progetto di Disney basato su tecnologia Nfc

Disney ha rivelato attraverso un live webcast i suoi piani su un nuovo progetto che condivide diverse caratteristiche con i giochi della serie Skylanders di Activision. Disney Infinity viene così descritta come una piattaforma interattiva che unisce diversi personaggi dell'universo Disney all'interno di un unico mondo interattivo.

Disney University

A partire dal prossimo giugno, Disney metterà sul mercato dei giocattoli interattivi che riprodurranno i suoi personaggi più famosi, che i giocatori potranno usare all'interno dei cosiddetti Playset. Questi ultimi vengono descritti come mondi differenti fra di loro, ognuno dei quali ha le proprie regole e gameplay specifico, a seconda del franchise su cui è basato.

In alternativa, sarà, più semplicemente, possibile collezionare i personaggi Disney all'interno di uno scenario preparato appositamente, chiamato Toy Box.

Qui si possono giocare delle avventure preparate dagli sviluppatori di Disney, o addirittura create dagli stessi giocatori. Secondo Disney, qualsiasi cosa presente nella Toy Box è modificabile a piacimento dai giocatori: proprio come in LittleBigPlanet sarà possibile cambiare i personaggi che vi si trovano e anche lo stesso mondo di gioco.

Specularmente a Lbp, le esperienze di gioco possibili all'interno di questo mondo sono di tipo platforming 2D, kart racing e di gameplay in mondi aperti.

Il trasferimento del personaggio all'interno del mondo di gioco funziona in maniera simile a Skylanders. C'è una sorta di portale sul quale va collocato uno dei giocattoli interattivi. Sfruttando tecnologia simile a Nfc, il sistema è in grado di riconoscere la base del giocattolo e di materializzare il corrispettivo personaggio all'interno del videogioco.

Disney Infinity sarà una piattaforma trasversale fra tutti i formati, tra i quali vengono contemplate le console, il PC e i dispositivi portatili. A giugno ci saranno tre Playset iniziali: Monsters University, I Pirati dei Caraibi e Gli Incredibili, con 20 giocattoli subito disponibili. Altri Playset e giocattoli arriveranno invece nel corso dell'anno.

Nello Starter Pack, inoltre, i giocatori troveranno il disco con il gioco, tre giocattoli e due Power Disc, ovvero il corrispettivo del portale di Skylanders di cui abbiamo già parlato.

Il Playset su Gli Incredibili è un gioco d'azione ad ambientazione urbana contestualizzato in un mondo aperto, dove i protagonisti devono combattere contro robot e altri tipi di nemici. I giocatori sono altresì in grado di creare i propri edifici personalizzati.

Anche Monsters University è basato su gameplay in mondo aperto, focalizzandosi sulla rivalità fra due scuole mentre i giocatori devono spaventare i bambini che vogliono recarsi nella scuola avvesaria. I Pirati dei Caraibi, invece, prevede viaggi sui mari, l'esplorazione di isole misteriose e battaglie contro le navi di altri pirati. Tutti i Playset comprenderanno modalità multiplayer, con la possibilità di giocare in due sullo stesso sistema tramite split screen.


23.14 | 0 komentar | Read More

HyperSnap

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Utility che permette di realizzare screenshot da qualsiasi applicazione: desktop, giochi, player DVD ecc.
Le funzioni di cattura permettono di salvare immagini sia dalle più comuni applicazioni in finestra sia durante l'utilizzo di librerie DirectX/Direct3D, OpenGL e Glide, le modalità, interfacce di programmazione, tipiche dei videogiochi.

Nell'ultima release sono stati implementati nuovi strumenti di manipolazione per evolute funzionalità di: "cattura, modifica e note di commento" alle immagini. Cattura di immagini da modalità/librerie grafiche dedicate come DirectX™ e Glide™ nei videogiochi, overlay e molto altro per DVD e riproduttori video.


23.14 | 0 komentar | Read More

I sistemi desktop verso dimensioni sempre più contenute: l'esempio di Z3RO Pro

Xi3 ha suscitato interesse la scorsa settimana, in occasione del CES 2013 di Las Vegas, con il proprio chassis Modular Computer in quanto candidato a venir utilizzato da Valve quale sistema di sviluppo per il proprio Steam Box. La strategia di proporre sistemi di ridotte dimensioni  sembra voler essere una caratteristica alla base di quest'azienda: con questo comunicato stampa è stato infatti annunciato un nuovo sistema, indicato con il nome di Z3RO Pro.

Cuore di questo sistema un SoC che integra al proprio interno una CPU x86 con architettura dual core, affiancata da una GPU con 80 stream processors e 4 Gbytes di memoria di sistema. Alla luce dei dati forniti da Xi3 nel comunicato stampa si ricava facilmente che la APU utilizzata in questo sistema sia quella AMD E-450, soluzione della famiglia Brazos 2.0 caratterizzata da un livello di consumo molto contenuto compatibile con le dimensioni utilizzate per questo sistema. Lo chassis ha dimensioni molto contenute, pari a 4,8 x 12,5 x 9,2 cm.

z3ro_pro_1.jpg (21458 bytes)

Queste le specifiche tecniche anticipate dall'azienda:

  • processore dual core 64-bit, x86-based con frequenza di clock di1.65GHz (with 2MB of Level2 Cache),
  • scheda video integrata contenente 80 graphics cores (or shaders),
  • 4GB di memoria DDR3
  • storage interno con SSD di dimensione variabile tra 16GB e 1TB (con velocità di throughput sino a 12Gbps),
  • possibilità di collegare un massimo di due display, con risoluzione di 2560x1600 pixel ciascuno (sono presenti connessioni 1 HDMI/DisplayPort v1.2 e 1 Mini-DisplayPort v1.2),
  • 4 porte eSATA 3.0
  • 1 connettore di rete Gigabit

L'unico dato tecnico che non convince è l'indicazione di una cache L2 da 2 Mbytes, quando le proposte AMD della serie E sono abbinate a cache L2 da 1 Mbyte totali. E' ipotizzabile possa trattarsi di un refuso nel comunicato stampa, oppure l'indicazione che questo sistema sia basato su una APU AMD basata su architettura Kabini, il cui debutto è previsto proprio nel corso della prima metà dell'anno. Se così fosse, in ogni caso, tendiamo a ipotizzare che il numero di stream processors della componente GPU sia superiore agli 80 messi a disposizione dalle APU della serie E attualmente presenti sul mercato.

Il debutto di questa soluzione è previsto a partire dal secondo trimestre del 2013, con un prezzo indicativo pari a 399 dollari. La diffusione di sistemi desktop dalle dimensioni sempre più contenute è in crescita, con anche Intel che ha presentato il proprio form factor di riferimento, indicato con il nome di NUC, per questa nicchia di mercato. Ritenente che questi prodotti possano dare nuova linfa al mercato desktop o che ormai le vendite di PC siano sempre più indirizzate verso sistemi notebook?


23.14 | 0 komentar | Read More

BRNO presenta dri+Cap; tappi per proteggere fotocamere ed ottiche dall'umidità

BRNO presenta dri+Cap; tappi per proteggere fotocamere ed ottiche dall'umidità

"BRNO dri+Cap è una gamma di tappi per corpi macchina ed obiettivi Canon e Nikon che preserva l'attrezzatura da umidità e formazione di muffe"

Che l'umidità sia un nemico dell'attrezzatura fotografica è cosa nota e sono diversi gli accorgimenti che possono essere presi per evitare di compromettere fotocamere e obiettivi. Ecco che ora BRNO ha presentato un prodotto decisamente semplice per contrastare l'insidiarsi dell'umidità all'interno della propria attrezzatura fotografica: dri+Cap.

Si tratta di speciali tappi per corpi macchina ed ottiche, dotati di un vano al cui interno è collocata una bustina di silica gel; la parte del tappo che confina con l'attrezzatura è ricoperta di fori per consentire al gel di catturare l'eventuale umidità presente all'interno dell'ottica o del corpo macchina.

Una guarnizione in gomma sigilla il vano interno del tappo e le bustine fornite nel kit cambiano colore per avvisare quando il proprio potere deumidificante si è esaurito ed è necessario sostituirle.

Disponibili con attacchi Canon e Nikon, i BRNO dri+Cap sono in vendita negli Stati Uniti con prezzi che si aggirano intorno ai $44.99 per un kit che comprende due tappi (uno per il corpo macchia ed un altro per un' ottica).


Commenti (4)


23.14 | 0 komentar | Read More

AMD denuncia 4 ex dipendenti per spionaggio industriale

I casi di spionaggio industriale riguardano un po' tutti i settori dell'economia e della produzione, pertanto sorprende solo fino ad un certo punto che AMD abbia denunciato 4 propri ex dipendenti, accusandoli di aver sottratto all'azienda un elevato numero di componenti interni prima di spostarsi a lavorare presso un'azienda concorrente, NVIDIA.

L'accusa di AMD è incentrata sul download di circa 100.000 files su un hard disk esterno, nei 6 mesi che hanno preceduto l'uscita dall'azienda di queste persone. Nello specifico Robert Feldstein, Manoo Desai e Nicolas Kociuk sono accusati di aver operato in questo modo onde portare alla propria nuova azienda materiale riservato di AMD.

Da segnalare, stando a quanto riportato da zdnet, che tra i files trasferiti impropriamente ne sono presenti 3 particolarmente confidenziali: 2 riguardano accordi con clienti di notevole importanza, mentre il terzo delinea le linee guida di una strategia di licenza d'uso di tecnologie AMD.

Robert Feldstein in particolare ha lavorato in AMD quale vice presidente dello strategic development, operando specificamente nel business di AMD legato alle console di prossima generazione di Microsoft, Sony e Nintendo prima di passare ad NVIDIA.

Una volta che Feldstein e Hagen, un manager durante il suo periodo ad AMD, hanno lasciato l'azienda spostandosi in NVIDIA hanno reclutato Desai, che in seguito ha contattato Kociuk, così che si trasferissero a lavorare per NVIDIA. L'accusa lascia intendere che vi possano essere altri dipendenti di AMD che si sono spostati in NVIDIA nel frattempo e che possono essere oggetto di una verifica di qualche tipo.

Il comportamento dei 4 ex dipendenti, stando all'accusa, sarebbe stato improntato all'ottenimento di documenti riservati di AMD, anche contenenti segreti industriali, giungendo sino a cercare di accedere a sistemi interni di AMD per i quali non avevano credenziali adeguate. Al momento attuale Feldstein, Desai e Kociuk sono stati obbligati a mantenere in proprio esclusivo accesso tutti i beni riconducibili ad AMD a loro disposizione, computer in testa, così che possano venir verificati mentre per Hagen l'obbligo è di non proseguire l'attività di reclutamento di dipendenti AMD verso altre aziende.

L'intera denuncia presentata da AMD è disponibile come documento online a questo indirizzo.


23.14 | 0 komentar | Read More

eReader flessibile PaperTab da Intel e Plastic Logic

Written By komlim puldel on Rabu, 09 Januari 2013 | 23.15

Se da una parte sembra che gli eReader stiano facendo registrare una flessione nelle vendite, complice la diffusione di tablet PC sempre più economici, dall'altra non è messo in discussione il gradimento che questi apparecchi hanno dimostrato di avere su milioni di persone. Apparecchi semplici e con pochi fronzoli, ma dotati di un display dal comportamento simile a quello della carta, riferendoci all'esperienza di lettura, c on autonomie che si misurano in settimane.

PaperTab

Qualcosa di molto diverso dai tablet PC, insomma, e chi legge molto in formato elettronico lo sa. Non deve quindi stupire un certo impegno nella ricerca di soluzioni nuove in tale ambito. Uno degli esempi più interessanti, pur in forma di prototipo, arriva dalla collaborazione fra 3 realtà ovvero Intel, Plastic Logic e la Queen University.

PaperTab

Il frutto della collaborazione, riportato da Engadget, è nel video a seguire. In pratica siamo di fronte a un prototipo da 10,7 pollici dotato di schermo flessibile. La flessione degli angoli permette di attivare alcune funzionalità, mentre è prevista anche la condivisione di documenti avvicinando diversi dispositivi. A muovere il tutto una piattaforma Intel Core i5, apparentemente montata esternamente in questo prototipo.


23.15 | 0 komentar | Read More

LaCie 5big Thunderbolt, 20TB a 785MB al secondo

LaCie ha presentato il nuovo NAS 5big Thunderbolt, soluzione RAID a 5 bay hot swap in grado di garantire molte opzioni di configurazione e prestazioni davvero elevate grazie all'interfaccia Thunderbolt. Se da una parte è vero che questa interfaccia risulta ben poco diffusa a causa dei prezzi molto elevati che la sua integrazione comporta, è anche vero che le più recenti macchine Apple e qualche scheda madre di fascia alta per il mondo Wintel la adottano.

LaCie

Per questo pubblico nascono le periferiche Thunderbolt, solitamente contraddistinte da ben pochi compromessi e da un prezzo di acquisto elevato. Eccoci dunque a parlare di 5big Thunderbolt, per cui LaCie dichiara una capienza massima di ben 20TB e velocità di trasferimento di ben 785MB al secondo. Si tratta ovviamente di un caso limite, poiché il riferimento è a una configurazione che vede coinvolti 5 dischi SATA 7200 giri da 4TB ciascuno configurati in RAID 0.

Sommando prestazioni e capienze singole, si ottengono questi numeri in configurazione RAID 0 (e con questa configurazione sono venduti i NAS in questione), ma è verosimile attendersi che l'utilizzatore finale opterà per una configurazione RAID più sicura, ridimensionando quindi sia la capienza finale, sia il transfer rate. Rimane comunque una soluzione molto interessante,

Il nuovo nato di casa LaCie è dotato di un sistema di raffreddamento molto curato, pensato per garantire maggiore affidabilità a lungo termine e per prevenire fenomeni di surriscaldamento. Il sistema consiste in tre componenti: casing in alluminio per la massima dispersione del calore, una ventola Noctua per il raffreddamento e un ampio sistema di dissipazione.

LaCie 5big, il cui design è firmato da Neil Poulton, è disponibile con capacità da 10TB e 20TB sul LaCie Online Store e presso i rivenditori LaCie a partire da € 1.139,00. Il cavo Thunderbolt è incluso, mentre la garanzia è di tre anni.


23.15 | 0 komentar | Read More

Due GPU Radeon HD 7970 GHz Edition per Asus ROG ARES II

La famiglia di schede video Asus ROG, Republic of Gamers, da sempre raccoglie modelli caratterizzati da soluzioni tecniche peculiari che abbinano prestazioni più elevate rispetto alle proposte reference con un design complessivo che è di tipo custom.

Al CES 2012 l'azienda taiwanese ha presentato la scheda ROG ARES II Limited Edition, proposta basata su due GPU AMD Radeon HD 7970 GHz Edition che abbina ad un design custom a singolo PCB un sistema di raffreddamento di tipo ibrido, con una parte ad aria abbinata ad un kit a liquido.

asus_ares_ces_2.jpg (81254 bytes)

La scheda ripropone le stesse specifiche tecniche del modello Radeon HD 7970 GHz Edition: le frequenze di clock di GPU e memoria video non cambiano ma grazie ad una circuiteria di alimentazione appositamente sviluppata Asus lascia spazio a interessanti margini di overclock, la cui entità è funzione delle preferenze dell'utente nonché della tolleranza della specifica scheda video in uso.

Il sistema di raffreddamento prevede un kit a liquido a diretto contatto con le GPU, abbinato ad un tradizionale sistema con dissipatore e ventola che provvede a smaltire il calore dei chip memoria e della circuiteria di alimentazione. La risultante è quella di un prodotto dal notevole ingombro complessivo, che necessita di un certo spazio interno allo chassis anche per ospitare il radiatore con ventola del sistema a liquido.

asus_ares_ces_1.jpg (137056 bytes)

Questo prodotto verrà sviluppato in soli 1.000 esemplari, numero allineato a quanto già mostrato in passato da Asus con schede video di questo tipo. Tale limitazione è in parte da imputare alla peculiarità del prodotto, con un pubblico di utenti interessati che è ovviamente circoscritto, in parte alla difficoltà di avere un numero adeguato di GPU che siano capaci di operare correttamente alle specifiche richieste.

Asus ci ha assicurato che una nuova procedura di screening delle GPU permetterà al team di sviluppo interno di essere più rapido rispetto a quanto è avvenuto sino ad ora nel portare sul mercato soluzioni di questo tipo. Le schede Radeon HD 7970 GHz Edition sono in effetti da tempo presenti in commercio mentre il debutto delle prossime generazioni di schede video AMD per il mercato desktop appartenenti alla famiglia Radeon HD 8000 dovrebbe avvenire nel corso del secondo trimestre 2013.


23.14 | 0 komentar | Read More

Cosa aspettarsi dal 2013 - Prima parte

Un anno cruciale per i videogiochi perché, con ogni probabilità, vedrà l'introduzione della tanto agognata nuova generazione. Probabilmente è proprio per questo motivo che fino a oggi possiamo vedere con chiarezza cosa succederà nella prima parte dell'anno, mentre il calendario dei rilasci per la seconda parte dell'anno è ancora oscuro. I produttori di videogiochi di terze parti stanno aspettando di conoscere i piani dei produttori di console. Riusciranno, questi ultimi, a mettere sul mercato Xbox 720 o PlayStation 4 (nomi assolutamente momentanei, visto l'ondata di rumor a proposito di nomi che ci sta investendo) entro la stagione natalizia?

Le ultime indiscrezioni non sono molto incoraggianti in tal senso. Sony e Microsoft, infatti, si affideranno agli stessi produttori per la costruzione del SoC su cui saranno basate le rispettive nuove console, nella fattispecie agli stabilimenti di Global Foundries e di IBM. Per questo, la produzione di CPU e di GPU della prossima PlayStation partirebbe solo dopo lo smaltimento del lavoro su Oban, il SoC che, sempre stando a speculazioni, sarebbe alla base di Xbox 720.

Il fatto è che, come abbiamo visto con le nostre news quotidiane, Microsoft avrebbe problemi di resa produttiva con Oban, e questo potrebbe posticipare l'ingresso sul mercato della Xbox di nuova generazione e, per quanto abbiamo detto fin qui, anche di PlayStation 4. Quest'ultima, dunque, potrebbe raggiungere i negozi addirittura fra la primavera e l'autunno del 2014. Chiaramente l'ennesimo posticipo della next-gen sarebbe l'ennesimo duro colpo all'industria del gaming, che attende con particolare fervore i nuovi hardware per rilanciarsi, finalmente.

Ma non dobbiamo perdere le speranze per una next-gen già in questa stagione natalizia. Che ne dite di un bel confronto, già a ottobre, tra Battlefield 4 e Half-Life 3? Fantascienza? Chi può dirlo. Intanto, Battlefield 4 è vicino all'essere ufficializzato, visto che si parla di rilascio già per il 23 ottobre 2013. DICE sostiene di essere in grado di sfruttare il potenziale di Frostbite 2 all'80% con l'hardware di prossima generazione, mentre BF 3 si fermerebbe al 30-40%. Questo consentirebbe di avere una grafica fenomenale, ancora più realistica di quella dello shooter uscito nel 2011.

Ma, sull'altro versante, Valve non può non essere al lavoro su Half-Life 3. C'è tantissima gente che lo aspetta, e ci sono tutte le potenzialità per sconvolgere nuovamente il mondo dei videogiochi. D'altronde, non è possibile annunciare un titolo così atteso con troppo margine rispetto al rilascio effettivo. Non siamo più nei primi anni 2000 dove potevi permetterti il lusso di annunciare un videogioco che poi non avresti rilasciato per anni. Adesso le esigenze di marketing e la nuova connotazione che ha assunto l'industria ti spingono a tenere i fan sempre aggiornati sullo stato dei lavori, e adempiere a questo scopo su un lasso di tempo troppo ampio comincia a diventare insostenibile.

D'altronde, è molto difficile che vedremo Half-Life 3 e Source Engine 2 già nel 2013. A controbattere gli sforzi di DICE in fatto di grafica, piuttosto, ci saranno Epic Games, con Unreal Engine 4, e i vari Watch Dogs, Star Wars 1313, Dark Souls 2. Tutti titoli che promettono di offrire un livello di complessità visiva mai vista fino ad ora. Insomma, le premesse per avere una seconda parte dell'anno letteralmente scoppiettante pare ci siano tutte.

Ma i produttori di videogiochi vogliono sfruttare anche la prima parte del 2013, anche perché la base installata delle console di attuale generazione è molto ampia, e la gente vuole continuare a giocare. BioShock Infinite, Tomb Raider, The Last of Us, Dead Space 3, Crysis 3 sono solamente alcuni dei titoli che i veri fan di videogiochi non vorranno perdersi. Per non parlare di Grand Theft Auto V, del quale ormai sappiamo praticamente già tutto.

Ci sarà spazio, naturalmente, anche per il gaming che tradizionalmente rimane legato alla piattaforma PC. Company of Heroes 2 è un capolavoro annunciato, ma anche SimCity e Arma 3 promettono di migliorare strutture di gioco già ampiamente collaudate in passato. Nella seconda parte dell'anno, anche questa volta a ottobre, ci sarà poi l'attesissimo Rome II Total War, che, di nuovo, metterà a repentaglio la vita sociale di moltissime persone.

Poi non può mancare la solita sfida al mondo mobile. Molti giochi per sistema operativo iOS o Android promettono ormai gameplay innovativi, anche se con interfacciamento limitato, e esperienze di gioco "fresche", che attirano sempre più persone, indotte magari ad abbandonare il gaming su sistema domestico. Ma sui dispositivi portatili non potrà mai esserci la profondità e il coinvolgimento che possono invece offrire i videogiochi Tripla A, ovvero quei titoli che mirano a essere delle vere e proprie esperienze emozionali e artistiche.

Come ogni anno, dividiamo lo speciale in due parti. Nella seconda troverete, infatti, titoli altrettanto importanti come SimCity, Metal Gear Solid Ground Zeroes, Watch Dogs, Grid 2, Company of Heroes 2 e Grand Theft Auto V. È un modo anche per ripassare le varie caratteristiche di gioco annunciate dai rispettivi sviluppatori nel corso degli ultimi mesi e per riprendere le anteprime che abbiamo pubblicato nell'anno ormai andato.


23.14 | 0 komentar | Read More

Process Lasso

scheda aggiornata 58 minuti fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Process Lasso ottimizza l'esecuzione dei processi in corso intervenendo sui parametri di affinità e di priorità. Questo software può essere utile per rendere più fluido e reattivo il sistema, inoltre gli utenti più evoluti potranno accedere a personalizzazione e ottimizzazioni aggiuntive.


23.14 | 0 komentar | Read More

RemoveIT Pro

scheda aggiornata 58 minuti fa

Valutazione

Media Voti

         

su 3 votazioni

RemoveIT Pro individua e rimuove file pericolosi, spyware, malware, virus, worm, trojan e adware che altri popolari software antivirus non riescono ad eliminare.


23.14 | 0 komentar | Read More

Panasonic presenta due nuove rugged camera e la nuova bridge DMC-LZ30

Panasonic presenta due nuove rugged camera e la nuova bridge DMC-LZ30

"Panasonic ha presentato la nuova bridge dotata di zoom ottico 35x DMC-LZ30 e le due nuove rugged della casa: Lumix DMC-FT5 e DMC-FT25"

Sono diverse le fotocamere presentate quest'anno da Panasonic al CES di Las Vegas, ecco infatti che oltre le due nuove travel zoom la gamma LUMIX si rinnova anche nei segmenti dedicati a bridge e rugged camera: presentate DMC-FT5, DMC-ST25 e DMC-LZ30.

La nuova LUMIX DMC-FT5 è una fotocamera pensata per operare nelle condizioni più estreme: è impermeabile fino a 13 metri e resistente a cadute da un'altezza di 2 metri e temperature fino a -10°. Dotata di un sensore da 16.1 megapixel, di un'ottica zoom stabilizzata e di moduli Wi-Fi ed NFC integrati, la LUMIX DMC-FT5 può registrare video in FullHD a 60fps. La sorella minore LUMIX DMC-ST25 si distingue per uno zoom 4x, un display più piccolo, la possibilità di registrare in 720p ed una minore resistenza alle cadute.

Di tutt'altro stampo invece DMC-LZ30, l'ultima fotocamera bridge di casa Panasonic che fa dell'ottica uno dei suoi punti di forza. L'obiettivo è uno zoom dalla focale 25-875mm equivalenti al pieno formato ed è costituito da 14 elementi, tra i quali tre lenti a bassa dispersioni e due asferiche, in 10 gruppi. Il sensore è un CCD da 16 megapixel capace di arrivare fino ad una sensibilità massima di ISO 6400.

Mentre le due LUMIX DMC-FT5 e LUMIX DMC-ST25 saranno disponibili già da Marzo, sarà necessario aspettare un ulteriore mese per poter vedere sugli scaffali dei rivenditori italiani la DMC-LZ30. Ancora non ufficializzati invece i prezzi ufficiali di listino.


Commenti


23.14 | 0 komentar | Read More

Sony Xperia Z e ZL, i nuovi top di gamma pronti per il CES

Written By komlim puldel on Rabu, 02 Januari 2013 | 23.15

Che Sony avesse in programma per l'inizio di questo 2013 l'annuncio di alcune importanti novità lo si era ormai capito da tempo. Il CES di Las Vegas, infatti, era già stato scelto lo scorso anno dal colosso giapponese come occasione per la presentazione delle proprie novità in ambito mobile e la stessa cosa si verificherà verosimilmente anche quest'anno.

Sono comparso online in queste ultime ore delle immagini abbastanza eloquenti, probabilmente parte del comunicato stampa che accompagnerà gli annunci Sony nelle quali troviamo raffigurati due dei nuovi terminali che caratterizzeranno la gamma della compagnia nipponica per i primi mesi di questo nuovo anno.

Si tratta di Xperia Z e Xperia ZL, due terminali caratterizzati entrambi da una scheda tecnica importante e differenziati tra loro solo per alcuni piccoli particolari. Tra questi le dimensioni che, nonostante il display da 5 pollici in entrambi i casi, sono leggermente maggiori per quanto riguarda Xperia ZL a causa di una cornice più spessa.

Sony Xperia Z dovrebbe essere certificato contro le infiltrazioni di acqua e polvere, al contrario di ZL che offrirà però la funzione dual-SIM. Entrambi i terminali saranno equipaggiati con processore Qualcomm Snapdragon quad-core da 1,5 GHz, 2 GB di memoria RAM e una fotocamera posteriore da 12 megapixel.

Sony, come anticipato, dovrebbe rivelare definitivamente le nuove soluzioni nel corso dell'ormai imminente CES, che si terra a Las Vegas a partire dal prossimo 8 gennaio.


23.15 | 0 komentar | Read More

Zoom Player Professional

scheda aggiornata 3 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 1 votazioni

Semplicissimo ed estremamente leggero player multimediale, in grado di riprodurre i più comuni formati audio e video. Può essere utilizzato anche per riprodurre il formato DVD. E' completo di tutti gli strumenti per l'ascolto e la gestione delle playlist e consente di salvare la posizione in cui si interrompe il play di un film. In un momento successivo sarà possibile riprendere la riproduzione dal precedente salvataggio.

E' caratterizzato da una interfaccia grafica estremamente semplice e pulita, ma è sufficiente premere il tasto destro del mouse per accedere a molte funzioni avanzate.


23.14 | 0 komentar | Read More

SuperRam

scheda aggiornata 5 ore fa

Valutazione

Media Voti

         

su 0 votazioni

Utility per la gestione ottimale della memoria ram di sistema. Il software si occupa di rendere disponibile un minimo quantitativo di ram, "svuotando" le porzioni di memoria non più idispensabili al sistema.


23.14 | 0 komentar | Read More

Firefox 18

HWfiles.it è un canale di Hardware Upgrade, testata giornalistica con registrazione tribunale di Varese, n. 879 del 30/07/2005. Iscrizione ROC n° 13366 - Ulteriori informazioni.

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo redazione@hwupgrade.it

© 1997 - 2013 - Hardware Upgrade S.r.l. P.iva: 02560740124


23.14 | 0 komentar | Read More

Nuove immagini di uno dei primi nuovi terminali Blackberry 10

Vi avevamo lasciato prima delle festività natalizie parlando di Research In Motion e di quelli che potrebbero essere i primi nuovi terminali equipaggiati con la prossima versione del sistema operativo del colosso canadese, ovvero BalckBerry10.

Come indicato in questa notizia, sembra che, nonostante il nuovo OS porti un dote un layout decisamente ottimizzato per dispositivi di tipo touchscreen, la nuova gamma di soluzioni continuerà ad annoverare terminali dotati di tastiera fisica QWERTY, sebbene in numero minore rispetto al passato.

Proprio in queste ore, oltretutto, sono comparse online alcune nuove immagini che raffigurerebbero proprio la versione con tastiera fisisca di uno dei primi terminali touch equipaggiati con BB10. Si tratta ovviamente del già più volte vociferato BlackBerry Z10 la cui versione con tastiera fisica a cui si riferiscono le foto sarà invece siglata X10.

Display abbastanza ampio, considerata la presenza della tastiera e proprio la tastiera fisica priva di cornice e quindi occupante l'intera parte inferiore del terminale sono gli elementi principali di questa soluzione che dovrebbe fare il proprio esordio tra poco meno di un mese, ovvero il prossimo 30 di gennaio, in occasione dell'evento in cui RIM annuncerà tutta la propria nuova gamma di soluzioni.


23.14 | 0 komentar | Read More

Fujifilm: in arrivo aumenti a due cifre per le carte fotografiche

Fujifilm: in arrivo aumenti a due cifre per le carte fotografiche

"L'aumento dei costi delle materie prime e la diminuzione della domanda costringono Fujifilm a programmare un innalzamento dei prezzi delle carte fotografiche"

Sul finire dello scorso anno Fujifilm ha annunciato un aumento dei prezzi a livello globale delle carte fotografiche. L'aumento avrà effetto dal prossimo mese di febbraio e interesserà l'intera gamma, con un rialzo dei prezzi a doppia cifra.

L'innalzamento dei costi delle materie prime, unito alla diminuzione della domanda ha costretto Fujifilm a questa mossa, che rientra in un pacchetto di iniziative volte a conservare la profittabilità del segmento Photo Imaging. Questa branca di Fujifilm vede in corso importanti aggiustamenti strutturali per abbattere i costi e migliorare la produttività.

Nonostante il lavoro di ottimizzazione Fujifilm non è riuscita a contenere l'accoppiata di minore domanda e maggiori costi di produzione, per cui la sola scelta è stata quella di scaricare parte dei maggiori costi sui clienti finali con un aumento dei prezzi. Dettagli sulle tempistiche e sul tasso di aumento dei costi saranno dettagliati prossimante paese per paese.


Commenti (1)


23.14 | 0 komentar | Read More

Rapinato l'Apple Store nel centro di Parigi, bottino per più di un milione di dollari

Quattro uomini armati si sono introdotti nella serata dello scorso 31 dicembre nell'Apple Store della città di Parigi per rapinare il negozio della mela. Il furto è avvenuto circa tre ore dopo la chiusura dello store, quando la maggior parte delle persone e delle forze dell'ordine erano ormai concentrate sui festeggiamenti agli Champs Elysee o presso la torre Eiffel.

I quattro uomini nel corso della rapina hanno ferito una delle guardie di sicurezza del negozio, riuscendo così comunque a portare a termine il furto e a fuggire con una refurtiva di circa 1,3 milioni di dollari in prodotti della mela morsicata.

Christophe Crepin, un ufficiale della polizia, avrebbe dichiarato al famoso giornale Le Parisiane che " i quattro ladri incappucciati e armati hanno effetuato tutte le operazioni in maniera molto rapida. Gran parte delle forze dell'ordine erano impegnate nel pattugliamento delle zone interessate dai festeggiamenti per il nuovo anno, offrendo così ai malviventi maggiori possibilità di successo". Sempre secondo le parole di Crepin poi i ladri avrebbero rubato molti prodotti ma poco denaro contante.

Si tratterebbe della prima rapina a mano armata ad un Apple Store in Francia. I quattro uomini mascherati avrebbero stordito le guardie prima di impadronirsi di centinaia di iPhone e iPad fuggendo con un van che li attendeva immediatamente fuori dal negozio. Senza dubbio il mercato nero di prodotti Apple in Francia vedrà una notevole impennata in questi giorni.


23.14 | 0 komentar | Read More
techieblogger.com Techie Blogger Techie Blogger